yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei

video

Loading...

mercoledì 7 dicembre 2016

An Armenian court last week declared the state-owned Nairit synthetic rubber plant bankrupt in response to a request by the national power utility Electricity Networks of Armenia, which is owed some 1.24 billion drams ($2.6 million) in unpaid electricity bills by Nairit's management. The ruling on the shuttered Yerevan plant, a former economic flagship seen by some as having the potential to return to profitability and retain local jobs, was unexpected for several reasons.......

Former Nairit workers rallied to demand the reopening of the plant on November 10.
Former Nairit workers rallied to demand the reopening of the plant on November 10.


An Armenian court last week declared the state-owned Nairit synthetic rubber plant bankrupt in response to a request by the national power utility Electricity Networks of Armenia, which is owed some 1.24 billion drams ($2.6 million) in unpaid electricity bills by Nairit's management. 
The ruling on the shuttered Yerevan plant, a former economic flagship seen by some as having the potential to return to profitability and retain local jobs, was unexpected for several reasons.
Eighteen months ago, then-Energy Minister Yervand Zakharian had told the Armenian parliament that even though a World Bank audit indicated that reviving the plant was not economically viable, the financial expenditure that bankruptcy would entail would be far higher. He said it was "absolutely not true" that the government "is taking the company to dissolution."
Just a few months ago, Nairit’s management concluded new employment contracts with some 250 employees, even though the plant has stood idle since April 2010, while the Armenian government had announced a tender, which expires only in January 2017, for potential investors to present their proposals for reviving production. As recently as October 2016, an Armenian-born businessman from Slovakia, Ashot Grigorian, said that he and other Slovak entrepreneurs were willing to invest $100 million in reviving the plant if the Armenian government transferred ownership to them for free.
But Karen Karapetian, who succeeded Hovik Abrahamian as Armenian prime minister in mid-September, expressed doubts at the long-term viability of proposals made by potential investors who, he said, had not factored in the possibility of a substantial rise in energy prices.
The decline of Nairit is symbolic of the economic stagnation, murky business deals, and defiant grassroots activism that Armenia has experienced over the past three decades. 
The Nairit plant suspended production from December 2008 to April 2009 after demand plummeted in the wake of the global financial crisis and then definitively halted operations in 2010.
The Nairit plant suspended production from December 2008 to April 2009 after demand plummeted in the wake of the global financial crisis and then definitively halted operations in 2010.
In 1987, when Soviet leader Mikhail Gorbachev's policy of "glasnost" (openness) made possible the public discussion of hitherto taboo issues, the Armenian intelligentsia began to call for the plant's closure on the grounds that the emissions it produced were harmful to human health. 
That demand was swiftly eclipsed by the mass campaign for the transfer of the Nagorno-Karabakh Autonomous Oblast from Azerbaijani to Armenian jurisdiction. But Nairit was forced to close temporarily in the early 1990s due to the economic collapse triggered by the demise of the Soviet Union. The plant then changed hands several times before an obscure British company, Rhinoville Property Ltd., purchased a 90 percent stake in Nairit for $40 million in 2006, using a $70 million loan from the Commonwealth of Independent States (CIS) Inter-State Bank. Rhinoville then failed, however, to make good on its promises to modernize the plant and raise employees' salaries. The plant suspended production from December 2008 to April 2009 after demand plummeted in the wake of the global financial crisis and then definitively halted operations in 2010. 
In January 2014, the Moscow Arbitration Court awarded Rhinoville's 90 percent stake in Nairit to the CIS Inter-State Bank due to nonrepayment of the original loan. The following year, the bank wrote off the debt and transferred those shares to the Armenian government. Also in early 2014, former Armenian Prime Minister Tigran Sarkisian announced after meeting with Rosneft head Igor Sechin that Rosneft was considering investing $500 million in Nairit. No concrete agreement was ever forthcoming, however. 
In early 2015, at the request of the Armenian government, the World Bank conducted an audit of Nairit, on the basis of which it advised against relaunching production. It estimated the cost of doing so at $250 million and warned that due to high production costs the finished product would not be competitive on the world market. 
Hrach Tatevosian, who heads the Nairit employees' trade union, challenged that argument, telling the news portal Caucasus Knot that the plant's specialists had drafted three separate programs for renewing production of various quantities of rubber. The most expensive of these three variants, he said, would require just $97 million in new investment.
Former Nairit Director Karen Israelian came up with an even lower figure. He estimated $10-15 million would be adequate to resume annual production of 10,000 to 12,000 tons of rubber. He admitted that Japanese-produced rubber is of higher quality, but predicted Nairit's output would find a ready market in Russia.
Meanwhile, Nairit's remaining workforce, together with some 1,700 employees laid off in early 2015, has fought for years for full payment of wage arrears going back to 2010, staging repeated demonstrations and sit-ins outside the government building and the presidential palace. In August 2015, by which time the arrears had amounted to some $10 million, they were finally paid off in full. But within a month they had resumed their demonstrations, this time to demand that Nairit resume production. 
In March 2016, Zakharian's successor as energy minister, Levon Eolian, set up a commission that included five former Nairit employees, to evaluate the possibilities of reviving the plant. Nairit's lawyer, Armen Abovian, could offer no explanation why the court brought the date for declaring the plant bankrupt forward, to late November, given that the tender for investors to propose a new business plan expires only in January 2017. RFE/RL's Armenian Service quotes embittered former employees as saying they suspect the government was simply unwilling, for whatever reasons, to save Nairit.
The views expressed in this blog post do not necessarily reflect the views of RFE/RL.

Russia's Foreign Ministry has threatened to retaliate against U.S. diplomats if Washington enacts legislation restricting the movements of Russian diplomats in the United States. Legislation now making its way through the U.S. Congress calls for tightening restrictions on Russian diplomats who want to travel more than 40 kilometers from their official posts in the United States. The diplomats would essentially be forced to get approval ahead of time from the FBI......

Russian Foreign Ministry spokeswoman Maria Zakharova: "Put simply, American diplomats in Russia will be treated in the same way."
Russian Foreign Ministry spokeswoman Maria Zakharova: "Put simply, American diplomats in Russia will be treated in the same way."


Russia's Foreign Ministry has threatened to retaliate against U.S. diplomats if Washington enacts legislation restricting the movements of Russian diplomats in the United States.
Legislation now making its way through the U.S. Congress calls for tightening restrictions on Russian diplomats who want to travel more than 40 kilometers from their official posts in the United States. The diplomats would essentially be forced to get approval ahead of time from the FBI.
The bill would also create a new committee to counter what it calls Russian efforts to manipulate foreign opinion.
Foreign Ministry spokeswoman Maria Zakharova told a briefing in Moscow on December 7 that the legislation was part of a "witch-hunt" against Russia by outgoing President Barack Obama's administration.
"If the current U.S. authorities want to restrict the movements of Russia's representatives, then of course, it would merit keeping in mind diplomacy is based on the principle of reciprocity," Zakharova said. "Put simply, American diplomats in Russia will be treated in the same way."
"We are dealing with another example of clinical anti-Russian feeling," she added. "It's a carbon copy of a scheme used in the Cold War."
The proposed measure, which has passed the House of Representatives and both chambers' intelligence committees, is attached to a broader bill setting out policy priorities for the intelligence community. It has not yet been passed in the Senate.
The State Department has not publicly commented on the legislation. However, department officials have privately expressed misgivings about the restrictions and the consequences for the work of accredited U.S. diplomats in Russia, many of whom have reportedly been harassed by Russian security agencies.
Russia has also complained that its diplomats have been accosted or harassed by U.S. agents.
It's unclear whether the bill containing the Russian travel restrictions will pass the Senate or if Obama would sign such a bill into law.
President-elect Donald Trump, who will take office on January 20, would likely be less inclined than Obama to sign it if it ends up on his desk. Trump has repeatedly voiced a more conciliatory approach to relations with Russia that President Vladimir Putin has echoed.


di Mike Eckel per "Radio Free Liberty"

UKRAINA..... More than two years after his election to the Ukrainian parliament on a wave of popular anger over political and economic rot in the corridors of power, Oleksandr Onyshchenko, by his own account, got his hands plenty dirty. The 47-year-old Onyshchenko insists he was a loyal political lieutenant of President Petro Poroshenko, serving as a middleman for the wartime president's inner circle, smearing a prime minister, and ensuring that bribes were paid in good order........

"I gave [the Americans] documents that confirm the corruption of President Poroshenko," says former Ukrainian lawmaker Oleksandr Onyshchenko, seen here in June 2016.
"I gave [the Americans] documents that confirm the corruption of President Poroshenko," says former Ukrainian lawmaker Oleksandr Onyshchenko, seen here in June 2016.


More than two years after his election to the Ukrainian parliament on a wave of popular anger over political and economic rot in the corridors of power, Oleksandr Onyshchenko, by his own account, got his hands plenty dirty.
The 47-year-old Onyshchenko insists he was a loyal political lieutenant of President Petro Poroshenko, serving as a middleman for the wartime president's inner circle, smearing a prime minister, and ensuring that bribes were paid in good order.
But it all came crashing down for the former Olympic equestrian-turned-politician in July, when his fellow lawmakers consented to the Ukrainian prosecutor-general's request to strip him of his parliamentary immunity to put him on trial for an alleged massive embezzlement scheme involving a state-owned gas company and millions in kickbacks.
Onyshchenko had fled Ukraine weeks earlier and has repeatedly proclaimed his innocence from abroad. 
But his counterpunch at Kyiv landed earlier this month, just as the Ukrainian Security Service (SBU) launched a treason case against the former lawmaker.
Onyshchenko told Current Time TV and other media from his self-exile -- he is reportedly seeking political asylum in the United Kingdom -- that he has damning recordings and digital evidence against Poroshenko.
He added that he has handed materials over to the FBI, which falls under the U.S. Department of Justice. 
"I gave [the Americans] documents that confirm the corruption of President Poroshenko. That's all," Onyshchenko told Current Time TV, the Russian-language network run by RFE/RL and VOA in a Skype interview on December 2. He asked that his location not be disclosed, saying he fears for his personal safety.
Oleksandr Onyshchenko spoke to Current Time TV via Skype from an undisclosed location.
Oleksandr Onyshchenko spoke to Current Time TV via Skype from an undisclosed location.
Poroshenko's office on December 7 dismissed Onyshchenko's accusations as "absolutely false," telling RFE/RL: "They are the expedient fiction of the suspect." 
The statement said that Ukrainian authorities suspect Onyshchenko of "having created an organized criminal group" that cost the state some 1.6 billion hryvnyas ($62 million).
"To avoid punishment," the presidential office added, "Mr. Onyshchenko tries to politicize his criminal case and pretends to be a victim of political repressions."
Onyshchenko’s accusations are extraordinary, even by the notorious standards of Ukrainian politics. And they are unusual in that he purportedly made audio recordings and kept SMS text messages during his time as a Poroshenko ally.
But what may be the most explosive element to this saga is Onyshchenko's claim that he turned over his materials to the U.S. Justice Department to investigate Poroshenko himself -- the man Washington and much of Europe has thrown its support behind to stabilize the country amid Russian aggression.
I was there with him for two years. I watched. I followed all negotiations that he did. ... I was on the president's team, directly fulfilling his orders."
"I was there with him for two years. I watched. I followed all negotiations that he did, with [Kyiv Mayor Vitaly] Klitschko [and] with many deputies," Onyshchenko said.
"I was on the president's team, directly fulfilling his orders," he added.
Poroshenko's office rejected any such cooperation in its December 7 statement, saying Onyshchenko "made up a story about 'membership in a team'" and adding, "People of such reputation cannot be members of a team."
U.S. authorities have refused to comment on Onyshchenko's claim that he turned over documents or audio recordings. The U.S. Embassy in Kyiv referred all questions to the U.S. Justice Department.

In Washington, Justice Department spokesman Peter Carr refused to confirm or deny specifically whether the department had received any materials or met with Onyshchenko.

"Speaking generally, it is common for individuals to request to meet with the Justice Department to provide information -- and while department prosecutors and law-enforcement agents will attempt to meet to gather potential information on alleged violations of U.S. law, the mere fact of a meeting is not an indication that such violations have occurred or that the individual’s information is considered to be accurate," Carr told RFE/RL in an e-mail.
The office of Ukrainian President Petro Poroshenko has dismissed the accusations as "absolutely false."
The office of Ukrainian President Petro Poroshenko has dismissed the accusations as "absolutely false."
Ukraine's ambassador to the United States, Valeriy Chaly, declined to say whether he knew if Onyshchenko had indeed provided materials to the Justice Department.
Ukraine is regularly ranked among the most corrupt countries in the world and allegations of double dealing, inflated contracts, bribery, and other claims among business and political elites are common.
International financial institutions have warned Kyiv that its lack of reform and persistent corruption threaten billions in crucial aid that has helped keep the country afloat since its invasion by Russian forces to seize Crimea in 2014 and a continuing war against Russia-backed separatists in the Donetsk and Luhansk regions in eastern Ukraine.
To avoid punishment, Mr. Onyshchenko tries to politicize his criminal case and pretends to be a victim of political repressions."
Poroshenko has also faced repeated allegations of corruption, many dating to business holdings that have included chocolate manufacturer Roshen and the Channel Five TV station.
The taint has led to the resignation of several prominent ministers and other leading officials who were brought in by Poroshenko to help clean up the country's books and its image. 
In February, Lithuanian-born Economy Minister Aivaras Abromavicius announced his resignation, citing a "sharp escalation in efforts to block systemic and important reforms."
Mikheil Saakashvili, the boisterous former Georgian president who was brought on by Poroshenko to govern the Odesa region, resigned last month and accused Poroshenko of dishonesty and of sabotaging crucial reforms.

For his part, Onyshchenko entered parliament in 2014 as a member of Poroshenko’s political faction.
He reportedly fled the country in June amid word of a criminal investigation into his businesses, including an alleged huge natural-gas fraud at a state energy company.
In July, lawmakers stripped him of his parliamentary immunity, opening the way for criminal prosecution.

In his interview with RFE/RL's Current Time TV, Onyshchenko said he was directly responsible for fulfilling Poroshenko’s orders.

He said that included a complex scheme to drive down the approval ratings of Ukraine's prime minister, Arseniy Yatsenyuk, to make way for a Poroshenko ally. Yatsenyuk was a technocrat respected by the West but seen in some Ukrainian business circles as an obstacle to the kind of shady side deals that flabbergast would-be reformers. 
"During this period, it was necessary to shore up [Poroshenko's] power, since, when he became president, power was in effect held by the prime minister," Onyshchenko told Current Time TV. "That is, the entire cabinet practically answered to Yatsenyuk. Poroshenko, accordingly, considered Yatsenyuk his enemy, a person who bothers him, who interferes..."
Yatsenyuk resigned in April and was followed by Volodymyr Hroysman, a member of the ruling Petro Poroshenko Bloc seen by some as politically indebted to the president.
Poroshenko's popularity has waned as Ukrainians battle economic hardship fueled in part by Russia's land grab in Crimea and Kyiv's continuing fight against Russia-backed separatists.
But he has seen high-profile setbacks of late, including revelations that heavoided declaring a luxury Spanish villa in asset declarations and failure so far in his effort to reach a deal with the European Union on visa-free travel to the bloc for Ukrainians.
Still, a November poll by the Kyiv-based Razumkov Center suggested that if presidential elections were held today in Ukraine, Poroshenko would lead vote-getters with around 16 percent, followed by former Orange Revolution leader and ex-Prime Minister Yulia Tymoshenko (11.5 percent) and former Energy Minister and Opposition Bloc leader Yuriy Boyko (9.4 percent). 
Based on an interview for Current Time TV by Timur Olevskiy and Saken Aymurzaev, with reporting by RFE/RL correspondents Christopher Miller in Kyiv and Mike Eckel in Washington and contributions by Andy Heil in Prague

Ha 5 anni e si fa chiamare Carla. Si sente femmina nel nome, nei gusti e nell'aspetto, anche quello degli organi genitali. Geneticamente però è bambino, con gonadi maschili rimaste all'interno del corpo, tanto da ingannare sulla sua identità sessuale non solo mamma e papà, ma anche i medici al momento della nascita. Né maschio, né femmina. Ora i giudici del Tribunale della famiglia hanno deciso che i genitori di Carla potranno farla operare prima della pubertà, senza il bisogno di particolari permessi, così da rimuovere chirurgicamente le gonadi maschili nascoste, scongiurando eventuali rischi per la salute e permettendole un'attività sessuale adeguata. Il caso è riportato sul quotidiano 'The Austrialian'......





bambini trans foto di sarah wong 7BAMBINI TRANS FOTO DI SARAH WONG 7
Ha 5 anni e si fa chiamare Carla. Si sente femmina nel nome, nei gusti e nell'aspetto, anche quello degli organi genitali. Geneticamente però è bambino, con gonadi maschili rimaste all'interno del corpo, tanto da ingannare sulla sua identità sessuale non solo mamma e papà, ma anche i medici al momento della nascita.

Né maschio, né femmina. Ora i giudici del Tribunale della famiglia hanno deciso che i genitori di Carla potranno farla operare prima della pubertà, senza il bisogno di particolari permessi, così da rimuovere chirurgicamente le gonadi maschili nascoste, scongiurando eventuali rischi per la salute e permettendole un'attività sessuale adeguata. Il caso è riportato sul quotidiano 'The Austrialian'.
bambini trans foto di sarah wong 5BAMBINI TRANS FOTO DI SARAH WONG 5

La sentenza. Il giudice Colin Forrest si è pronunciato nel gennaio scorso, ma solo ora la notizia è stata resa pubblica e fa già discutere. "Riteniamo sia opportuno assegnare un genere a un bambino intersessuale - riconosce Morgan Carpenter, attivista per i diritti degli intersessuali - ma non crediamo sia necessario intervenire chirurgicamente perché devono essere i bambini a scegliere quando sono più grandi, e farlo è difficile se sono stati operati da piccoli". Secondo uno dei medici di Carla sentiti dalla Corte, tuttavia, l'intervento chirurgico è opportuno anche per evitare che possano svilupparsi dei tumori.

bambini trans foto di sarah wong 2BAMBINI TRANS FOTO DI SARAH WONG 2
I test. Un tempo i bimbi come Carla venivano detti ermafroditi, mentre ora si preferisce il termine intersessuale. In questo caso alla nascita l'aspetto del bebè era femminile, e la verità è emersa solo quando la madre si è accorta di un rigonfiamento intorno alla vulva. Carla è stata sottoposta a dei test dai quali è risultata "geneticamente maschio", anche se nei documenti presentati alla Family Court viene descritta "con aspetto e comportamenti femminili".

Cresciuta come femmina. Carla è stata cresciuta da femmina e si sente tale. Porta i capelli raccolti in lunghe trecce bionde, rifiuta atteggiamenti maschili ("non ha mai voluto fare la pipì in piedi") e non vuole che si parli di lei al maschile. Nella sua stanza ci sono tende rosa, copriletto e camper di Barbie, collane, lucidalabbra. Ama indossare gonne a fiori, sandali scintillanti e biancheria con Minnie.

Quando era piccola i genitori hanno scelto di farla operare per migliorare l'esteriorità dei genitali femminili, poi si sono rivolti al tribunale per capire se servisse un permesso dei giudici prima di procedere a una chirurgia più complessa che includesse l'asportazione delle gonadi maschili interne. La risposta è stata: "No: non c'è bisogno di autorizzazione, Carla può operarsi".
bambini trans foto di sarah wong 6BAMBINI TRANS FOTO DI SARAH WONG 6

L'inchiesta. In Australia i diritti dei bambini intersessuali sono stati al centro di un'inchiesta del Senato nel 2013, promossa dall'ex sindaco e ora consigliere di Hobsons Bay, Tony Briffa, cresciuto come una ragazza: sottoposto all'età di 7 anni a un intervento di rimozione delle gonadi, veniva chiamato Antonietta. "Hanno convinto mia madre a castrarmi", sostiene Briffa che ora mette in guardia contro gli interventi chirurgici di questo tipo e preferisce essere considerato "né maschio né femmina, bensì intersessuale".

bambini trans foto di sarah wong 4BAMBINI TRANS FOTO DI SARAH WONG 4
Una condizione rara. L'intersessualità non è una condizione comune. In Australia, nello specifico, si stima riguardi un nato ogni 4.500, caratterizzato da genitali "significativamente ambigui alla nascita, tanto da non poter determinare immediatamente il sesso del bambino".

BEH... CHE MAURIZIO BELPIETRO ORA SI METTE A GIUDICARE VITTORIO FELTRI CHE IO PERSONALMENTE GIUDICO UNO DEI GIORNALISTI SE NON IL MIGLIORE TUTT'ORA SULLA PIAZZA, E' PROPRIO IL COLMO.......




Cesare Lanza per “la Verità”
vittorio feltriVITTORIO FELTRI

Come si fa, il giorno del referendum, a titolare a caratteri enormi: «La grande minchiata»? La carriera di Vittorio era costellata dal fiuto, infallibile, per gli umori popolari: la Lega, Mani pulite, Affittopoli... Ora non più. Incomprensibile perché abbia abbracciato Renzi. Lo scrivo con dolore. È sparito e ho perso un amico (mi aveva tante volte sostenuto!): non lo sento più.
Cesare LanzaCESARE LANZA 


L'EX PREMIER E ENFANT PRODIGE MATTEO RENZI FINALMENTE SPOGLIATO DI QUELLA SUPERBIA INTOLLERANTE CHE LO HA PORTATO ALLA SCONFITTA DEFINITIVA, FINALMENTE TORNA CON I PIEDI PER TERRA DA UMANO QUALE E' SEMPRE STATO ANCHE SE LUI PENSAVA DI ESSERE UN DIO E SI METTE A DISPOSIZIONE DEL PAESE.... SPERIAMO CHE ABBIA APPRESO LA LEZIONE ......




MATTEO RENZI IN DIREZIONE PDMATTEO RENZI IN DIREZIONE PD
1 - RENZI,PD DARÀ MANO A MATTARELLA CHIUDERE CRISI 
(ANSA) - "Siamo il partito di maggioranza relativa. Dobbiamo dare una mano al presidente della Repubblica a chiudere la crisi" di governo "nelle modalità che individuerà". Lo dice Matteo Renzi alla direzione Pd.

2 - RENZI, PD NON HA PAURA DI ANDARE A VOTARE 
(ANSA) - "Noi non abbiamo paura di niente e nessuno, se gli altri vogliono andare a votare, dopo la sentenza della Consulta, lo dicano perché qui si tratta tutti di assumersi la responsabilità. Il Pd non ha paura della democrazia e dei voti". Così Matteo Renzi illustrando le due alternative dopo le sue dimissioni.
MATTEO RENZI IN DIREZIONE PDMATTEO RENZI IN DIREZIONE PD

3 - PD: RENZI,AVREMO DURO CONFRONTO MA DOPO CHIUSURA CRISI 
(ANSA) - "Un passaggio interno" di riflessione sul risultato del referendum "sarà molto duro nella chiarezza che deve contraddistinguere il Partito democratico, ma dovrà arrivare dopo la crisi di governo che si dovrà aprire adesso". Lo dice Matteo Renzi alla direzione Pd.

4 - RENZI, HO SENTITO NAPOLITANO POCO FA, GLI HO DETTO GRAZIE 
(ANSA) - "Ho sentito Napolitano poco fa, gli ho fatto una telefonata di ringraziamento". Lo dice Matteo Renzi alla direzione Pd.
MATTEO RENZI IN DIREZIONE PDMATTEO RENZI IN DIREZIONE PD

5 - RENZI, A COLLE VICESEGRETARIO-CAPIGRUPPO-PRESIDENTE PD 
(ANSA) - "Propongo che ci sia una delegazione al Quirinale composta da uno dei due vicesegretari, Guerini, dal presidente" Matteo Orfini "e dai due capigruppo" Ettore Rosato e Luigi Zanda. Lo dice Matteo Renzi alla direzione Pd, facendo intendere che non farà parte della delegazione. "Propongo che la direzione sia convocata in modo permanente per consentire alla delegazione di venire a riferire quando vi saranno elementi di novità", aggiunge.

6 - RENZI, GOVERNO TUTTI INSIEME,PD GIÀ PAGATO PREZZO SOLITUDINE 
(ANSA) - O si va a votare dopo la sentenza della Consulta o se invece vogliono un nuovo governo che affronti la legge elettorale ma anche gli appuntamenti internazionali il Pd è consapevole ma non può essere il solo perché abbiamo già pagato il prezzo in un tempo non troppo lontano. Anche altri devono caricarsi il peso almeno in parte perchè difficile sostenere che noi in nome della responsabilità veniamo tratteggiati come, cito, 'il quarto governo non votato dal popolo', 'il quarto dopo il colpo di stato del 2015', 'il governo figlio di un parlamento illegittimo o 'il terzo governo di trasformismo di Alfano e Verdini". E' il bivio indicato da Matteo Renzi in direzione dopo le sue dimissioni.

IL CAIRO - Sirte città aperta. Dopo oltre un anno di terrore sotto l'Isis e sette mesi di guerra la città libica torna a respirare. Scene di giubilo si sono viste ieri per le strade e le piazze da parte delle milizie, protagoniste dell'offensiva contro i jihadisti dello Stato islamico, mentre a New York l'inviato Onu Martin Kobler - riferendo al Consiglio di sicurezza - ha avvertito che la lotta al terrorismo ha prodotto dei risultati in Libia ma che questi risultati non sono irreversibili......

AP
IL CAIRO - Sirte città aperta. Dopo oltre un anno di terrore sotto l'Isis e sette mesi di guerra la città libica torna a respirare. Scene di giubilo si sono viste ieri per le strade e le piazze da parte delle milizie, protagoniste dell'offensiva contro i jihadisti dello Stato islamico, mentre a New York l'inviato Onu Martin Kobler - riferendo al Consiglio di sicurezza - ha avvertito che la lotta al terrorismo ha prodotto dei risultati in Libia ma che questi risultati non sono irreversibili.
Una guerra pagata a caro prezzo con oltre tremila vittime, tra morti e feriti tra le fila dei miliziani. Alto anche il numero dei fondamentalisti uccisi, anche se al momento non è disponibile un bilancio. Quasi 500 i raid aerei americani lanciati dallo scorso primo agosto contro le postazioni dei seguaci del califfo. Un aiuto considerevole ai 'soldati', provenienti in gran parte da Misurata, fedeli al governo di concordia nazionale di Fayez al Sarraj, sostenuto quest'ultimo dalle Nazioni Unite e dalla comunità internazionale.
Gli ultimi edifici occupati dall'Isis nel quartiere di Giza Bahriya sono caduti ieri. "È l'ultima grossa battaglia, ma non è la fine delle operazioni militari, né la dichiarazione di liberazione", ha detto ieri sera il capo del media center Ahmed Hadiya. Una cautela alla quale si è contrapposta la gioia dei miliziani che sul loro account Facebook hanno pubblicato alcune fotografie che li mostravano assembrati in quello che un tempo è stato il luogo delle crocifissioni, l'isola di el Zaafarane, mentre innalzavano le bandiere tricolori, sorridevano e facevano il segno di vittoria.
Nelle stesse ore a New York Kobler ha sottolineato che "sebbene l'Isis continui a rappresentare una minaccia sono finiti i giorni in cui controllava il territorio in Libia". L'inviato Onu per la Libia ha poi riferito dei "progressi" compiuti a Bengasi dall'esercito nazionale libico (quello di Khalifa Haftar), ma ha avvertito "che queste conquiste rischiano di essere fugaci a meno che il Paese si doti di un coerente apparato di sicurezza".
Sirte viene conquistata dall'Isis nella primavera del 2015 e diventa la base più importante dei jihadisti fuori dall'Iraq e dalla Siria. È il regno del terrore. Decapitazioni e crocifissioni sono all'ordine del giorno nei confronti di chi non rispetta la loro rigida interpretazione della sharia. Vengono creati i tribunali islamici e imposti rigidi codici di comportamento, che riguardano le scuole, le attività commerciali e l'abbigliamento per le donne, rigorosamente coperte con un velo nero integrale.
Liberata dal giogo jihadista, la città, martoriata, distrutta e privata delle principali infrastrutture, vuole ricominciare a vivere. Lentamente riprende il ripopolamento dopo che la maggioranza dei civili l'aveva abbandonata, riaprono le scuole e le prime attività. Ma l'attenzione si concentra adesso sulle aree limitrofe, dove si sarebbero rifugiati i jihadisti fuggiti, andando a rinfocolare altre cellule terroriste, alcune delle quali dormienti.
Ma le difficoltà non sono finite. Da risolvere c'è il nodo politico e l'aspro confronto tra le due città rivali: Tripoli, controllata in parte da Sarraj, e Tobruk, sede del Parlamento che non riconosce le autorità della capitale. A queste si contrappongo le incontrollabili milizie. Non da ultimo le tribù, numerosissime, che abitano nelle aree desertiche del sud, zone difficilmente soggette al controllo delle autorità del nord, dove transitano traffici illeciti.
da "corrieredelticino.ch"

PARIGI - Nell'ultimo mese oltre 1.500 persone hanno trovato una sistemazione provvisoria nel nuovo centro parigino per l'accoglienza e l'orientamento di migranti e richiedenti asilo aperto nel nord della capitale. "1.509 persone sono state alloggiate", di cui 1.088 uomini - ha riferito un esponente del comune di Parigi, Dominique Versini - a quasi un mese dall'inaugurazione della struttura. A questi si aggiungono 318 minori non accompagnati e 103 donne o famiglie che sono stati orientati verso strutture per loro più appropriate. In un mese sono 3.210 gli individui che si sono rivolti ai volontari della struttura aperta il 10 novembre scorso con una capacità di 400 posti temporanei.......

Keystone
PARIGI - Nell'ultimo mese oltre 1.500 persone hanno trovato una sistemazione provvisoria nel nuovo centro parigino per l'accoglienza e l'orientamento di migranti e richiedenti asilo aperto nel nord della capitale. "1.509 persone sono state alloggiate", di cui 1.088 uomini - ha riferito un esponente del comune di Parigi, Dominique Versini - a quasi un mese dall'inaugurazione della struttura. A questi si aggiungono 318 minori non accompagnati e 103 donne o famiglie che sono stati orientati verso strutture per loro più appropriate. In un mese sono 3.210 gli individui che si sono rivolti ai volontari della struttura aperta il 10 novembre scorso con una capacità di 400 posti temporanei.
Situato nelle adiacenze del Boulevard Peripherique (il raccordo anulare di Parigi) il nuovo "Centre Humanitarie Paris Nord" si suddivide in due poli: da una parte, la "Bulle", l'immensa "reception" gonfiabile da 900 metri quadri dove chiunque abbia bisogno - dagli esiliati fino ai clochard - può trovare soluzioni d'alloggio e ottenere informazioni logistiche e amministrative. A cominciare da quelle relative all'asilo. Dall'altra, un dormitorio da 400 posti riservato esclusivamente a uomini adulti (i letti saliranno a 600 entro la fine dell'anno) in cui si può pernottare per un massimo di 5-10 giorni. A far funzionare quello che viene presentato come il "centro di transito più grande d'Europa" sono i 120 dipendenti dell'associazione Emmaus Solidaritè e dell'Ufficio francese per l'Immigrazione e l'Integrazione (Ofii). L'immenso tendone bianco-giallo è aperto tutti i giorni, dalle 8 alle 20. Un'analoga struttura da 400 posti per donne e bambini dovrebbe essere inaugurata a gennaio a Ivry-Sur-Seine, nel sud-est della capitale.
da "corrieredelticino.ch"

RATKO MLADIC...... L'AJA - Il Boia di Srebrenica merita l'ergastolo. Qualsiasi sentenza inferiore all'ergastolo sarebbe inadeguata a punire Ratko Mladic, che per il procuratore del Tribunale penale internazionale per i crimini nell'ex Jugoslavia (Tpi) è il responsabile militare del genocidio compiuto in Bosnia tra il 1992 e il 1995 e che ha fatto oltre 100 mila morti.......

Keystone
Ratko Mladic.
L'AJA - Il Boia di Srebrenica merita l'ergastolo. Qualsiasi sentenza inferiore all'ergastolo sarebbe inadeguata a punire Ratko Mladic, che per il procuratore del Tribunale penale internazionale per i crimini nell'ex Jugoslavia (Tpi) è il responsabile militare del genocidio compiuto in Bosnia tra il 1992 e il 1995 e che ha fatto oltre 100 mila morti.
Oggi, nell'ultima delle tre giornate dedicate alla requisitoria, il procuratore Alan Tieger ha chiesto la condanna a vita per l'ex generale capo delle forze serbo-bosniache, che deve rispondere di 11 capi di accusa, tra i quali genocidio, crimini di guerra e contro l'umanità. "Sarebbe un insulto alle vittime, vive e morte, e un affronto alla giustizia qualsiasi sentenza diversa dalla più severa prevista dalla legge: una condanna a vita", ha detto Tieger davanti a un Mladic che si è limitato a guardarlo negli occhi, ostentando impassibilità.
"Nessuno può afferrare la portata delle tragedie individuali e delle sofferenze inflitte alle sue vittime", ha aggiunto Tieger, riferendosi alle migliaia di storie di bambini uccisi, donne violentate e prigionieri torturati dalle forze serbo-bosniache guidate da Mladic. Nelle giornate del 9, 12 e 13 dicembre sarà la volta dell'arringa dei difensori. Le repliche finali sono previste per il 15 dicembre. La sentenza del collegio giudicante, composto da tre giudici, è attesa per il prossimo anno.
Tra i crimini di cui è accusato Mladic, la strage di Srebrenica dell'estate 1995, quando vennero uccisi migliaia di maschi musulmani, il più sanguinoso massacro compiuto sul territorio europeo dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Mladic, 74 anni, ha continuato a proclamarsi innocente e ha passato gran parte della mattinata sfogliando due quotidiani. Limitandosi a gettare qualche occhiata a un computer sul quale i procuratori mostravano immagini degli ordini impartiti al suo esercito. Nell'ultimo dei tre giorni di requisitoria, uno dei procuratori, Adam Weber, ha affermato che Mladic ha avuto un ruolo chiave nell'assedio di Sarajevo, specificando che per le sue forze armate "era necessaria l'approvazione personale" dell'ex generale per compiere i bombardamenti della capitale bosniaca. Il collega Peter McCloskey ha invece sottolineato il ruolo di Mladic nel massacro di Srebrenica affermando che "ha guidato le sue forze per catturare, detenere, uccidere e seppellire oltre 7 mila uomini e ragazzi robusti".
Il processo al 'Boia di Srebrenica', che venne arrestato il 26 maggio 2011 in Serbia dopo 16 anni di latitanza, è cominciato quattro anni fa. È l'ultimo caso pendente davanti al Tribunale internazionale dell'Onu per i crimini nell'ex Jugoslavia, che ha giudicato 83 persone incriminate. Tra queste il leader politico serbo-bosniaco Radovan Karadzic, condannato il 24 marzo scorso a 40 anni di prigione per crimini di guerra e genocidio. Tieger ha ricordato ai giudici che quattro ufficiali sottoposti di Mladic sono già stati condannati all'ergastolo dallo stesso Tpi per il massacro di Srebrenica.
da "corrieredelticino.ch"

GIGLIO MAGICO... CHE FINE FARA? CHI RESTA E CHI VERRA' ROTTAMATO?.......

Sapore di Renzi 1.017 giorni dopo. Parafrasando il sequel del film di Carlo Vanzina, ora che l’esito del referendum è cosa nota, viene da chiedersi cosa resterà dell’avanzata renziana nelle stanze dei bottoni. A cominciare da Palazzo Chigi, trasformato dal 17 febbraio 2014 in Granducato di Toscana. Il «Giglio magico», come venne subito ribattezzato il giro dei fedelissimi del premier (Luca Lotti, Maria Elena Boschi e Francesco Bonifazi), qui aveva rottamato il romanesco. Uno spoils system forse più radicale dei precedenti, quando nelle stanze di piazza Colonna erano stati in voga il «Clan degli avellinesi» di Ciriaco De Mita, la «Corte arcoriana» di Berlusconi o il «Cerchio magico» della Lega di Bossi prima del tracollo.
In foto Luca Lotti e Maria Elena Boschi In foto Luca Lotti e Maria Elena Boschi 
«E ora?», si domanda la numerosa truppa renziana, che tra incarichi in Parlamento e a Palazzo Chigi supera la cinquantina di persone. La prima categoria potrà comunque rimanere al proprio posto (mantenendo anche lo stipendio), finché non saranno sciolte le Camere. Discorso diverso per chi ha incarichi diretti di governo. E che, eccezioni a parte, nel giro di qualche giorno dovrà lasciare la propria scrivania.

di Claudio Bozza per "corrierefiorentino.corriere.it"