yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: ottobre 2010

video

Loading...

domenica 31 ottobre 2010

Oriano Mattei : Blic-krig zakasnio za Šarićeve ljude.


31 Ottobre 2010

UPRKOS IZNENADNOM POTPISIVANJU UGOVORA O IZRUČENJU, U CRNOJ GORI UHAPŠEN SAMO JEDAN SARADNIK ODBJEGLOG PLJEVLJAKA, A U SRBIJI SE IZA BRAVE NAŠLI BIVŠI ČELNICI MUP-A CRNE GORE

Podgorica - Pravno-policijski blic-krig očito je zakasnio za ključne aktere velike kokainske afere, poznate kao “Balkanski ratnik”, koji su uprkos policijskoj akciji koja je uslijedila nakon preksinoćnjeg iznenadnog potpisivanja ugovora o izručenju, uspjeli da umaknu potjeri.
U Beranama, kasno preksinoć, uhapšen je samo Boris Laban (34), kojeg Srbija optužuje da je bio saradnik u kriminalnoj grupi odbjeglog Darka Šarića, dok su i pored naloga za hapšenje crnogorskog ogranka “Balkanskog ratnika” umakli Darkova desna ruka - Pljevljak Goran Soković (39), Beranac Draško Vuković (33) i Podgoričanin Dejan Šekularac (30). Soković, Vuković i Šekularac do prije tri dana bili su na “oku” crnogorske policije, koja ih je, navodno, mjesecima pratila u stopu. Kada su preksinoć kasno od tužilaštva stigli nalozi za hapšenje, njima se, navodno, izgubio svaki trag...
Nakon neuspjelog pokušaja hvatanja, Uprava policije je sinoć u saopštenju objavila javnu potragu za Sokovićem, Vukovićem i Šekularcem, dostavljajući medijima i njihove fotografije.
“Ukoliko bilo ko ima saznanja o njihovim trenutnim lokacijama u Crnoj Gori, molimo da se obrati najbližoj područnoj jedinici ili ispostavi crnogorske policije”, piše u saopštenju Uprave policije.

Šestorica u pritvoru

Nakon potpisivanja Ugovora o izručenju, u Crnoj Gori je uhapšeno šest bjegunaca, dok se u Srbiji u pritvoru našlo sedam državljana te zemlje, koje je naša država tražila zbog ratnih zločina i organizovanog kriminala.
Crnogorska policija uhapsila je u Rožajama Samira Musića (42), kojeg Srbija traži zbog krivičnog djela “zločinačko udruživanje”. Musić je rođeni brat jednog od optuženih u Srbiji za krijumčarenje narkotika - Suvada Batka Musića.
Tokom noći u Podgorici se, takođe, krenulo sa serijom hapšenja, a prvi na listi se našao Mario Stanić (28), koji je u Okružnom sudu u Beogradu osuđen na pet godina zatvora zbog šverca 12,5 kilograma heroina i 50 kilograma marihuane.
Gotovo istovremeno, u svojoj kući uhapšen je Alen Sijarić (38), kojeg Srbija traži zbog krivičnog djela “primanje mita”. Sijarić se pominje i u “bijeloj knjizi” kriminala iz 2005. godine, u odjeljku za Crnogorce koji djeluju u inostranstvu.
Podgoričanin Bogdan Marković (43) uhvaćen je juče oko devet časova ujutro, dok je sa prijateljima pio kafu u lokalu “Red kafe” u Podgorici. Markovića Srbija traži zbog učešća u organizovanoj grupi, kojoj se u Beogradu sudi prema optužbi da je pod patronatom prvooptuženog Antona Stanaja iz “Rokšpeda” švercovala tovare cigareta.
Uprava policije sinoć je saopštila da su svi uhapšeni privedeni kod sudija nadležnih sudova, radi određivanja ekstradicionog pritvora, ali takva informacija u podgoričkom Višem sudu nije potvrđena “Vijestima”.
Nalog za izručenje juče je u Zatvoru za izvršenje krivičnih sankcija u Spužu uručen i Robertu Franoviću (36) iz Bara, kojeg Srbija traži zbog razbojništva. On se nalazi na izdržavanju zatvorske kazne i biće mu određen ekstradicioni pritvor nakon što odsluži kaznu za krivično djelo, koje je počinio u Crnoj Gori.

Policija: Nijesmo utočište za kriminalce

Serija hapšenja juče je bila povod za Upravu policije da u saopštenju, na neki način, odbaci ranije optužbe da pomažu u skrivanju bjegunaca koji se traže za teška krivična djela.
“Crna Gora i Uprava policije Crne Gore su i ovom akcijom potvrdile da naša država nije utočište licima koja se potražuju”, ističe se u saopštenju policije.
Nakon hapšenja, NCB Interpol Beograd po međunarodnim potjernicama od Crne Gore traži još 12 osoba, dok crnogorske vlasti od Srbije čekaju izručenje oko 60 tamošnjih državljana.
“Utvrđeno je da se jedan broj osoba, koje NCB Interpol Beograd potražuje od crnogorske policije, ne nalazi na našoj teritoriji, dok se za ostalim licima za koja se sumnja da se nalaze u Crnoj Gori i dalje intenzivno traga”, navodi se u sinoćnjem opširnom saopštenju Uprave policije.
U protekla dva mjeseca kada su intenzivirani pregovori eksperata Ministarstava pravde Crne Gore i Srbije, ujedno su se i dvije policije, pripremale za akcije hapšenja.
“Shodno Sporazumu o izručenju sopstvenih državljana, Interpol Podgorica i Interpol Beograd su u saradnji sa nadležnim ministarstvima pravde u obje države, sačinili i razmijenili spiskove lica, koja potražuju na međunarodnom nivou. Na osnovu tog su započete operativne radnje u cilju njihovog lociranja i lišenja slobode, nakon potpisivanja sporazuma”, piše u saopštenju kao i to da se akcija nastavlja...

Radović: Poranili da bi akcija uspjela

Ugovor o izručenju potpisan je preksinoć u zgradi Ministarstva pravde u Beogradu, četiri dana prije zakazanog termina - utorak 2. novembar u Podgorici. Ugovor su gotovo tajno potpisali ministar pravde Srbije Snežana Malović i ambasador Crne Gore u Beogradu Igor Jovović.
Tim je okončan višemjesečni pravni ping-pong, u kojem se ekspreti dva ministarstva dugo nijesu mogli da dogovore ko i za koja krivična djela će biti obuhvaćen ovim ugovorom.
Ministar pravde Miraš Radović kazao je da uranjeno potpisivanje Sporazuma o izručenju “pokazuju da je Crna Gora apsolutno spremna da se bori protiv počinilaca organizovanog kriminala i ostalih teških krivičnih djela“.
“Ugovor je zaključen na našu inicijativu, a pri tom smo posebno imali u vidu činjenicu da smo se dogovorili da momentom potpisivanja on počinje da se primjenjuje, iako taj dokument treba da bude ratifikovan u Skupštini”, rekao je Radović agenciji MINA.
On je i objasnio zašto se nekoliko dana poranilo sa potpisivanjem ugovora...
“Kada smo inicirali da u petak bude potpisan ugovor, imali smo u vidu da borba protiv organizovanog kriminala traži odlučan i efikasan odgovor i da nije potrebno najavljivati akcije protiv učinilaca teških krivičnih djela, jer ako najavimo akcije, one su tim već proglašene neuspješnim”, objasnio je Radović.
Prije 15-ak dana pregovarački timovi su se usaglasili da bi se novim sporazumom mogli steći uslovi za međusobna izručenja svojih državljana za krivična djela u oblasti organizovanog kriminala, protiv čovječnosti, korupcije (zloupotreba službenog položaja, protivzakoniti uticaj, primanje i davanje mita, kao i krivično djelo pronevjere) i pranja novca, za koje je predviđena zatvorska kazna od četiri godine ili teža. Novim ugovorom moguća je i ekstradicija počinilaca drugih krivičnih djela za koja je minimalna zaprijećena kazna od pet godina...



UMAKLI POTJERI

Goran Soković: 21. januara ove godine Srbija je za njim i Darkom Šarićem raspisala međunarodnu potjernicu, zbog sumnje da je kao Darkov drug iz djetinjstva bio i njegova desna ruka u poslovima sa drogom.
Početkom februara, sa policijom u Pljevljima je dogovorena njegova predaja, ali je nakon 96 sati zadržavanja u pritvoru pušten na slobodu, jer Srbija kolegama u Crnoj Gori nije željela da preda dokazni materijal. Soković je ovih nekoliko mjeseci bio u Pljevljima.

Draško Vuković: Srbija je za njim još 24. jula 2009. godine raspisala potjernicu zbog krivičnog djela “nedozvoljena proizvodnja, držanje i stavljanje u promet droga”. Osim te potjernice, on je tražen i zbog učešća u “Balkanskom ratniku”, zbog čega je 12. februara ove godine sam došao u beransku policiju i ispričao da on nema veze sa tim. On je nakon toga pušten, a mjesecima je boravio u Beranama.

Dejan Šekularac: Bivšeg policajca Srbija traži od 21. januara ove godine zbog sumnje da je počinio krivična djela “zločinačko udruživanje, nedozvoljena proizvodnja, držanje i stavljanje u promet opojnih droga i falsifikovanje isprave“.
Šekularac je bio hapšen 13. februara, ali je zbog pravnih nesporazuma između Srbije i Crne Gore, nakon tri dana pritvora pušten iz spuškog Istražnog zatvora.


Gogić: Hapšenje na prepad

Advokat Milorad Gogić, branilac uhapšenog Alena Sijarića, kazao je “Vijestima” da će on danas biti priveden dežurnom istražnom sudiji Radomiru Ivanoviću u Višem sudu u Podgorici.
„Sijarić je uhapšen po \'tajno\' sklopljenom sporazumu između Srbije i Crne Gore i na prepad. Koliko sam upoznat sa predmetom, protiv Sijarića nema nikakvih dokaza i on će u Beogradu biti oslobođen od optužbe. On se u Podgorici nije krio, već je živio i radio, i normalno funkcionisao. Očigledno da je ovaj sporazum sklopljen iz razloga hitnosti, iako je njegovo potpisivanje najavljeno za 2. novembar“, kazao je Gogić.
K.R.


Labanu i Musiću određen pritvor

Bijelo Polje – Istražni sudija bjelopoljskog Višeg suda Drago Konatar juče je u dva odvojena slučaja saslušao i odredio privremeni ekstradicioni pritvor Rožajcu Samiru Musiću i Borisu B. Labanu (34) iz Berana zbog postojanja međunarodne potjernice nacionalnog centralnog biroa Interpola u Beogradu.
Međunarodna potjernica od 30. decembra 2009. godine raspisana je za Musićem zbog krivičnih djela zločinačko udruživanje i neovlašćena proizvodnja i stavljanje u promet opojnih droga predviđenih krivičnim zakonom Republike Srbije, a za Labanom je potjernica raspisana 21. januara ove godine, takođe zbog krivičnih djela zločinačko udruživanje, neovlašćena proizvodnja i stavljanje u promet opojnih droga s tim što se on tereti i za falsifikovanje isprave.
Portparolka Višeg suda u Bijelom Polju Biljana Čović saopštila je da privremeni ekstradicioni pritvor može trajati do izručenja ovih lica na osnovu molbe za izručenje nadležnih organa Republike Srbije, a najviše 40 dana.
- Ova krivična djela obuhvaćena su ugovorom o izmjenama i dopunama ugovora o izručenju između Srbije i Crne Gore koji se privremeno primjenjuje od dana potpisivanja tako da su ispunjeni formalni uslovi za određivanje privremenog pritvora u cilju izručenja lica iako se radi o crnogorskim državljanima – kazala je Čovićeva, dodajući, da će se o određivanju privremenog ekstradicionog pritvora diplomatskim putem obavijestiti Republika Srbija, kako bi podnijela molbu za izručenje u roku od 18 dana.
Portparolka je navela da su Musića uhapsili policajci rožajske ispostave 29. oktobra u 23.00, a Laban se iza rešetaka našao istog dana zahvaljujući akciji pripadnika Područne jedinice policije u Beranama. Labanovom saslušanju prisustvovao je angažovani advokat iz Bijelog Polja Luka Brajković i kako saznajemo, protivio se izručenju Srbiji. Musićevom saslušanju prisustvovao je advokat iz Bijelog Polja Kasim Dizdarević koji je nakon završetka “ljutito” prokomentarisao okupljenim novinarima ispred zgrade Višeg suda da je riječ o još jednoj “namještaljki”, govoreći da se požurilo sa hapšenjem jer je ugovor i izručenju trebalo da se primjenjuje tek od 2. novembra.

B. ČOKOVIĆ
Bi. BATIZIĆ - J. MUMINOVIĆ

Oriano Mattei : Usa: stima,9,6% disoccupazione a ottobre.


31 Ottobre 2010

Sara' 15/o mese consecutivo con tasso sopra 9,5%

(ANSA) - NEW YORK, 31 OTT - Il tasso di disoccupazione negli Usa si manterra' intorno al 10% a ottobre, restando inchiodata per il 3/o mese consecutivo al 9,6%. Se la previsione sara' esatta si trattera' del 15/o mese consecutivo con una disoccupazione sopra il 9,5%, la serie piu' lunga dal 1948. Il dato ufficiale del Dipartimento del lavoro sara' reso noto venerdi' prossimo dopo l'atteso annuncio di ulteriori aiuti all'economia da parte della Fed che si appresta a iniettare ulteriori miliardi di dollari nell'economia.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Iraq, attaccata una chiesa Uccisi sette ostaggi.


31 Ottobre 2010

Uomini armati avevano sequestrato decine di fedeli. Una bambina tra le vittime

BAGHDAD - Il comandante dell'esercito iracheno ha detto che la polizia ha compiuto con successo un blitz nella chiesa di Baghdad dove uomini armati avevano sequestrato decine di fedeli.

Sette ostaggi sono rimasti uccisi e almeno altri 20 feriti nel blitz delle forze di sicurezza irachene all'interno della chiesa di rito cattolico orientale di Baghdad.

C'e' anche una bambina tra le vittime dell'attacco terroristico contro i fedeli di una chiesa di rito cattolico orientale di Baghdad. Lo ha rivelato Shlemon Warduni, vescovo ausiliare caldeo della capitale irachena, al Tg1.

''L'operazione e' finita ed abbiamo liberato tutti gli ostaggi'', ha detto il generale di brigata Ali Ibrahim, comandante della polizia della zona sudest di Baghdad. Ufficiali americani, che hanno seguito l'operazione attraverso elicotteri che sorvolavano la zona, hanno confermato la notizia. Secondo un deputato cristiano, Younadam Kana, che aveva ricevuto alcune telefonate da fedeli presi in ostaggio, all'interno della chiesa c'erano piu' di 50 persone.

I fedeli e due sacerdoti assistevano alla messa nella chiesa siro cattolica di Baghdad Saiydat al Najat (Nostra signora del perpetuo soccorso).

Secondo le prime informazioni, gli assalitori non riuscendo a entrare nell'edificio della Borsa e mentre sul posto stavano affluendo ingenti forze di polizia, hanno fatto esplodere un'autobomba che ha provocato il ferimento di quattro persone. Successivamente si sono diretti correndo verso la chiesa. Nostra Signora del perpetuo soccorso, insieme ad altri cinque luoghi di culto cristiani, era stata oggetto il 1 agosto 2004 di un altro attacco che aveva provocato diversi morti e feriti.
VESCOVO MOSSUL, CENTINAIA OSTAGGI - "Quattro uomini armati hanno fatto irruzione nella cattedrale nel momento della celebrazione dell'Eucarestia, uccidendo due persone, dopo aver fatto saltare una macchina all'ingresso della Basilica'', ha detto Mons. Casmoussam, secondo quanto fa sapere la Comunita' di Sant'Egidio. Il commando ha dichiarato ''di appartenere all'organizzazione 'Stato Islamico dell'Iraq' e ha chiesto di liberare i prigionieri della loro organizzazione detenuti in Iraq ed Egitto''', ha aggiunto il vescovo.

S.SEDE AUSPICA SOLUZIONE PACIFICA - La Santa Sede spera che ci sia al piu' presto ''una soluzione pacifica e senza ulteriore spargimento di sangue'' per le persone prese in ostaggio dai terroristi in una chiesa a Baghdad. Lo ha detto il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi.
La Santa Sede, ha detto padre Lombardi, segue ''con attenzione e preoccupazione'' la vicenda, ''che dimostra la situazione difficile che vivono i cristiani nell'area'', e che conferma come ''l'attenzione posta dal recente Sinodo sul Medio Oriente alla questione fosse necessaria e giustificata''. ''I cristiani - ha proseguito il portavoce vaticano - vivono la' una situazione di grande insicurezza e verso di loro esprimiamo solidarieta'''. Per la chiesa presa d'assalto a Baghdad ''si spera - ha aggiunto padre Lombardi - che ci sia una soluzione pacifica e senza ulteriore spargimento di sangue, e che le persone innocenti siano rispettate nella loro pratica religiosa''.

TV, TERRORISTI AFFILIATI AD AL QAIDA - Secondo quanto riferisce la tv locale al-Baghdadia, il commando che ha preso in ostaggio fedeli e religiosi in una chiesa di Baghdad appartiene all'organizzazione terroristica Stato islamico dell'Iraq, una emanazione di al Qaida. La tv irachena - citata dalla Bbc - ha detto che i terroristi hanno letto un messaggio al telefono in cui chiedono la liberazione di alcuni membri di al Qaida detenuti in Iraq e in Egitto. La tv ha riferito che il terrorista parlava in arabo, il che significherebbe che il commando non e' composto da iracheni. Il corrispondente della Bbc a Baghdad ha riferito che le forze di sicurezza hanno circondato la chiesa e bloccato tutte le vie di accesso.

FARNESINA, FERMA CONDANNA - ''Ferma condanna'' e' stata espressa dalla Farnesina per l'attentato terroristico nei confronti della chiesa siro-cattolica a Baghdad. Lo precisano fonti degli Esteri sottolineando che la Farnesina prende atto ''della tempestivita' delle forze dell'ordine irachene per la liberazione degli ostaggi''.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Il Play Boy Silvio Berlusconi e la bella marocchina. Dio Mio siamo veramente alla frutta in questo paese.




31 Ottobre 2010

- Non c’è stata alcuna autorizzazione all’affido di Ruby alla consigliera regionale Nicole Minetti da parte del pm dei minori - Il magistrato aveva disposto la collocazione di Ruby in una struttura protetta e, qualora non ci fosse stato posto (come riferito poi dalla Questura), di trattenerla - Infine alla PM non sarebbe mai arrivata la telefonata per chiedere l’autorizzazione ad affidare la minorenne, una volta identificata, alla igienista dentale Minetti...

Non c'è stata alcuna autorizzazione all'affido di Ruby alla consigliera regionale Nicole Minetti da parte del pm dei minori Annamaria Fiorillo, di turno la sera del 27 maggio quando la ragazza venne fermata e portata in Questura a Milano. Lo si apprende da fonti giudiziarie citate dall'agenzia Ansa. Il pm, contattato più volte dalla polizia, non solo non diede il via libera alla consegna della ragazza ma, a differenza di quanto sostenuto in una nota della Questura, non raggiunse mai alcun accordo circa l'affido alla consigliera, e non lo avrebbe raggiunto nemmeno nel caso fosse arrivata negli uffici di via Fatebenefraterlli una copia dei documenti di identità.

Il magistrato aveva disposto la collocazione di Ruby in una struttura protetta e, qualora non ci fosse stato posto (come riferito poi dalla Questura), di trattenerla. Infine alla Fiorillo non sarebbe mai arrivata la telefonata per chiedere l'autorizzazione ad affidare la minorenne, una volta identificata, alla Minetti.

RELAZIONE DELLA POLIZIA - Del fatto che il pm non diede l'autorizzazione ad affidare la giovane, ora al centro dell'inchiesta della Procura di Milano per favoreggiamento della prostituzione, è testimonianza la relazione stilata quella notte dalla polizia.

Secondo il documento, arrivato alla Procura dei minori circa un mese più tardi (e non al pm Fiorillo nei giorni successivi), dopo l'arrivo della ragazza in Questura e l'avvio delle procedure di identificazione, era arrivata la telefonata dalla presidenza del Consiglio dei ministri in cui si specificava che Ruby era la nipote del presidente egiziano Mubarak e che «quindi doveva essere lasciata andare».

Dopodiché, sempre secondo il rapporto, in via Fatebenefratelli si erano presentate «due amiche della minore», e cioè Nicole Minetti, che si è offerta di prendere in affido la giovane e la coinquilina della minore. Vista la nuova situazione, viene contattato ancora il pm di turno, la quale - informata anche della segnalazione della parentela di Ruby - «disponeva comunque l'affido della minore a una comunità o la temporanea custodia della minore presso gli uffici della Questura».

Infine, è scritto ancora nella relazione, veniva di nuovo contattato il pm e «si raggiungeva il seguente accordo, e cioè bisognava avere la copia di un documento di identità della minore per poi poterla affidare alla Minetti e lasciarla andare».

Il documento o una sua copia, chiesto dal magistrato per verificare se la ragazza fosse o meno nipote di Mubarak, non venne però recuperato. La giovane venne quindi identificata in altro modo e, secondo quanto ribadito da fonti giudiziarie, Ruby venne affidata alla Minetti nonostante non ci fosse il consenso del pm Fiorillo.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Regione Sicilia, la segretaria d'oro Busta paga da 200.000 euro l'anno .


31 Ottobre 2010

Il caso-limite di una dipendente che lavora negli uffici del Pdl. La signora si porta a casa più di 190 mila euro lordi. Paga il gruppo, ma con i soldi dell'Assemblea

di ANTONIO FRASCHILLA

Regione Sicilia, la segretaria d'oro Busta paga da 200.000 euro l'anno

Può un dipendente di un gruppo parlamentare guadagnare più del deputato che assiste? All'Assemblea regionale sì. La mega busta paga da 190.306,60 euro lordi all'anno di una segretaria presto sarà sul tavolo del presidente Francesco Cascio che, dopo il buco da oltre 500 mila euro che si è registrato all'Udc per gli stipendi dei dipendenti e la richiesta da parte di quasi tutti gruppi di ripianare perdite per oltre un milione di euro, ha avviato un monitoraggio per conoscere nel dettaglio la spesa per i collaboratori.

E le sorprese non mancheranno perché tra i 78 assunti a tempo determinato (ai quali occorre aggiungere una quarantina di altri contratti a tempo) ci sono almeno sei buste paga che superano i 100 mila euro lordi all'anno. "Si tratta di privilegi che riguardano situazioni passate, vecchi contratti di persone vicine alla pensione, posso assicurare che queste cifre nei gruppi all'Ars non ci saranno più", dice il presidente dell'Ars che, dopo l'assunzione dei 78 avvenuta nel 2006 (e tra questi ci sono deputati stessi, figli di ex deputati, ex sindaci o assistenti attuali di ministri), esclude nuove assunzioni.

Di certo c'è che tra i dipendenti dei gruppi, personale che lavora al seguito di questo o quel deputato, c'è chi guadagna più di un onorevole. È il caso di una dipendente del Pdl, che costa al gruppo 190.306 euro all'anno. Ma come si arriva a questa cifra così elevata, visto che il contratto collettivo dei lavoratori dei gruppi prevede sì 15 mensilità, l'incremento del 10 per cento della busta paga ogni due anni e diverse indennità, ma non prevede certo queste cifre, dal momento che la paga media non supera i 50 mila euro lordi? Semplice: il rapporto tra dipendenti e gruppo è di natura privata e il capogruppo può, anche con elevata discrezionalità, riconoscere scatti, incrementi e premi. E il capogruppo che gli succede, per prassi, riconferma lo status quo. Così la dipendente in questione arriva a questa cifra grazie a una retribuzione ordinaria di 103 mila euro, alla quale occorre aggiungere tredicesima, quattordicesima e quindicesima (che sommate fanno 25.845 euro), 5 mila euro per festività, un altro scatto da 10 mila euro e poi contributi Inps, Inail e Tfr. Risultato? 190 mila euro, appunto.

E nell'area ex An ed ex Forza Italia questo non è l'unico caso: il gruppo Pdl si è trovato a pagare altri tre dipendenti con uno stipendio che varia da 103 mila euro a 142 mila euro lordi all'anno. Un caso analogo, di stipendio che tocca quota 100 mila c'è poi nel gruppo ex Udc e un secondo caso nel Pdl Sicilia. Se questi mega stipendi vengono sommati a quelli ordinari dei 78 stabilizzati e poi ai contratti fatti negli ultimi quattro anni dai vari gruppi, una cifra che oscilla dai 20 ai 40 stipendi, è chiaro che il sistema diventa economicamente insostenibile e tutti adesso bussano alla porta della presidenza dell'Ars per chiedere di avere ripianati i debiti: "Cercheremo di risolvere eventuali debiti per i lavoratori stabilizzati, ma non ci potranno essere più queste mega buste paga, anche se su contratti vigenti sarà difficile intervenire", dice Cascio che stoppa nuove assunzioni: "Ci sono una ventina di contratti a tempo storici, questo personale sarà assunto, ma non appena gli stabilizzati andranno in pensione". Nel 2006, infatti, la Presidenza ha dato via libera all'assunzione a tempo determinato tutti i lavoratori dei gruppi, 78 appunto: tra questi c'è il deputato nazionale Pippo Fallica, che risulta in aspettativa dal gruppo Pdl.

C'è poi il figlio dell'ex deputato Bartolo Pellegrino, Giuseppe o, ancora, l'ex sindaco di Terrasini, Antonio Randazzo e il capo della segreteria tecnica del ministro della Giustizia Angelino Alfano, Baldo Di Giovanni adesso in aspettativa. Tra i dipendenti dei gruppi, molti seguono infatti il deputato di riferimento, a volte anche senza mettersi in aspettativa. Comunque anche tra gli stessi dipendenti dei gruppi, c'è chi chiede maggiori regole: "Occorrerebbe rispettare quanto già accade al Senato, istituendo un ruolo unico a esaurimento per evitare che a ogni elezione, il nuovo capogruppo faccia contratti a piacere", dice Pietro Galluccio dipendente del gruppo Mpa.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Nucleare: accordo Vietnam con la Russia.


31 Ottobre 2010

Per costruire la prima centrale in Vietnam

(ANSA) - HANOI, 31 OTT - Vietnam e Russia hanno firmato un accordo ad Hanoi per costruire il primo impianto nucleare in Vietnam. L'intesa e' stata siglata alla presenza del presidente russo Dmitri Medvedev. Il contratto avrebbe un valore di circa 4 miliardi di euro.Lo sviluppo del nucleare in Vietnam e' la risposta al boom economico che porta una crescente domanda di energia.Hanoi ha programmato la costruzione di 2 impianti con 2 reattori di 1.000 megawatt ciascuno e spera di metterne in funzione almeno 1 entro il 2020.

Oriano Mattei : Pacchi bomba Usa:in azione uomo al Qaida.


31 Ottobre 2010

Sospetti sul giovane e super-ricercato Al Asiri in Yemen

(ANSA) - WASHINGTON, 31 OTT - Dietro i pacchi bomba spediti verso Chicago ci sarebbe un noto 'artificiere' saudita di Al Qaida in Yemen, Hassan Al Asiri. Lo riferisce la stampa americana citando fonti Usa. Il giovane, di 28 anni, compare nella lista dei terroristi piu' ricercati dall'Arabia saudita e -secondo il New York Times- i pacchi bomba appena intercettati rappresentano la prova che gli uomini di Al Qaida in Yemen stanno migliorando incessantemente la loro capacita' di colpire gli Stati Uniti in terra americana.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Ruby pensa al suo libro, parlero' di tutti.


31 Ottobre 2010

La giovane aspetta solo di compiere 18 anni. Il pm, era destinata a una comunita' protetta

GENOVA - Un libro come un diario, con un titolo forse suggerito, con un editore che deve ancora venire ma che promette di essere letto da tanti, soprattutto dai protagonisti. 'Il mio specchio', questo il titolo, è il diario di Ruby, storia di una vita così breve e così complicata, soprattutto intensa nel bene e nel male. Ruby, la ragazza immagine che ha conosciuto Berlusconi e che da lui è stata "aiutata", riempie le sue giornate di appunti, fogli che presto diventeranno libro. Non un istant book, ma un libro vero e proprio. La storia di Ruby.

In questo libro, dice, "parlerò di tutto e di tutti e dirò tutto di tutti. Parlerò della mia vita, delle persone che ho incontrato", le persone dalle quali è fuggita. Parlerà della sua famiglia, dunque, rimasta a Letojanni e della casa-famiglia di sant'Ilario, il 'Kinderheim' dove è stata mandata in affidamento temporaneo dal giudice di Milano. Ruby, che fino a ieri leggeva solo fumetti e guardava in tv Walker Texas ranger, il poliziotto senza macchia e senza paura che vince sempre contro tutti, inganna il tempo che passa scrivendo o dettando appunti, chiusa nella stanza di un residence nell'estrema periferia genovese.

Legge i giornali: è costretta a "leggere i giornali e la loro spazzatura. Io non ne capisco niente di giornali, ma quello che scrivono è solo spazzatura. Meglio i fumetti". Meglio scrivere un libro-diario che non sarà la semplice cronaca della vita di un'adolescente qualunque. "Scriverò di me e di cosa è successo - dice Ruby -, della mia infanzia e della strada, anche della casa-famiglia di Sant'Ilario e del magistrato Piero Forno", il procuratore aggiunto di Milano titolare, con il pm Sangermano, dell'inchiesta che coinvolge Ruby. Sciverà anche di Berlusconi, ha detto. Dell'amicizia con il premier. No, "Berlusconi non è un amico - specifica Ruby - è un conoscente, l'ho visto una volta sola. Io do una grande importanza all'amicizia, per me gli amici sono fondamentali". Comunque di lui parlerà, "certo che lo farò". Aspetta solo di avere 18 anni, la giovane marocchina "poi parlerò. Ma martedì, giorno del mio compleanno, lo voglio dedicare solo a me e ai miei amici". Una data importante, quella della maggiore età. "Importante per me e solo per me".


ORIANO MATTEI

sabato 30 ottobre 2010

Oriano Mattei : I mafiosi serbi di Nasa Stvar.

30 Ottobre 2010

Geopolitica delle Organizzazioni Criminali – Lo strapotere acquisito dalle organizzazioni criminali nell’influenzare le politiche degli Stati e gli interessi economici a livello globale delle “multinazionali” del crimine sono oramai certezze nell’epoca della globalizzazione. L’attenzione di questa rubrica è rivolta proprio ad approfondire fino in fondo questi aspetti, fondamentali per completare analisi di tipo socio-politico di un paese.

.

La notte del 12 ottobre, durante la partita Italia-Serbia valevole per le qualificazioni al campionato europeo di calcio 2012, gli ultras serbi hanno scatenato una serie di incidenti sia dentro che fuori lo stadio Luigi Ferraris di Genova. La partita è stata sospesa dall’arbitro dopo soli 7 minuti di gioco. Tutti noi ricordiamo il tifoso “mascherato” con un passamontagna, Ivan Bogdanov, mentre seduto sulla rete di recinzione davanti al settore occupato dai tifosi serbi urla,sbraita e incita i propri connazionali alla violenza. All’apparenza i disordini di Genova hanno tutta l’aria di avere le caratteristiche della violenza ultras, tristemente nota anche nel nostro paese. Ivan è il capo ultrà della Stella Rossa Belgrado, che insieme al Partizan sono le squadre più importanti della Serbia; è disoccupato e tifosi come lui in Serbia vengono chiamati delije, ovvero eroi. Fino a qui nulla di strano, dopo gli scontri la polizia italiana arresta circa una ventina di supporters serbi, tra cui Ivan.

.

La notte degli scontri sembra archiviata e si accinge a finire in un’ aula di tribunale. Nei giorni successivi l’autorevole giornale belgradese, “Politika”, pubblica una notizia clamorosa in prima pagina: due boss mafiosi serbi avrebbero pagato circa 200mila euro a decine di hooligans, per creare disordini durante la partita Italia-Serbia. I legami tra tifo organizzato e clan malavitosi serbi non sono una novità nel paese balcanico. Molti componenti della mafia serba, chiamata Naša Stvar, e dei gruppi ultrà di calcio provengono dalle unità paramilitari serbe, attive nei massacri durante la guerra nella ex-Jugoslavia nel 1991-1995. Il nazionalismo è il collante di questa alleanza. Željko Ražnatović ai più non dice niente, ma il suo nome di battaglia, conosciuto dal grande pubblico, è Tigre Arkan. Tra i capi della tifoseria della Stella Rossa, durante la guerra dei Balcani nei primi anni ’90, organizzò una Guardia Volontaria Serba con l’aiuto del ministero degli interni serbo.

.

Slobodan Milosevic, capo di stato e fautore del progetto nazionalistico della “Grande Serbia”, inviò l’unità di Arkan al confine tra Serbia e Croazia, dove commise una serie di sanguinosi massacri. Grazie ai saccheggi dei villaggi, al contrabbando di sigarette, armi e benzina Arkan divenne nel giro di pochi anni uno dei più temuti criminali serbi. Nazionalismo sfrenato, criminalità e tifo organizzato hanno formato nel corso degli anni una zona grigia capace di sostituirsi allo Stato. Il mafioso, l’ultrà di calcio e il paramilitare sono la stessa persona, agendo sotto diverse vesti perseguono obiettivi comuni.

.

In Serbia operano circa 30 gruppi mafiosi perlopiù concentrati nella capitale Belgrado ma ramificati anche in altre città come Novi Sad, Nis e Presevo. Ogni gruppo criminale ha una struttura piramidale e prende il nome dai rispettivi leader. Le principali attività criminali gestite dal crimine organizzato serbo sono i traffici di armi e di esseri umani, le estorsioni e il traffico di droga. La vicinanza della Serbia al Montenegro e al Kosovo, dove i controlli delle forze dell’ordine sono scarsi e la corruzione dilaga, permette ai clan di accrescere sempre di più il loro potere economico. Ad esempio secondo il quotidiano britannico “The Independent” il 40% dell’eroina, che giunge sul mercato europeo, proviene dal Kosovo.

.

Il Rapporto Annuale Antidroga del 2010 della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero degli Interni italiano afferma che la crescita del crimine serbo risale al periodo del dittatore Milosevic. I clan criminali, contando sull’appoggio di apparati dei servizi di sicurezza deviati , sono diventati sempre più ricchi e potenti. La struttura militare dei clan e la disponibilità di veri e propri arsenali di armi, eredità della guerra, sono i loro punti di forza. Negli ultimi anni, grazie all’aiuto della ‘ndrangheta calabrese, che può vantare eccellenti rapporti di amicizia con i cartelli della droga colombiani, i clan serbi sono entrati nel business mondiale della cocaina. Navi cariche di cocaina, provenienti dal Sudamerica e dalla Spagna, si dirigono nei porti della penisola balcanica, in particolare in quello di Bar in Montenegro. Da qui la droga viene esportata in Italia, passando attraverso il confine italo-sloveno, e nel resto d’Europa.

Le forze di sicurezza serbe dovranno combattere a lungo, non solo contro gli stessi mafiosi, ma anche contro le cellule corrotte che si annidano all’interno delle Istituzioni, le quali hanno chiuso i loro occhi per viltà e per la sete di facili guadagni. E’ compito, inoltre, delle istituzioni europee aumentare la pressione sulla Serbia, nelle trattative di adesione all’Unione Europea, per quanto riguarda la lotta alla mafia, condizione indispensabile per ripristinare la legalità nel paese.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : I piani dei boss della temuta mafia balcanica .

30 Ottobre 2010

Alla sbarra gli albanesi padroni del traffico di droga e armi diventati alleati della 'ndrangheta

Arcangelo Badolati

Cosenza: La mafia balcanica. Padrona d'inaccessibili vallate, "signora" dell'Adriatico, "regina" del narcotraffico e del commercio illegale di armi, "matrona" del meretricio. Una mafia incombente sull'Europa, raccontata da due monumentali inchieste condotte dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro: "Skhoder" e "Ligabue". Due inchieste coordinate dal procuratore Antonio Vincenzo Lombardo e dal pm anti 'ndrangheta Vincenzo Luberto, che approdano adesso davanti al Gup distrettuale. Il 17 e il 29 novembre, infatti, verranno discusse le posizioni di ottanta imputati di cui è stato sollecitato il rinvio a giudizio.
Il contesto processuale rivela l'humus sub-culturale entro cui i boss d'origine schipetara sono cresciuti. Con gang basate su rapporti parentali, sottogruppi costituiti da uomini provenienti dalla stessa cittadina, omertà da consumati mafiosi, determinazione e spietatezza pari solo a quelle mostrate dai "picciotti" della 'ndrangheta. Le consorterie criminali albanesi rappresentano oggi un pericolo serissimo per l'ordine e la sicurezza pubblica in tutta la Penisola. Un pericolo ancora più accentuato in Calabria dove – come dimostrano le inchieste citate – gli schipetari hanno installato stabili sedi logistico-operative. Le consorterie si finanziano con il traffico di droga e quello delle armi. Vendono eroina prodotta dai narcos turchi, afgani e curdi; marijuana e hashish coltivati nelle sperdute valli balcaniche dai kosovari e, quando capita, cocaina sudamericana fatta sbarcare nei porti greci. Le armi, invece, le commercializzano prelevandole direttamente dai vecchi arsenali dell'esercito di Henver Oxa, grazie alla corruttela che inquina il mondo militare nel Paese delle aquile.
Per far arrivare la "roba" in Italia sono capaci di tutto. Negli ultimi due anni una cantante famosa e una assistente della polizia penitenziaria sono state arruolate come "corriere" della droga. La prima, vera e propria celebrità nel Paese delle aquile, si chiama Liliana Kondakcj e comparirà davanti al Gup per rispondere di traffico internazionale di sostanze stupefacenti; l'altra, Fabrizia Germanese, è morta suicida l'estate dello scorso anno nel carcere di Castrovillari, dopo essere stata sorpresa dalla Mobile di Cosenza in possesso di un carico di marijuana che gli era stato affidato a Tirana. La sostanza stupefacente viene in genere "confezionata" a Durazzo, Valona, Tirana, Elbasan e Skhoder. Le ultime indagini condotte da Guardia di finanza, Polizia e Carabinieri dimostrano come la nostra regione e, in particolare, l'area della Sibaritide siano divenute una sorta di centro di smistamento dei carichi destinati alla Lombardia, Emilia Romagna, Campania, Veneto e Molise. Un centro efficiente e veloce, allestito dalla direzione strategico-militare degli schipetari che ha pure sancito con le cosche mafiose italiane un patto di non belligeranza. Gli albanesi, infatti, vendono agli uomini della 'ndrangheta droga e armi a basso costo e ricevono in cambio il "permesso" di gestire il racket della prostituzione. Il mercato del sesso è, infatti, un segmento produttivo lasciato libero da boss e picciotti che, storicamente, lo giudicano "infamante".
Prima del blitz "Skhoder" che ha portato, due anni addietro, all'emissione di 24 provvedimenti restrittivi da parte del gip distrettuale, Antonio Battaglia, era stata l'inchiesta "Harem" ad offrire uno spaccato inquietante sui legami esistenti tra le consorterie nostrane e quelle straniere. Legami basati su illeciti interessi.
I carabinieri del Ros individuarono, infatti, quattro cosche entrate per lungo tempo in affari fra loro: una sarebbe riconducibile a Naim Ahmed, tunisino d'origine ma con base logistico-operativa a Corigliano; la seconda guidata dall'albanese Dritan Negollari, con interessi nell'Alto Ionio cosentino e in tutta Italia; la terza riferibile a Gaetano Barilari, crotonese, in costante accordo con i narcotrafficanti schipetari; e la quarta dominata dallo schipetaro Finsik Smajlai, stabilmente operante sia in Calabria che nelle province di Brindisi e Bologna. Tutte e quattro i sodalizi mantenevano rapporti con le cosche della 'ndrangheta e della criminalità nomade.
Dalle intercettazioni eseguite dai carabinieri emersero particolari anche sull'uccisione di un ventitreenne albanese, Doruian Bena, avvenuta il 12 maggio del 2002, nel villaggio schipetaro di Ibc. Nei colloqui registrati uno degli interlocutori comunicava al "compare" che si trovava in Italia che «Bena è stato messo a terra». Ma non basta: sempre grazie alle intercettazioni proprio a Rossano vennero sequestrati 40 chilogrammi di marijuana, mentre a Bari, nel vano motore di un'autovettura diretta in Calabria, fu scoperta una pistola calibro 9 per 21 "Glock". A Fasano, invece, su una scogliera furono infine ritrovati cinque kalashnikov e 200 chili di "erba" destinati al Cosentino.
Dai porti di Valona e Durazzo – scoprirono i carabinieri – partivano barconi carichi di donne destinate al meretricio e, al loro seguito, gommoni gonfi di armi e droga. In caso di controlli, i trafficanti non esitavano a sacrificare l'equipaggio di disperati che navigava sul barcone, spedendolo a speronare le motovedette della Finanza o della Guardia costiera italiana. In tal modo consentivano ai gommoni di proseguire indisturbati sino alle coste pugliesi. Era questo l'aspetto più drammatico emerso dall'inchiesta. Pur di proteggere i "carichi", i malavitosi d'Oltreadriatico mandavano decine di persone alla morte...


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Enel Green Power: 1,6 euro ad azione.


30 Ottobre 2010

Enel ha fissato prezzo definitivo

(ANSA) - ROMA, 30 OTT - Enel, nell'ambito dell'offerta globale di vendita di azioni Enel Green Power, ha fissato il prezzo definitivo di offerta in misura pari a 1,6 euro per azione.

L'offerta ha generato una domanda di circa 1.780 milioni di titoli rispetto ai 1.415 milioni di azioni EGP oggetto dell'offerta globale. La domanda del pubblico in Italia e in Spagna ha registrato i 1.260 milioni di titoli da parte di 340 mila persone. Quella di investitori istituzionali e' risultata pari a circa 520 milioni.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Spreco cibo in Italia, in fumo 3% Pil.


30 Ottobre 2010

Rapporto, alimenti buttati sfamerebbero 44 milioni di persone

(ANSA)-BOLOGNA, 30 OTT- In Italia si produce troppo e si spreca ancora di piu': addirittura il 3% del Pil nazionale. E' quanto emerge dal 'Libro nero sullo spreco alimentare in Italia', lo studio a cura di Luca Falasconi e di Andrea Segre', presentato a Bologna. Nel dossier si stima che il cibo che si perde senza che arrivi sulle nostre tavole darebbe da mangiare a 44 milioni di persone. 'La sfida e' trovare un nuovo equilibrio tra quantita' e qualita', e che quest'ultima sia garantita a tutti', ha spiegato Segre'.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Edilizia: Saie chiude con +1% visitatori.


30 Ottobre 2010

In rassegna 1.500 espositori di cui 302 stranieri

(ANSA) - BOLOGNA, 30 OTT - E' positivo il segnale emerso dal Saie 2010, il salone internazione dell'edilizia che si e' tenuto alla fiera di Bologna da mercoledi' a oggi. Alla chiusura, questa 46/a edizione ha registrato un +1% di visitatori professionali (oltre 168.000) e la riconferma del numero di operatori esteri in visita all'evento (oltre 6.800). In rassegna le 1.500 aziende espositrici (302 straniere) hanno presentato le loro soluzioni piu' innovative agli operatori professionali provenienti da tutto il mondo.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Scioperi: novembre nero nei trasporti.


30 Ottobre 2010

Il 18 e 19 stop Fs e trasporto pubblico locale

(ANSA) - ROMA, 30 OTT - Sara' un novembre difficile per chi viaggia. Il 15 novembre scioperera' per 8 ore (10-18) il personale di terra Alitalia-Cai. Il 18 e il 19 novembre tocchera' ai treni e al trasporto pubblico locale. A fermarsi per primo e per 24 ore sara' il personale del trasporto e degli appalti delle Ferrovie dello Stato. Lo sciopero iniziera' alle 21 del 18 novembre e si concludera' alla stessa ora del 19.

Giornata di passione, il 19, anche nelle citta' per lo stop di 24 ore del trasporto pubblico locale


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Rifiuti, ancora tensioni: blocchi a Taverna del Re.


30 Ottobre 2010

Manifestanti tentano di impedire l'accesso degli autocompattatori nel sito di stoccaggio

GIUGLIANO (NAPOLI) - Nuovi momenti di tensione tra forze dell'ordine e manifestanti che hanno cercato di impedire l'accesso degli autocompattatori all'interno del sito di stoccaggio di Taverna del Re a Giugliano (Napoli). Alcuni manifestanti si sono posizionati davanti ai camion rallentandone l'accesso. La polizia sta cercando di 'contenerli'.

Sono ripresi all'alba gli sversamenti all'interno del sito di stoccaggio delle ecoballe di Taverna del Re, alla periferia di Giugliano (Napoli). All'interno dell'impianto sono entrate una decina di autocompattatori provenienti dalla città di Napoli. I rifiuti al momento vengono stoccati su una piazzola, destinata in passato ad accogliere gli ingombranti. Dinnanzi al sito resta attivo il presidio dei manifestanti. Il sito è stato riaperto a seguito di un'ordinanza del presidente della Provincia Luigi Cesaro e dovrebbe accogliere oltre diecimila tonnellate di rifiuti 'tal quale'. A scatenare la rivolta è stato il fatto che c'era un preciso impegno sancito in passato che il sito, che accoglie oltre 6 milioni di tonnellate di spazzatura, non avrebbe più riaperto i cancelli. E ancora: l'accesso è al momento consentito solo ai mezzi provenienti dalla città di Napoli, mentre alcuni comuni della provincia, fra cui Giugliano, continuano ad affogare nei rifiuti.

Notte di confronto al presidio della rotonda di via Panoramica, la strada di accesso alla discarica di Terzigno (Napoli). I manifestanti sono rimasti per ore a discutere dei contenuti dell'accordo sottoscritto ieri sera in Prefettura a Napoli tra il premier Silvio Berlusconi e i sindaci dei comuni vesuviani. L'ala più intransigente non condivide, tra gli altri punti, in particolare quello che riguarda la discarica Sari la cui attività è stata temporaneamente sospesa dopo i miasmi che per mesi hanno ammorbato le popolazioni dei territori vesuviani - anche stanotte l'aria è stata invasa dal cattivo odore - e per la necessità di effettuare controlli ambientali nella cava.

Gli ultimi dati disponibili, a maggio 2009, avevano evidenziato la presenza di una serie di elementi inquinanti. Per i comitati, in particolare, non è stato ottenuto un risultato centrale della battaglia: la non riapertura della discarica Sari. La cava, infatti, dopo la chiusura a tempo determinato per l'effettuazione delle analisi necessarie, i controlli nell'aria, gli interventi per l'eliminazione dei cattivi odori e del percolato, accoglierà, secondo l'intesa firmata ieri, solo la frazione secca dei rifiuti provenienti dai 18 comuni dell'area vesuviana. I manifestanti del presidio non sono d'accordo e confermano per oggi pomeriggio una mobilitazione, che prevede l'arrivo alla rotonda di via Panoramica di quattro cortei provenienti dalle diverse città del Vesuviano.
MOVIMENTO VESUVIANO, MOBILITAZIONE RESTA - ''Non possiamo fermare la mobilitazione fino a risultati concreti e davvero rispettosi del bene pubblico''. E' quanto sostiene il Movimento per la difesa del territorio dell'area vesuviana in un documento in merito all'accordo tra il premier Silvio Berlusconi e i sindaci dell'area vesuviana. ''Noi - sottolinea il movimento - vogliamo che l'esclusione della discarica dalla cava Vitiello diventi legge senza se e senza ma ma pretendiamo anche il blocco immediato e la bonifica della discarica in cava Sari''. Secondo il movimento ''esistono gia' analisi sulle falde acquifere della zona della cava fatte dalle autorita' sanitarie che dicono che sotto quello sversatoio pluridecennale le acque sono perfino piu' inquinate che il percolato stesso della discarica''. Quindi ''nessun sindaco puo' prendere impegni a nome nostro sull'interruzione della lotta''. Oggi confermata la manifestazione per ottenere anche ''un piano rifiuti radicalmente alternativo al ciclo discariche-inceneritori''. Sulla rotonda Panoramica, strada di accesso alla discarica di Terzigno, ''in questo momento non si festeggia per niente. Pur prendendo atto che la mobilitazione della gente ha costretto questo governo ad un passo indietro, seppur verbale, la nostra mobilitazione non si fermera' di certo''. L'appuntamento ai manifestanti e' alle 17 per i cortei che dai vari comuni vesuviani raggiungeranno poi la rotonda. All'iniziativa ha dato la sua adesione nelle ultime ore anche la rete dei gruppi locali del popolo viola.

dell'inviata Alessandra Chini

NAPOLI - Il premier Silvio Berlusconi torna a Napoli il giorno dopo aver detto che entro 10 giorni il nodo dell'emergenza rifiuti sarebbe stato risolto. E, dopo una riunione fiume con i sindaci del vesuviano, ottiene la firma ad un accordo che prevede, tra l'altro, lo stop alle proteste. Tra i capisaldi dell'intesa raggiunta c'é la cancellazione, con una legge che sarà presentata entro la prossima settimana, e approvata probabilmente con la corsia preferenziale della legislativa, per cancellare la previsione dell'apertura di una discarica nel sito di cava Vitiello come chiesto dai primi cittadini campani. Non si darà corso neanche all'apertura della discarica di Valle della Masseria, a Serre.

Altro punto chiave dell'accordo è quello riguardante il sito di cava Sari dove verranno sversati solo i rifiuti dei 18 comuni del vesuviano e in questo modo, assicura Berlusconi, si tratterà "solo di rifiuti non producenti percolato e miasmi". Il premier arriva a Napoli direttamente da Bruxelles e prima di recarsi alla riunione in prefettura trova il tempo di fare un passaggio a Portici per andare a visitare la famiglia di un operaio dell'azienda Asia morto domenica sul lavoro. Berlusconi arriva alla prefettura in piazza del Plebiscito intorno alle 18,30 e ad attenderlo ci sono i sindaci dell'area coinvolta dall'emergenza rifiuti, il capo della Protezione civile Guido Bertolaso, il presidente della Regione Stefano Caldoro, quello della Provincia Luigi Cesaro, il questore e il prefetto.

Dopo circa 2 ore di riunione trapela la notizia che si starebbe lavorando ad un documento e sarebbe, dunque, pronta un'intesa. In una pausa dei lavori il Cavaliere riceve anche le 'mamme vulcaniche', considerate le 'passionarie' della protesta sui rifiuti. Sono loro che, lasciando la prefettura annunciano che, di fatto, è pronto un accordo che prevede, tra l'altro, la cancellazione dalla legge della prevista discarica a cava Vitiello. Dopo un'altra mezz'ora viene convocata una conferenza stampa nella quale il premier annuncia che è stata trovata una soluzione.

Berlusconi legge punto per punto i termini dell'intesa e la notizia della cancellazione del sito di cava Vitiello viene accolta da un applauso di tutti i sindaci presenti. Sindaci, sottolinea Berlusconi, con i quali si è riusciti "a venire a capo" della situazione e per questo, aggiunge, "c'é tanta soddisfazione" anche perché, tra l'altro, nel dibattito "non ci sono state divisioni politiche". Il premier, tra l'altro, fa sapere che avrebbe voluto 'festeggiare' l'accordo raggiunto andando domani a Terzigno dove era prevista una manifestazione sui rifiuti che, dicono le 'mamme vulcaniche', "a questo punto verrà trasformata in una festa". Ma, spiega ancora Berlusconi, su consiglio dei sindaci ci sarà 'solo' un messaggio ai manifestanti. A questo punto la situazione, come assicurato dal Cavaliere all'inizio della conferenza stampa, "ha trovato una soluzione".


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Gli Usa danno il voto alla politica di Obama.


30 Ottobre 2010


NEW YORK - La minaccia terroristica piomba sulle elezioni di Midterm ma non cambia i piani del presidente. Barack Obama percorre quattro stati in due giorni a sostegno dei democratici e per cercare di rassicurare gli americani preoccupati da Al Qaida e dallo stato dell'economia, che resta fragile nonostante gli aiuti iniettati. "E' un'elezione difficile", ammette Obama alla Temple University di Philadelphia, invitando i giovani a scendere in strada e a catturare il maggior numero possibile di voti fra i democratici così da respingere gli sforzi repubblicani per conquistare la Camera e il Senato.

L'allarme terrorismo scattato nelle ultime ore, dopo la scoperta di pacchi bomba diretti a Chicago, la città del presidente dove lo stesso Obama si recherà in serata, rischia di incidere sull'andamento del voto, e costringe l'amministrazione a camminare su un filo di lana, sia sul fronte politico e sia su quello di sicurezza nazionale. Memore delle critiche che gli sono piovute addosso dopo il fallito tentativo di attentato dello scorso dicembre, Obama vuole comunque evitare di capitalizzare la minaccia terroristica per accaparrarsi un numero maggiore di voti, come aveva fatto George W. Bush nel 2006. La Casa Bianca spiega infatti come la rapida reazione di Obama alla minaccia terroristica delle ultime ore non abbia nulla a che fare con la politica. Secondo gli osservatori, se da un lato l'allarme potrebbe spingere gli americani a stringersi intorno al presidente e a sostenerlo, dall'altro va considerato che i democratici vengono ritenuti meno credibili ed esperti in tema di difesa nazionale.

L'allarme, che ha fatto rafforzare i controlli di sicurezza negli aeroporti, quindi rischia di incidere in modo forte sulle votazioni. Una carta, questa, che i repubblicani potrebbero giocarsi nelle ultime ore di campagna per cercare di assumere il controllo del Congresso. La prospettiva della conquista della Camera da parte del partito repubblicano sta già spingendo la Casa Bianca a riorientare la propria politica su un tema di acceso scontro fra i due partiti quali quello delle tasse. Secondo le indiscrezioni riportate dal Washington Post, con i repubblicani che sembrano guadagnare terreno, la Casa Bianca ripensa la propria strategia e si fa strada l'ipotesi di un compromesso sul fisco, basato su sgravi fiscali permanenti per coloro che guadagnano meno di 250.000 dollari l'anno e una temporanea estensione dei tagli delle tasse per i più abbienti.

L'estensione degli sgravi ai ricchi e a coloro che guadagnano meno di 250.000 dollari l'anno si tradurrà, nel prossimo decennio, in ulteriori 4.000 miliardi di dollari di deficit per gli Stati Uniti. Il tema delle tasse sarà al centro dell'esame del Congresso una volta terminate le elezioni di medio termine: se il Congresso non deciderà come procedere entro dicembre, virtualmente ogni contribuente americano vedrà aumentare le proprie tasse da gennaio. L'immediato dopo voto sarà di sicuro dominato dall'economia: la Fed renderà noto mercoledì, il giorno dopo l'Election Day, il nuovo round di aiuti alla ripresa da alcune centinaia di miliardi di dollari. L'economia americana resta fragile, il Pil del terzo trimestre è salito del 2%, non abbastanza da ridurre significativamente il tasso di disoccupazione.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Marcegaglia, Paese fermo: iniziativa governo non c'è.


30 Ottobre 2010

"Riprendere il senso delle istituzioni, uscire dalla paralisi, altrimenti l'Italia non ce la farà"

CAPRI (NAPOLI) - ''Il Paese e' in preda alla paralisi e l'iniziativa del governo non c'e', in un momento difficilissimo dell'economia''. Lo dice la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, che chiede alla politica ''di riprendere il senso delle istituzioni, uscire dalla paralisi, altrimenti l'Italia non ce la fara'''.

Marcegaglia, che commenta gli ultimi scandali chiedendo alla politica di "ritrovare il senso della dignità delle istituzioni", chiede anche di riprendere "l'agenda delle riforme vere per ridare crescita e occupazione al Paese". Secondo Marcegaglia, tuttavia, "Confindustria non dice che la responsabilità è del presidente del Consiglio. Bisogna - chiarisce - che la politica nel suo complesso reagisca".

"Continuo a pensare che andare a votare in questa situazione è molto complicato. Resto dell'idea che non si debba andare alle elezioni, perché ad aprile c'é il piano di crescita e competitività da approvare in Europa. Abbiamo bisogno di serietà e che si facciano le cose per il Paese". Lo ha detto Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, a Capri per il convegno dei giovani industriali.

FIAT: "SONO D'ACCORDO CON MARCHIONNE" - Rispetto alle ultime denunce dell'amministratore delegato della Fiat, Confindustria é "chiaramente a supporto della Fiat". Lo ha detto la presidente di Viale dell'Astronomia, Emma Marcegaglia, a Capri con i giovani imprenditori. "Quel che sta facendo Marchionne è riportare l'attenzione sui problemi di competitività delle imprese" ha spiegato poi, sottolineando come "il Paese deve andare avanti e trovare soluzioni. Io - ha concluso - sono d'accordo con Marchionne ma é anche vero che ci sono tante imprese che continuano, a ragione, ad investire in Italia".
''Non pensiamo che la Fiat voglia lasciare l'Italia'', ha spiegato Marcegaglia, aggiungendo che quelle poste dall'Ad di Fiat sono questioni che interessano la totalita' delle imprese. Oltre a problemi di competitivita', Marchionne pone infatti anche il tema del ''governo degli stabilimenti, per il quale cercheremo di evitare che ci siano rotture con i sindacati, ma che va affrontato. La questione l'abbiamo affrontata anche al tavolo delle parti sociali e intanto bisogna andare avanti anche sull'assenteismo 'malato', per il quale bisogna trovare una soluzione''. Secondo Marcegaglia, in ogni caso, se e' vero che le imprese ''hanno tutte gli stessi problemi'', e' pur vero che continuano ad investire in Italia ''anche con molte difficolta'''.

FISCO: "BISOGNA ASSOLUTAMENTE FARE RIFORMA" - ''La riforma fiscale bisogna assolutamente farla''. Lo ripete la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, a Capri per intervenire al convegno dei giovani imprenditori. Secondo
Marcegaglia, infatti, ''bisogna tagliare la spesa pubblica, fare la lotta all'evasione e trovare risorse per ridurre le tasse al lavoro e alle imprese''.

''Una nuova ondata di fango lambisce la credibilita' delle istituzioni e del governo''. Lo ha detto il presidente di Confindustria Emma
Marcegaglia parlando ai giovani imprenditori e ripetendo che questo Paese ''deve tornare ad avere il senso delle Istituzioni dello Stato''. ''Per noi che facciamo impresa - ha aggiunto - e' piuttosto squallido che molti deputati pensino al loro futuro, ad andare di qua e di la', piuttosto che all'oggi del Paese, al bene del Paese''.

"INDIGNA TENORE DIBATTITO POLITICO ATTUALE" - ''Per non perdere posizioni competitive il Paese non deve perdere il senso di se' e in questo momento il rischio mi sembra forte. Se ogni giorno il dibattito politico viene travolto da questioni che nulla hanno a che fare con un'agenda seria, noi ci arrabbiamo e ci indigniamo''. Lo ha detto il presidente di Confindustria in occasione del suo intervento all'assemblea dei giovani imprenditori a Capri.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Pacchi bomba Usa, emerge ventre molle sicurezza.


30 Ottobre 2010

Esperti, per ispezioni servono nuove tecnologie

NEW YORK - Non bastano più le lunghe file ai metal detector, i body scanner (dove ci sono), le fastidiose restrizioni al trasporto in cabina di liquidi: il trasporto aereo si scopre oggi più vulnerabile, stavolta non sui voli passeggeri, ma nel comparto cargo, i cui aerei sembrano improvvisamente essere diventati ignari corrieri di ordigni. Nonostante l'aumento delle misure di sicurezza per passeggeri e bagagli dopo l'11 settembre 2001 - scrive il New York Times - i pacchi, soprattutto quelli trasportati su voli unicamente cargo sono soggetti a controlli decisamente più blandi e, secondo esperti del settore, l'allarme delle ultime ore sembra suggerire che i terroristi ritengano questi aerei più adatti ai loro obiettivi perché non sottoposti a controlli stringenti come avviene per i voli passeggeri.

"Il 100% dei controlli è riservato solo ai voli passeggeri che trasportano anche merci" spiega Steve Lord, responsabile per la sicurezza presso il Government Accountability Office, organismo americano che sovrintende all'uso del denaro pubblico. Controlli più stringenti su tutti i pacchi - secondo alcuni addetti del settore - farebbero aumentare i costi per il trasporto merci, che diverrebbero insostenibili. FedEx e Ups non forniscono dettagli sulle loro pratiche di controllo, limitandosi a dire che le procedure adottate vanno al di là di quanto previsto dalla legge. "E' la prima volta che un gruppo terroristico usa una compagnia di spedizioni americana per trasportare pacchi contenenti esplosivi e detonatori - dice dal canto suo Jean-Charles Brisard, esperto di antiterrorismo francese. Al Qaida nella Penisola Arabica è il gruppo più innovativo in termini di tecnologia e di propaganda".

E ricorda l'esempio del giovane nigeriano Umar Farouk Abdulmutallab, che nel 2009 tentò - ma fu bloccato - di far saltare in aria il volo 253 della Northwest Airlines Amsterdam-Detroit usando la pentrite (Petn) lo stesso esplosivo scoperto ora nei pacchi. Il nigeriano lo aveva nascosto nelle mutande. Chris Yates, esperto di Janés Aviation, dice citato dai media GB che l'uso degli aerei per il trasporto merci "è stato sempre visto come il tallone d'Achille del traffico aereo... è molto difficile esaminare a fondo i container di grande taglia, con le tecnologie che abbiamo attualmente a disposizione". La pentrite, aggiunge Mustafa Alani, direttore dell'istituto Gulf Research di Dubai, "è particolarmente difficile da rilevare. Il pacco è stato ispezionato in Yemen dalla compagnia FedEx, che come la Ups possiede i propri sistemi di rilvamento di materiali sospetti; poi all'aeroporto di Sanaa. Non si può quindi dare la colpa alla compagnia aerea nè alle autorità dell'aeroporto".


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Portogallo, accordo su finanziaria.


30 Ottobre 2010

Piano austerity prevede riduzione deficit pubblico al 4,6%

(ANSA) - NEW YORK, 30 OTT - Accordo raggiunto sulla finanziaria 2011 in Portogallo. Il governo socialista e l'opposizione del centro destra hanno raggiunto un'intesa sul piano d'austerity per il bilancio del prossimo anno. Lo riporta l'Afp. 'C'e' un accordo che sara' formalizzato nelle prossime ore al Parlamento' spiega Rui Baptista, portavoce del partito socialdemocratico. Il piano di austerity prevede una riduzione del deficit pubblico al 4,6%.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Stampa,Chrysler cerca fondi in vista ipo.


30 Ottobre 2010

Casa automobilistica Usa ha debiti per 7,4 mld dlr

(ANSA) - ROMA, 30 OTT - Chrysler avrebbe contattato alcune banche per valutare un possibile prestito in vista dell'ipo del prossimo anno. L'azienda avrebbe contatto negli ultimi mesi alcuni istituti di credito. La casa automobilistica americana controllata da Fiat ha ancora debiti aperti per 7,4 miliardi di dollari con il Tesoro statunitense e il governo canadese. L'ad Sergio Marchionne ha sempre detto che quando saranno estinti questi debiti, la Fiat potra' arrivare a detenere il 51% della societa'.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Bancarotta pilotata Metro-Goldwyn Mayer, ok a riorganizzazione.

30 Ottobre 2010

Creditori approvano piano a grande maggioranza

NEW YORK - Via libera alla ristrutturazione di Metro-Goldwyn Mayer: gli studios titolari di James Bond faranno ricorso alla bancarotta pilotata per ridurre il proprio debito. I creditori del 'Leone Ruggente' hanno approvato il piano di riorganizzazione che, oltre al ricorso al Chapter 11, prevede che i fondatori di Spyglass Entertainment, Gary Barber e Roger Birnbaum, sia i co-amministratori delegati della societa'. Il piano e' stato approvato ''a maggioranza schiacciante'' precisa Mgm in una nota, impegnandosi ad attuare il progetto di riorganizzazione rapidamente, senza comunque fornire indicazioni temporali dettagliate. Secondo indiscrezioni Mgm potrebbe fare ricorso al Chapter 11 gia' entro domenica ma non e' escluso - riporta il Wall Street Journal - uno slittamento.

I maggiori creditori di Mgm, guidati da JPMorgan Chase e dagli hedge fund Anchorage Advisors e Highland Capital Management, hanno respinto il tentativo dell'investitore miliardario Carl Icahn difar naufragare il piano di riorganizzazione che prevede il coinvolgimento di Spyglass. Icahn premeva infatti per un matrimonio fra Mgm e Lions Gate, di cui e' il maggiore azionista: un progetto che perseguiva offrendosi di acquistare il debito detenuto dagli altri creditori. Lions Gate ha avviato - aggiunge il Wall Street Journal - un'azione legale nei confronti di Icahn, accusandolo di aver parlato apertamente dell'idea di una fusione fra le due societa' solo per aumentare la propria quota di debito in Mgm per poi stringere l'accordo a lui piu' favorevole.

Alla fine - riporta la stampa americana - Icahn si sarebbe convinto a appoggiare il piano di bancarotta dopo aver spuntato un accordo, secondo il quale la cine-libreria di Spyglass non sara' fusa con quella di Mgm. L'intesa raggiunta prevede inoltre che i creditori possano negoziare con Lions Gate una possibile fusione, anche se - osserva il Wall Street Journal - ogni eventuale accordo potrebbe essere stretto dopo la bancarotta pilotata.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Indonesia: nuova eruzione del Merapi.


30 Ottobre 2010

Dopo il sisma e il successivo tsunami di lunedì scorso continua ad aggravarsi il bilancio della catastrofe. Intanto il vulcano Merapi erutta anche lava

HARGOBINANGUN (INDONESIA) - Il vulcano indonesiano Merapi, che martedì scorso ha causato la morte di 34 persone, ha ripreso nuovamente l'eruzione la notte scorsa provocando la fuga di migliaia di persone spaventate dalla potenza delle esplosioni che hanno lanciato ceneri incandescenti a circa una ventina di km dal cratere.

L'eruzione del vulcano è una delle due catastrofi naturali che hanno colpito l'Indonesia, dopo il terremoto e il conseguente tsunami che la settimana scorsa ha causato la morte di almeno 451 persone, secondo un nuovo bilancio ufficiale.

A più di 1.000 km di distanza dal vulcano, le autorità continuano ad incontrare difficoltà - soprattutto per il maltempo - a portare i soccorsi ai sopravvissuti dello tsunami che ha colpito l'arcipelago di Mentawi, nell'Oceano Indiano.

Circa 135 persone considerate disperse dopo lo tsunami che ha colpito l'Indonesia cinque giorni fa sono state ritrovate sane e salve sulle colline della zona colpita. ''I soccorritori hanno trovato parte dei dispersi sulle colline dell'isola di Pagai del Nord'', ha detto Agus Prayitno, uno dei responsabili dei soccorsi, aggiungendo che il bilancio dei dispersi passa cosi' da 298 a 163. Il potente tsunami seguito al terremoto di lunedi' ha provocato la morte di almeno 413 persone.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Berlusconi, nessuno mi fa cambiare stile di vita.


30 Ottobre 2010

Così Berlusconi parlando di Ruby. Famiglia Cristiana, malattia premier fa tristezza e pietà

BRUXELLES - "Su quanto avviene a casa mia non devo chiarire niente perché da me entrano solo persone che si comportano bene". Lo ha detto Silvio Berlusconi rispondendo alle domande dei giornalisti sul caso Ruby al termine del Consiglio europeo. "Nessuno può farmi cambiare stile di vita". Berlusconi conferma di aver inviato Nicole Minetti, l'ex igienista dentale ora consigliere regionale in Lombardia, presso la Questura di Milano per aiutare Ruby, la ragazza marocchina coinvolta nell'inchiesta di Milano. "E' stata mandata da me per dare aiuto a una persona che poteva essere consegnata non ad una comuntà o alle carceri che non è una bella cosa, ma data in affidamento. Avendo un quadro di vita tragico, l'ho aiutata", ha detto il premier parlando con i cronisti a Bruxelles. Ma, aggiunge in riferimento a quanto scritto oggi da alcuni quotidiani, "non ho regalato auto o altro". "Sono una persona giocosa - ha aggiunto - amo la vita e amo le donne".

RELAZIONE QUESTORE A MARONI,RISPETTATE PROCEDURE - In una relazione esplicativa del questore di Milano, trasmessa al ministro dell'Interno Roberto Maroni attraverso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, emerge che in occasione dell'accompagnamento di Ruby negli uffici di polizia il 27 maggio scorso sono "state eseguite tutte le ordinarie procedure previste dal protocollo per i casi di rintraccio di persona minorenne". Lo si apprende da fonti del Viminale secondo le quali l'affidamento al consigliere regionale Nicole Minetti venne deciso "solo dopo che la Questura ebbe accertata la mancanza di posti presso le comunità della zona, dopo l'autorizzazione del magistrato competente e con il consenso della giovane marocchina"

F.CRISTIANA, MALATTIA PREMIER FA TRISTEZZA E PIETA'- Veronica Lario "lo aveva già segnalato", Berlusconi ha "una malattia, qualcosa di incontrollabile" ed è "incredibile che un uomo di simile livello non abbia il necessario autocontrollo. E che il suo entourage stia a guardare". Lo afferma il settimanale Famiglia Cristiana in un commento pubblicato sul suo sito. Tra le reazioni all'ultima "bufera" - scrive - "ne manca una che faticheremmo a definire, qualcosa che sta fra la tristezza civile e la pietà umana". "Non assistiamo soltanto a una tegola sulla testa del Berlusconi politico, primo ministro in carica e aspirante al Quirinale", afferma Famiglia Cristiana, "né stavolta si può parlare di complotto giudiziario, o tanto meno poliziesco". "Il fatto è - aggiunge - che esistono testimonianze, alcune opinabili ma altre, ahimè, documentate, che creano un duplice ordine di problemi". L'ultima vicenda avrebbe ulteriormente minato "la credibilità, meglio ancora la dignità, dell'uomo che governa il Paese; i riflessi sulla vita nazionale e sui rapporti con l'estero; l'esempio che dall'alto viene trasmesso ai normali cittadini. I quali non si sognano né trasgressioni né festini, ma da oggi dovranno abituarsi alle variazioni pecorecce sul 'bunga bunga'". E, oltre all'aspetto politico, il settimanale cattolico si allarma su quello umano. "L'altro problema, da valutare come se Berlusconi fosse un tizio qualunque, è la condizione che già la moglie, Veronica Lario, aveva pubblicamente segnalato. Uno stato di malattia, qualcosa di incontrollabile anche perchè consentito, anzi incoraggiato, dal potere e da enormi disponibilità di denaro". "Incredibile che un uomo di simile livello e responsabilità non disponga del necessario autocontrollo - afferma l'articolo - . E che il suo entourage stia a guardare". Tra le tante reazioni alla vicenda - tra "chi tende a ingigantire e chi tenta di argineare" - il periodico dei Paolini sottolinea come "la stampa di destra" faccia "titoloni su tutta la prima pagina". "Per una vicenda che si voleva sopire - aggiunge - strana tecnica. E siamo solo all'inizio. Come sa chi ha un minimo di esperienza sul gossip e le sue diramazioni, aspettiamoci il peggio".

FRANCESCHINI,SFIDUCIA? NO,MA PUNTIAMO A CADUTA GOVERNO - "Noi abbiamo il dovere di chiudere il più possibile in fretta la pagina del berlusconismo. La telefonata alla questura di Milano configura un reato grande come una casa e in qualsiasi paese del mondo avrebbe già portato alle dimissioni del premier. Adesso non ci interessa un applauso ad una nostra azione parlamentare, ma molto più concretamente la fine del governo Berlusconi". Così Dario Franceschini ha risposto al telefono alla domanda se il gruppo del Pd presenterà una mozione di sfiducia a Berlusconi sul caso Ruby.

ENRICO LETTA: SE FATTI CONFERMATI BERLUSCONI SI DIMETTA - "Quello che è emerso è molto grave. E se quei fatti sono confermati penso che non ci sia altra strada che le dimissioni del Presidente del Consiglio. In particolare mi riferisco alla pressioni esercitate dal premier sulla Questura milanese. Al di là di ragionamenti moralistici che comunque mi sento di fare, penso che i comportamenti disdicevoli del Presidente del Consiglio rappresentino un modo per calpestare l'etica pubblica". Lo ha detto Enrico Letta, parlando a Rosarno.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Rifiuti, ancora tensioni: blocchi a Taverna del Re.


30 Ottobre 2010

Manifestanti tentano di impedire l'accesso degli autocompattatori nel sito di stoccaggio

GIUGLIANO (NAPOLI) - Nuovi momenti di tensione tra forze dell'ordine e manifestanti che hanno cercato di impedire l'accesso degli autocompattatori all'interno del sito di stoccaggio di Taverna del Re a Giugliano (Napoli). Alcuni manifestanti si sono posizionati davanti ai camion rallentandone l'accesso. La polizia sta cercando di 'contenerli'.

Sono ripresi all'alba gli sversamenti all'interno del sito di stoccaggio delle ecoballe di Taverna del Re, alla periferia di Giugliano (Napoli). All'interno dell'impianto sono entrate una decina di autocompattatori provenienti dalla città di Napoli. I rifiuti al momento vengono stoccati su una piazzola, destinata in passato ad accogliere gli ingombranti. Dinnanzi al sito resta attivo il presidio dei manifestanti. Il sito è stato riaperto a seguito di un'ordinanza del presidente della Provincia Luigi Cesaro e dovrebbe accogliere oltre diecimila tonnellate di rifiuti 'tal quale'. A scatenare la rivolta è stato il fatto che c'era un preciso impegno sancito in passato che il sito, che accoglie oltre 6 milioni di tonnellate di spazzatura, non avrebbe più riaperto i cancelli. E ancora: l'accesso è al momento consentito solo ai mezzi provenienti dalla città di Napoli, mentre alcuni comuni della provincia, fra cui Giugliano, continuano ad affogare nei rifiuti.

Notte di confronto al presidio della rotonda di via Panoramica, la strada di accesso alla discarica di Terzigno (Napoli). I manifestanti sono rimasti per ore a discutere dei contenuti dell'accordo sottoscritto ieri sera in Prefettura a Napoli tra il premier Silvio Berlusconi e i sindaci dei comuni vesuviani. L'ala più intransigente non condivide, tra gli altri punti, in particolare quello che riguarda la discarica Sari la cui attività è stata temporaneamente sospesa dopo i miasmi che per mesi hanno ammorbato le popolazioni dei territori vesuviani - anche stanotte l'aria è stata invasa dal cattivo odore - e per la necessità di effettuare controlli ambientali nella cava.

Gli ultimi dati disponibili, a maggio 2009, avevano evidenziato la presenza di una serie di elementi inquinanti. Per i comitati, in particolare, non è stato ottenuto un risultato centrale della battaglia: la non riapertura della discarica Sari. La cava, infatti, dopo la chiusura a tempo determinato per l'effettuazione delle analisi necessarie, i controlli nell'aria, gli interventi per l'eliminazione dei cattivi odori e del percolato, accoglierà, secondo l'intesa firmata ieri, solo la frazione secca dei rifiuti provenienti dai 18 comuni dell'area vesuviana. I manifestanti del presidio non sono d'accordo e confermano per oggi pomeriggio una mobilitazione, che prevede l'arrivo alla rotonda di via Panoramica di quattro cortei provenienti dalle diverse città del Vesuviano.
MOVIMENTO VESUVIANO, MOBILITAZIONE RESTA - ''Non possiamo fermare la mobilitazione fino a risultati concreti e davvero rispettosi del bene pubblico''. E' quanto sostiene il Movimento per la difesa del territorio dell'area vesuviana in un documento in merito all'accordo tra il premier Silvio Berlusconi e i sindaci dell'area vesuviana. ''Noi - sottolinea il movimento - vogliamo che l'esclusione della discarica dalla cava Vitiello diventi legge senza se e senza ma ma pretendiamo anche il blocco immediato e la bonifica della discarica in cava Sari''. Secondo il movimento ''esistono gia' analisi sulle falde acquifere della zona della cava fatte dalle autorita' sanitarie che dicono che sotto quello sversatoio pluridecennale le acque sono perfino piu' inquinate che il percolato stesso della discarica''. Quindi ''nessun sindaco puo' prendere impegni a nome nostro sull'interruzione della lotta''. Oggi confermata la manifestazione per ottenere anche ''un piano rifiuti radicalmente alternativo al ciclo discariche-inceneritori''. Sulla rotonda Panoramica, strada di accesso alla discarica di Terzigno, ''in questo momento non si festeggia per niente. Pur prendendo atto che la mobilitazione della gente ha costretto questo governo ad un passo indietro, seppur verbale, la nostra mobilitazione non si fermera' di certo''. L'appuntamento ai manifestanti e' alle 17 per i cortei che dai vari comuni vesuviani raggiungeranno poi la rotonda. All'iniziativa ha dato la sua adesione nelle ultime ore anche la rete dei gruppi locali del popolo viola.

dell'inviata Alessandra Chini

NAPOLI - Il premier Silvio Berlusconi torna a Napoli il giorno dopo aver detto che entro 10 giorni il nodo dell'emergenza rifiuti sarebbe stato risolto. E, dopo una riunione fiume con i sindaci del vesuviano, ottiene la firma ad un accordo che prevede, tra l'altro, lo stop alle proteste. Tra i capisaldi dell'intesa raggiunta c'é la cancellazione, con una legge che sarà presentata entro la prossima settimana, e approvata probabilmente con la corsia preferenziale della legislativa, per cancellare la previsione dell'apertura di una discarica nel sito di cava Vitiello come chiesto dai primi cittadini campani. Non si darà corso neanche all'apertura della discarica di Valle della Masseria, a Serre.

Altro punto chiave dell'accordo è quello riguardante il sito di cava Sari dove verranno sversati solo i rifiuti dei 18 comuni del vesuviano e in questo modo, assicura Berlusconi, si tratterà "solo di rifiuti non producenti percolato e miasmi". Il premier arriva a Napoli direttamente da Bruxelles e prima di recarsi alla riunione in prefettura trova il tempo di fare un passaggio a Portici per andare a visitare la famiglia di un operaio dell'azienda Asia morto domenica sul lavoro. Berlusconi arriva alla prefettura in piazza del Plebiscito intorno alle 18,30 e ad attenderlo ci sono i sindaci dell'area coinvolta dall'emergenza rifiuti, il capo della Protezione civile Guido Bertolaso, il presidente della Regione Stefano Caldoro, quello della Provincia Luigi Cesaro, il questore e il prefetto.

Dopo circa 2 ore di riunione trapela la notizia che si starebbe lavorando ad un documento e sarebbe, dunque, pronta un'intesa. In una pausa dei lavori il Cavaliere riceve anche le 'mamme vulcaniche', considerate le 'passionarie' della protesta sui rifiuti. Sono loro che, lasciando la prefettura annunciano che, di fatto, è pronto un accordo che prevede, tra l'altro, la cancellazione dalla legge della prevista discarica a cava Vitiello. Dopo un'altra mezz'ora viene convocata una conferenza stampa nella quale il premier annuncia che è stata trovata una soluzione.

Berlusconi legge punto per punto i termini dell'intesa e la notizia della cancellazione del sito di cava Vitiello viene accolta da un applauso di tutti i sindaci presenti. Sindaci, sottolinea Berlusconi, con i quali si è riusciti "a venire a capo" della situazione e per questo, aggiunge, "c'é tanta soddisfazione" anche perché, tra l'altro, nel dibattito "non ci sono state divisioni politiche". Il premier, tra l'altro, fa sapere che avrebbe voluto 'festeggiare' l'accordo raggiunto andando domani a Terzigno dove era prevista una manifestazione sui rifiuti che, dicono le 'mamme vulcaniche', "a questo punto verrà trasformata in una festa". Ma, spiega ancora Berlusconi, su consiglio dei sindaci ci sarà 'solo' un messaggio ai manifestanti. A questo punto la situazione, come assicurato dal Cavaliere all'inizio della conferenza stampa, "ha trovato una soluzione".


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : C'è marchio di Al Qaida sul pacco bomba a Dubai .


30 Ottobre 2010

Lo riferisce oggi la polizia degli Emirati

Nel pacco proveniente dallo Yemen e diretto a Chicago, trovato ieri in un centro di smistamento della FedEx a Dubai, c'era una bomba nascosta in una stampante e la pista porta ad al Qaida. Lo riferisce oggi la polizia di Dubai.
Secondo la polizia, nel pacco c'era l'esplosivo tetranitrato di pentaeritrite (Petn) in una stampante e cartuccia. Il Petn e' lo stesso materiale usato per il fallito attentato del giorno di Natale 2009 a bordo di un aereo diretto negli Stati Uniti. ''Il pacco era preparato in modo professionale e un circuito elettrico chiuso era connesso ad una carta sim di un cellulare nascosta nella stampante'', si legge nel comunicato. ''Questa tattica porta il marchio di metodi usati in passato da organizzazioni terroristiche come al Qaida'', conclude la polizia.

di Marcello Campo

WASHINGTON - La minaccia terrorista di Al Qaida allunga le sue ombre sul voto di medio-termine che con ogni probabilita' cambiera' radicalmente gli equilibri politici di Capitol Hill. Cosi' l'America, impegnata in queste settimane a discutere solo di economia, ripiomba nell'incubo attentati e torna a tremare per la propria sicurezza interna. I pacchi sospetti provenienti dallo Yemen hanno improvvisamente ricordato agli americani che il loro Paese resta ancora nel mirino di Bin Laden. Lo stesso Barack Obama ha spiegato esplicitamente che ''s'e' trattato di una minaccia terroristica credibile''., prendendo molto sul serio tutta la vicenda. Inoltre c'e' un particolare che sta inquietando i media Usa: i due plichi sospetti erano indirizzati a due sinagoghe di Chicago, la citta' in cui domani Obama terra' uno dei suoi ultimi comizi elettorali prima del voto di martedi'.
Nel corso del briefing alla Casa Bianca, i cronisti hanno cercato di capire dal portavoce del presidente, Robert Gibbs, se si tratta di una coincidenza, o se gli uomini della sicurezza temono seriamente per la vita del Presidente. ''La nostra agenda non cambia. Gli uomini del controterrorismo stanno facendo un grandissimo lavoro. Non c'e' motivo per modificare il nostro programma'', ha tagliato corto Gibbs. Tuttavia, in molti si chiedono perche' Al Qaida abbia scelto un momento politicamente cosi' delicato per tentare di colpire gli Usa.
Chissa' se il loro obbiettivo fosse proprio provocare un grave attentato, gettare il Paese nel panico, e magari mettere in questo modo in ulteriore difficolta' il presidente, gia' in cattiva luce a causa della grave situazione economica. Del resto, anche in passato, i terroristi di Al Qaida hanno cercato, con i loro attentati sanguinosi, di influire su importanti appuntamenti elettorali. Basti pensare alle bombe di Madrid, a pochi giorni dalle elezioni politiche che hanno sancito la fine del governo di Jose' Maria Aznar.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Fondi, holding Clessidra-Mps-Bpm per gestione Prima e Anima

30 Ottobre 2010

MILANO, 29 ottobre (Reuters) - Via libera alla nascita di una holding partecipata da Banca Monte dei Paschi di Siena (BMPS.MI: Quotazione), Banca Popolare di Milano (PMII.MI: Quotazione) e Clessidra Sgr, che svolgerà il ruolo di coordinamento e indirizzo strategico di Prima Sgr e Anima.

Il nuovo polo del risparmio gestito, si legge in un comunicato congiunto, avrà in gestione asset per oltre 40 miliardi di euro.

Nell'operazione, Prima è stata valutata 646 milioni e Anima 413 milioni. Secondo fonti finanziarie, Mps otterrà una plusvalenza di 170 milioni.

La holding sarà partecipata al 38,11% da Clessidra Sgr per conto del fondo Clessidra Capital Partners II, attraverso Lauro Quarantadue Spa, mentre Mps avrà il 23,44% del capitale, ma "valuterà la possibilità di riequilibrare la quota", e Popolare Milano controllerà il 36,30% della holding (di cui il 10% di Banca di Legnano).

Banca Etruria (PEL.MI: Quotazione) e Banca Finnat (BFE.MI: Quotazione), azionisti di minoranza di Anima, recita la nota, "hanno manifestato interesse a partecipare all'allenza acquisendo la residua parte del capitale sociale della holding", ovvero il 2,15%.

Giuseppe Zadra, presidente di Prima, sarà presidente della nuova holding, mentre Maurizio Biliotti, ex direttore generale di Bpm Gestioni Sgr, sarà l'amministratore delegato. Francesco Minelli ricoprirà la carica di vice presidente per conto di Clessidra. Mps nominerà un altro vice presidente.

Nell'operazione, Bpm è stata assistita da Rotschild quale advisor finanziario, dallo studio Biscozzi Nobili e dallo studio Annunziata e Associati quali advisor legali. Mps è stato assistito da Deutsche Bank quale advisor finanziario e da Galante e Associati quale advisor legale. La nuova holding è assistita da Lazard quale advisor finanziario, da Chiomenti quale advisor legale e dallo studio Di Tanno e Associati per la strutturazione dell'operazione.


ORIANO MATTEI

Oriano Mattei : Predrag Goranovic, l'uomo di fiducia degli affari privati di Milo Djukanovic.




30 Ottobre 2010

Il Vice direttore dell'Ufficio croato per la lotta contro la corruzione e la criminalità organizzata Free Sasic, ha chiesto nella sua arringa finale, dopo un processo maratona, 40 anni di carcere per sei imputati per l'omicidio di Ivo Pukanic, co-proprietario del Nacional, e il suo collega Nick Franic. Pukanic e Franic sono stati uccisi nel 2008 nel centro di Zagabria.

Egli ha detto che il gruppo che ha organizzato gli omicidi sono stati Sreten Jocic, detto Joca Amsterdam, e la sua mano destra Slobodan Djurovic, un uomo d'affari di Bar .

Gli acquirenti finali e finanziatori di questo crimine sono ancora sconosciuti. Ma la mafia del tabacco internazionale potrebbe avere fornire un finanziamento significativo per le organizzazioni criminali", ha dichiarato una nota. Uno dei testimoni nel processo, Ratko Knezevic, ha sostenuto che i personaggi superiori del cartello del tabacco, sono stati il Primo Ministro montenegrino Milo Djukanovic e il Suo partner Stanko Subotic Cane.

In un'altra inchiesta, aperta presso il Tribunale di Bari, inchiesta denominata “Montenegro Connection”, il procuratore italiano Giuseppe Scelsi, ha identificato Milo Djukanovic, quale capo dei un gruppo criminale che operava nel contrabbando di sigarette tra le due coste adriatiche negli anni 90 , danneggiando in maniera enorme il bilancio Italiano per miliardi di euro. I procuratori Italiani, avevano richiesto l'arresto di Milo Djukanovic nel 2004, ma lo stesso Djukanovic, si salvava nascondendosi dietro l'immunità diplomatica. Più avanti, Milo Djukanovic iniziava rapporto di amicizia con il Nostro Premier Silvio Berlusconi, e da quel momento gli interessi imprenditoriali Italiani, si spostavano in terra Montenegrina, per fare affari e non ultima la società Italiana A2A, acquistava azioni della società di Stato EPCG, mettendo in campo un progetto di energia, che potrebbe sconvolgere tutto il sistema ambiantale in Montenegro. E' vero tutto questo, al punto tale che sono scesi tutti in capo, con a capo il “WWF”, contro questa folle impresa.
Se per Djukanovic, l'accusa per il momento è sospesa, non lo è invece per i Suoi amici e fra i primi la signora Dusanka Jeknic, Stanko Subotic e Borovic.
Il sistema giudiziario in Montenegro è praticamente bloccato, in forza del grande potere di controllo che Milo Djukanovic esercita nel Suo paese, e prima che avvenisse il crimine contro Ivo Pukanic, in Montenegro era avvenuto un altro omicidio, dove vedeva vittima il direttore del quotidiano montenegrino “DAN”, Dusko Jovanovic , il quale guarda caso, aveva scritto molto sul traffico di sigarette che avveniva in Montenegro.
In questi giorni, è stata emessa la prima condanno in primo grado contro Francesco Prudentino, e la condanna in primo grado è stata di sei anni.
Nella stessa sentenza, il Tribunale ha stabilito che l'uomo che aveva architettato tutto il disegno criminoso del riciclaggio di denaro proveniente da traffici illeciti, veniva identificato nella persona dell'ex Ministro delle Finanze Predrag Goranovic.
Vecchia conoscenza e guarda caso personaggio primario anche nella Mia vicenda denominata “Caso Oriano Mattei”.
Io sono anni che evidenzio la figura di Predrag Goranovic e più volte ho scritto lettere indirizzate a Predrag Goranovic e chiaramente per contro silenzio assoluto.
Ora, con questa prima condanna, si comincia in maniera chiara e trasparente a capire molte cose e soprattutto si fa finalmente luce sulla figura e sulla posizione di Predrag Goranovic, l'uomo che nel 1996 insieme al povero ex Ministro degli Esteri Janko Jeknic, scorazzava fra l'Italia e la Svizzera, alla ricerca di rapporti bancari e fiduciari.


ORIANO MATTEI