yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: novembre 2009

video

Loading...

martedì 3 novembre 2009

ORIANO MATTEI : MILO DJUKANOVIC VITTIMA DEL SUO SISTEMA


03 Novembre 2009

Leggendo l'articolo pubblicato da Rinascita Balcanica, dove il Primo Ministro del Montenegro Milo Djukanovic annuncia querela contro la Procura di Bari, per un attimo ho pensato di leggere la trama di un film.
Il premier Montenegrino Milo Djukanovic, dinanzi all'Assemblea del Montenegro, ha detto di chiedere alla Procura di Bari se esiste qualche procedimento penale nei Suoi confronti e se qualsiasi accusa è stata archiviata per via dell'immunità che Lui gode in forza della Sua carica politica.
Tutto questo è avvenuto e sta avvenendo, perchè il leader del Movimento per il cambiamento (PZP) Nebojsa Medojevic si è permesso di accusare il Premier Djukanovic di essere a capo di uno dei più potenti gruppi criminali mondiali.
In precedenza Ratko Knezevic, ex strettissimo collaboratore di Milo Djukanovic aveva e sta facendo dichirazioni contro la persona di Milo Djukanovic, e sono dichiarazioni molto ma molto pesanti.
Inoltre, dalla chiusura delle indagini della DDA di Bari ( fra l'altro Rinascita Balcani ha pubblicato per intero tutto il Dossier ), ci sono intercettazioni telefoniche dove la signora Dusanka Jeknic dialogava con il Premier Milo Djukanovic in tono molto affettuoso e molto compromettente per i dialoghi che si sono evidenziati.
Ora che tutto questo sia falso o addirittura il signor Milo Djukanovic voglia querelare la Procura di Bari, oltre ad essere eccessivo è anche ridicolo.
Come : Quando il signor Ratko Knezevic veniva usato dal signor Milo Djukanovic per gestire la Mia vicenda definita " CASO MATTEI " , allora Ratko Knezevic andava benissimo ed era persona credibile ed affidabile ( rammento per l'ennesima volta al signor Milo Djukanovic, che tutto quello da Me detto, oltre ad essere comprovato da documenti è anche testimoniato da terze persone, e quando vuole possiamo sempre fare un confronto , che fra l'altro chiedo da anni ma mai accettato dal signor Milo Djukanovic ).
Oggi che il signor Ratko Knezevic, dichiara quello che ha dichirato nei confronti del premier Montenegrino, allora Ratko Knezevic non va più bene e non è più attendibile.
Attaccare la Procura di Bari e i Suoi Procuratori ( fra l'altro ricordo a tutti che i signori Procuratori hanno la Mia più piena solidarità per quello che hanno fatto e per quello che stanno facendo. Bisogna sempre portare il massimo rispetto per tutti quei procuratori che rischiano la vita quotidianamente, a beneficio di tutta la comunità ), è la cosa più sciocca che si possa sentire, anche perchè come ho già scritto in altri Miei articoli, se il Premier Milo Djukanovic è veramente estraneo a tutti i fatti accaduti e a tutte le dichirazioni che pentiti e persone hanno fatto nei Suoi confronti, non si avvalga dell'immunità e si presenti nel processo e si difenda come qualsiasi altro cittadino del mondo.
Parlare sapendo di non poter essere processato, oltre ad essere cosa facile è anche una posizione molto ma molto comoda.
Se il signor Milo Djukanovic è innocente, lo dimostri nelle sedi opportune e affronti tutti i Suoi accusatori e li sconfessi.
Questa mossa , sarebbe uno schiaffo morale a tutti i Suoi accusatori e riporterebbe la Sua figura politica ad un livello tale, che più nessuno sarebbe credibile di accuse nei Suoi confronti.
Ma se questo non dovesse accadere e Milo Djukanovic continuasse ad avvalersi dell'immunita, beh allora eviti di fare proclami di presunte querele e lasci che la giustizia faccia il Suo corso, perchè prima o poi la verità verrà a galla e solo allora si capirà la verità e chi sono i responsabili effettivi di quindici anni di malaffare nei balcani.

ORIANO MATTEI