yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei

video

Loading...

venerdì 19 gennaio 2018

The biggest challenge to Iran's establishment in years fizzled out after a couple of weeks of violent demonstrations, but while widespread discontent has been quieted for now, the calm won't last forever. The roots of the protests -- frustration among the youth over their lack of freedoms and opportunities -- remain just below the surface. And with the younger generation clearly exhibiting its willingness to take to the streets to express its anger over the status quo, the onus is on the Islamic republic's aging leadership to bridge a growing generational divide.....

A young woman raises her fist aloft as Iranian students clash with riot police in Tehran during antigovernment protests that rocked Iran for around two weeks at the turn of the year.


The biggest challenge to Iran's establishment in years fizzled out after a couple of weeks of violent demonstrations, but while widespread discontent has been quieted for now, the calm won't last forever.
The roots of the protests -- frustration among the youth over their lack of freedoms and opportunities -- remain just below the surface. And with the younger generation clearly exhibiting its willingness to take to the streets to express its anger over the status quo, the onus is on the Islamic republic's aging leadership to bridge a growing generational divide.
"Young Iranians hold higher expectations, have greater access to information and exposure to the outside world, and aspire to more freedoms and opportunities," says Ahmad Majidyar, a South Asia and Middle East expert for the Washington-based Middle East Institute. 
For an aging establishment whose defining moment came with the 1979 Islamic Revolution, finding a way to get through to a rising majority that wasn't alive to see the event that forged their state will not be an easy task.
Nearly 60 percent of Iran's population of 82 million is under the age of 35, and nearly 70 percent of Iranians were not yet born when the Islamic republic was established, according to the U.S. Census Bureau
And, according to Majidyar, "they are deeply frustrated with economic and political stagnation in the country, and do not see the ruling political establishment as capable of addressing their needs."
'Two Generations'
As the nationwide and deadly protests wound down, President Hassan Rohani weighed in on the generational divide and warned that a different approach was needed. 
"One cannot force one's lifestyle on the future generations," the 69-year-old Rohani, who cast himself as a relative moderate and courted the country's youth in winning two elections, said on January 8. "The problem is that we want two generations after us to live the way we like them to."
Iranian President Hassan Rohani (file photo)
Iranian President Hassan Rohani (file photo)
"The people have demands, some of which are economic-, social-, and security-related, and all these demands should be heeded," Rohani added. "We have no infallible officials and any authority can be criticized."
The demonstrations began on December 28 in the northeastern city Mashhad over high unemployment and a spike in egg prices, but when authorities reacted harshly by arresting dozens it quickly turned into a nationwide protest. Before it was over, rallies had taken place in more than 100 cities and towns across the country, highlighting the grievances of citizens from a spectrum of regions, ages, and social classes. 
As the protests spread, so did the scope of issues. Protesters increasingly demanded greater social and political freedoms, and the calls in Mashhad for Rohani to step down evolved into open criticism of the clerical establishment, including Supreme Leader Ayatollah Ali Khamenei.
When the smoke cleared, around 3,700 demonstrators had been detained, and 25 -- including police and security forces -- killed. 
Since 1979, power has been monopolized by an older generation of leaders who shaped Iran's Islamic system of government, known as velayat-e faqih (the notion of guardianship of the jurisprudent), and have kept a tight lid on dissent. 
Iranian Supreme Leader Ayatollah Ali Khamenei has been in power for 29 years. (file photo)
Iranian Supreme Leader Ayatollah Ali Khamenei has been in power for 29 years. (file photo)
At the helm is the supreme leader, currently the 78-year-old Khamenei. Two powerful decision-making bodies -- the Assembly of Experts and Guardians Council -- are led by a 90-year-old hard-line conservative cleric, Ayatollah Ahmad Jannati. Ali Larijani, 60, is the speaker of parliament, and his brother, Sadeq Larijani, 59, is the head of the powerful Judiciary. 
"We are in middle of a phase where people are rethinking issues of legitimacy and responsibility vis-a-vis their leadership," says Scott Lucas, an Iran specialist at Birmingham University in Britain and editor of the EA World View website. 
"Many Iranians under 30 are facing challenges about whether they can fulfil their hopes and aspirations," Lucas continues. "These are no longer necessarily defined by the Islamic Revolution. Instead, they are part of a world in which there are economic and political barriers to getting a good job, raising a family, being part of a community. These barriers cannot be met simply by invoking velayat-e faqih."
Lucas says the Iranian leadership needs to be responsive to the grievances of the population through a "process of adjustment and accommodation."
If not, antiestablishment sentiment could again boil over, says analyst Majidyar. 
"The underlying anger and frustration that triggered the protests in the first place will remain, likely grow even stronger, and resurface in different forms in the future," he says. 
Rohani The Savior? 
The recent protests have raised questions over whether President Rohani, who was a target for criticism but from the get-go characterized the discontent as an opening for dialogue, is the man to lead Iran through an adjustment phase.
While considered a relative moderate, Rohani is firmly entrenched in the clerical establishment that dictates the direction of a system that merges federal government with Islamic rule. While in office he has called for relaxing curbs on social and political freedoms, but not an overhaul of the system itself. But even those modest attempts at reform have received pushback from powerful hard-liners in the system, leaving him open to criticism from those who voted him in on the promise of change. 
The average age of his cabinet is 58, and is composed primarily of members of the old guard. Communications Minister Mohammad Jahromi, 36, is the only one who could be considered part of the younger generation. 
A photo from 2009 showing women walking past a picture of then presidential candidate Mir Hossein Musavi (right) and former President Mohammad Khatami in Tehran.
A photo from 2009 showing women walking past a picture of then presidential candidate Mir Hossein Musavi (right) and former President Mohammad Khatami in Tehran.
Even what could be considered today's reformist camp, supported by many young, educated, middle-class people in Tehran, is led by the old guard. Former reformist President Mohammad Khatami, whose movement and activities are under tight control, is 74 years old. Opposition Green Movement leader Mir Hossein Musavi -- who gave Mahmud Ahmadinejad a run for his money in the 2009 presidential race and whose contentious defeat to the incumbent led to mass protests that year -- is 74 and has been under house arrest since 2011.
These are not necessarily the type of leaders who are going to appeal to a younger generation with a growing awareness of the world around them.
"The protesters are voicing anger at the entirety of the ruling leadership and appear to be disillusioned with conservatives and reformists alike," says Majidyar, who adds that the Islamic Republic's leaders have lost touch with the population. 
Rohani has shown willingness to engage with protesters' grievances, Iran specialist Lucas says, but his approach will be "on public display." 
That means that Rohani -- or anyone who takes on the challenge of bridging the generational divide -- will be in a weak position if the dissatisfied sense any sign of unwillingness or inability to improve their situation.
"As we saw in the recent protests, that dissatisfaction could escalate into a questioning of the legitimacy of Iranian institutions --- and even the supreme leader is not exempt from this," says Lucas.


di Frud Bezhan per "Radio Free Liberty"

giovedì 18 gennaio 2018

U.S. Secretary of State Rex Tillerson has said that U.S. troops will remain in Syria indefinitely not just to fight militants but also to counter the power of Syrian President Bashar al-Assad and his ally Iran. In a speech on January 17 announcing the first-ever open-ended commitment of U.S. troops to the war-battered Mediterranean country, Tillerson stressed that the mission of the U.S. military centers on destroying the Islamic State extremist group and preventing its return.....

U.S. Secretary of State Rex Tillerson


U.S. Secretary of State Rex Tillerson has said that U.S. troops will remain in Syria indefinitely not just to fight militants but also to counter the power of Syrian President Bashar al-Assad and his ally Iran.
In a speech on January 17 announcing the first-ever open-ended commitment of U.S. troops to the war-battered Mediterranean country, Tillerson stressed that the mission of the U.S. military centers on destroying the Islamic State extremist group and preventing its return.
But he said another U.S. goal is to create the conditions of stability needed for leaders to emerge who can replace Assad, who he described as a "murderer," and also eject Assad's Iranian military advisers and fighters from the country.
"A total withdrawal of American personnel at this time would restore Assad to continue his brutal treatment against his own people," Tillerson told an audience at Stanford University.
"A murderer of his own people cannot generate the trust required for long-term stability," he said.
"U.S. disengagement from Syria would also provide Iran with the opportunity to further strengthen its own position in Syria," he said.
"As we have seen from Iran's proxy wars and public announcements, Iran seeks dominance in the Middle East and the destruction of our ally Israel," he said. "A stable, unified, and independent Syria ultimately requires post-Assad leadership in order to be successful."
The United States has deployed around 2,000 ground troops to Syria and its warplanes patrol over the east of the country, hunting remnants of IS, which was largely routed from the country last year.
In ousting IS from its self-proclaimed capital, Raqqa, and other areas of northeastern Syria last year, the United States worked with the Syrian Democratic Forces, a militia dominated by Kurdish fighters. 
Washington is now helping the militia create a 30,000-strong force to secure Syria's borders with Iraq and Turkey and prevent the militants from returning, in a move opposed by Iran, Russia, Turkey, and Syria.
In deciding to keep troops in Syria, Tillerson insisted that Washington is not being dragged into the nearly seven-year-long Syrian civil war as a combatant. It is also not seeking violent "regime change" or contemplating a long-term nation-building mission, he said.
Instead, he argued that the U.S. role will be to provide stability to allow a UN-led peace process to resume and find a Syrian-led alternative to Assad's rule while weaning the Syrian government off its reliance on Iranian advisers and aid.
"The departure of Assad through the UN-led Geneva process will create the conditions for a durable peace within Syria and security along the borders," Tillerson said.
Despite saying the United States is not interested in "nation-building" in Syria, Tillerson said the United States must not repeat the "mistake" he said it made in leaving Iraq.
U.S. troops completed a withdrawal from Iraq in 2011, eight years after they toppled Saddam Hussein's rule, only to return in much smaller numbers in 2014 to fight IS, which in 2014 seized large swathes of territory in both Iraq and Syria.
"We cannot make the same mistakes that were made in 2011, when a premature departure from Iraq allowed Al-Qaeda in Iraq to survive and eventually morph into ISIS," Tillerson said.
"The United States will maintain a military presence in Syria, focused on ensuring that ISIS cannot reemerge," he said.
Tillerson said free, transparent elections in which the Syrian diaspora participates "will result in the permanent departure of Assad and his family from power."
"This process will take time, and we urge patience in the departure of Assad and the establishment of new leadership," he said.
"Responsible change may not come as immediately as some hope for, but rather through an incremental process of constitutional reform and UN-supervised elections. But that change will come," he said.
With reporting by AFP, dpa, Reuters, and AP

A court in Moscow has prolonged detention for the man accused of stabbing Ekho Moskvy radio journalist Tatyana Felgengauer in October. The court ruled on January 18 that Boris Grits, who officials and eyewitnesses say burst into a studio at the station in October and stabbed Felgengauer in the throat, must stay in detention until April 23....

Boris Grits attends a court hearing in Moscow on January 18.


A court in Moscow has prolonged detention for the man accused of stabbing Ekho Moskvy radio journalist Tatyana Felgengauer in October.
The court ruled on January 18 that Boris Grits, who officials and eyewitnesses say burst into a studio at the station in October and stabbed Felgengauer in the throat, must stay in detention until April 23.
An investigator at the hearing said that Grits, a 48-year-old dual Russian-Israeli citizen, has been found insane and must be kept in custody.
Tatyana Felgengauer asks a question during Russian President Vladimir Putin's annual press conference on December 14.
Tatyana Felgengauer asks a question during Russian President Vladimir Putin's annual press conference on December 14.
"Intensive measures of a medical character have been recommended for the defendant because he can be dangerous to himself and society," the investigator said.
Felgengauer's lawyer, Sergei Badamshin, said on January 17 that Grits had been diagnosed with paranoid schizophrenia and found unfit to stand trial.
Grits, who investigators said told police he had been in "telepathic contact" with Felgengauer for five years, was ordered to undergo a psychiatric examination following his arrest in October.
Felgengauer, who returned to work in November, wrote on Twitter on January 17 that "what is most important for me is that the man who tried to kill me be isolated and not pose any threat."
Так как уже начали звонить за комментами, коротко скажу и здесь: для меня важно, чтобы человек, который пытался меня убить, был изолирован и больше не представлял угрозу. А где именно, в тюрьме или на принудительном лечении, решит суд.
"It is up to a court to decide how he is isolated, in prison or in a compulsory medical institution," Felgengauer wrote.
With reporting by TASS and Interfax

Supporters of Russian opposition politician Aleksei Navalny say their members have been harassed by police with some offices searched and leaflets calling for a boycott of Russia's upcoming election seized. The coordinator of Navalny’s office in the Volga regional city of Cheboksary, Semyon Kochkin, said on Twitter on January 18 that police officers had confiscated leaflets from him....

Navalny supporter Semyon Kochkin said on January 18 that police officers had confiscated leaflets from him. (file photo)



Supporters of Russian opposition politician Aleksei Navalny say their members have been harassed by police with some offices searched and leaflets calling for a boycott of Russia's upcoming election seized.
The coordinator of Navalny’s office in the Volga regional city of Cheboksary, Semyon Kochkin, said on Twitter on January 18 that police officers had confiscated leaflets from him.
The chief of Navalny’s local office in the Siberian city of Kemerovo, Ksenia Pakhomova, wrote on Twitter that a teenage Navalny supporter, Vasily Kaverin, had been detained by police for several hours after distributing election boycott leaflets.
Navalny himself said that police had searched his office in St. Petersburg.
A video placed on Navalny's official Twitter account showed several officers forcing people out of the premises saying that they received information that illegal activities or an illegal document were inside the office.
Navalny, an anticorruption crusader and vocal opponent of President Vladimir Putin, called for the boycott of the March 18 vote after election authorities in December barred him from the ballot due to a criminal conviction he says was fabricated.
His supporters plan to organize mass rallies across Russia on January 28 to protest against the decision.
Putin, who has been president or prime minister since 1999, is seeking a fourth six-year term in the upcoming election. 
Kremlin critics contend that most of the other candidates are being used as window-dressing in a vote Putin is certain to win in Russia's tightly controlled political environment.


da "Radio Free Liberti"

Human Rights Watch (HRW) says rising intolerance inspired by populist agendas in influential democracies, including the United States, is encouraging rights abuses by authoritarian leaders around the world. In its annual global report on human rights, released on January 18, the U.S.-based nongovernmental organization said immigrant-bashing and other populist policies pose "an enormous threat" to minority rights in both democratic countries and those ruled by strongmen or repressive regimes.....

U.S. President Donald Trump (right) welcomes Egyptian President Abdel-Fattah el-Sisi to the White House in April.



Human Rights Watch (HRW) says rising intolerance inspired by populist agendas in influential democracies, including the United States, is encouraging rights abuses by authoritarian leaders around the world.
In its annual global report on human rights, released on January 18, the U.S.-based nongovernmental organization said immigrant-bashing and other populist policies pose "an enormous threat" to minority rights in both democratic countries and those ruled by strongmen or repressive regimes.
HRW Executive Director Kenneth Roth singled out U.S. President Donald Trump as a leader who "has broken all the taboos against racism, against misogyny, against xenophobia" with rhetoric and policies that Roth said had dangerous implications outside the United States.
Roth said Trump has an "insatiable admiration for strongmen" like Russian President Vladimir Putin, Egyptian President Abdel-Fattah el-Sisi, and President Rodrigo Duterte of the Philippines. 
"This makes it much more difficult to stigmatize these authoritarian leaders when Trump says these are great guys," Roth said.
Standing Up For Rights
The report urges democratic governments to focus on problems that have fueled xenophobia and Islamophobia and allowed populism to prosper -- such as income inequality, growing migration, and fears of terrorism.
"What the authoritarian populists did is take these legitimate grievances and scapegoat vulnerable minorities to say 'It's the migrants who are at fault'," Roth said.
But Roth said politicians and protesters who pushed back during 2017 by standing up for human rights have shown that authoritarian populist agendas can be weakened.
Russian riot policemen detain a demonstrator during an opposition rally in central Moscow in March.
Russian riot policemen detain a demonstrator during an opposition rally in central Moscow in March.
Turning to specific countries, the HRW report criticized efforts to silence critics of Russian President Vladimir Putin and his government, including crackdowns nationwide against "peaceful anti-corruption protests that authorities refused to authorize."
It said that, since the spring of 2017, Russian authorities have "systematically interfered with the presidential campaign" of opposition politician and Kremlin critic Aleksei Navalny.
HRW also criticized Russia for continuing to enforce "discriminatory policies and laws against Lesbian, gay, bisexual, and transgender (LGBT) people," despite a 2017 ruling by the European Court of Human Rights that Russia’s so-called "gay propaganda" law "violated freedom of expression, was discriminatory, and encouraged homophobia."
Russia's Chechnya region was singled out for the detention and torture of LGBT people as well as suspected Islamic extremists.
HRW also noted that workers on stadiums for the 2018 World Cup that Russia is hosting were "exploited" and sometimes not paid.
Belarus was criticized in the report for a continued "crackdown on civil society" during 2017 and for being the "only European country to use the death penalty." 
'Total Impunity'
The report said Azerbaijan "intensified its crackdown against critics in 2017" – sentencing dozens of journalists and political activists to "long prison terms in politically motivated, unfair trials."
It said many more in Azerbaijan were harassed in campaigns aimed at silencing dissent.
Azerbaijan also was criticized for what the report said was its regular use of torture to obtain false confessions from political prisoners, and for conducting what HRW called a "violent campaign" by police against gay men and transgender women.
HRW said "all sides in the conflict in eastern Ukraine ignored" the 2015 cease-fire and peace deal known as the Minsk accord, and "endangered civilians" as they continued hostilities in the war, which has killed more than 10,300 people since Aprl 2014.
"Total impunity for conflict-related torture and arbitrary, unacknowledged detention persisted" by both Russia-backed separatists and the Kyiv government, the report said.
In Iran, HRW said security officials and the judiciary continued to target journalists, online media activists, and human rights activists "in blatant disregard of international and domestic legal standards."
It said Iranian courts "regularly fell short of providing fair trials and used confessions obtained under torture as evidence."
"Scores of human rights defenders and political activists remain behind bars for their peaceful activism" in Iran, the report said.
With reporting by AP

Per la prima volta papa Francesco va in piazza, e viene fischiato. Non da qualche scalmanato anticlericale, ma da una fetta importante dell’opinione pubblica del Cile. Paese sudamericano cattolicissimo, e cugino dell’Argentina che a Bergoglio ha dato i natali. Cosa è successo? Quali negligenze i fedeli imputano al papa tanto da protestare con tale veemenza? Con vandali che hanno persino attaccato una decina di chiese, alcune delle quali date alle fiamme?....

Per la prima volta papa Francesco va in piazza, e viene fischiato. Non da qualche
scalmanato anticlericale, ma da una fetta importante dell’opinione pubblica del Cile. Paese sudamericano cattolicissimo, e cugino dell’Argentina che a Bergoglio ha dato i natali. Cosa è successo? Quali negligenze i fedeli imputano al papa tanto da protestare con tale veemenza? Con vandali che hanno persino attaccato una decina di chiese, alcune delle quali date alle fiamme?


A parte le polemiche antigovernativa sui denari spesi per la visita, le critiche riguardano soprattutto la gestione, da parte di Francesco, di alcune gravissime, vicende di pedofilia. Che hanno visto coinvolti preti e vescovi (ben tre) cileni. Della lotta agli abusi sui minori Francesco ha fatto una bandiera del pontificato. Anche oggi, in un primo discorso, Francesco ha chiesto perdono: «Non posso fare a meno di esprimere il dolore e la vergogna che sento davanti al danno irreparabile causato a bambini da parte di ministri della Chiesa. Desidero unirmi ai miei fratelli nell’episcopato, perché è giusto chiedere perdono e appoggiare con tutte le forze le vittime, mentre dobbiamo impegnarci perché ciò non si ripeta».

Ma in Cile, come in altri paesi, per molti sono parole vuote. Il papa, sulla pedofilia, troppe volte sembra aver mancato di coerenza. Lasciando che sulla questione, delicatissima per la Chiesa cattolica, lo spread tra parole e fatti si facesse sempre più largo.

Se non leggete la lettera, cliccate qui per scaricarla




È noto che nei primi anni di governo Bergoglio infatti ha promosso nel consiglio dei cardinali porpore come Maradiaga e l’australiano Pell (se nell’arcivescovato in Honduras del primo qualche lustro fa trovò rifugio un prete pedofilo inseguito da anni dall’Interpol, il secondo è considerato da centinaia di vittime un insabbiatore seriale, finito da poco in un processo penale), ma ci sono altre tre eminenze assai chiacchierate che il papa ha promosso elevandole nell’empireo delle gerarchie: il vescovo cileno Juan Barros Madrid,nominato nel 2015 alla diocesi di Osorno, l’arcivescovo di Santiago del Cile Ricardo Ezzati, prima messo alla guida della Congregazione per l’educazione cattolica e nel febbraio 2014 nominato cardinale, e soprattutto il suo predecessore Francisco Javier Errazuriz, chiamato anche lui nel C9.

Tutti e tre coprotagonisti del più grande scandalo nella storia del clero del Cile, e da più di un lustro attaccati duramente in patria da giornali, associazioni, fedeli e magistrati per aver coperto le gesta di padre Fernando Karadima. Un carismatico e influente sacerdote dei quartieri bene di Santiago, parroco per più di vent’anni della parrocchia del Sacro Cuore di El Bosque che – per stessa ammissione di Errazuriz – ha formato due o tre generazioni di prelati cileni. Una sorta di santo vivente popolarissimo in tutto il paese, che dietro l’odore d’incenso nascondeva segreti oscuri: secondo quattro uomini padre Karadima è infatti un violentatore seriale, un criminale che ha distrutto le loro vite.

Dopo anni di insabbiamenti e indagini sospese per volontà delle gerarchie ecclesiastiche, le accuse dei sopravvissuti sono state considerate credibili sia dal tribunale penale cileno, che ha dovuto archiviare il caso perchè i termini di prescrizione erano stati superati, sia dalla Congregazione per la dottrina della fede. Che nel febbraio del 2011 ha condannato il prete, che oggi ha ottantasei anni, a “una vita di preghiera e penitenza” nel convento di Santiago delle Serve di Gesù della Carità. Al sacerdote è stato vietato di esercitare il ministero pubblico. Nel 2014 un avvocato lo ha fotografato mentre celebrava messa alle suore che ospitano la sua clausura.

L’inchiesta del giudice istruttore Jessica Gonzalez è sintetizzata in un documento di ottantaquattro pagine dove vengono ricostruite, attraverso testimonianze di vittime, preti e dipendenti della diocesi, le fasi dell’inchiesta interna e del presunto tentativo, da parte dell’allora vescovo, di evitare lo scandalo allungando a dismisura i tempi dell’istruttoria. Ed evitando, ovviamente, la denuncia alle autorità civili. La vicenda inizia a metà del 2003, giusto qualche mese dopo l’approvazione da parte della Conferenza episcopale cilena delle nuove e in teoria severe linee guida che le gerarchie del paese avrebbero dovuto seguire in caso di abuso sessuale da parte dei sacerdoti. È giugno: il gesuita Juan Diaz, ex vicario all’educazione di Errazuriz, racconta al giudice di aver consegnato nelle mani dell’allora vescovo la testimonianza scioccante di uno dei ragazzi abusati negli anni ottanta, l’ex chierichetto Josè Murillo, che si era confidato con lui. Una lettera in cui Karadima appariva non come un santo, ma come un depravato.

“Mi sembrò che il cardinale prendesse seriamente la lettera,” spiegherà il gesuita davanti alla corte sette anni più tardi. Il cardinale rispose all’ex chierichetto un mese dopo attraverso una email, in cui spiegava di “pregare per lui”, ma di non poter aprire un’investigazione preliminare: “Sfortunatamente, considero al momento queste accuse non credibili”. Una scelta discutibile: come hanno sottolineato anche esperti canonisti come il professore della Pontificia università gregoriana, padre Marcelo Gidi, Erruzuriz avrebbe dovuto aprire subito un fascicolo. “Quella che deve essere giudicata come ‘credibile’ in questi casi è la buona fede dell’accusatore,” ha commentato il reverendo al “New York Times”, in un articolo che raccoglieva anche l’intervista di un altro testimone che spiegava come già nel 1984 un gruppo di parrocchiani avesse inviato una segnalazione sulle “condotte improprie” di padre Karadima al responsabile della curia cilena del tempo, il futuro cardinale Juan Francisco Fresno Larran.

Dopo mesi di silenzio, l’abusato Murillo tornò dal suo amico don Diaz, chiedendo che cosa avrebbe fatto il vescovo. “Tornai da Errazuriz per riparlargli della questione. Mi disse che la stava ancora valutando. Dissi a Murillo che non potevo fare di più, e che tutto era nelle mani del vescovo.” Che, però, non si mosse per mesi. La prima istruttoria cominciò solo un anno dopo: Karadima aveva infatti abusato per quindici anni anche di James Hamilton, oggi un noto gastroenterologo di Santiago, che fu molestato per la prima volta a diciassette anni, quando il parroco approfittò di un momento di fragilità psicologica del ragazzino dovuta alla morte del padre.

Hamilton descrisse a sua moglie Veronica Miranda i soprusi subiti dal prete solo quando capì che il suo matrimonio stava andando in pezzi per le violenze mai superate: l’influenza di Karadima sulla vittima (Hamilton descrive incontri in cui il prete si masturbava tentando di baciarlo) durò per oltre un quindicennio. Fu Veronica a denunciare alla Chiesa il “santo vivente”, “in modo da evitare che potesse fare del male ad altri ragazzini”.

Anche stavolta Errazuriz fu informato, anche stavolta non rispose alla vittima, né volle incontrarla. Le due testimonianze furono però raccolte dal promotore di giustizia della diocesi Eliseo Escudero, che alla fine del 2005 le considerò “credibili e coerenti” inoltrando una relazione al suo capo, atto che di fatto diede il via al vero e proprio procedimento amministrativo interno. All’inizio del 2006 Errazuriz – dopo aver parlato della faccenda con Andras Arteaga Manieu, uno dei più stretti seguaci di Karadima e capo dell’Unione sacerdotale, che dubitò dell’affidabilità delle storie raccontate dalle presunte vittime – bloccò immediatamente le indagini appena partite. Il cardinale ripetè più volte che riteneva le accuse deboli.

Dunque, orribili menzogne. E tuttavia, nell’agosto del 2006, dopo aver “sospeso” l’inchiesta a carico di Karadima, decide comunque di allontanarlo dalla diocesi. Prima tentando di convincerlo a voce, poi – dopo le rimostranze del popolarissimo prete – con una lettera firmata, che l’Espresso pubblica in originale.

“Caro Fernando, la celebrazione per i suoi cinquant’anni di sacerdozio sarà un grande anniversario, nessuno potrà dire che non sia stato celebrato come si conviene... Rispetto alla nostra conversazione mi par di capire che la cosa che la affligge di più,” scrive il cardinale, “è quella di smettere di essere parroco del Sacro Cuore. Su questo mi permetta, caro padre Fernando, che le dica una parola da fratello, amico, padre e pastore: accetti le decisioni del vescovo, faccia un salto nella fede. Se lei vuole essere santo, così hanno fatto i santi. Lei mi manifestò la preoccupazione che il cambio possa essere visto come un castigo. Non lo è, e tutti lo capiranno: se lo fosse non continuerebbe a lavorare nello stesso luogo, né vicino ai suoi più stretti collaboratori.”

Il cardinale propone al pedofilo di annunciare ai fedeli di aver rinunciato lui stesso all’incarico, avendo ormai settantacinque anni e ventidue di onorato servizio all’interno della parrocchia, in modo da mettere a tacere qualsiasi malalingua. Se in molti considerano la lettera e il suo contenuto la prova che Errazuriz si è mosso per spegnere l’incendio prima che le fiamme divampassero, mettendo in cantina il prelato e proteggendo il buon nome suo e della gerarchia, nel settembre 2015 il cardinale cileno ha rifiutato questa lettura “forzata”, ripetendo che parlare di insabbiamento è un errore madornale.

Una posizione ufficiale condivisa dal Vaticano, che ha sempre difeso l’operato del cardinale vicino a Bergoglio senza alcuna esitazione: “Nel caso Karadima l’azione della Santa Sede è stata nel senso della verità, visto che mentre la giustizia civile ha proposto l’archiviazione, è stata proprio la Congregazione per la dottrina della fede a pronunciare un giudizio di condanna”, ha detto padre Federico Lombardi, ex portavoce della Sala Stampa, dimenticandosi di evidenziare che il procuratore cileno non soltanto era stato costretto a chiudere le indagini solo per avvenuta prescrizione, ma che ha accolto l’intera ricostruzione delle vittime. Insabbiamenti compresi. Di fatto, dopo la rinuncia “volontaria” Karadima non solo rimane nella parrocchia di El Bosque, ma vede incoronato come successore un suo fedelissimo.

Tutto scorre tranquillo per tre anni, quando il prete e la gerarchia di Santiago si accorgono che la valanga che tentano di fermare da anni rischia di rimettersi in moto: Hamilton ha infatti chiesto l’annullamento ufficiale del suo matrimonio religioso, mettendo agli atti che la crisi era provocata dalle violenze di don Fernando il “santo”, che abusando di lui sessualmente e psicologicamente era riuscito ad annullare la sua volontà e il suo discernimento. La decisione di sposarsi, infatti, era stata presa anche per le insistenze di Karadima. A quel punto, denuncia Hamilton, le pressioni per fargli ritirare la causa si fanno opprimenti.

Siamo a fine 2009, Errazuriz decide di riaprire l’inchiesta e nel giugno 2010 manda finalmente le carte a Roma. Leggendo le carte, la mossa appare come un tentativo tardivo per dimostrare che lui e la Chiesa non avevano coperto il pedofilo. Il caso diventa di dominio pubblico ad aprile 2010, quando tre vittime, Hamilton in testa, decidono di rompere gli indugi, superare la vergogna, il pudore e l’imbarazzo e denunciare l’aguzzino alle autorità civili e sui media sudamericani.

La notizia scatena un pandemonio, getta nel fango Karadima e nel panico Errazuriz che, ai fedeli di mezza Santiago che ne chiedevano le immediate dimissioni, invia una lettera aperta in cui chiede “perdono”, precisando contemporaneamente che “al termine di una prima indagine ho lasciato in sospeso la causa perchè in attesa di nuove informazioni, e per approfondire quelle già ottenute, oltre che per avviare nuove consultazioni con esperti di materia giuridica canonica [...] Bisogna però ricordare anche il lavoro fecondo e generoso di padre Karadima, che ha formato generazioni di cattolici, tra i quali i cinque vescovi cileni attuali [...] Il fatto che sia in corso un’inchiesta non significa che la persona sia considerata colpevole”. L’inchiesta penale della procura di Santiago si apr. nel 2010 e si richiuse per prescrizione in un battibaleno, nel 2011, senza nemmeno che i denuncianti fossero citati.

Nonostante questo, la sentenza determinò che gli abusi di Karadima avvennero realmente. L’inchiesta indagò anche su alcune presunte mazzette, con cui esponenti della gerarchia cilena avrebbero tentato di comprare il silenzio di altri sopravvissuti. Fu accertato, per esempio, che a un ragazzo maggiorenne (presunta vittima di un altro sacerdote, don Diego Ossa, vicinissimo a Karadima) la Chiesa girò 10 milioni di pesos (oltre 10 mila euro), mentre altri 20 milioni finirono nel conto in banca di una cuoca della parrocchia.

Denaro che, secondo gli avvocati delle vittime, fu bonificato in modo da comprare il silenzio di scomodi testimoni che avrebbero potuto peggiorare la posizione processuale di padre Fernando. I legali della curia, pur non avendo mai negato l’esistenza dei pagamenti, li hanno sempre giustificati come semplici “atti di beneficenza”. La storia per ora non ha visto un solo responsabile delle violenze pagare per quello che è accaduto dal 1980 al 1995.

Nel 2013 si è aperta una causa civile contro l’arcidiocesi di Santiago, su cui pendono richieste di risarcimento pari a 450 milioni di pesos, e nel 2015 il cardinale è stato riascoltato dai giudici come teste, confermando a verbale la sua tesi difensiva: “A quel tempo padre Karadima godeva di una fama straordinaria, aveva la reputazione di un santo, ammetto che dunque non credetti alla denuncia”, si legge negli atti. “Insabbiamento? Non vi è nella mia coscienza o nella mia memoria aver coperto abusi psicologici, ministeriali o sessuali; né è esistito un tentativo di mettere a tacere o silenziare le accuse. A quelle denunce non fu dato seguito perché non erano corroborate da prove. Vi era il prestigio di Karadima da un lato, e in secondo luogo . stato difficile ipotizzare che gli adulti fossero stati abusati per anni senza che nessuno lo denunciasse.” E come mai allora chiese le sue dimissioni dalla parrocchia nel 2006 con una lettera? “Solo perchè Karadima aveva più di settantacinque anni. Non si trattò di un licenziamento, perché non si può licenziare un pastore senza processo canonico. Nel dicembre 2005 lo pregai di presentare la sua rinuncia. Ma avanzò molte scuse. La lettera del giugno 2006 è una risposta alle obiezioni di padre Karadima.”

Tranne l’Espresso, in Italia nessun giornale si è mai occupato della vicenda. Anche quando Errazuriz è stato nominato da Bergoglio nel consiglio ristretto dei cardinali che devono aiutarlo nel governo della Chiesa universale. “Per me il cardinale Errazuriz invece di partecipare al conclave dovrebbe essere in galera,” chiosò nel marzo 2013 il medico Hamilton. “Non ha fatto niente in favore delle vittime, persino i rapporti che ha consegnato alla Chiesa erano con nomi e avvenimenti censurati. Anzi, ci ha traumatizzati una seconda volta cercando di insabbiare le nostre accuse una volta per tutte.” Anche una terza vittima di don Karadima, Juan Carlos Cruz, ha attaccato il cardinale con parole di fuoco.

“Francesco ha nominato Errazuriz nel C9? Sono molto deluso. I segnali che ci aveva dato il papa animavano la nostra speranza che le cose potessero cambiare, ma ora vediamo che è sempre la stessa cosa. Gesù scelse Giuda, e ora sta succedendo lo stesso,” ha commentato qualche tempo fa. Solo nel settembre del 2015 Cruz ha scoperto che il neo membro del consiglio ristretto delle porpore aveva scambiato alcune email con il collega Ricardo Ezzati, parlando proprio di lui.

Nel documento pubblicato da un sito cileno i due cardinali discettano con grande preoccupazione di future nomine vaticane: quella del gesuita don Felipe Berros come futuro cappellano del palazzo della presidenza cilena (“fa dichiarazioni piene di superbia e contrarie al magistero della Chiesa, usa un tono da profeta parlando di corruzione e di incoerenza della Chiesa”, scrive Ezzati), e quella di una delle vittime di Karadima, ossia proprio Cruz, che qualcuno a Roma ipotizzava come possibile membro della Pontificia commissione per la tutela dei minori. “La nomina di Cruz sarebbe un danno troppo grande per la Chiesa del Cile. Anche perché darebbe credito e avallerebbe un castello [di accuse] che il signor Cruz ha costruito astutamente. Spero che lei possa informare con chiarezza coloro che devono dar seguito a questa nomina,” conclude l’arcivescovo. Errazuriz si dice d’accordo: “Coraggio, il serpente non prevarrà”.

Alla fine le due designazioni non arriveranno mai in porto. Se qualcuno sostiene che papa Francesco non conoscesse con dovizia di particolari la vicenda del cardinale George Pell, all’esplosione di questo scandalo che ha segnato la storia recente della Chiesa cilena Bergoglio non viveva su Marte, ma era il potente arcivescovo di Buenos Aires. E, dunque, conosceva perfettamente le accuse di insabbiamento e il comportamento delle alte gerarchie. Nonostante tutto, ha deciso per. di premiare sia Errazuriz che Ezzati, da lui considerati dunque estranei ai fatti.

Ma non è tutto. Quello che ha fatto infuriare i cattolici cileni è il fatto che nel 2015 Bergoglio ha nominato vescovo di Osorno, città a novecento chilometri a sud di Santiago, un ex seminarista di Karadima, monsignor Juan Barros Madrid, che è stato a fianco del prete pedofilo per oltre venticinque anni, condividendo con lui il periodo buio della parrocchia maledetta del ricco quartiere di El Bosque. Secondo il racconto di alcune vittime Barros, che nel 2006 officiò i funerali dell’ex dittatore cileno e criminale Augusto Pinochet, era a conoscenza delle condotte peccaminose del suo superiore e le avrebbe coperte.

Un sacerdote, durante il processo penale, ha testimoniato di aver ammonito Karadima per le sue azioni proprio in presenza del giovane Barros, all’inizio degli anni ottanta. Il neovescovo ha ovviamente negato ogni addebito, dichiarando di non aver avuto “alcuna conoscenza delle denunce” contro il suo mentore. Né durante il periodo passato al suo fianco, né quando era segretario del cardinale Fresno, il primo prelato a coprire Karadima. È certo però che Cruz giura come almeno in un’occasione Barros abbia addirittura assistito come testimone oculare agli abusi sessuali, ed è certo che per anni, dopo l’inizio dello scandalo, lo stesso abbia organizzato manifestazioni pubbliche per difendere il suo maestro, compresa una messa solenne a lui dedicata.

Alla notizia della designazione i fedeli della città di Osorno, associazioni religiose e parlamentari assortiti hanno chiesto al Vaticano di ripensarci, ritirando l’imbarazzante candidatura. Un gruppo di cinquantun deputati ha persino mandato una lettera al papa invitandolo a tornare sui suoi passi. Anche Alex Vigueras, superiore provinciale della Congregazione dei Sacri Cuori, ha scritto un articolo parlando di “una nomina che lascia perplessi” e chiedendo a Barros “di rinunciare all’incarico, visto che la scelta non risulta in sintonia con la tolleranza zero che la Chiesa sta cercando di promuovere” contro la pedofilia.

Stessa posizione del sacerdote don Peter Kligger della diocesi di Osorno, che ha dichiarato che “Barros porta sulle spalle un carico morale che non gli permette di disporre dell’autorità necessaria al governo pastorale”. Tutto inutile: Barros ha celebrato la sua prima messa da nuovo vescovo il 21 marzo 2015, in un clima da guerriglia fuori e dentro la cattedrale, con duecento manifestanti furibondi che hanno inscenato una protesta sventolando bandiere e palloncini neri e cartelli con scritte contro il monsignore. Il papa, nonostante parte della Pontifica commissione per la tutela dei minori avesse chiesto che “i vescovi nominati devono avere credibilità per quanto riguarda la questione della pedofilia”, è andato dritto per la sua strada.

Di più. Nel maggio del 2015, durante un incontro in piazza San Pietro, a un corista cileno che lo affrontò spiegandogli che la Chiesa cilena stava “soffrendo” a causa della nomina del vescovo di Osorno, Bergoglio ha risposto (probabilmente senza immaginare di essere registrato dall’iPad di un turista argentino che assisteva alla scena) che le proteste erano state “montate” ad arte dagli “zurdos”, cioè i politici “sinistrorsi” che hanno messo per iscritto il loro scontento per la scelta vaticana.

“È una Chiesa che ha perso la libertà perchè si è lasciata riempire la testa dai politici, giudicando un vescovo senza nessuna prova dopo venti anni di servizio,” ha detto duro il papa. “Per cui, che pensino con la testa, non si lascino tirare per il naso da tutti quei sinistrorsi che sono quelli che hanno montato la cosa. Inoltre, l’unica accusa che c’è stata contro questo vescovo è stata screditata dalla corte giudiziaria. Per cui, per favore, eh… non perdano la serenità. Osorno soffre, certo, perchè è stupida. Perchè non apre il suo cuore a quello che Dio dice e si lascia trascinare dalle cretinate che dice tutta quella gente. Io sono il primo a giudicare e punire chi è accusato per cose del genere… Ma in questo caso manca la prova, anzi, al contrario… Glielo dico di cuore. Non si lascino tirare per il naso da questi che cercano solo di fare, confusione, che cercano di calunniare…”

Il video del papa, se ha fatto infuriare le vittime di padre Karadima, i parlamentari (di vari partiti, non solo del partito socialista) che hanno firmato la petizione contro la nomina, e persino alcuni autorevoli componenti della Pontificia commissione per la tutela dei minori (la sopravvissuta irlandese Marie Collins, violentata a tredici anni da un prete in un ospedale cattolico di Dublino, si è detta “scoraggiata e addolorata” per le parole di Francesco), ha catturato anche l’attenzione della Corte suprema del Cile, colpita dallapresunta “assoluzione di Barros” di cui aveva parlato il pontefice.



Nessuno, infatti, sapeva che il vescovo fosse stato giudicato da una ignota “corte giudiziaria”, dalla quale è stato considerato innocente. Così alti magistrati hanno subito avviato una rogatoria internazionale, richiedendo al Vaticano di inviare qualsiasi incartamento sulla posizione del presule, e di esibire le prove: a oggi, dalla Santa Sede non c’è stata alcuna risposta. Semplicemente perché Francesco ha detto una cosa mai accaduta.


di Emiliano Fittipaldi per "l'espresso.it"