yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: luglio 2011

video

Loading...

domenica 31 luglio 2011

Blair to face withering fire in Iraq report


31 Luglio 2011


Chilcot criticisms said to zero-in on WMD, 'sofa-style', secret pledge to Bush, and post-invasion plans


Tony Blair is facing damning criticism of his role in the Iraq war from the official inquiry into the 2003 invasion, it was claimed last night.

The Chilcot inquiry is expected to round on the former prime minister when it produces its final report after more than a year of exhaustive hearings and deliberations, according to a report in The Mail on Sunday.

The newspaper claimed that Mr Blair, who was instrumental in the drive to war alongside the then-US President George Bush, will reportedly be held to account in four key areas:

* Bogus claims made about the weapons of mass destruction allegedly held by the Iraqi leader, Saddam Hussein;

* The failure to tell the British public about his "secret pledge" with President Bush to go to war;

* The operation of a "sofa government" style, which kept his Cabinet in the dark over the planning for an invasion of Iraq;

* The failure to foresee the chaos that gripped Iraq following the invasion, and to lay realistic plans to deal with it. Officials are currently writing the report and all witnesses will be given the chance to respond to any inaccuracies.

Mr Blair led the country to war eight years ago amid nationwide protests. His successor, Gordon Brown, set up the Chilcot inquiry after criticism of previous probes.

Mr Blair mounted a vigorous defence of the 2003 invasion of Iraq when he appeared before the inquiry for the first time, insisting that he had no regrets over removing Saddam and would do the same again.

But critics of the war and families of the 179 British troops who died in the conflict condemned his evidence, saying he evaded the panel's questions and refused to admit his mistakes. He gave evidence a second time and was jeered as he said he "deeply and profoundly" regretted the loss of life in the Iraq war.

In his memoirs, A Journey, he said he was angry at the way he was asked whether he had any regrets about going to war. He wrote that the Chilcot inquiry was supposed to be about learning lessons but had "inevitably turned into a trial of judgment and even good faith".

A spokeswoman for the Chilcot inquiry said: "We will not provide a running commentary on the inquiry." A spokesman for Mr Blair was made aware of the claims last night butdid respond by the time of going to pressed.

The Mail on Sunday said that "well-placed sources say the reputations of Mr Blair and key allies will suffer major damage when the report by Sir John Chilcot's Iraq war inquiry is published this autumn. Mr Blair, the former foreign secretary, Jack Straw, and spin-doctor Alastair Campbell are all expected to be criticised."

The IoS revealed last week that all those taken to task by Chilcot's five-strong panel of experts will receive notice of the inquiry's conclusions in the next few weeks. They will be given a chance to respond to their alleged failings before the report is finalised.(Brian Brady per "The Indipendent")

Lawyers 'furious' over criticism in hacking scandal


31 Luglio 2011


Law firm to 'explain its position' to police after Murdoch accuses it of making a 'massive mistake


Senior lawyers at royal solicitors Harbottle & Lewis are "furious" at the way they have been blamed by Rupert Murdoch and others in the wake of the phone-hacking scandal, The Independent on Sunday has learned. They will meet the Metropolitan Police to explain their position "in the next few days".

Rupert Murdoch, the chairman of News Corporation, said the prominent London law firm had made a "massive mistake" when it gave the publishers of the News of the World a clean bill of health as to whether there was more illegality to be uncovered at the company at that time.

It is believed that Mr Murdoch also criticised the lawyers in a private meeting with Milly Dowler's family earlier this month, when he apologised for the newspaper hacking their dead daughter's mobile phone and deleting text messages, giving the family false hope that she might still be alive.

Harbottle & Lewis declared in May 2007 that there was no "reasonable evidence" that senior News International staff knew about the illegal activities of former royal reporter Clive Goodman. They had been called in by the Murdochs and asked to examine as many as 2,500 emails sent by the reporter, who was jailed in January 2007 for hacking phones belonging to aides of Prince William.

News International (NI) has used the Harbottle letter of exoneration as a shield to fend off allegations that it covered up the widespread nature of illegal activities which continued to be practised by News of the World staff.

It later emerged that the emails did contain evidence of illegal payments to the police, though seemingly not of hacking. When NI recently obtained a second opinion on the emails from Lord Macdonald, the former director of public prosecutions, he concluded within minutes that there was possible evidence of criminal activity and advised NI to call the police. James Murdoch later told MPs that they relied on the letter to "push back" against fresh allegations of hacking.

The Murdoch claims have infuriated Harbottle & Lewis so much that some senior figures at the firm are understood to have discussed taking legal action for defamation. The firm was initially barred from explaining its position because of client confidentiality, but NI later lifted this restriction. Harbottle will now speak to the police and the Commons Culture, Media and Sport Committee. A source close to the firm confirmed it "actively asked to be released from the obligations of privilege".

Yesterday, The New York Times (NYT) reported that both NI and Harbottle were clearly aware of the contents of the emails when the exculpatory letter was written. According to the paper, in one email Clive Goodman warns that those involved could "go to prison for this".

Despite this, the Harbottle letter makes no reference to payments to the police.

The letter was commissioned after a threat from Goodman to sue NI for unfair dismissal on the grounds that senior executives knew about the phone-hacking. There was, according to The NYT, citing sources familiar with the incidents, "huge anxiety" about the precise wording. NI urged the law firm to write a letter giving it a clean bill of health in the strongest possible terms. Jon Chapman, NI's head of legal affairs, reportedly rejected two earlier drafts as being insufficiently broad. One person familiar with the correspondence is reported to have said that the lawyers involved seemed to struggle to find language that said the review had found no evidence of wrongdoing.

Another Harbottle source added: "If we made any mistakes, we will hold our hands up, but we are extremely keen to protect our reputation and we will vigorously challenge any suggestion that we were in any sort of cahoots with News International."

Tomorrow, Labour leader Ed Miliband will attempt to step up pressure on the coalition about its role in the hacking scandal. Mr Miliband will send letters to David Cameron, George Osborne, Jeremy Hunt, Nick Clegg and Vince Cable asking about the Government's links to News International, the handling of the BSkyB bid and the employment of Andy Coulson.

"The signs are that David Cameron still does not get it," said Ivan Lewis, Labour's culture spokesman. "A tangled web of their own making will not go away until they and their Cabinet colleagues give full and frank answers to legitimate questions."

But Labour's hopes of further capitalising on the scandal appear hampered by the release of details of a string of meetings and social events attended by senior party figures with News International bosses.

Mr Miliband met NI editors and executives, including the former chief executive Rebekah Brooks, 12 times after the general election.

In all, Labour frontbenchers, including Douglas Alexander, Tessa Jowell and Shaun Woodward, met News International in some form 60 times since May 2010.(James Hanning e Matt Chorley per "The Indipendent")

Kenya is on the brink of its own disaster


31 Luglio 2011


While the situation in Somalia deteriorates, millions of its neighbours are at risk of malnutrition


The small harness hanging from the branch of an acacia tree looks much like the baby swings used to cradle infants around the world. But slumped against its straps is no bouncing, chubby toddler. Instead, there lies the listless frame of a child brought close to death by hunger.

The harness is hooked to a set of makeshift scales – and the weight reading for two-and-a-half year-old Ekure Nachukuli signals a grim future if she is not helped quickly. At 12.5kg, with spindly arms, belly protruding and every upper rib showing, she is in a state of severe malnutrition.

Ekure is one of 385,000 malnourished children in northern Kenya, who, together with 90,000 starving pregnant and breastfeeding mothers, are caught up in a catastrophe. While the world focuses on Somalia and the starving refugees pouring across the Kenyan border, Kenya is on the brink of its own famine, with 3.5 million people at risk of malnutrition.

These are the forgotten victims of the worst drought in more than half a century, which has swept its way through the Horn of Africa, driving some 12 million people towards starvation in a slew of countries including Somalia, Djibouti and Uganda. Charities say more aid is needed to cope with the crisis across the region.

In Somalia, the first shipment of food since the official declaration of a famine just over a week ago arrived in Mogadishu on Wednesday. The UN says it still cannot get aid to more than two million people who are unable to flee the country's south – territories controlled by the al-Qa'ida-linked group al-Shabaab.

In Dadaab, near Kenya's border with Somalia, almost 400,000 people are trying to make a home in the camp, which is at nearly four times its intended capacity as thousands more arrive every day across the border. The scenes there are now familiar to viewers, readers – and charity donors – around the globe.

But in the remote north Turkana district there are no convoys of UN Land Cruisers, no expansive compound full of willing charities and no global sympathy. Acute malnutrition in Turkana, near the Ethiopian border, already afflicts close to 38 per cent of the population: to declare a famine that number needs to top only 30 per cent. But the region is so out of the way, so remote, that it is hard to confirm the other terrible statistics that meet the international yardstick for famine. The government there insists no Kenyans have yet died in the drought, but the truth is that it doesn't know. In Turkana, even the death rate is uncertain.

Unlike in Dadaab, nine hours' drive from Nairobi, Kenya's hungry are out of reach, scattered across an isolated region more than 24 hours away from the country's capital. Some 37,000 people – most of whom are going hungry – are spread across Kenya's largest district: 35,000sqkm of harsh, inaccessible land.

Here, you drive for up to 10 hours along rocky dirt paths without seeing a single drop of water. Cracked earth and lines of grey dust lie where rivers once flowed and only brittle thorn bushes and greying acacia trees grow. Emaciated figures – once proud herders of huge numbers of livestock – slump by the road trying to sell scraps of charcoal to passers-by that never come. Their last resort in times of hunger used to be the berries on the trees, but these disappeared three months ago. Even the camels – unable to cope with the hunger and thirst – are dying now.

Ekure is one of a lucky few. She is being measured in a clearing in the isolated settlement of Nakapelewoi, Turkana north, where hundreds of starving children are being checked and given food by the health charity Merlin. When the mobile clinic arrives, more than 200 people – many of whom had waited for hours in the heat after long walks – burst into song. The settlement is on a rocky unmarked track that is itself about eight hours' bumpy drive from Lodwar, the nearest proper town. This is only the second time this clinic has come to Nakapelewoi and people are still in a state of desperate need.

Like most in Turkana, Ekure's parents rely entirely on keeping livestock to sustain themselves. But no rain has meant no pasture and no hope for keeping their herd.

The little girl is the youngest of Etokoit Nachukuli's eight children. "My husband had 40 donkeys but all of them are dead," explains Etokoit, her face creased with worry. "He also had 1,000 goats and now he has 10. All we can eat now are wild berries, but even these have gone now – the last time we saw fruit on the ekalale tree was last year."

Dr U Aye Maung, an emergency response health manager for Merlin, said aid is more focused on the refugee influx in Somalia; Turkana is not taken care of. The malnutrition rate here is one of the worst in the world. The death rates could be huge. We have no idea, because we get records only when they come to services."

Even now that the government and aid agencies are waking up to the problem, terrible and non-existent roads make delivering aid painfully slow. The supply chain is so unreliable that even the health facilities run out of food.

"There is no food security," says Ignacious Imoni, a nurse from Kaaleng, a small health centre that, despite being 22km away, is an hour's drive from Nakapelewoi due to the lack of roads. "It is just drought in, drought out; drought in, drought out."

Mr Imoni is currently the only health worker serving this area, and he has to leave queuing patients at the clinic to reach the desperate crowd gathered in Nakapelewoi.

Even those lucky enough to have medical facilities near by are not safe. Theresa Apua lives with her eight children in a hut just below the Kaaleng clinic. Her second youngest, three-year-old Erogo, is receiving Plumpy'nut – a fortified food supplement designed to promote rapid weight gain – having got to a state of severe malnourishment. His ripped T-shirt exposes his bony sternum and distended belly. Until they degenerate to this degree the rest of the family cannot be helped by the clinic. They have to wait and hope that more food comes.

Oxfam and the World Food Programme are increasing food distribution services here, but Theresa is worried they may come too late. "The last time relief food came here was in May. That ran out 20 days ago. Since then we've had nothing."

Her husband, Longoli, who has two wives, left Theresa for good in April after seeing that all his cattle there had died. Inside Theresa's hut, a perfect dome made from latticed twigs and scraps of cardboard, the wooden stand for the family's food lies empty.

In Lokitaung stabilisation centre, seven acutely malnourished children lie on beds with their mothers. Many of them were so famished themselves they could not breastfeed and had to watch their babies waste away in front of them.

Akaale Ekata, 23, clutches her frightened-looking daughter Emoni Lokiriba, who is nine months old. Now that she is receiving supplementary food Emoni should be safe, but with another three under-fives back at her home far away, Akaale is worried that she may have risked three children to save one.

"They are also sick and I'm really worried. I don't know how they are surviving because I had to leave them to come to hospital. Their father has gone to Kibish in search of more animals, so their grandmother is looking after them. She is very old and I'm worried she will not manage to find any food."

All the hunger is leading to growing anger. In Nairobi especially, Kenyans are livid at what they believe is government inaction: hate groups have appeared on Facebook denouncing the government spokesman who said nobody was dying.

The country should be one of the most prosperous in sub-Saharan Africa. An opposition leader, Paul Muite, describes the situation as a disgrace in this weekend's newspapers: "It is a total mix-up of priorities, if some areas can have plenty of food going to waste while others are starving."

Others, frustrated with the human disaster taking place in their backyard, have launched a funding drive with the local Red Cross, called Kenyans for Kenyans.

If all were not enough, conflict between the Turkana people and Ethiopia's Merille tribe across the border is exacerbating the crisis: the Merille have attacked Kenyan families and stolen their livestock. In May, 40 Kenyans were killed in a single attack in Todonyang and reports suggest that more than 8,000 animals were taken by raiders in that month alone.

Tomorrow, Kenyan and Ethiopian authorities and local leaders hold peace talks between the Merille and Turkana people in Lokitaung.

But this will be of little consolation to Rosryne N'gamom from Meyan near the border. She had to watch in horror as two of her sister's orphaned children, whom she looked after, were hacked to death by a Merille's machete. "They took all our herds and then they killed our people," she shouts, clinging to her 10-month-old who is being treated for acute malnutrition.

The specific circumstances which led to her own food crisis are more brutal than most, but the end result is all too familiar, spreading like a contagion across Turkana. For Rosryne, the loss and the slide into famine are almost too much to bear: "We used to have almost 100 cattle. All we have now is hunger, hunger, hunger."

Give a day's pay for Africa

As a result of the worst drought in 60 years in parts of East Africa, more than 10 million people in Ethiopia, Kenya, Somalia and the newly-formed Republic of South Sudan are in need of food, water and emergency healthcare. Almost 400,000 people – roughly equivalent to the population of Bristol – are living at Dadaab refugee camp in Kenya. The situation will get much worse without immediate, substantial aid.

Last weekend, The Independent on Sunday asked its readers, their friends and families, to join its senior staff and each pledge one day's pay to charity. Donations totalling thousands of pounds have flooded in, with 70 high-profile figures from the worlds of politics, sport, media and religion among those backing the campaign. They include Jemima Khan, Richard Dawkins and Man Booker Prize winner Howard Jacobson.

British Number One women's tennis player Elena Baltacha said the situation in Somalia was heart-wrenching. "I guess it makes us all realise how lucky we are and how much we take for granted," she said. "I think The Independent on Sunday's campaign to persuade us to 'Give a day's pay for Africa' is a great way of raising money and awareness of this terrible situation. If as many people as possible take part it could make a big difference."

Harriet Harman, deputy leader of the Labour party, said: "There must be urgent and increased action to prevent lives being lost. When people are suffering we all have a moral duty to do what we can to help." (Emily Dugan per "The Indipendent")

Usa: stampa, accordo preliminare su aumento debito


31 Luglio 2011


NEW YORK -Un accordo preliminare sull'aumento del tetto del debito sarebbe stato raggiunto. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti, secondo le quali l'accordo, non ancora definitivo, prevedrebbe un aumento del tetto del debito fino a 2.800 miliardi di dollari e tagli alle spese leggermente superiori. L'aumento del debito avverrebbe in due fasi, la prima da 1.000 miliardi di dollari immediata. Una commissione dovrebbe poi raccomandare, entro il Giorno del Ringraziamento, ulteriori tagli fino a 1.800 miliardi di dollari per un secondo aumento del tetto del debito in grado di coprire i bisogni finanziari del paese fino a dopo le elezioni: se il Congresso non approvera' i tagli entro la fine di dicembre scatteranno tagli automatici alla spese anche. Al Congresso sarebbe richiesto di votare un emendamento alla Costituzione per un budget bilanciato ma l'approvazione non e' necessaria.
L'accordo se sara' definitivo sara' sottoposto al voto del Senato oggi all'una, ore 19.00 italiane. La Camera potrebbe votare oggi o lunedi, per consentire al testo di arrivare al presidente entro il 2 agosto ed evitare il default. La Casa Bianca e il Congresso sono ancora al lavoro sui dettagli della misura e il posticipo di 12 ore del voto in Senato offre piu' tempo per mettere a punto un piano in grado di passare alla Camera e in Senato. Il compromesso prevede l'emendamento alla Costituzione per un budget bilanciato, ovvero il governo potra' spendere solo quello che raccoglie con le entrate fiscali. Il Congresso dovra' votare l'emendamento ma l'approvazione non e' necessaria. L'emendamento per un budget bilanciato piace agli americani con il 74%, secondo un sondaggio della Cnn, che lo appoggia e un 24% che lo respinge. L'emendamento per un budget bilanciato e' stato considerato per la prima volta nel 1956 ed e' stato votato nel 1981.






CASA BIANCA TRATTA ACCORDO, SLITTA VOTO SENATO



NEW YORK - La Casa Bianca scende in campo e cerca di sbloccare l'impasse sull'aumento del tetto del debito. ''I negoziatori hanno chiesto piu' tempo per un accordo e il voto del Senato slitta'' a domenica nel pomeriggio. ''La sessione e' convocata a mezzogiorno, con un voto in programma all'una'' (le 19 ora italiana). Il leader dei democratici in Senato, Harry Reid, si mostra piu' ottimista in aula. Lo slittamento di 12 ore del voto sul piano di riduzione del deficit e del debito da' alla Casa Bianca un tempo sufficiente per modificare il piano avanzato dallo stesso Reid per recepire anche le richieste repubblicane. ''Le distanze da colmare restano e c'e' bisogno di piu' tempo'' evidenzia Reid al termine di una giornata convulsa. ''Non ci sono stati progressi'' aveva detto solo qualche ora fa Reid gelando l'ottimismo su un accordo a breve dopo che i leader repubblicani avevano dichiarato che un accordo era vicino. Che qualcosa si muovesse era pero' evidente: dopo giorni di virtuale silenzio, sono ripresi i contatti fra Obama e i leader dell'opposizione, lasciando intravedere che i negoziati su un accordo sull'aumento del tetto del debito, a due giorni dal possibile default, sono finalmente decollate dopo le prove di forza di repubblicani e democratici che hanno fatto naufragare i rispettivi piani sulla riduzione del deficit e del debito spaccando il Congresso, ancora nell'impasse. ''Un accordo ci sara' il prima possibile'' ha affermato lo speaker della camera, John Boehner, sottolineando che i repubblicani sono ''seriamente'' seduti al tavolo per trattare con il presidente Barack Obama, con il quale ha avuto nelle ultime ore contatti telefonici. ''Non ci sara' alcun default: avremo un accordo a breve. Ho parlato con il vice presidente Joe Biden e Obama, l'unica persona che puo' firmare un piano e farlo diventare legge'' gli aveva fatto eco il leader dei repubblicani in Senato, Mitch McConnell, che aveva chiesto al presidente Barack Obama di chiarire cosa intende firmare. I leader democratici del Congresso, Nancy Pelosi e Harry Reid, sono andati alla Casa Bianca. E tutto e' sembrato indicare che ci fossero prove di accordo, per il compromesso che evitera' il default e che Obama chiede da giorni. Ma Reid aveva gelato l'ottimismo: ''Non ci sono stati progressi. Un accordo non e' vicino. Le parole dei repubblicani sono senza senso. I repubblicani ancora si rifiutano di trattare in buona fede''. La schiarita in Congresso su un accordo e' durata poche ore. L'apertura dei repubblicani e i contatti fra McConnell e Obama e fra Boehner e Obama avevano lasciato sperare in una soluzione a breve. Ma il nodo sembra piu' difficile da sciogliere, con Reid e Pelosi che sembrano aver lasciato la Casa Bianca in qualche modo scontenti e preoccupati per le negoziazioni dirette fra Obama e i repubblicani e i risultati in cui si tradurranno per i democratici. La svolta sembrava essersi avuta nelle ultime 24 ore con la Camera che ha approvato il piano Boehner e il Senato democratico, mostrando i muscoli, lo ha respinto due ore dopo, iniziando a premere per il piano Reid. Ancora prima del pronunciamento del Senato, la camera con un voto simbolico ha respinto il piano Reid, inviando un chiaro segnale di forza e ritrovata compattezza dei repubblicani dopo le difficolta' degli ultimi giorni. Obama e' stato l'intera giornata alla Casa Bianca, nessun appuntamento ufficiale previsto per cercare di sciogliere il nodo del debito prima dell'apertura dei mercati di lunedi'. Le piazze finanziarie finora hanno retto, mostrando solo nelle ultime sedute una maggiore tensione, ma il rischio che la settimana prossima ci sia un crollo e' reale. Una bruscata frenata dei mercati lunedi' potrebbe aumentare la pressione per un accordo. ''E' il momento di agire per gli americani. E' il momento di un compromesso'' ha detto Obama invitando repubblicani e democratici a ''dimostrare la stessa responsabilita' che gli americani mostrano ogni giorno. Il momento di mettere il partito prima e' finito''. ''Ogni soluzione deve essere bipartisan'': ''il Congresso deve trovare un terreno comune su un piano che possa ottenere l'appoggio di ambedue i partiti alla Camera. Dobbiamo raggiungere un compromesso entro martedi'''. Obama ha messo in guardia sui rischi di un downgrade, che sarebbe ''imperdonabile e interamente dovuto a Washington''. Il piano Reid e' la base per un compromesso secondo la Casa Bianca. La ricetta Reid e' stata rivista nelle ultime ore per conquistare voti repubblicani Nel testo era stato inserito un aumento del tetto del debito in piu' fasi, come chiesto dai repubblicani e previsto nel piano di McConnell delle settimane scorse, ma non dipendente da ulteriori tagli alla spesa.



SUI 50 ANNI DI OBAMA INCOMBE LA SPADA DI DAMOCLE DEL DEFAULT

di Emanuele Riccardi

NEW YORK - A Washington nessuno, o quasi, ha ormai dubbi: il presidente degli Stati Uniti Barack Obama non festeggerà i suoi 50 anni, giovedì 4 agosto, in pompa magna come il suo predecessore Bill Clinton, sassofonista e amico delle rockstar. Su Obama incombe infatti la spada di Damocle del default, cioé il rischio di insolvenza per gli Stati Uniti, e i difficili negoziati che in queste ore stanno proseguendo ad oltranza tra Casa Bianca e Capitol Hill per alzare il tetto del debito. E poi, Obama non ha la fama di essere un organizzatore di grandi feste, limitandosi in genere a portare la first lady Michelle nel loro ristorante preferito di Chicago, Spiaggia, un ottimo italiano che si trova sul Magnificent Mile della città bagnata dal lago Michigan.

Ci erano andati per esempio per la San Valentino del 2008, e Barack aveva speso circa 700 dollari per due. I 49 anni, il presidente americano li ha addirittura festeggiati da solo, perché Michelle, accompagnata dalle figlia Sasha e Malia, si trovava in Spagna per un viaggio (semi) ufficiale, svoltosi non senza polemiche per i costi sostenuti dal contribuente americano per far conoscere a first lady e first daughtrers le gioie della spiaggia di Marbella.

Per Clinton, un gran 'viveur', il discorso è diverso. Il 42.mo presidente degli Stati Uniti ha compiuto 50 anni il 19 agosto 1996, in piena campagna elettorale per la rielezione alla Casa Bianca, pronto ad affrontare un debolissimo Bob Dale meno di tre mesi dopo. Per l'occasione, Bill aveva organizzato un super-concerto rock di raccolta fondi in una delle più prestigiose sale di Manhattan, il Radio City Music Hall. La serata, con biglietti tra i mille e i 15mila dollari e trasmessa via satellite in 100 paesi, era stata presentata da Whoopi Goldberg.

Vario e prestigioso il cartellone: Tony Bennett, Jon Bon Jovi, Smokey Robinson, Shania Twain, Carly Simon, Kenny Rogers e Aretha Franklin. A dir vero Clinton ha fatto di meglio 10 anni dopo, da pensionato di lusso: a festeggiarlo sono stati i Rolling Stones, suoi amici personali, nello stupendo Beacon Theater dell'Upper West Side. Il concerto è stato magistralmente filmato da Martin Scorsese, nel suo fantastico 'Shine a Light' uscito nel 2008. Festeggerà discretamente i suoi 50 anni, ma la scadenza dei 51 si annuncia ancora più difficile per Barack Obama, a ridosso delle presidenziali. I repubblicani non hanno ancora scelto il suo avversario, ma se economia e mercato del lavoro non ripartiranno, la rielezione non sarà una passeggiata.(Ansa.it)

sabato 30 luglio 2011

No-Tav, in migliaia in silenzio sfilano davanti a cantiere. Gli organizzatori: 'Siamo 10.000 grazie a chi ha gufato'.


30 Luglio 2011


TORINO - Si sta svolgendo senza problemi il corteo NO-Tav dal piazzale di Giaglione (Torino) per raggiungere Chiomonte (Torino), passando vicino all'area della Maddalena dove si sta allestendo il cantiere per la ferrovia ad alta velocità Torino-Lione. Fiori, in segno di pace, sui cancelli dell'area archeologica di Chiomonte (Toirno), dove nei giorni scorsi ci sono stati i disordini con le forze dell'ordine, e silenzio davanti alle reti che proteggono l'area del cantiere della Tav. I manifestanti hanno finora accolto l'invito dei leader del Movimento No Tav, a cominciare da Alberto Perino, che con il megafono, prima della partenza del corteo, aveva invitato tutti a non toccare le reti e a non inveire, neppure con parole, contro le forze dell'ordine. Il corteo sta sfilando davanti ai cordoni della Polizia in tenuta antisommossa (Polizia e Carabinieri al momento non indossano i caschi) senza il minimo contatto.

"Siamo 10.000: grazie Maroni, grazie al Pd e a tutti quelli che hanno gufato contro questa manifestazione": Lo hanno detto i leader del movimento No Tav in testa il corteo, che si è svolto finora senza alcun problema e che sta percorrendo i sentieri tra Giaglione e la Maddalena di Chiomonte. Non vi sono stati problemi neanche al passaggio sotto il cavalcavia dell'autostrada A32 Torino-Bardonecchia, che è presidiato dalle forze dell'ordine e dove nei giorni scorsi c'erano stati disordini e sassaiole. Il corteo ha raggiunto la baita simbolo del movimento NO Tav per poi proseguire verso la Maddalena lungo il sentiero di montagna che si fa sempre più stretto e lambisce le reti del cantiere. Reti che Alberto Perino e gli altri leader del movimento No tav hanno invitato oggi a non 'toccare' proprio per dimostrare il carattere pacifico della giornata.

LEADER, SARA' MANIFESTAZIONE PACIFICA - "Sarà una manifestazione assolutamente pacifica e popolare": lo ha detto uno dei leader storici del movimento No Tav, Alberto Perino, alle centinaia di persone che si sono raccolte nel piazzale davanti alle scuole di Giaglione (Toirno) per partecipare alla marcia di protesta contro la Tav che si snoderà fino alla Maddalena di Chiomonte, dove sta sorgendo il cantiere della ferrovia. "Ognuno - ha aggiunto Perino - faccia come ha detto Gandhi: faccia il soldato di se stessi. Non abbiamo un servizio d'ordine ma ognuno sappia che questo è il mandato di oggi. Dobbiamo dimostrare a tutti - ha aggiunto - che siamo noi a decidere i tempi del movimento: quando va fatto casino si fa, quando no, no, e oggi è una giornata per urlare a gran voce in modo popolare le ragioni per cui siamo contro la Tav".

"Non saranno necessari le maschere anti-gas né i caschi - hanno aggiunto alcuni rappresentanti dei Centri sociali che si trovano nei pressi dei banchetti No Tav nel piazzale di Giaglione - Siamo noi ad aver deciso così, il senso della giornata di oggi è un altro". Domani - hanno sottolineato i rappresentanti dei Centri sociali - smantelleremo il campeggio e comincerà un presidio permanente della valle che proseguirà fino a settembre-ottobre, quando apriranno il cantiere vero e proprio di Clarea, "e noi - hanno aggiunto - saremo là".

STRISCIONE, NO TAV-FUORI LE TRUPPE - "No Tav - Fuori le truppe": è la scritta che apre il corteo No Tav che si è mosso intorno alle 15 dal piazzale di Giaglione (Torino) per raggiungere Chiomonte (Torino), passando vicino all'area della Maddalena dove si sta allestendo il cantiere per la ferrovia ad alta velocità Torino-Lione. Dietro allo striscione ci sono centinaia di persone, molti valligiani, famiglie intere con bambini e anziani. Ci sono decine di bandiere bianche con la scritta No Tav e moltissimi gli ombrelli bianchi, sempre con il simbolo No Tav, per resistere al sole oggi cocente. Sui muri del piazzale di Giaglione e ai lati del percorso del corteo ci sono striscioni attaccati agli alberi e ai muri con scritte come: "La Val di Susa esige rispetto. No Tav, no mafia", "Resistere con forza, resistere con gioia".

CHIUSA A32 PER PRECAUZIONE - L'autostrada A32 Torino-Bardonecchia è stata chiusa in via precauzionale, in direzione Torino, nel tratto da Oulx ovest a Susa, nel tratto che si trova vicino al percorso che seguirà il corteo che manifesta contro la Tav in Val Susa. Il corteo - riferisce la Questura di Torino - è aperto dalla componente moderata del movimento No Tav. Quella antagonista si trova in coda al corteo che sta percorrendo le strade e i sentieri che da Giaglione conducono al presidio No Tav della Maddalena di Chiomonte, nell'area del cantiere per la linea ferroviaria Torino-Lione.(Ansa.it)

ALDO BUSI : Questi ragazzi che scrivono non hanno conosciuto la fatica di crescere in famiglie povere e analfabete................




30 Luglio 2011


Gli anziani, sotto gli ombrelloni dei bar in piazza del Duomo, giocano a carte e mangiano gelati. Bisogna camminare cinque minuti per raggiungere la casa di Aldo Busi, più in basso. I suoi quasi cento chili non si vedono, saranno i bermuda larghi e la T-shirt, gialla come le rose che fioriscono accanto alla porta d'entrata e di cui è molto fiero. Una casa antica, sotto cui sono sepolti gli ossari dei morti di peste nel Seicento, i morti della Macina.

«È stata mia madre, che abitava in quella casa lì sopra, a convincermi. Mentre stavano ristrutturando mi disse: "Aldo, perché non te la compri?". E io: "Ma cosa me ne faccio di una corazzata così?". E lei: "Fai invidia"» . Risata. «Era una risposta da Richelieu! L'ho comperata subito» . 480 metri quadrati, l'ideale per invecchiare, gli alberi fuori, grandi tele di artisti contemporanei alle pareti, Accardi, Turcato, Cucchi, Martinelli, Ontani. E Fabio Romano, un pittore siciliano di 23 anni: «Un talento raro, vorrei dargli una mano» .

Quadri anche lungo le scale, in cucina, oggetti, vasi, statue e statuine. Probabilmente anche in bagno. Sempre esagerato, Busi, nella vita come nella prosa, da Seminario sulla gioventù in poi. Anni fa ha detto che non avrebbe più regalato i suoi capolavori a questo Paese. Promessa mantenuta, e ribadita: «Ho smesso, totalmente. Non scrivo più dal 2002. Ovvio che per me tutto quello che non è romanzo non è niente» .

È rimasto fermo nella convinzione di essere l'unico scrittore italiano del secolo. Su questo non si discute: «Sì, e non solo in Italia, ma è marginale. Non conta niente, uno scrittore non è un artista venduto da Christie's. Non fa muovere denaro. E poi l'Italia che cosa se ne fa di uno scrittore come me? Niente. Non mi merita. Farebbe di me lo zimbello su cui gettare fango. Ma è un problema loro, non mio. Se mi chiedi se sono meglio di Philip Roth, io ti rispondo di sì, anche di Joseph. Di Nabokov? Sì. Mi sento paritario a Omero, Boccaccio, Ovidio, Catullo. Noi siamo gli scrittori! Ma non importa, perché il primo a essersi dimenticato di me sono io» .

Non sembra. Riletture dei vecchi libri? «Mi può capitare di trovare un Oscar accanto al water, lo apro e resto stupefatto, non ho la nozione del tempo, mi sembra di averlo scritto stamattina» . Dunque, come occupa il suo tempo, Busi, tra mobili antichi e tappeti, su cui può camminare a piedi nudi? Va a dormire alle nove e mezzo e si sveglia prima dell'alba.

Legge: «Fosca del Tarchetti è un capolavoro. Finalmente ho finito I Viceré e mi sono pentito di essermi sempre fermato a pagina 50, anche se ha troppi finali. Anche in Anna Karenina il finale è sbagliato, edificante, con Tolstoj che vuole occupare la scena. E ho letto fino in fondo L'idiota, che non è un'impresa da poco» .

E gli italiani di oggi? Che so, mai letto Tabucchi? «L'ho sfogliato, è una Mazzantini con la gonna e un po' di portoghese e di saudade. Degli italiani leggo qualche paginetta su Internet e mi chiedo: che differenza c'è con un articolo di giornale? Sono romanzi fatti di comunicabilità spicciola» . Una questione di stile? «Io sono uno scrittore, non un autore. Questi ragazzi che scrivono non hanno conosciuto la fatica di crescere in famiglie povere e analfabete, non hanno avuto bisogno di combattere per i diritti civili, non hanno subìto processi, cause, pestaggi. Vivono per interposta persona o davanti a un video» .

E Busi com'è cresciuto? «I miei genitori parlavano solo in bresciano, un dialetto militaresco, secco, aspro, e le uniche parole esatte erano quelle agricole: secchio, aratro, farina, cova, scaldina, monaca... Il resto non esisteva, l'italiano era la lingua dei "siori". Non mi chiamavano "Aldo", ma "te", perché il nome ti avrebbe dato un'identità che era al di là delle tue pertinenze. Tutt'al più mio fratello era il Barba e io il Barbino, perché avevamo i capelli ricci dei capretti. Io vengo da una lingua sofferta, che non trasmetteva sentimenti. I sentimenti mediani venivano comunicati a gesti e sguardi, e questo scatenava una fantasia linguistica inconscia».

Inutile stare a chiedergli dell'impegno dei giovani TQ, dei manifesti contro l'editoria e l'industria culturale. Vi risponderà senza scomporsi troppo: «Nascono in Internet e moriranno in Internet, è assurdo che facciano tanti discorsi sull'editoria. Io ho avuto l'hobby dell'editoria, mi muovevo e mi interessavo a tutto, dal Giappone all'Australia all'America. Ero curioso! Andavo a vedere le case editrici e i cataloghi, e suggerivo agli editori. Dei ragazzi che hanno vissuto immobili davanti a un computer pensano di sapere che cos'è l'editoria! E poi è ovvio che il loro linguaggio è più omologato di qualsiasi mia frase presa a caso, anche di quelle che scrivo oggi per Altriabusi. it» .

Dunque, continua a scrivere? «Robette. Io quando scrivo romanzi sono Mosè che scolpisce sulle tavole, mai fatto concessioni al lettore. Già i miei temini in classe in terza elementare erano attesi da tutta la scuola!» . Ha scritto anche, l'altro giorno, un pezzo bellissimo, in cui parla della biografia degli scrittori: «La vita altrui che attraverso i suoi libri arricchisce la nostra non conta, più è determinante, meno la senti» .

Lo legge ad alta voce, anzi sottovoce. Poi si interrompe, inciampa nella commozione e si ferma prima della frase finale: «Ho provato una sottile invidia per Ágota Kristóf perché è morta» . Si scusa. Mette da parte il foglio: «Così un'altra volta imparo a non strafare, non dovevo leggerlo, sentivo un crescendo impercettibile, ma non di tipo emotivo, lo credevo blandamente intellettuale» .

Viene un sospetto: vuoi vedere che Busi non è mai stato quel guascone scandaloso che abbiamo conosciuto finora? «Non sono mai stato al centro di scandali, se non quelli inventati a tavolino da altri, come l'apologia di pedofilia. Sono stato linciato dalla destra più reazionaria e dall'omofobia clericale: in Italia Darwin e la teoria della sessualità di Freud non sono mai arrivati» .

Dice che andrebbe volentieri a Ballando con le stelle per smettere di fumare («Mio padre è morto di enfisema polmonare a 69 anni» ). Ride e accende una sigaretta. Sull'Isola dei famosi si è sentito molto «coscienza civile del Paese» . È questo il dovere di uno scrittore? «Da ragazzo pensavo che uno scrittore fosse la coscienza del suo Paese. L'ultimo è stato Pasolini, che scriveva sul "Corriere". Oggi cosa fai? Io non ho niente, e se scrivo mi censurano: sono stufo, mi meritavo anch'io un minimo di omologazione... Ma ogni cittadino dovrebbe impegnarsi. L'Italia mi fa ribrezzo, non è più una speranza di civiltà: sono sempre stato contento di pagare le tasse perché pensavo che aiutassero chi aveva bisogno, invece vanno ai soliti vampiri. Sono stanco degli italiani che fanno psss psss psss dietro le spalle ma in piazza non ci vanno mai. Cosa aspettano? L'altro giorno una signora anziana diceva: com'è che la Pivetti ha la scorta e io sono qui con 500 euro al mese?» .

E l'impegno di Busi? «Io non ho vita privata, una parola per l'interno e un'altra per l'esterno. Questo mi rende sospetto. Sono sempre stato chiaro e nella mia vita non c'è mai stato niente di vergognoso: come uomo devo essere inattaccabile, non devo perdonarmi nulla, perché devo permettermi di essere tutto come scrittore. La mia opera è totalmente l'organizzazione alfabetica della mia vita» .

E ora che non c'è più lo scrittore, dov'è finita tutta quella vitalità straripante? «Il fuoco si sposta, sai. L'omosessualità? È strano, non so più cos'è. Non è un rifiuto, è una bolla di sapone che è scoppiata. Non ho nessun desiderio di contatto fisico, neanche della cosiddetta tenerezza o affetto. Trovo meraviglioso prendere in braccio una bambina o un bambino, sentire questa vita, un bacino in fronte o sulla nuca è tutto il contatto che posso avere. E sono felicissimo. Mi sono divertito? Non lo so, sento l'affanno, una grande angoscia, l'ansia di finire il più presto possibile» .

Scherzi dell'età, a 63 anni? «No, no, anzi, c'è un po' di compiacimento verso il degrado. Invecchiare è la più bella avventura. Un mio compagno d'infanzia ogni tanto viene qui a farmi dei video: a mia insaputa li ha messi su YouTube e sono un trionfo, tutto in dialetto, un successo. In un video sono in mutande che faccio il pediluvio, con tutto ' sto panzone e ' sti pelazzi grigi... Mi diverto, anche se non sono un bel vecchio da vedere, mentre da giovane sono stato un gran bell'uomo, adesso lo posso dire. Ma sai, quindici anni fa pesavo 80 chili, adesso ne peso 97» .

Lascia il divano, si alza in piedi: «Guarda, sono un omone, massiccio» . Il narcisismo però è sempre quello: «Non serve più, una volta faceva parte del mio gioco, il narcisismo, era molto funzionale alle cose che dovevo dire. Adesso non lo è più». (Paolo Di Stefano per il "Corriere della Sera")

esistono intercettazioni telefoniche tra Penati e quel Di Caterina protagonista nell’indagine del triplo ruolo di finanziatore a suo dire di Penati ..




30 Luglio 2011


Parole altrui (cioè degli accusatori che dopo 10 anni raccontano d'aver pagato tangenti) ma anche parole proprie, cioè degli indagati come il pd Filippo Penati, accusato di averle ricevute: non sono solo quelli sinora depositati al Tribunale del Riesame, sulle 8 perquisizioni di 11 giorni fa, gli elementi d'accusa di cui dispongono i pm di Monza, Walter Mapelli e Franca Macchia nella loro indagine per le ipotesi di concussione, corruzione e finanziamento illecito ai partiti, scaturita dalle dichiarazioni del costruttore Giuseppe Pasini e dell'imprenditore del trasporto urbano Piero Di Caterina.

Di certo, infatti, nel fascicolo esistono intercettazioni telefoniche tra Penati - ex sindaco ds di Sesto San Giovanni, poi presidente della Provincia di Milano e quindi vicepresidente (ora dimessosi) del Consiglio regionale lombardo - e quel Di Caterina protagonista nell'indagine del triplo ruolo di finanziatore a suo dire di Penati per molti anni, di dichiarante su queste e altre dazioni alla politica, e però anche di indagato come «collettore di tangenti» .



«Indagini tecniche»
Il segnale dell'esistenza di intercettazioni affiora da un'espressione («indagini tecniche» ) contenuta in un passaggio dell'informativa redatta dagli uomini della Guardia di Finanza nella polizia giudiziaria milanese il 15 luglio di un anno fa per i pm milanesi Francesco Greco, Laura Pedio e Gaetano Ruta.

Nella comunicazione di notizia di reato, proposta nei confronti di Penati e altre 6 persone per un'ipotesi anche di associazione a delinquere che però non ha mai trovato seguito, gli inquirenti già ipotizzavano «che potesse esserci uno stretto legame affaristico tra Di Caterina e Penati, risalente ai tempi in cui quest'ultimo era sindaco.

Le indagine tecniche avviate (ecco il punto, ndr) confermavano immediatamente tale ipotesi investigativa, dato che Di Caterina, che nel frattempo aveva in essere delle controversie con Atm (la municipalizzata dei trasporti milanese, ndr) e con le amministrazioni dei Comuni di Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo in merito alle concessioni per i trasporti pubblici locali, si rivolgeva proprio a Penati allo scopo di trovare un interlocutore politico idoneo che potesse mediare con le parti in causa» .

Nessun contenuto di queste intercettazioni è sinora riportato nel dettaglio, ma almeno si comprende come e perché sia nata la prima perquisizione a Di Caterina il 16 giugno 2010, occasione del sequestro nel suo portafoglio della copia dell'ormai nota mail spedita da Di Caterina il 26 aprile 2010 a Penati e a Bruno Binasco, braccio destro dello scomparso imprenditore Marcellino Gavio, «nella quale Di Caterina fa riferimento a cospicue dazioni di denaro effettuate nel corso degli anni in favore di Penati» .


«Pinocchio» smemorato
I primi passi dell'inchiesta mostrano che gli inquirenti, pur riconoscendo una generale credibilità alle chiamate in correo di Pasini e Di Caterina, ne vagliano possibili incongruenze e omissioni. L'informativa del 10 febbraio 2011, ad esempio, svela che gli accertamenti sul conto «Pinocchio» di Pasini, presso la banca lussemburghese dove nel 2001 formò la provvista di denaro e ritirò in contanti i 4 miliardi chiestigli a suo dire da Penati e consegnati sempre a suo dire a Di Caterina, fanno drizzare le antenne degli inquirenti su un atteggiamento di Pasini padre e figlio:

«Emerge che hanno taciuto l'esistenza di altri conti esteri (Lussemburgo e Svizzera) utilizzati per ricevere e trasferire denaro» : specie «operazioni per cui non è stata fornita alcuna contabile» , e altre che «per l'entità degli importi, in particolare quelle con riferimento Chiave e Keyside Development» , vanno «quantomeno approfondite» .


Caffè e «oneri conglobati»
Come spesso in queste vicende, infine, al canovaccio serio si sovrappone talvolta il registro della farsa. Dopo il «venga a prendere un caffè» di un assessore per convocare un costruttore al pagamento di una bustarella, ecco ora alcuni ex colleghi dell'indagato architetto Marco Magni, recordman di incarichi a Sesto, spiegare ai pm che uno dei mille nomi per dire tangenti era la voce «oneri conglobati» conteggiata nei piani economici finanziari che venivano redatti per i clienti.(Luigi Ferrarella e Giuseppe Guastella per il "Corriere della Sera")

Sì alle sardine, no ai gamberi


30 Luglio 2011


Da portare in tavola: tonnetti, sgombri, cavalla e lampughe. Da evitare: anguille, merluzzi, sogliole e orate. Ecco la guida per scegliere i pesci non avvelenati da mercurio o antibiotici


Ecco un esperimento facile facile: provate a chiedere, alle bancarelle del mercato rionale, un filetto di pesce serra, tre etti di zerro e una cavalla. Nella migliore delle ipotesi vi rideranno dietro. Perché nelle cassette di polistirolo in bella vista sui banchi del pesce troverete infinite spigole e orate di dimensioni standard (la misura di una monoporzione), tanti filetti di pangasio, il pesce gatto allevato nelle acque del Sud-est asiatico, dove la regolamentazione su prodotti chimici e antibiotici è assai più lasca che dalle nostre parti, e montagne di gamberi del Golfo del Messico dove è stata appena riaperta la pesca dopo i disastri della fuoriuscita di greggio dalla piattaforma Bp un anno fa e molti sono preoccupati degli effetti sulla popolazione ittica dei solventi chimici impiegati per dissolvere la marea nera. Sebbene infatti nel mar Mediterraneo vivano almeno 500 specie di pesce commestibile, sulle nostre tavole ne arrivano, a essere generosi, una decina, mentre consumiamo in abbondanza prodotti che vengono dagli oceani.

"Gli italiani amano il pesce-bistecca: senza spine, veloce da pulire e facile da cucinare", dice Silvio Greco, biologo marino e docente di Produzioni animali all'Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo. E il problema non è solo italiano. Sono tutti i cittadini europei a consumare pesce sbagliato, e più di quanto i mari del Vecchio continente siano in grado di produrre, tanto da diventare sempre più dipendenti dalle importazioni: se tutti i paesi dell'Unione dovessero consumare solo prodotti ittici nazionali, le scorte finirebbero il 2 luglio prossimo, come denuncia il dossier "Fish dependance day", appena presentato dalla New Economics Foundation e da Ocean 2012.

Le riserve ittiche dei nostri mari sono insomma al lumicino, e l'80 per cento di tutte le specie presenti nelle acque europee è sfruttato oltre i limiti della sostenibilità.

Il fatto è che il Mediterraneo è un mare al collasso: racchiude appena il 7 per cento delle acque del pianeta, e ospita il 30 per cento di tutto il traffico di petroliere. "Nel Mare nostrum abbiamo rilevato una quantità di catrame pelagico galleggiante 60 volte superiore a quella presente nell'Oceano indiano", continua Greco. E i pochi studi condotti sino a oggi dicono che dei 37 stock ittici condivisi dai paesi rivieraschi, almeno 30 sono sovrasfruttati: la continua e indiscriminata cattura di pesci impedisce alle specie di riprodursi e ripopolare le acque. Così siamo costretti a importarne il 37 per cento in più rispetto a un ventennio fa.

Pigri e conservatori, anziché sfruttare l'infinita varietà delle acque nazionali, gli italiani si accaniscono sulle specie in pericolo. Come il tonno rosso del Mediterraneo, a rischio non soltanto per la sovrappesca, ma anche per la contaminazione da mercurio e policlorobiofenili (diossina e simili), il pesce spada o il salmone. Errore blu, secondo Greco: "I pesci di grandi dimensioni e dal ciclo vitale lungo hanno più tempo per accumulare nelle loro carni tutti gli inquinanti del mare, come i metalli pesanti (primo tra tutti il mercurio) e gli idrocarburi policiclici aromatici. Meglio sarebbe nutrirsi di pesci di taglia media o piccola anche da adulti".

Gli italiani amano spigole e orate, ma consumano quelle da acquacoltura, cresciute a forza di mangimi, se è vero che nella classifica dei consumi ai primi cinque posti troviamo quattro specie prevalentemente o esclusivamente allevate (orate, cozze, spigole e trote salmonate). Ma anche in questo caso, finiamo col consumare sempre le stesse cose: "Le specie allevate sono pochissime, circa dieci di pesce, tre di crostacei e sei di molluschi", continua Greco. Con l'incongruo che normalmente gli esemplari da allevamento sono nutriti con farine di altri pesci selvatici. E' sostenibile catturare 20 chili di pesce per ottenere un chilo di prodotto da allevamento? Non solo: le farine sono ottenute per lo più da pesci di piccola taglia interi, comprese le viscere, ma anche dagli scarti industriali della lavorazione di prodotti ittici per omogeneizzati per bambini e per la gastronomia. Il risultato è che queste farine contengono il 60 per cento di proteine e il resto di grassi.(Elisa Manacorda per "L'Espresso")

Pieni di additivi e di sostanze ignote E a rimetterci è la salute di chi mangia


30 Luglio 2011


L'Agenzia di sicurezza alimentare dell'Ue ha segnalato la presenza di batteri in molluschi italiani, di cadmio in calamari congelati spagnoli, di salmonella nei gamberi congelati del Bangladesh ma confezionati in Italia. Ma la lista è molto lunga: il pescato diventa un rischio perché tossico

ROMA - L'importazione del pesce straniero non fa male soltanto all'economia. Il quadro che proprio nelle scorse settimane ha tracciato il Rasff (Rapid alert system for Food and Feed), l'agenzia di sicurezza alimentare dell'Unione Europea, non è affatto tranquillizzante. Nella relazione viene segnalato come fossero stati trovati batteri in molluschi italiani, cadmio in calamari congelati che arrivavano dalla Spagna, salmonella brunei in cocktail di gamberi congelato proveniente dal Bangladesh e confezionato in Italia, infestazione da larve di nematodi in nasello congelato dalla Spagna, mercurio in filetti congelati di squalo blu e pesce spada sotto vuoto dalla Spagna. Insomma un elenco infinito di porcherie che arriva come pesce prelibato sulle tavole di tutti gli italiani.

A preoccupare gli esperti c'è poi in particolare il pesce che arriva dal Vietnam, dove peraltro è permesso un trattamento per il pesce con antibiotici che in Europa è vietatissimo in quanto pericoloso per la salute.

Ma il rischio non è soltanto quello dell'importazione. Uno dei problemi arriva dall'utilizzo massiccio di alcuni additivi chimici che i pescatori usano per "rinfrescare" il pesce: in sostanza viene passato per dare più lucentezza al prodotto non fresco. Le conseguenze sono incredibili.

Ecco per esempio cose è accaduto al professor Gagliano Candela, tossicologo, docente universitario e consulente di decine di procure italiane. "Avevo comprato il tonno, come prodotto freschissimo, in una pescheria. Per caso ho spento la luce in cucina e il mio tonno è diventato fluorescente. L'effetto è dovuto - spiega - a un additivo che viene utilizzato per sbiancare il pesce e renderlo brillante. Il principio è lo stesso utilizzato per i detersivi delle camice, quelli che restituiscono brillantezza ai colori". Uno degli additivi più utilizzati, nonostante sia vietato in Italia, è il cafodos. I carabinieri del Nas lo sequestrano in continuazione in tutta Italia. Non si tratta di per sé non è molto tossico. Ma può provocare danni di un certo rilievo a chi lo mangia.

"Il pesce - spiega il professor Alberto Mantovani, tossicologo del dipartimento di Sanità alimentare e animale dell'Istituto superiore di sanità - e in particolare alcune specie come il pesce azzurro o il tonno, rilascia istamina in quantità sempre maggiori con il tempo. Mangiando quindi pesce vecchio si ingeriscono alte quantità di istamina che possono provocare un avvelenamento acuto. I rischi sono quelli di un'allergia violenta - continua - o di problemi più gravi per un certo tipo di pazienti, come per esempio i cardiopatici". Proprio a Bari, sono finite in ospedale una decina di persone dopo aver mangiato alici al cafodos. E un'altra inchiesta è partita in seguito alla denuncia di un allergico che ha avuto una crisi per colpa di pesce azzurro ormai vecchio. Ma l'importazione selvaggia sta facendo soffrire il nostro mare?

Sì, a credere agli esperti. La colpa è ancora una volta dei grossisti che oltre a far arrivare il pesce dalla Cina, il Vietnam o l'Indonesia, hanno cominciato ad allevarlo. Le guardie costiere hanno per esempio lanciato l'allarme per il granchio cinese, considerato forte e aggressivo, in grado di impedire la crescita degli altri crostacei e di altre varietà nell'habitat in cui si riproduce. In sostanza sta distruggendo tutte le altre specialità. Esiste poi un paradosso che sta conoscendo il popolo del Mediterraneo.

Un terzo del pesce che viene pescato viene ucciso e ributtato in mare perché la sua commercializzazione non è considerata conveniente. "Il fenomeno è sempre più frequente" spiega Angelo Cau, docente di biologia marina all'università di Cagliari. "Pescando a 400 metri di profondità si butta in mare il 60 per cento del pescato. Pescando a 200 metri di profondità si può arrivare a buttare in mare anche più del 90 per cento del pescato. In media si spreca un terzo di tutto ciò che finisce nelle reti e quattro specie su dieci non vengono commercializzate pur avendo le carte in regole per essere vendute. "I nostri pescatori il pesce lo porterebbero volentieri a terra" osserva Ettore Ianì, presidente di Legapesca. "Ma il problema è che nessuno lo compra: costa troppo, ha dimensioni ridotte. Insomma non è concorrenziale con il prodotto importato dall'estero". In fondo, non è poi così lontano il Mozambico.(da "La Repubblica.it")

I padroni del mare il business degli importatori


30 Luglio 2011


Secondo le indagini della procura di Lecce e di Palermo 'comandano' vecchi armatori che tentano di riciclarsi in qualche modo. Non sono immuni da infiltrazioni criminali che approfittano dei prezzi convenienti: il pesce non italiano costa fino a otto volte meno dell'originale. E nei ristoranti tre volte su quattro quello che si ordina viene dall'estero

ROMA - Perché questa invasione? Chi ci guadagna? "Sicuramente non noi" spiega Mauro Manca, presidente dell'Associazione Acquacoltori, la costola che si occupa di pesca della Coldiretti. "Basti ricordare che nel giro di due anni il settore ha perso il 12 per cento della produzione e l'11 per cento dei ricavi e che nei primi mesi dell'anno la quota di importazione continua a salire in maniera importante". Numeri che vanno a braccetto automaticamente anche con il crollo dei pescatori. Secondo il Centro Studi Lega Pesca sono rimasti solo 28.542 pescatori, il 61,4 per cento concentrato nelle regioni meridionali e insulari. L'età media generale oscilla tra i 41 e 43 anni solo grazie all'ingresso di giovani immigrati, che per esempio hanno ormai l'esclusiva a Mazara così come a Manfredonia.

Tornando al business, gli affari sono unicamente nelle mani degli importatori, i veri padroni della pesca in questo momento in Italia. Si tratta di vecchi armatori riciclati e, come stanno provando a raccontare due indagini della procura di Lecce e di Palermo, in alcuni casi anche con infiltrazioni della criminalità organizzata che come al solito ha messo gli occhi su un business importante. Per comprendere quanto conviene importare il pesce dall'estero è bene guardare ancora una volta un po' di numeri. Come ha ricostruito la Guardia di Finanza in un'inchiesta a Bari, il costo del pesce taroccato è sino a otto volte inferiore rispetto all'originale.

Il caso più eclatante è probabilmente quello dello squalo smeriglio, il cui prezzo di acquisto in fattura era di 2,50 euro al chilogrammo (e che comunque difficilmente viene commerciato in quanto poco richiesto dal consumatore). E che invece veniva venduto come pesce spada fresco a 19 euro. "In questo tipo di business un ruolo di particolare importanza - continua Manca - è quello della ristorazione che, forte di un dato statistico che attesta nel 75 per cento circa il consumo extra domestico di prodotti ittici, deve garantire anch'essa un livello accettabile di trasparenza nei confronti del consumatore, in modo da favorire ancora una volta la scelta consapevole di un prodotto italiano, rispetto ad uno di provenienza estera, elemento a oggi non garantito nella maggioranza dei casi".

"Con tre piatti di pesce su quattro che vengono dall'estero all'insaputa dei consumatori occorre mettere in campo delle iniziative capaci di riportare sulle tavole il prodotto Made in Italy che è sicuramente più sano e gustoso degli ormai onnipresenti gamberetti asiatici o del famigerato pangasio" spiega Tonino Giardini, imprenditore marchigiano e presidente di Impresa Pesca Coldiretti. Non è un caso che nel 17 per cento dei casi infatti l'etichettatura obbligatoria sul pesce servito nei ristoranti è assente, nel 38 per cento dei casi è incompleta. Ma fa male soltanto all'economia l'importazione del pesce straniero?(da "La Repubblica.it")

Libia, Berlusconi teme la vendetta di Gheddafi Palazzo Chigi smentisce



30 Luglio 2011


Secondo alcune indiscrezioni, Berlusconi teme per la propria vita e quella dei figli. Ma Palazzo Chigi smentisce: "Mai dette quelle frasi"


Roma - "Sono in pericolo di vita e purtroppo non solo io ma anche i miei figli. L’ho saputo da mie fonti certe che Gheddafi ha dato disposizioni di farmi fuori". A parlare, secondo alcune indiscrezioni riportate dal Corriere della Sera, è Silvio Berlusconi, che ha immediatamente smentito le frasi: "Anche stamane si rileva su molti quotidiani un florilegio di frasi e giudizi attribuiti al presidente Berlusconi, tutti quanti frutto della più fervida fantasia", si legge in una di nota di Palazzo Chigi, "Valgano per tutte le presunte rivelazioni su Gheddafi che il presidente Berlusconi non ha mai detto o confidato ad alcuno".

I timori del Cav Il premier durante alcune riunioni avrebbe affermato di sentirsi "nel mirino" del colonnello libico, "perchè così Gheddafi ha deciso. Lui me l’ha giurata", aggiunge. Tra i motivi che alimenterebbero il rancore del colonnello ci sarebbe la partecipazione dell’Italia alla guerra in Libia: "A Tripoli c’erano manifesti giganti che mi ritraevano con Gheddafi mentre ci stringevamo la mano. E lui ha preso il nostro intervento militare come un tradimento".

Le pressioni internazionali Berlusconi avrebbe inoltre ricordato la sua contrarietà iniziale a partecipare al conflitto. "A suo tempo avevo messo in guardia i nostri partner internazionali e anche in patria avevo spiegato che l’operazione non sarebbe stata facile e che ci avrebbe potuto danneggiare. Poi, davanti alle pressioni degli Stati Uniti, alla presa di posizione di Napolitano e al voto del nostro Parlamento che potevo fare? Non sono io a decidere. Ma vai a spiegarlo a chi è abituato a comandare come Gheddafi. Le regole della democrazia non le capisce". Frasi, a quanto pare, mai pronunciate dal Cavaliere.(da "Il Giornale.it")

Chi piange e chi ride nell'estate della crisi...


30 Luglio 2011


La rubrica "Zuppa di Porro" si occupa oggi degli umori delle persone che contano in que­sta estate piena di intercettazioni, guerre tra procure e ministri dell’Econo­mia che si dimettono da inquilini


La zuppa si occupa oggi degli umori delle persone che contano in que­sta estate calda, piena di intercettazioni, guerre tra Procure e ministri dell’Econo­mia che si dimettono da inquilini. Ottimo l’umore di Silvio Scaglia e dei suoi uomini Fastweb. Davanti alla Procu­ra di Roma sono sfilati i 40 testimoni del­l’accusa. Più o meno gli stessi che la dife­sa porterà a sua discolpa. Si tratta, per Scaglia&Co,di smontare l’accusa di asso­ciazione a delinquere di tipo transnazio­nale. Mica poco: grazie a questa ipotesi di reato si sono fatti un anno di carcere preventivo.

Il dibattimento sta smontan­do pezzo per pezzo le ipotesi iniziali.C’è da scommettere che se le cose continueranno così il massimo che in primo grado potranno beccarsi è qualche reato minore di tipo tributario. Un buon punto per la difesa anche la testimonianza di Francesco Micheli che più o meno ha detto: tutti in Fastweb erano uomini di Scaglia, compreso mio figlio. Si tratta della grande scuola Omnitel, da cui è nata la cultura del mobile in Italia. Pessimo l’umore del grande accusatore Fastweb, il procuratore Giancarlo Capaldo. Per prassi del Csm chiunque subisca l’apertura di un fascicolo disciplinare da parte dell’organo di autogoverno della magistratura vede preclusa ogni promozione. Svaniscono così le sue buone carte per sostituire Giovanni Ferrara, come capo della Procura di Roma. Salgono le quotazioni dei pm Paolo Ielo e Nello Rossi.

Un gruppo, considerato oggi emergente a Roma, ben collegato con i giudici di Milano (Francesco Greco) e che probabilmente riuscirà a portarsi a casa la delicata inchiesta Finmeccanica, fino a ieri condivisa, con qualche attrito, proprio con Capaldo. Fuori Achille Toro, il pm romano che ha patteggiato per la questione Protezione civile, e fuori Capaldo, il tam tam parla di una nuova casella, a Roma, per magistratura democratica. E così la componente di sinistra, piazza le sue pedine a Milano, Napoli e Roma. En plein. Ottimo l’umore di Giuseppe Rotelli, il fondatore del gruppo ospedaliero lombardo San Donato, per lo scampato pericolo San Raffaele. Il gruppo di Don Verzé ha preferito una soluzione pubblico-istituzionale ( il Vaticano) a quella privata e di mercato (Rotelli) per il suo salvataggio. Rotelli è fuori dalla partita del San Raffaele, ma anche dai suoi debiti, che sembrano essere d’improvviso lievitati a quota 1,4 miliardi e da quella zona grigia di interessi con la politica, che con molte informazioni il Corriere della Sera sta svelando.

Il gruppo San Donato fattura 800 miliardi di euro, è leader in Italia e tra i quattro grandi in Europa e non sarebbe stato il primo salvataggio della sua carriera: l’ultimo fu quello del gruppo di Antonino Ligresti. Il San Raffaele e la sua forza universitaria hanno ricavi per 600 miliardi. Di questi però 200 sarebbero non attinenti all’attività ospedaliera stretta (tra questi anche il cinque per mille e donazioni varie). Vista anche la determinazione dei nuovi soci nel far fuori dalla gestione operativa Don Verzé, molti si chiedono perché il geniale fondatore del San Raffaele abbia deciso così precipitosamente di non aprire una trattativa con Rotelli. Nero l’umore dei banchieri di Mediobanca. Si fa per dire, ovviamente. Ma sono proprio loro ad aver subito per primi la botta fiscale di Tremonti: nel cedolino delle loro buste paga di luglio è comparsa la voce «tassa addizionale sui bonus».L’ultima manovra ha previsto l’aumento del 10 per cento delle imposte sulle gratifiche.

Prima venivano tassati all’aliquota personale massima: sempre che il premio non superasse di tre volte lo stipendio fisso. Dal primo luglio Tremonti ha deciso che qualsiasi premio avrà una sovrattassa del 10 per cento. Mediobanca infatti chiude il bilancio a giugno ed eroga i premi a luglio.

Per i bankers di Intesa e Unicredit, per citare solo le due più grandi, la botta arriverà solo ad aprile dell’anno prossimo. Magra consolazione. Rosso invece l’umore di Stuart Gulliver, superboss della banca Hsbc. La settimana scorsa è volato da Luca Cordero di Montezemolo a Maranello e si è ordinato una 599 Gto nuova di zecca e di co-lore Rosso Corsa ( uno delle tre tonalità di rosso del Cavallino). Si tratta della Ferrari più performante mai costruita, ne verranno prodotte 599 e costa circa 320mila euro. Non è un problema per un banchiere che (nonostante le nuove addizionali applicate anche nel Regno Unito) si è portato a casa negli ultimi due anni bonus per circa 20 milioni di euro. Nella sua prima uscita al Ft disse della sua banca: «Hsbc è come una macchina che ha dodici cilindri, ma ne usa solo otto. Vorrei portarla almeno a dieci». È proprio fissato con i dodici cilindri di Maranello.

P.S. Domanda estiva per il ministro Gelmini. Tra i tanti corsi di laurea che ha promesso di tagliare sono previsti quello di igienista dentale (Minetti) e quello di Scienza della sicurezza economico finanziaria (Milanese)? (Nicola Porro per "Il Giornale.it")

I rivoluzionari del fine settimana: corteo dei No Tav in val di Susa


30 Luglio 2011


Alta tensione a Chiomonte, anche questo week end continuano le proteste contro i lavori per la linea ferroviaria ad Alta Velocità. Oggi almeno mille persone in corteo, ma gli organizzatori assicurano: questa volta non ci saranno scontri e i manifestanti saranno tutti a viso scoperto. Ma la paura continua a salire. Durante la settimana si sono registrati parecchi scontri con le forze dell'ordine e sono state sequestrate decine di maschere anti gas


Torino - Giorni di guerriglia: sassi, bombe carte e bulloni. Oggi torna in scena il fine settimana di proteste contro la linea ferroviaria ad Alta Velocità, ma questa volta gli organizzatori assicurano che non ci saranno scontri e i manifestanti saranno a volto scoperto. Rimane comunque alta la tensione. Nelle scorse notti i No Tav hanno cercato più volte di assalire il cantiere e, secondo le forze dell'ordine, l'acquisto di maschere antigas continua a salire, triste presagio di una tensione che non vuole scendere.

Oltre mille persone sono partite dal campo sportivo di Giaglione verso i sentieri che conducono in val Clarea, sotto il viadotto della A32, la Torino-Bardonecchia, davanti alle recinzioni del cantiere di Chiomonte. "Sarà una manifestazione pacifica a mani scoperte e senza maschere antigas le reti non ci interessano" ha detto il leader No Tav Alberto Perino. In testa al corteo un piccolo furgone con ai lati due bandiere No Tav. "Non portate i caschi, non servono" è stata una delle indicazioni date dagli organizzatori del Movimento No Tav ai partecipanti. Ma la tensione è ancora alta.(da "Il Giornale.it")

Rapporto Svimez: due giovani su tre sono a spasso nelle regioni del Sud



30 Luglio 2011


Il 25% dei meridionali non lavora o ha smesso di cercare un'occupazione ma il tasso «accertato» è al 13,4%


NAPOLI - Il 25 per cento dei meridionali non lavora o ha smesso di cercare un'occupazione e il tasso di disoccupazione stabile al Sud è del 13,4%, in aumento di quasi un punto e mezzo rispetto a due anni fa. È il quadro, a tratti drammatico, che emerge dal Rapporto Svimez 2011 che traccia una sorta di deserto occupazionale nelle regioni del Mezzogiorno d'Italia con tassi di senzalavoro doppi rispetto alle aree del centro nord.

SCORAGGIATI - Una su quattro non ce la fa. Nel Sud Italia, infatti, una persona su quattro non lavora, se consideriamo anche i lavoratori in cassa integrazione e gli scoraggiati. Nel 2010 - si legge nello studio Svimez - il tasso di disoccupazione nel Sud «accertato» è stato del 13,4% (contro il 12% del 2008), più del doppio del Centro-Nord (6,4%, ma nel 2008 era il 4,5%). Se consideriamo tra i non occupati anche i lavoratori che usufruiscono della Cig e che cercano lavoro non attivamente (gli scoraggiati), il tasso di disoccupazione corretto salirebbe al 14,8%, a livello nazionale, dall'11,6% del 2008, con punte del 25,3% nel Mezzogiorno (quasi 12 punti in più del tasso ufficiale) e del 10,1% nel Centro-Nord.

MENO 281 MILA POSTI - Calano sempre più gli occupati, chiudono le aziende, cresce il sommerso. Negli ultimi due anni - secondo il Rapporto Svimez 2011 - il tasso di occupazione è sceso al Sud dal 46% del 2008 al 43,9% del 2010, e al Centro-Nord dal 65,7% al 64%. Su 533 mila posti di lavoro in meno in tutto il Paese dal 2008 al 2010, ben 281 mila sono stati nel Mezzogiorno. Con meno del 30% degli occupati italiani, al Sud si concentra dunque il 60% della perdita di posti di lavoro. L'occupazione è in calo in tutte le regioni meridionali, con l'eccezione della Sardegna. Particolarmente forte è la diminuzione in Basilicata (dal 48,5 al 47,1%) e Molise (dal 52,3 al 51,1%).

TRIANGOLO DEI SENZALAVORO - Valori drammaticamente bassi e in ulteriore riduzione - segnala la Svimez - si registrano in Campania, dove lavora meno del 40% della popolazione in età da lavoro, in Calabria (42,2%) e Sicilia (42,6%). Il tasso d'occupazione si riduce anche nelle regioni del Centro-Nord con l'eccezione di Valle d'Aosta, Friuli e Trentino Alto Adige, che presenta il valore più alto (68,5%). Particolarmente intensa è la flessione in Emilia Romagna (-2,8 punti percentuali, dal 70,2% al 67,4%) e in Toscana (dal 65,4 al 63,8%).

EMERGENZA GIOVANI - Due giovani su tre nel Sud Italia sono a spasso: in quest'area del Paese, infatti, il tasso di occupazione giovanile (15-34 anni) è giunto nel 2010 ad appena il 31,7% (il dato medio del 2009 era del 33,3%; per le donne nel 2010 non raggiunge che il 23,3%), segnando un divario di 25 punti con il Nord del Paese (56,5%). «La questione generazionale - sottolinea la Svimez- diventa quindi emergenza e allarme sociale nel Mezzogiorno». Significativo l'aumento degli inattivi (le persone che non lavorano e non cercano attivamente un lavoro): tra il 2003 e il 2010 al Sud gli inattivi, sono aumentati di oltre 750mila unità.

RECESSIONE ALLE SPALLE, MA SUD ARRANCA - Un Sud che arranca, pur lasciandosi alle spalle la recessione più grave dal dopoguerra, con Abruzzo, Sardegna e Calabria che guidano la ripresa. Un Sud dove le famiglie hanno anche difficoltà a spendere, ma che costituisce una sorta di protezione evitando che la disoccupazione schizzi a livelli astronomici.

Processo lungo, migliaia di vittime senza giustizia


30 Luglio 2011


Una legge devastante per la giustizia è stata approvata in Senato con la fiducia. Il cosiddetto “processo lungo” è una normativa che salva mafiosi, delinquenti abituali e non, colletti bianchi corrotti. Per le vittime, invece, è azzerato di fatto il diritto alla verità.

L’emendamento “allunga processi”, a firma di Franco Mugnai del Pdl (approvato in Commissione giustizia del Senato ai primi di aprile), prevede, infatti, che la difesa possa presentare sterminate liste di testimoni. Di più. Fa carta straccia della “norma Falcone”(articolo 238 bis del codice di procedura penale) perché vieta in un dibattimento l’utilizzo come prova delle testimonianze già acquisite in altri processi con sentenza passata in giudicato. Ogni volta, dunque, si può ripartire da zero e la prescrizione diventerà inevitabile per decine di migliaia di processi.

Le nuove regole rappresentano un mix fortunatissimo per il processo milanese a carico di Silvio Berlusconi per la corruzione in atti giudiziari dell’avvocato David Mills. Al momento, la sentenza della Cassazione per il testimone corrotto (e prescritto) è stata acquisita in dibattimento e rappresenta una spada di Damocle per il presidente del Consiglio. Anche se, rispetto a quando l’emendamento è stato architettato, per scelte anche del collegio giudicante, la prescrizione scatterà comunque, quasi sicuramente, prima della sentenza di primo grado.

Ma Berlusconi deve ipotecare gli altri procedimenti, quelli per i presunti reati fiscali: Mediaset e Mediatrade. E anche se la prescrizione è nel 2025, deve dilatare i tempi del processo per il caso Ruby. Come accade per tutte le leggi ad personam, al netto dei “Lodi” Schifani e Alfano, l’effetto su tutti gli altri processi è catastrofico.

Un esempio: se allo stadio, durante una partita di calcio con 30 mila spettatori, è stato commesso un omicidio, l’accusa chiamerà in dibattimento, verosimilmente, solo pochi testimoni. Quelli in grado di riferire elementi certi su quanto avvenuto. Ma con la nuova legge, la difesa di chi è imputato può chiedere che vengano a testimoniare, in astratto, tutti e 30 mila gli spettatori. Basta che sappia dare una buona motivazione e il giudice è obbligato ad accogliere la richiesta. Gli viene quindi tolto il potere di determinare la lista testi in base all’attuale concetto di “superfluità”. E se non accoglie le richieste il processo può essere annullato.

L’emendamento Mugnai prevede, infatti, che “Il giudice…a pena di nullità ammette le prove ad eccezione di quelle vietate dalla legge e di quelle manifestamente non pertinenti…”. Il trucco per obbligare il giudice all’ammissione dei testimoni è proprio in quella frase: “non manifestamente pertinenti”, significa che se gli avvocati hanno una mezza giustificazione per la loro richiesta, sia pure abnorme, la spuntano. Anche se l’intento è chiaramente quello di allungare il processo e arrivare così alla prescrizione.

Questa legge, che dovrà tornare alla Camera, vale non solo per i processi di primo grado in corso (altrimenti non servirebbe a Berlusconi), ma persino per i processi di mafia e per quelli con rito abbreviato, concepito, appunto, per durare poco grazie alla concessione dello sconto di un terzo della pena. E pensare che il disegno di legge originario aveva tutt’altro scopo: “Inapplicabilità del giudizio abbreviato ai delitti puniti con la pena dell’ergastolo”, prima firmataria la deputata della Lega, Carolina Lussana.

Dunque una legge scritta per impedire benefici a chi è accusato di reati gravissimi. Nella versione originale è stato approvato alla Camera a febbraio. Poi il blitz in Senato del Pdl, in aprile: l’approvazione in Commissione giustizia dell’emendamento “allunga processi”. Ieri, il voto definitivo della maggioranza in aula. Anche con il sì della Lega che, però, quando fa i raduni padani inneggia alle manette e grida “sicurezza sicurezza”.(Antonella Mascali per "Il Fatto Quotidiano")

Camorra, gli Stati Uniti vanno alla guerra L’Italia perde sempre più terreno


30 Luglio 2011


Mentre in America Obama inserisce la camorra tra le 4 più pericolose organizzazioni criminali del mondo, il governo italiano frena le indagini e, in campo internazionale, rinuncia alle squadre investigative comuni e allo strumento della confisca extraterritoriale

Lo hanno braccato in Olanda lo ‘zio’. Era sfuggito alla retata contro il clan Polverino che, nel maggio scorso, aveva portato in carcere 40 persone. E’ finita ieri la latitanza di Angelo D’Alterio, grazie al lavoro dei carabinieri del comando provinciale di Napoli e dei reparti speciali olandesi, coordinati dalla Procura di Napoli, pm Marco Del Gaudio, Antonello Ardituro e Maria Cristina Ribera, in collaborazione con l’Eurojust (l’Unità di cooperazione giudiziaria dell’Unione europea), con l’Unidad Central Operative e la Guardia civil spagnola. L’ennesima dimostrazione del livello di infiltrazione e condizionamento dei clan camorristici all’estero. I Polverino, in particolare, hanno egemonizzato la Costa del Sol, in Spagna, investendo in operazioni immobiliari i capitali sporchi e il denaro proveniente dal traffico di droga, soprattutto hashish che il clan gestisce con il benestare delle altre organizzazioni criminali italiane.

Basti pensare che, nell’operazione di maggio, il patrimonio sequestrato è pari a un miliardo di euro. I carabinieri, in pochi mesi, hanno arrestato 5 esponenti di spicco del gruppo che fa capo a Giuseppe Polverino, ancora latitante. “ L’ennesima dimostrazione – commentano in ambienti giudiziari – della pervasività dei clan all’estero e dell’ingente patrimonio di cui possono disporre. Noi, invece, operiamo senza strumenti adeguati”.

Gli investigatori fanno esplicitamente riferimento all’impossibilità per l’Italia di adoperare squadre investigative comuni con gli altri paesi dell’Unione Europea. La decisione quadro europea non è stata recepita, con apposita legge, dal parlamento italiano. In questo modo, gli inquirenti italiani riescono a partecipare alle operazioni internazionali grazie ai buoni e consolidati rapporti con le forze dell’ordine straniere. Talvolta però vengono tagliati fuori. “ Dipende dal Paese – racconta un investigatore – A volte, dopo aver consegnato le carte ci rispediscono in aereo a casa”. Eppure il know how degli agenti italiani, in più occasioni, si è rivelato fondamentale, ma è neutralizzato da questo vuoto legislativo.

Il potere economico della camorra ha suscitato l’allarme anche degli Stati Uniti. In una conferenza pubblica il presidente Barack Obama ha indicato le quattro organizzazioni criminali straniere più pericolose e la nuova strategia per fronteggiarle. Al secondo posto c’è proprio la camorra, insieme a Los Zetas (narcos messicani), la mafia russa del “Circolo dei fratelli” e la Yakuza giapponese, gruppi criminali capaci di corrompere autorità governative e statali. Nel piano di azione presentato, Obama e la sua squadra parlano di vera emergenza nazionale e di organizzazioni che minacciano la stabilità del sistema economico americano, l’ordine e la stessa sicurezza nazionale. La relazione parla della camorra come di un gruppo criminale italiano in grado di fatturare 25 miliardi di dollari ogni anno.

Parla americano anche un’ultima inchiesta della Direzione investigativa antimafia (Dia) di Napoli dell’aprile scorso, che ha riguardato un imprenditore veneto che si occupa di macchinari per la triturazione dei rifiuti, con sedi operative anche anche a New York. Avrebbe utilizzato assegni e fatto da prestanome a Cipriano Chianese, l’imprenditore sotto accusa per camorra, eminenza grigia delle ecomafie casalesi e protagonista assoluto della prima emergenza rifiuti campana.

Il report del governo americano individua i settori di maggiore interesse della criminalità campana: la contraffazione, la violazione della proprietà intellettuale e il traffico di droga. La patria della contraffazione è la Cina, ma è Napoli a essere considerata per il potere dei clan, il luogo di interscambio. E’ a Napoli che da Pechino arrivano i prodotti rivenduti poi su tutti i mercati del mondo. Il sistema non è cambiato, è quello ben definito nell’inchiesta Gomorrah del maggio 2010. In quel caso prodotti di lavoro venivano spediti a Napoli e poi rivenduti in tutto il mondo con marchi contraffatti. I guadagni erano notevoli (un trapano pagato 50 euro veniva rivenduto a 700 euro). Le attività illecite consentono quindi di accumulare capitale da investire nei paesi stranieri, anche negli Stati Uniti. E quello della contraffazione è uno dei mercati più floridi. I numeri sono da capogiro. Secondo il Censis il mercato del falso solo in Italia, nel 2008, ha prodotto un fatturato di 8 miliardi e 109 milioni di euro.

Quando, nel 2008, è stato arrestato il latitante Vincenzo Licciardi, tra i capi dell’alleanza di Secondigliano, si è compreso il livello di business raggiunto. Attraverso la rete dei magliari, (significativamente presente anche a Sten Island, roccaforte italo-americana a New York), da anni riferimento in diversi paesi stranieri, l’organizzazione riusciva a piazzare capi di abbigliamento, posateria, materiali di ogni tipo, anche negli States. Una strategia imprenditoriale da holding del crimine: prodotti con marchi contraffatti che sottraggono soldi e reti di vendita alle grandi griffe. Diversi gruppi criminali (anche il clan Mazzarella) sono attivi in questo business mondiale.

Alcune formazioni criminali mantengono saldo il loro potere come se nulla fosse. E’ il caso del gruppo Contini. L’ultimo boss arrestato è Giuseppe Dell’Aquila (Leggi), referente anche dei Mallardo di Giugliano (clan in stretto rapporto con i Casalesi). Il gruppo Contini è una formazione che non presenta al suo interno collaboratori di giustizia e ha una potenza di uomini e patrimonio economico ancora molto vasto.

E proprio sull’aggressione ai patrimoni, mentre gli Stati Uniti mettono in campo una strategia di repressione, si registra l’ennesimo handicap sul fronte italiano delle indagini. Il parlamento italiano, nonostante il pressing e la proposta presentata dalla deputata Laura Garavini del Pd, non ha recepito la delibera quadro sulla confisca europea. Così l’Italia rinuncia, in periodo di profonda crisi economica, non solo a dare un segnale forte nella lotta all’illegalità, ma soprattutto rinuncia a offrire al patrimonio pubblico i beni e gli immobili mafiosi confiscati all’estero.(da "Il Fatto Quotidiano")

La guerra a Gheddafi e la difficoltà di Eni, Finmeccanica e Impregilo


30 Luglio 2011


Il cane a sei zampre perde 280 mila barili al giorno. Minori entrate anche per lo Stato


Milano – Quando tutto è cominciato, a febbraio di quest’anno, Paolo Scaroni aveva tagliato corto con queste parole: “Le agitazioni politiche nei Paesi del Nordafrica non avranno alcun impatto su Eni”. Troppo presto. Troppo facile. Certo, in quel momento solo le solite Cassandre ammonivano sul rischio che la rivolta libica si trasformasse in una vera e propria crisi internazionale. Fatto sta che ieri Scaroni è stato costretto a fare marcia indietro. “Il primo semestre del 2011 – ha spiegato agli analisti il numero uno dell’Eni – ha sofferto della mancata produzione in Libia che ha avuto un impatto su tutti i nostri settori d’attività”. Ecco spiegato, allora, il calo del 6 per cento (a 3,8 miliardi di euro) dei profitti del gruppo nei primi sei mesi dell’anno. E l’effetto Gheddafi si è fatto sentire soprattutto da aprile a giugno, quando la rivolta è diventata una guerra. In quel trimestre la produzione è calata addirittura del 15 per cento, con profitti in diminuzione del 30 per cento circa.

Tutte le attività libiche del cane a sei zampe sono stati chiuse causa guerra e di conseguenza è venuta a mancare una produzione equivalente a 280 mila barili al giorno, tra petrolio e gas naturale. Scaroni assicura che non appena cesseranno le ostilità tutto riprenderà come prima, perché gli impianti non hanno subito danni. Vero, ma tutto dipende, appunto, dalla durata della guerra. Un mese, tre mesi, un semestre intero, o addirittura un anno? Alla lunga le crepe nel bilancio dell’Eni rischiano di allargarsi, anche per i costi supplementari legati alla ricerca di fonti di approvvigionamento che sostituiscano il gas libico.

Per il momento Eni conferma risultati “solidi” per il 2011 e annuncia un acconto di 0,52 euro per azione sul dividendo. Del resto il primo a soffrire per un ipotetico futuro taglio della cedola sarebbe proprio il governo di Roma che direttamente e attraverso la Cassa depositi e prestiti controlla il 30 per cento dell’Eni.
Con i tempi che corrono non è proprio il caso di rinunciare a centinaia di milioni di incassi sotto forma di dividendi. Anche perché di questi tempi un’altra grande azienda di Stato naviga in acque agitate e il vento di guerra che spira dalla Libia contribuisce a complicare le cose.

I guai questa volta riguardano Finmeccanica, che nelle ultime due sedute di Borsa è arrivata a perdere un quarto del proprio valore. Colpa dei risultati deludenti del primo semestre e delle previsioni negative per l’immediato futuro. Tra le aree di sofferenza c’è anche la Libia dove il gruppo che produce, tra l’altro, armi e sistemi elettronici, l’anno scorso aveva siglato nuovi contratti. A cominciare da quello per la fornitura di tecnologia e macchinari in campo ferroviario del valore di circa 250 milioni. “I ricavi cominciano a calare per il mancato apporto di importanti commesse” in Libia, si legge nella relazione semestrale appena pubblicata da Finmeccanica. Tra gennaio e giugno il gruppo è arrivato all’utile di fatto solo grazie a proventi straordinari e tra gli analisti c’è chi prevede un bilancio in rosso per fine anno. Si trovano in difficoltà settori strategici del gruppo come quello ferroviario e (un po’ meno) quello aeronautico. E adesso la crisi libica crea guai supplementari. Anche in questo caso il governo di Roma, che possiede il 30 per cento di Finmeccanica, rischia di perdere risorse preziose. Con l’ultimo dividendo, distribuito a maggio, l’azionista pubblico ha incassato una cedola di 70 milioni, cedola che alla luce dei risultati semestrali appare quantomeno incerta.

Del resto in questo momento è difficile fare previsioni sull’evoluzione della situazione in Libia. La strategia delle bombe non ha fin qui portato risultati tangibili. La guerra tra Gheddafi e i rivoltosi non sembra ancora vicina a una svolta. Così anche un altro grande investitore come il colosso delle costruzioni Impregilo, controllato dai gruppi Benetton, Gavio e Ligresti, è per il momento costretto a rinunciare alle ricche commesse siglate di recente, quando Berlusconi filava d’amore e d’accordo con Gheddafi. Appalti importanti, valore oltre un miliardo, per la costruzione di strade, università, una conference hall a Tripoli. Tutto rinviato a chissà quando. Perché la guerra continua. E i conti sono sempre più in rosso.

Solo pochi giorni fa il Parlamento ha votato il rifinanziamento dell’impegno militare italiano a sostegno delle milizie anti Gheddafi. Fanno 58 milioni per tre mesi carico degli italiani, sotto forma di nuove tasse o tagli ai servizi.(da "Il Fatto Quotidiano")

Wikileaks : Viewing cable 06MONTEVIDEO4, MILL DISPUTE TROUBLES RELATIONS WITH ARGENTINA


30 Luglio 2011


VZCZCXYZ0003
RR RUEHWEB

DE RUEHMN #0004/01 0031810
ZNR UUUUU ZZH
R 031810Z JAN 06
FM AMEMBASSY MONTEVIDEO
TO RUEHC/SECSTATE WASHDC 5183
INFO RUCNMER/MERCOSUR COLLECTIVE
RUEHCV/AMEMBASSY CARACAS 0360

,UNCLAS MONTEVIDEO 000004

SIPDIS

STATE ALSO FOR WHA/BSC

SENSITIVE
SIPDIS

E.O. 12958: N/A
TAGS: PREL PGOV ECON EINV SENV AR UY
SUBJECT: MILL DISPUTE TROUBLES RELATIONS WITH ARGENTINA

REF: MONTEVIDEO 1429

¶1. (SBU) Summary: The dispute over Uruguay's planned
construction of cellulose (wood pulp) processing mills
on a shared river has led to strained relations with
Argentina. After a World Bank report cleared European
investors to begin construction, Argentine
environmental groups attempted to block tourists from
entering Uruguay. Moreover, harsh sound bytes from
Argentina continue to rankle bilateral relations, and
the current dispute comes on the heels of recent intra-
MERCOSUR friction. While the protests will likely
cause negligible economic damage, the political damage
to bilateral relations bears watching.
End Summary.

BACKGROUND
----------

¶2. (U) Since 2000, Uruguay courted the construction of
one Spanish (ENCE) and one Finnish (Botnia) cellulose
processing mill because of considerable economic
advantages. The two mills combined will bring USD 1.7
billion in foreign direct investment, the largest such
investment in Uruguayan history. The leader of a local
environmental group told us that Uruguayan
environmental groups support the mills because they
utilize adequate environmental safeguards. After the
World Bank tentatively approved loans for the projects
in 2004, Argentina appealed the decision on
environmental grounds. In November, however, a World
Bank committee agreed with Uruguay that the mills met
reasonable environmental standards and gave final
approval to the loans.

A DISPUTE THAT WON'T DIE
------------------------

¶3. (U) During two recent weekends, Argentine protesters
blocked the most heavily trafficked bridge into Uruguay
in an attempt to turn away Argentine tourists and
economically pressure the GOU. Over a quarter million
Argentines visited Uruguay's resorts last summer
(December through March), and Uruguay's economy depends
heavily on tourism. Local press reported that an
attempt to block a total of three bridges during the
New Year's weekend failed after large numbers of
tourists eluded the blockade and the GOA ordered police
to hold the bridges open.

¶4. (U) Argentine posturing, however, has done far more
damage to bilateral relations. In November, both sides
recalled their ambassadors over harsh words aimed at
Uruguayan President Vazquez. In December, Argentina
declared its intention to bring the matter before the
World Court. During the period of the blockades, many
local news articles stated or implied GOA complicity in
the protests. Most alarming for the GOU, the director
of environmental policy for the Argentine chancery
called for an international boycott of Uruguay.
Uruguayans believe that Argentina, which also courted
the mills, is acting more out of jealousy than genuine
environmental concern.

SALT ON A WOUND
---------------

¶5. (U) Recent discontent with MERCOSUR has further
amplified the dispute. In November, Vazquez publicly
criticized MERCOSUR, saying it should not be a "gilded
cage," and GOU officials groused about Uruguay's
seeming "second tier" status as Brazil and Argentina
met bilaterally on two occasions. Since the outbreak
of the dispute, the opposition in Congress has derided
the administration's pro-MERCOSUR bent, and January 2,
Foreign Minister Gargano declared that Argentina's call
for a boycott was "anti-MERCOSUR." This is tough
language from Gargano, who is usually understated, pro-
Argentine, and pro-MERCOSUR.

COMMENT
-------

¶6. (SBU) While the Vazquez administration has made much
of its close ties with other MERCOSUR countries, the
dispute further complicates relations with Uruguay's
closest partner. While we don't anticipate a radical
reordering of foreign policy, the dispute gives pause
to local MERCOSUR fans. In the past, some GOU leftist
argued against additional international economic
openness, preferring relations within MERCOSUR. Recent
developments, however, may make this alternative less
attractive and may embolden GOU moderates to seek wider
engagement. We anticipate that the GOU will continue
to quietly resist Argentine pressure and depend on
multilateral fora to prevail. In private, however, we
sense a nationalist fury in Uruguay which may not soon
subside.

GONZALEZ