yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: settembre 2011

video

Loading...

venerdì 30 settembre 2011

DOPO LA LETTERA CONTRO BERTONE ORA ARRIVA QUELLA PER IL CARDINALE VALLINI, ACCUSATO DI UNA GESTIONE ACCENTRATRICE DELLA DIOCESI ROMANA, AL LIMITE ....



30 Settembre 2011


In Vaticano è scattata l'indagine. Chi si nasconde, stavolta, dietro l'anonimato assumendo le sembianze di un corvo?

Di lettere anonime al di là del Tevere - così come in Vicariato o all'indirizzo di Villa Giorgina, a via Po, dove ha sede la nunziatura e dove si preparano le terne dei candidati all'episcopato - ne arrivano parecchie. La tentazione di far arrivare al Papa o ai vertici della Santa Sede messaggi non firmati contenenti informazioni o giudizi (ma spesso vere e proprie calunnie) su questo o quel prelato nel tentativo di sbarrargli la strada a una promozione o per metterlo in cattiva luce presso i superiori, è in aumento.

Il fenomeno - tutt'altro che nuovo - sembra che ultimamente abbia preso una piega un po' preoccupante a giudicare dagli ultimi due casi eclatanti, il primo relativo alla lettera anonima indirizzata poco meno di un mese fa al Segretario di Stato, cardinale Tarcisio Bertone, piena zeppa di riferimenti offensivi e minacce di morte, e l'ultima contro il cardinale Agostino Vallini, vicario della diocesi capitolina, firmata genericamente i «Sacerdoti di Roma».

Al di là del Tevere ora si riflette sul perché vengono presi di mira i principali collaboratori del Pontefice e perché su di loro si sta abbattendo una campagna denigratoria senza precedenti.

Ora sarà la Gendarmeria a prendere la situazione in mano e cominciare a indagare sull'origine della nuova lettera anonima, nel tentativo di capire da dove è partita, chi c'è dietro, se si tratta di una sola mano o se è stata pensata da più persone, se sussiste un filo conduttore che collega entrambe le missive oppure se non vi sono legami di sorta.


SOSPETTI E VELENI - Fare luce su questo brutto costume non sarà facile, né arrivare al mittente. «Un po' come trovare un ago in un pagliaio» sono le osservazioni che si raccolgono qui e là. Traspare molta amarezza per il nuovo episodio ritenuto sgradevole nella forma e nella sostanza.

Nessuno però se la sente di commentare: esiste davvero un disagio così profondo all'interno del clero romano, come traspare dalla missiva al vetriolo contro il cardinale Vallini al quale viene imputata una gestione giudicata eccessivamente accentratrice, al limite del «militaresco»?

I veleni sembrano carsici e chissà da dove provengono. In curia chi ha la memoria lunga e grande esperienza ricorda che anche agli inizi degli anni Novanta circolavano lettere anonime ma erano di tutt'altro genere. Fece scalpore, strappando molte risate, l'analisi caricaturale sui vizi dei prelati in carriera.

L'anonimo corvo dell'epoca, a differenza di quelli più recenti, era dotato di grande humor. Aveva suddiviso in tre grandi categorie i preti della Segreteria di Stato a seconda di come leggevano il breviario o dal cantante pop che preferivano.

C'era il «monsignore yuppie», che giocava a tennis, si manteneva in forma andando in palestra, indossando nel tempo libero la Lacoste. C'era il «tradizionalista» che non amava le mode e si faceva pellegrino a Medjugorie (ma senza farlo sapere ai superiori dato che quel santuario è ancora «irregolare»); infine il monsignore «intellettuale», vegetariano, che citava Adorno e Wittgenstein, amava Sting e i film di Woody Allen.

La velina allora circolava in tutti gli uffici strappando risate persino all'allora Segretario di Stato, Angelo Sodano. Altri tempi. Niente a che vedere con le lettere di questo ultimo periodo, grondanti arsenico. Ecco perché in Vaticano vorrebbero saperne di più.(Franca Giansoldati per "Il Messaggero")

Mafija opet lomi državu


30 Settembre 2011


Mučna sudanija oko tragičnog događaja – ubistva hrabrog policijskog inspektora koji je vodio najkrupnije istrage – nastavlja se u izvedbi vrha domaćeg pravosuđa. Šefica sudske vlasti, Vesna Medenica, te vicepremijer i ministar pravde Duško Marković – oboje članovi Sudskog savjeta, instance koja bi trebalo da nadgleda zakonitost rada sudija – obaviješteni su da je postupajuća sutkinja Specijalnog vijeća Višeg suda u Podgorici Slavka Vukčević u pismenoj presudi za ubistvo Slavoljuba Šćekića (predmet Ks. br. 4/10) napravila omašku prilikom kucanja presude.

Vijeće sutkinje Vukčević je 9. maja ove godine Ljubu Bigoviću, Saši Boreti, Ljubu Vareniki Vujadinoviću i Milanu Čili Šćekiću odrezalo po 30 godina zatvora za organizovanje i učešće u ubistvu Slavoljuba Šćekića, pokušaj reketiranja i bombaške napade na budvanski hotel Splendid. Kao direktni izvršilac ubistva označen je Čila Šćekić, pomagač mu je bio Vujadinović, dok su Bigović i Boreta u presudi kvalifikovani kao organizatori grupe koja stoji iza ubistva (teško ubistvo u podstrekivanju) i bombaških napada. Njihov ortak, Alen Kožar, osuđen je na jedinstvenu kaznu zatvora od 6 godina i 10 mjeseci zbog podmetanja tri eksplozije na gradilištu hotela Splendid.

Presuda Ks-br 4/10 je pismeno (na preko 300 strana) dostavljena strankama 21. jula. U njoj sutkinja Vukčević u jednom dijelu nije navela Čilu Šćekića i tačan naziv djela za koje je osuđen; Alenu Kožaru je pripisano teško ubistvo, iako je tužilac od te kvalifikacije odustao a Kožar u krajnjem osuđen samo za bombaške napade.

Na scenu je stupio jedan od advokata odbrane, Dragoslav A. Ognjanović iz Beograda, inače zastupnik Saše Borete, alarmirajući visoke adrese: Markovića i Medenicu. Njegova ideja je bila da se, pozivajući se i na propuste u dijelu za Čilu Šćekića i Kožara, obori kompletna presuda sutkinje Vukčević, uključujući i osuđujuće inkriminacije protiv njegovog klijenta Borete – koje su valjano napisane.

Razmotrimo o čemu se radi. Advokat Ognjanović se obratio vicepremijeru i ministru Dušku Markoviću, emeritusu tajne službe, koji se o navodnim propustima u slučaju presude Ks-br 4/10, duboko zabrinutim tonom reformiste pravosuđa, oglašava 21. septembra. „Sa tim sam se prvi put upoznao preko predstavke advokata i to proslijedio predsjednici Vrhovnog suda i Sudskom savjetu", kazao je Marković i objasnio da je „zaključak sjednice Sudskog savjeta kako je bilo propusta; ako su napravljene greške, mjere su jasne".

Slično je istog dana u javnosti nastupila i Medenica. Dodala je da su ispred Sudskog savjeta „uputili na predsjednika Višeg suda da preispita slučaj, odnosno, odredi se prema sadržini pritužbe na način što će, ukoliko utvrdi da su napravljeni propusti koji ukazuju na nestručnost, staviti zahtjev za razrješenje pomenutog sudije".

Tokom septembra su održane dvije sjednice Sudskog savjeta (10. sjednica od 9. septembra i 11. od 19. septembra), ali u objavljenim saopštenjima niti jedna tačka dnevnog reda se nije odnosila na razmatranje postupanja sutkinje u predmetu Ks.br. 4/10. Na 11. sjednici je pod osmom tačkom dnevnog reda razmatran samo zahtjev Slavke Vukčević za prestanak njene sudijske funkcije zbog naimenovanja za notarku.

Nakon što su Marković i Medenica u javnosti izašli sa kvalifikacijama i objavom zahtjeva da se u matičnom sudu preispita rad sutkinje Vukčević, oglasio se i predsjednik Višeg suda Mušika Dujović. On je odbio da postupi po zahtjevu Markovića i Medenice i pokrene postupak protiv Slavke Vukčević. „Što se tiče kvaliteta i zakonitosti ove presude, kao i rješenja o ispravci presude, odnosno propusta u izradi istih, o tome će se izjasniti Apelacioni sud Crne Gore", saopštio je Dujović.

Iz dopisa Mušike Dujovića V-Su.br. 215/11 od 21. septembra doznajemo da je sutkinja Vukčević još 31. avgusta donijela posebno rješenje kojim „ispravlja nepravosnažnu presudu Ks.br. 4/10 od 9. maja 2011. godine, na način što se u obrazloženju presude na strani 300. u šestom i sedmom redu odozgo, izostavljaju riječi teško ubistvo iz čl. 144 st. 1 i 4 Krivičnog zakonika i izazivanje opšte opasnosti iz čl 327 st. 3 u vezi 1 Krivičnog zakonika, i u devetom; desetom i jedanaestom redu odozgo riječi prinuda u pokušaju iz čl. 165 st. 4 u vezi st. 1 u vezi čl. 20 Krivičnog zakonika, izazivanje opšte opasnosti u produženom trajanju iz čl. 327 st. 3 u vezi st. 1, a u vezi čl. 49 Krivičnog zakonika" .

Opis citiranih ispravki odgovara navodima o ,,nepreciznostima" presude koje su dramatično i uglas potegli Marković i Medenica a da prethodno nijesu provjerili da li su one od 21. jula, dana dostavljanja pismene presude strankama, u međuvremenu ispravljene – za šta postoji uredan pravni osnov na način kako je precizirano čl. 380 Zakona o krivičnom postupku.

Što nam sve navedeno govori? Najprije, da Vesna Medenica po drugi put, na sličan način, pokušava da obori prvostepene presude u predmetu za ubistvo Slavoljuba Šćekića. Naime, 7. avgusta 2009, po izricanju prve prvostepene presude u ovom predmetu, tadašnji postupajući sudija Lazar Aković bio je, kako je javno tvrdio, izložen pritiscima Vesne Medenice, predsjednice Vrhovnog suda i Sudskog savjeta.

Nakon što je Boreti i drugovima odrezao ukupno 115 godina robije, Aković je preko narečenog Mušike Dujovića ,,u četiri oka" dobio poruku da se sastane sa Medenicom. Svrha sastanka je bila ,,da popričam sa njom ili da podnesem ostavku", objasnio je Aković. Dujović je tada Akoviću navodno kazao i kako je ,,pod nevjerovatnim pritiskom da pokrene inicijativu za moju smjenu, da on to ne želi da učini, ali da će u protivnom i protiv njega biti podnijet prijedlog za razrješenje".

Aković je odbio kontakte sa Medenicom, pa je 9. septembra 2009. Dujović Medeničinom Sudskom savjetu predao inicijativu za Akovićevo razrješenje, navodno je ,,nesavjesno radio svoj posao" u procesu za ubistvo inspektora Šćekića. Slično sutkinji Vukčević i Akoviću su onomad pronašli ,,grešku u prekucavanju" presude.

Medenica zakazuje sjednicu Sudskog savjeta za neradan dan (subota, 3. oktobar 2009) kada se i donosi odluka o prihvatanja prijedloga za Akovićevo razjašnjenje. Mada čl. 69 Zakona o Sudskom savjetu ne navodi da se sudija protiv koga je pokrenut postupak razrješenja automatski suspenduje, Sudski savjet je odlučio da sa Akovićem postupi na taj način.

Par sati nakon odluke Sudskog savjeta je povučeno policijsko obezbjeđenje sudiji Akoviću, premda su ANB (Duško Marković tada bio njen direktor) i Uprava policije u svim službenim procjenama dotad izričito tvrdili da su ugroženi životi i Akovića i njegove porodice zbog suđenja u predmetima organizovanog kriminala.

Nakon što je shvatio da je ,,žrtva kafkijanskog procesa", Lazar Aković je 23. oktobra 2009. podnio ostavku, jer je, kako je ispričao izvještaču Monitora, ,,odluka donešena, pojavio se ja ili ne pojavio na Sudskom savjetu".

Sve ono što se kasnije odigravalo u istom predmetu, po žalbama na Akovićevu presudu, zanimljiv je i mračan sinopsis kadrovskog uticaja Medenice i sudije Radula Kojovića, njenog zamjenika i u Vrhovnom sudu i u Sudskom savjetu, na rad sudstva u jednom od najosjetljivijih predmeta. Rad po žalbama na Akovićevu presudu (u svojstvu sudije-izvjestioca) dobio je Dragutin Čolaković, sudija Apelacionog suda koji je imao porodične i lične razloge da bude zahvalan Medenici. Naime, prethodnom odlukom Sudskog savjeta od 17. jula 2009, potpisala Medenica, Ana Čolaković, kćerka sudije Čolakovića, postala je sutkinja i dobila posao u Osnovnom sudu u Nikšiću.

No, to nije od Medenice bilo sve, jer je odlukom Sudskog savjeta 29. decembra 2009. Zoran Smolović, dotadašnji sudija Ustavnog suda, hitno ,,degradiran" na dužnost sudije Apelacionog suda. Sudija Smolović je kum narečenog Radula Kojovića.

Uslijedila je i nova odluka Medenice preko Sudskog savjeta: upravo je Dragutin Čolaković 8. februara 2010. nagrađen imenovanjem za predsjednika Apelacionog suda. Akovićevu presudu od preko 300 strana i sudske spise na preko 1.000 stranica prepušta novom sudiji-izvjestiocu: narečenom Smoloviću.

I nevjerovatno, ali istinito, za svega nešto više od tri i po neđelje, sudija-izvjestilac Zoran Smolović je apsolvirao onolike spise iz presude, pa je 4. marta 2010, na sjednici Vijeća Apelacionog suda – predsjedavao Dragutin Čolaković – srušena Akovićeva presuda; navodno, nije bilo dovoljno dokaza za donošenje zaključka da je ubistvo Slavoljuba Šćekića izvršilo zločinačko udruženje na ogranizovan način....

Apelacioni sud, kojim i dalje predsjedava Dragutin Čolaković, sada će u drugostepenom postupku da odlučuje o istom predmetu...


Hronologija

9, 21. jun i 12. jul 2005. Eksplozije na gradilištu luksuznog hotela Splendid. Na čelu istrage Slavoljub Šćekić, načelnik Uprave policije za opšti kriminal; prethodno angažovan na rasvjetljavanju smaknuća Gorana Žugića i Darka Raspopovića.
30. avgust 2005. Inspektor Šćekić sa 19 hitaca mučki ispaljenih u leđa ubijen ispred porodične kuće u Podgorici.
14. i 16. februara 2006. Po mnogima ključne iskaze specijalnoj tužiteljki dao Žarko Radulović, suvlasnik Splendida; međutim, iskaze kasnije na suđenju opovrgao.
16. februar 2006. Uhapšeni Bigović, Vujadinović, Danica Vuković, Dušanka Vujović. U ZIKS-u od ranije bili Vuk Vulević, Kožar i Boreta; Čila Šćekić u bjekstvu.
21. februar 2006. Specijalna tužiteljka Stojanka Radović podnosi zahtjev za sprovođenje istrage protiv Bigovića, Borete, Kožara, Vujadinovića, Čile Šćekića, Vulevića...
28. februar 2006. Zaštićeni svjedok, pritvorenik u ZIKS-u, Zoran Bohum Vlaović, istražiteljima nudi informacije; navodno, Boreta mu se u zatvoru povjerio o tome kako je organizovano ubistvo Slavoljuba Šćekića, što je posvjedočio i na suđenju.
26. mart 2006. Prvo ročište u Višem sudu.
7. avgust 2009. Postupajući sudija Lazar Aković osudio Boretu, Bigovića i Vujadinovića na po 30 godina zatvora. Čila Šćekić oslobođen je optužbe za ubistvo, osuđen na tri godine zatvora zbog zločinačkog udruživanja; Kožar dobio 20 godina.... presude se odnose na zločinačko udruživanje – nema presude za izvršioca ili izvršioce ubistva.
23. oktobar 2009. Lazar Aković, nakon što ga je Sudski savjet suspendovao i pokrenuo postupak razrješenja, podnosi ostavku na dužnost sudije.
4. mart 2010. Apelacioni sud ukida Akovićevu presudu.
9. mart 2010. Predmet dodijeljen sutkinji Slavki Vukčević.
19. jul 2010. Počelo ponovljeno suđenje, tužbu i dalje zastupa Stojanka Radović, sada kao zamjenica specijalne tužiteljke.
17. decembar 2010. Sedmorica advokata optuženih na konferenciji za štampu teško optužili Stojanku Radović.
26. januar 2011. Apelacioni sud odbio zahtjev odbrane da se iz spisa predmeta izdvoje iskazi svjedoka Zorana Vlaovića u istrazi i na glavnom pretresu i naložio izdvajanje samo nekih od svjedočenja Žarka Radulovića.
15. i 16 mart 2011. Završne riječi tužilaštva i odbrane.
17. april 2011. Čila Šćekić uhapšen u Amsterdamu.
9. maj 2011. Vijeće sutkinje Vukčević izriče presude na ukupno 120 godina robije; za razliku od Akovićeve presude, nema inkriminacije o zločinačkom udruživanje, nego za podstrekivanje i izvršenje teškog ubistva.
27. maj 2011. Iz Holandije izručen Čila Šćekić...(Vladimir JOVANOVIĆ per "Monitor")

Otpor i obijest


30 Settembre 2011


Sve su lijepo smislili. Po receptu APP (ako prođe – prođe). Ovog puta – nije prošlo. Ministrima ukinut uvedeni bonus na plate, poslanici će, takođe, pričekati na povećanje plata koje su sami sebi odredili.

No, za razliku od poslanika, koji nijesu ni imali prilike da troše bonuse, ministri su ih imali u džepu od početka prošle godine jer im je bivši premijer Milo Đukanović odobrio 900 eura. Novac im je dat i kao, kako je objašnjeno, antikoruptivna mjera, nakon što je donešena odluka da ministri ne smiju biti članovi upravnih odbora. Sva sreća – ko zna šta bi činjeli.

Poslanici su sa odlukom da sebi povećaju plate izazvali aktiviste MANS-a, koji su organizovali pred Skupštinom performans sa ovcom Miškom - simbolom svih onih koji ćute i trpe u Crnoj Gori, dok se poltička elita časti. Prema podacima MANS-a u prvih sedam mjeseci ove godine, poslanici su radili skoro tri puta manje od prosječnog građanina, ali sebi su bili namijenili gotovo pet puta veće plate.

I to u momentu kada sa svih strana stižu upozorenja da se mora kresati javna potrošnja. „Vlada Crne Gore morala bi već u narednoj godini da teži uravnoteženju budžeta, kao i smanjenju učešća javne potrošnje u bruto domaćem proizvodu (BDP)", kaže se u dokumentu Preporuke Vladi za ekonomsku politiku u narednoj godini, koji je sačinila Centralna banka Crne Gore (CBCG):

UZAVRELO I U ZDRAVSTVU: Vlada i Skupština Crne Gore su sada, makar na tren, ustuknule pred najavom štrajkova. Iako sindikati iz godine u godinu najavljuju ,,vrelu sindikalnu jesen" do sada je nije bilo. Ali, kao da se stvari mijenjaju. Prvo su negodovali zapošljeni u Skupštini, a potom je krenula lančana reakcija...

U javnosti je najjače odjeknula najava zaposlenih u Kliničkom centru Crne Gore, bolnicama i domovima zdravlja da će 10. oktobra stupiti u jednosatni štrajk upozorenja. Ukoliko Vlada bude ignorisala njihove zahtjeve – biće i generalnog štrajka. Prema tvrdnjama sindikalaca, u tom slučaju štrajk će podržati većina od oko 10.000 zaposlenih u zdravstvu.

Iako je iz Vlade poručeno da budžet ne bi izdržao povećanje koje traže – sindikalci iz zdravstva tvrde da samo hoće da im se plate vrate na nivo iz 2009. godine, odnosno da im povećaju plate za 20 odsto.

POGUBILI KOMPASE: Dr Vladimir Pavićević, predsjednik sindikata zdravstva u Uniji slobodnih sindikata, ovako je prokomentarisao potez poslanika: „Poslanici su izgubili kriterijume i ne shvataju u kakvoj se situaciji nalaze građani... Smatraju da su dobro obavili posao i povećali su sebi plate. To nas je isprovociralo", rekao je Pavićević.

I predstavnici sindikata prosvjete su od resornog ministarstva tražili da pregovaraju o povećanju zarada, ali odgovora još nema. Predsjednik sindikata prosvjete Zvonko Pavićević tvrdi da bi sada trebalo sjesti i razgovarati o načinu i vremenu u kojem se mogu povećati zarade prosvjetara za sljedeću budžetsku godinu: ,,Možemo voditi konstruktivan razgovor ne samo kada je u pitanju trenutna situacija već i naredne godine. Mislim da je ovo trebalo i ranije uraditi".

Štošta je trebalo da bude ranije urađeno, pa sada pored sindikata zdravstva, prosvjete, Univerziteta i sindikati Uprave policije, pravosuđa, kulture i Vojske traže hitno pregovore o povećanju zarada, koje su ispod državnog prosjeka. Povećanje su tražili i zaposleni u Agenciji za nacionalnu bezbjednost (ANB) ali odustali su.

BEZ KONCEPTA: Ukidanje bonusa ministrima i stopiranje povišica poslanicima pod pritiskom javnosti nije znak da su oni koji odlučuju odgovorni već – da u suštini ne znaju šta rade. Oni nemaju koncept održivog ekonomskog razvoja zemlje.Godišnja stopa inflacije u Crnoj Gori je, prema podacima Monstata, već šesti mjesec uzastopno iznad projektovanog nivoa od tri odsto. Sa drage strane, plate su pale, koverte sve tanje, i u prosječnu stane - 475 eura, a polovina od toga troši se na hranu (252 eura).

Za minimalne troškove četvoročlane porodice prošlog mjeseca bilo je potrebno 767 eura. Potrošačka korpa u avgustu bila je skuplja nego istog mjeseca prošle godine za 2,1 odsto. Monstat bilježi i rast nezaposlenosti - gotovo 20 odsto radno sposobnog stanovništva je bez posla.

Koliko će dugo vlast moći da čuva socijalni mir, veliko je pitanje. Crna Gora se još nije oporavila od recesije, a tek ćemo vidjeti kako će se na nju odraziti novi talas globalne ekonomske krize i kriza eurozone.

MORAMO, HOĆEMO, KAD ĆEMO: Za dvije decenije, koliko vlada DPS uz dugo sadjejstvo SDP–a Crna Gora nije donijela odluke u kom će se pravcu razvijati. Priče o turizmu i poljoprivredi kao strateškim granama su i dalje podobna tema. Samo za svečarske govore . Evo samo jednog primjera kako razvijaju poljoprivredu - Crna Gora važi za balkansku zemlju koja po glavi stanovnika ima najviše svježeg dnevnog mlijeka , a za prvih sedam mjeseci ove godine u robnoj razmjeni mlijeka i mliječnih proizvoda sa inostranstvom napravljen je deficit od - 28 miliona eura.

Ove godine mnoga preduzeća bilježe ogromne gubitke. Tako je EPCG, koja je prošle godine poslovala veoma dobro, iskazala već višemilionski gubitak za prvi period 2011.

Ne stoji samo loše proizvodnja - zapelo je i sa privatizacijama. Proteklih decenija vlade pod dirigentskom palicom Mila Đukanovića rasprodavale su državno blago. Od primorja do sjevera, pod ,,nerazjašnjenim okolnostima" dato je gotovo sve što se moglo ,,utopiti". Telekom, Jugopetrol, KAP, Elektroprivreda i nepregledni niz manjih preduzeća... Mnogi od zaposlenih u njima sada su – na ulici, a privatizovana preduzeća u velikim nevoljama. Novi, često misteriozni of šor vlasnici, nijesu ulagali u modernizaciju iako je baš to bio deklarisani cilj procesa privatizacije.

SVE NA DOBOŠ: Malo je ostalo za prodaju. Ali, pošto ova politička vrhuška do novca ne zna da dođe proizvodnjom novih dobara, ide se u novi krug prodaje resursa, da se moglo kupiti još malo vremena i socijalnog mira.

Tek ćemo vidjeti šta će u Vladi da rade na Morači. Nakon brojnih kontroverzi – tender za gradnju hidroelektrana na toj rijeci ističe 30. septembra. Treba li sad zadovoljiti zainteresovane strane – italijansku i crnogorsku, pošto je energetska politika skrojena u tandemu Berluskoni - Đukanović? Ili će, Igor Lukšić, možda smoći snage da prihvati savjete CBCG, koja upozorava da u ovom momentu ne bi trebalo ići sa velikim infrastrukturnim projektima.

„Veliki potencijalni rizik po rast javnog duga nose i krupni infrastrukturni projekti, zato u recesionim uslovima treba biti vrlo obazriv prilikom donošenja odluke o njihovom finansiranju", poručili su u dokumentu CBCG. Oni smatraju da je neophodno kreirati određenu budžetsku rezervu koja bi bila iskorišćena za intervencije u realnom sektoru, s obzirom da će se loše prilike u regionu odraziti i na crnogorsku privredu.

Crnu Goru bi kriza mogla dodatno pogoditi, jer stiže na naplatu dugogodišnja loša politika. Oglašen je ponovo tender za prodaju nacionalne avio kompanije Montenegro airlines. Tender za davanje uvale Valdanos u zakup je ponovo propao. Ulcinjski hotel Otrantčija je privatizacija, takođe, sporna – otišao je na doboš jer su ga kupci, sumnjiva ruska kompanija Barkli, držali pod bankarskom hipotekom a rate za kredit – nisu vraćali. Uz to, Otrant je od kada su ga kupili bio zaključan za turiste. Tako je i sa mnoštvom drugih privatizovanih hotela i firmi po Crnoj Gori. Nema broja kompanijima koje su zarobili novi vlasnici, koji sada ne znaju šta da rade sa njima, ali su se na račun te imovine zadužili i dugovi se samo gomilaju. Hoćemo li ih svi mi vraćati?

Veliki teret crnogorske ekonomije su nenaplativi krediti, koji dostižu cifru od milijardu eura. ,,Poseban problem predstavlja visoka koncentracija dugova, gdje je desetak tajkuna dužno bankama između 600-700 miliona eura, a tržišna vrijednost njihovih hipoteka ne prelazi 150 miliona eura", tvrdi Nebojša Medojević, lider Pokreta za promjene. A, šta je tek sa garancijama koje je država davala novim vlasnicima – od KAP-a pa nadalje.

,,Nužno je pažljivo pretresti sve stavke javne potrošnje i pokušati neke od njih eliminisati i smanjiti, kao i zaustaviti davanje garancija, jer one predstavljaju potencijalni javni dug", rekli su iz CBCG. Naveli su i da postoji rizik da će država možda biti prinuđena da isplati neke garancije koje je dala u prošlosti. Ne misli se samo na milionske garancije KAP-u, već i drugih kompanija.

PARA NEMA, PA NEMA: Priliv stranih direktnih investicija u prvoj polovini godine je, prema podacima Centralne banke, bio 223. 000 000 eura, što je manje nego u istom periodu prošle godine.

Za to vrijeme čovjek pod čijom je palicom završen veliki dio pomenutih privatizacija – ekonomski neoliberalni guru Veselin Vukotić, ispod čijeg šinjela su rasli oni koji danas kroje ekonomsku politiku ove zemlje – kritikuje ekonomsku stvarnost. Poručuje puku: ,,Samo vjera u tržišnu logiku, vjera u preduzetništvo, vjera u biznis, ali i vjera svakog u sebe samog mogu stvoriti ambijent za zapošljavanje ljudi".

Vidjeli smo kave je ta logika koristi donijela crnogorskom stanovništvu, od kojih je trideset odsto na granici siromaštva. Samo ovi na vrhu i njihovi ekonomski ideolozi dobro plivaju. Kad se sve skotrlja, hoće li biti kasno za otpor?(Marijana BOJANIĆ per "Monitor")

PIAZZA AFFARI CHIUDE IN CALO (-1,3% MA LA SETTIMANA È POSITIVA) - LA CORSA SOLITARIA DI BPM (13,8%) - GIÙ TUTTA L’EUROPA MALGRADO I DATI POSITIVI ....



30 Settembre 2011


PIAZZA AFFARI CHIUDE IN CALO (-1,3% MA LA SETTIMANA È POSITIVA) - LA CORSA SOLITARIA DI BPM (13,8%) - GIÙ TUTTA L’EUROPA MALGRADO I DATI POSITIVI AMERICANI - L’INFLAZIONE SCHIZZA IN EUROZONA - IL MATRIMONIO CON MEDIASET GONFIA IL PORTAFOGLIO DI FALCIAI (DMT) - DALL’ASTA 4G LO STATO INCASSA 3,9 MLD - MARINA BERLUSCONI FRA LE TOP DI “FORTUNE”…



1. BORSA MILANO DEBOLE, MALE INDUSTRIALI E LUSSO, SETTIMANA POSITIVA...
Reuters - Piazza Affari chiude in deciso calo l'ultima seduta di una settimana che ha visto registrare il segno più, una rarità in un trimestre, il terzo, che è stato fra i peggiori per le borse mondiali nella storia recente.

L'indice Ftse Mib ha perso l'1,39%, tornando sotto quota 15.000 punti. Nell'ultima settimana, il paniere principale del listino di Milano ha guadagnato l'8,57%, mentre nel mese di settembre ha ceduto il 4,67%. Tra luglio e settembre, il Ftse Mib ha lasciato sul terreno il 26,5%. Tornando ad oggi, l'AllShare è arretrato dell'1,55% e il Mid Cap del 2,18%. Volumi per un controvalore di circa 1,7 miliardi di euro.

POP MILANO continua a fare una corsa solitaria, mettendo a segno un progresso del 13,82%, con boom dei volumi. In settimana, il titolo della banca popolare è salito del 35,5%. A spingere le quotazioni sono le indiscrezioni sull'arrivo di nuovi soci. I volumi, sottolineano gli operatori, fanno pensare che su Pop Milano stiamo agendo mani forti. "Tutti la vogliono", sintetizza un trader. "Qualcuno dei tanti attori di questa vicenda sta rastrellando", aggiunge un altro.

Male, invece, le altre banche, protagoniste di un rally in settimana. INTESA SANPAOLO ha perso il 2,86% e UNICREDIT l'1,71%. Peggio POP EMILIA (-5,66%), MONTEPASCHI (Milano: BMPS.MI - notizie) (-1,78%) e MEDIOBANCA (-2,71%). In denaro BANCO POPOLARE (+1,46%).

Segno meno per i ciclici industriali. Gli operatori sottolineano che prende sempre più corpo lo scenario di una stagnazione prolungata dell'economia mondiale. E per la zona euro le cose potrebbero andare peggio: Goldman Sachs, si legge in un report, ritiene che ci sia una probabilità del 50-60% che l'economia dell'area scivoli in recessione nell'ultima parte dell'anno.

Ad van Tiggelen di Ing Investment Management aggiunge: "I mercati azionari scontano una probabilità del 50% circa di una recessione nel mondo occidentale e di una crescita degli utili pari a zero per il 2012... Vediamo aumentare il rischio che nel 2012 l'economia occidentale si trovi ad affrontare una crescita insignificante, o addirittura negativa, e che gli utili aziendali rispecchino questo andamento. In un simile scenario, i mercati azionari non sono così convenienti come sembrerebbe".

Secondo van Tiggelen, "la recente ondata di vendite ha fatto crollare i titoli ciclici, che tuttavia non scontano ancora completamente la possibilità di una recessione". A pagare dazio al nuovo scenario è soprattutto l'automotive: FIAT -2,94%, FIAT INDUSTRIAL -3,16%, EXOR -2,63% e PIAGGIO -7,16%.

Nel comparto, PININFARINA è balzata del 4,95%, galvanizzata dalle dichiarazioni di Vincent Bollorè sull'interesse ad acquisire una quota nella società piemontese. Brillante AUTOGRILL (+1%), che ha beneficiato dell'avvio di un piano di buyback.

Debole il lusso/retail, che, secondo l'interpretazione dei trader, viene penalizzato dai realizzi e dal peggioramento delle prospettive di crescita dei paesi emergenti, Cina in particolare. TOD'S ha ceduto il 5,14%, LUXOTTICA (Milano: LUX.MI - notizie) il 3,09% e YOOX (Berlino: YX3.BE - notizie) il 9,64%.

A picco ieri, SAFILO ha replicato: -16,05%. Pesano le incognite sul rinnovo della licenza Armani. Nel settore, detto di Luxottica, MARCOLIN è scesa del 5,67%. Riscoperta FONDIARIA-SAI (+2,27%), trascurata di recente, mentre sono scivolate SAIPEM (-3,03%), PRYSMIAN (-3,97%), FINMECCANICA (-2,88%), AZIMUT (-2,89%) e TELECOM ITALIA (-2,73%).

Tra le small e mid cap, volo di MONTI ASCENSORI (+28,06%), mentre sono arrivate le prese di beneficio su ARKIMEDICA (-7,41%) e RDB (-15,46%). Sconfitta 2 a 1 a Lisbona dallo Sporting, nella seconda giornata della fase a gironi di Europa League, la LAZIO è scesa del 6,64%.


2. BORSA: DATI USA NON RISOLLEVANO EUROPA, MILANO E MADRID LIMITANO CALI...
Radiocor - I dati macro americani positivi non bastano a risollevare gli indici Ue, penalizzati, in particolare, dal balzo dell'inflazione a settembre. I riflettori restano puntati sulla Grecia, in attesa dello sblocco della nuova tranche di aiuti per evitare il default. Milano, in calo dell'1,39%, registra la perfomance migliore insieme a Madrid. In netto rialzo Bpm (+13,8%) in vista di novita' sull'azionariato. Bper -5,6%.


3. DMT: DA NOZZE CON MEDIASET PATTO 'DORATO' DA 7,5 MILIONI PER FALCIAI...
Radiocor - Il matrimonio con Mediaset gonfia il portafoglio di Alessandro Falciai, patron di Dmt. Il fondatore del gruppo delle torri di trasmissione di telefonia e broadcasting - che lascera' il gruppo una volta formalizzata la fusione con la controllata di Mediaset, Elettronica Industriale - incassera' 7,5 milioni dall'accordo di non concorrenza che lo obblighera' a rimanere fuori dal settore per tre anni.

E' quanto si legge nel progetto di fusione che entro fine 2011 diverra' efficace portando Elettronica Industriale a controllare il 65% circa di Dmt. Un bel gettone per Falciai che si aggiunge ai 45 milioni derivanti dalla vendita diretta da parte del manager del 5,671% di Dmt a Elettronica Industriale a 28,08 euro per azione mentre le azioni quotate a Piazza Affari trattano a 15,5 euro.

Post fusione, l'attuale presidente e amministratore delegato, attraverso la Millenium Partecipazioni, conservera' inoltre una partecipazione dell'8,657% nella 'nuova' Dmt targata Mediaset. Dmt attualment e capitalizza in Borsa circa 170 milioni, ma l'enterprise value della nuova societa' in base ai multipli a cui avverra' il merger si avvicina agli 800 milioni.


4. FEDERAUTO, MERCATO SETTEMBRE QUASI STABILE...
Radiocor - Le immatricolazioni di nuove auto in Italia a settembre 'dovrebbero essere stabili o in lieve calo' rispetto a quelle registrate nello stesso periodo del 2010 (oltre 155.200 unita') secondo i dati disponibili finora. Cosi' a 'Radiocor' il presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi, che ha previsto per il 2011 un mercato intorno a 1,750 milioni di unita' (da 1,96 milioni nel 2010), che nel 2012 potrebbe scivolare a 1,7 milioni se il Governo non prendera' misure a sostegno del settore. Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti rendera' noti i dati ufficiali delle immatricolazioni di settembre il 3 ottobre.


5. EDISON: DELRIO, IREN PUNTA A INTESA COMUNE, SE NO TRATTI CON EDF...
Radiocor - Iren punta a raggiungere un accordo con Edf insieme agli altri soci italiani di Edison sulla base dell'intesa di marzo, e negoziera' direttamente con i francesi solo se 'non sara' possibile arrivare ad una soluzione complessiva'. Lo ha dichiarato a Radiocor Graziano Delrio, sindaco del Comune di Reggio Emilia, azionista di Iren. 'Non so se c'e' una trattativa diretta tra Iren e Edf. Noi lavoriamo per trovare una soluzione complessiva: se non si riesce si passera' a discutere puntualmente', ha detto Delrio, secondo il quale nelle prossime ore si dovrebbe arrivare ad una ipotesi di accordo condivisa da tutti i soci italiani.


6. INFLAZIONE: ISTAT, STIMA +0,1% SETTEMBRE, +3,1% SU ANNO...
Radiocor - L'inflazione misurata dall'indice Nic con tabacchi registra in settembre un aumento dello 0,1% rispetto al mese di agosto e del 3,1% rispetto a settembre 2010 (era +2,8% ad agosto). Lo rileva l'Istat nelle stime preliminari. L'incremento tendenziale e' il piu' elevato da ottobre 2008 (+3,5%). L'indice armonizzato Ipca aumenta dell'1,9% su base mensile e del 3,5% su base annua (Anche in questo caso l'incremento tendenziale e' il piu' elevato da ottobre 2008, quando si attestava a +3,6%).

Secondo gli esperti dell'Istat l'aumento dell'Iva 'incide in parte sui dati di settembre, in quanto la legge e' entrata in vigore il 17 settembre, l'aumento non riguarda tutti i beni del paniere e per alcuni prodotti la rilevazione e' avvenuta nella prima parte del mese'. In altre parole 'l'aumento dell'Iva e' incorporato solo parzialmente nei dati di settembre', mentre si prevede che 'esplichera' tutti i suoi effetti da ottobre'


7. EUROZONA: STIMA FLASH SETTEMBRE, TASSO INFLAZIONE ANNUALE SCHIZZA AL 3%...
Radiocor - In settembre il tasso di inflazione annuale e' atteso attestarsi al 3% contro il 2,5% in agosto. E' la stima flash di Eurostat. Prossimo comunicato il 14 ottobre. Per avere un'idea della serie storica del tasso di inflazione nell'Eurozona, per avere un livello paragonabile occorre risalire a ottobre 2008, quando si attesto' al 3,2%.


8. E17: DISOCCUPAZIONE STABILE AL 10% IN AGOSTO...
Radiocor - In agosto il tasso di disoccupazione nell'Eurozona era al 10% come in luglio (10,2% nell'agosto 2010); nella Ue 9,5% come in luglio (era al 9,6% un anno prima). Lo rileva Eurostat. Disoccupazione italiana al 7,9%. I disoccupati nell'Eurozona erano 15,739 mln, nella Ue 22,785 mln; rispetto a luglio -38mila e -62mila rispettivamente; rispetto ad agosto 2010 i disoccupati sono scesi di 215mila e 300mila.


9. FREQUENZE, ASTA CHIUSA A 3,9 MILIARDI...
Dal "Corriere della Sera" - L'asta per le frequenze mobili di quarta generazione si chiude con un incasso per lo Stato di quasi 4 miliardi di euro. Un risultato «straordinario» per il ministro per lo Sviluppo economico, Paolo Romani, che dà una boccata d'ossigeno non solo alle finanze pubbliche, ma anche al settore, nel quale verrà reinvestita parte dei proventi (circa 800 milioni).

Dopo 22 giornate e 469 tornate, l'asta si è conclusa ieri pomeriggio, lasciando sul piatto solo la banda 2.000, con un incasso pari a 3,945 miliardi: per la banda residua ci sarà ancora tempo per eventuali offerte fino a lunedì. Le bande 800, 1.800 e 2.600 sono invece finite nel cassetto dei quattro operatori mobili attivi in Italia.

In particolare nella frequenza 800, quella più pregiata e costosa, si aggiudicano, per quasi 3 miliardi, 2 blocchi a testa Vodafone, Telecom Italia e Wind; nella frequenza 1.800 si aggiudicano 1 blocco a testa Vodafone, Telecom, H3g; nella frequenza 2.600 si aggiudicano 4 blocchi 3Italia, 4 Wind, 3 Telecom, 3 Vodafone. 3Italia, che era stata esclusa dalla banda 800, non è rimasta dunque a bocca asciutta e può quindi, come dichiara l'ad Vincenzo Novari, manifestare tutta la propria soddisfazione.

Che ha espresso anche il numero uno di Wind, Ossama Bessada, secondo il quale l'esito della gara «conferma Wind come realtà in crescita nel mercato e nell'Internet mobile ad alta velocità». L'esborso maggiore è toccato ai due big Telecom e Vodafone, che hanno sborsato circa 1,26 miliardi di euro a testa. Wind si è fermata a circa 1,1, mentre H3G ha limitato la spesa a 305 milioni di euro.


10. «FORTUNE», MARINA BERLUSCONI FRA LE TOP...
Dal "Corriere della Sera" - Marina Berlusconi, presidente di Fininvest e Mondadori, si conferma l'unica italiana fra le 50 donne d'affari più potenti al mondo. La primogenita del presidente del Consiglio ha mantenuto quest'anno il dodicesimo posto nella tradizionale classifica della rivista americana Fortune «Globale Most Powerful Women in Business».

La donna manager non americana più potente al mondo è Cinthya Carroll di Anglo American, che precede Gail Kelly di WestPack, la maggiore banca australiana, e Marjorie Scardino di Pearson. Negli Usa la donna più potente è invece Irene Rosenfeld, amministratore delegato di Kraft Foods: «Rosenfeld ha mostrato il proprio potere quest'anno decidendo di separare Kraft in due società, in un'inversione di tendenza rispetto alla sua precedente strategia fatta di espansione tramite acquisizioni».

Scivola invece al secondo posto il numero uno di PepsiCo, Indra Nooyi. Nella classifica figurano 8 cinesi, 5 indiane e una saudita: Lubna Olayan di Olayan Financing Company.

DOPO ANNI DI OSTINATO SILENZIO, IL BOSS DEI BOSS RACCONTA AI MAGISTRATI LE SUE VERITÀ SULLA MAFIA (PER MANDARE QUALCHE PIZZINO AD AMICI E NEMICI)




30 Settembre 2011


Più si fa vecchio e più se la tira. Con tutti i suoi segreti e con la smisurata considerazione che ha di se stesso, pensa che sta diventando un bene sempre più prezioso. A novembre, di anni ne farà ottantuno. Nonostante i malanni dell´età - due infarti, l´ipertrofia prostatica, una cirrosi da epatite C - e il perenne isolamento, a sentirlo parlare sembra quello che era prima. Un capo. Forse il tempo non passa mai per lo «zio Totò». Vive fuori dal mondo e si sente al centro del mondo. È sepolto dal 1993 in un buco (una cella lunga tre metri e larga centottanta centimetri), si mostra duro e puro però sotto sotto nasconde qualche fragilità. Cedimenti mai, non è il tipo. Solo piccole debolezze.

È sempre lui ma - da quello che leggerete - si può capire che un po´ gli si è sciolta la lingua. Dopo un´esistenza di ostinato silenzio Salvatore Riina concede e si concede. Allude, ammicca, annuncia, nega, conferma, rettifica, pontifica su tutto e tutti. Difficile supporre che si tratti di strategia difensiva con i tredici ergastoli che ha da scontare, è più probabile che voglia levarsi qualche sassolino dalla scarpa. E mandare messaggi ad amici e nemici. Dalle sue parole - racchiuse in due verbali di interrogatorio top secret dei magistrati di Caltanissetta di cui pubblichiamo ampi stralci - affiora un autoritratto inedito del boss di Corleone.
Strage via d'AmelioStrage via d'Amelio

Con Totò Riina che racconta Totò Riina chiacchierando di stragi e di pubblici ministeri, di vecchi compari, di paesani suoi, di generali, spie, di senatori e di pentiti. Colloqui e sproloqui di alta mafiosità. Nel suo stile e in un molto approssimativo italiano, a modo suo Salvatore Riina si confessa per la prima volta.

Ce l´ha con quel furbacchione di Massimo Ciancimino «che vi usa per recuperare i soldi perduti di suo padre». È risentito con il procuratore Gian Carlo Caselli «che non mi ha mai chiesto se ho baciato o no Andreotti». Ricorda Paolo Borsellino ed esorta ad indagare sulla scomparsa della sua agenda rossa. Ironizza su un Bernardo Provenzano «troppo scrittore» per quella mania dei pizzini ritrovati nei covi di mezza Sicilia.

Chiede conto e ragione della chiaroveggenza dell´allora ministro degli Interni Nicola Mancino sulla sua cattura. E poi parla e straparla. Di trattative e papelli, di traditori veri e presunti, della «tiratura morale» di Luciano Violante, della sua condizione carceraria - «Non mi pozzo fare neanche un bidè pei telecamere 24 ore su 24» - e naturalmente di sé: «Aio 80 anni e si hanno una volta sola. A 80 anni c´è morte. Gli anni sono gli anni». Però come vedete non sono proprio abbattuto... penso che tirerò ancora un altro po´».
NICOLA MANCINO NICOLA MANCINO

Il pensiero di quello che ancora oggi viene indicato come il capo dei capi della Cosa Nostra siciliana è dentro un centinaio di pagine (settantatré nell´interrogatorio del 24 luglio 2009 e trentatré nell´interrogatorio del 1 luglio 2010) che di fatto - se si esclude un breve e brusco incontro del 22 aprile 1996 fra lui e il procuratore di Firenze Pier Luigi Vigna - rappresentano le uniche testimonianze ufficiali di Totò Riina dal giorno del suo arresto avvenuto nel gennaio del 1993. L´interrogatorio del luglio 2009 l´ha voluto proprio lui, quando ha chiesto di presentarsi davanti al procuratore capo Sergio Lari «per fare dichiarazioni spontanee». Insomma, dopo tanto tempo abbiamo scoperto che lo «zio Totò» non è muto.

TOTÒ PARLA DI SE STESSO
«Io sono stato dichiarato dal direttore del carcere un detenuto modello. Se lei mi dice che cosa vuol dire detenuto modello io glielo dico: io sono uno che mi faccio i fatti miei, non so niente di nessuno. Lei mi vede e dice: "Ma com´è che Salvatore Riina è così sereno, così tranquillo?" Perché io sono al di fuori del mondo. Io non vivo sulla terra, io vivo sulla luna».
«Io se faccio parte di Cosa Nostra o se sono il capo dei capi o il sotto capo dei sotto capi, non sono tenuto a dirlo né a lei né a nessuno. Tengo a precisare pure di non mi fare questa domanda, perché io sono per i fatti miei e voialtri siete per i fatti vostri. Lei fa il procuratore di Caltanissetta e io sono Salvatore Riina da Corleone».

«Se io avrebbi conosciuto a uno delle servizi segreti...deviati o ansirtati (letteralmente centrati, in questo caso regolari, ndr) io non mi chiamerebbe Salvatore Riina perché facissi parte a questa pentita, a questi signori e a questa deviata, a questo Ciancimino, a questo Spatuzza...fusse (sarei) una persona uguale a iddri (loro) se io avissi iunciuto (mi fossi accompagnato) a uno di questi o conosciuto uno di questi, io sarebbi una persona uguale a questi. No, questo non è Salvatore Riina. Dovete sapere chi è Salvatore Riina. Salvatore Riina è escluso da tutti questi servizi perché non ce l´ha nella testa, nella mente e nel fisico...Riina Salvatore è Riina Salvatore da Corleone, paese agricolo di campagna sperduto e lasciato là».
Massimo CianciminoMassimo Ciancimino

L´UCCISIONE DI BORSELLINO
«Visto considerato che questo Spatuzza e altri pentiti parlano.. allora ci dissi all´avvocato: si vuole interessare di tutti questi miei casi nuovi e vedere come stanno i fatti e che c´è di vero di questi papelli, di queste mie cose scritte, di queste mie con lo Stato? Ma volete cercare? Ma volete trovare? Volete vedere? Se dice la verità questa signora (Rita Borsellino, ndr) che l´agenda era lì, cioè che l´agenda ce l´hanno preso, che aveva tutte cose scritte, tutti gli appunti di dove andava, quello che faceva, scritti in quell´agenda rossa...rossa, detto dalla signora Borsellino..».

«Ma allora per qui (la strage Borsellino ndr) chi è stato? Perché al Castel Utveggio (una costruzione sulla cima di Montepellegrino che guarda via D´Amelio e dove le indagini ipotizzavano che ci fosse una base clandestina di 007 nei giorni dell´uccisione del procuratore, ndr) ci sono i servizi segreti quando scoppia la bomba di Borsellino? E allora qui come siamo combinati? Chi ha commesso questo omicidio di Borsellino? Chi sono queste...queste persone.

Procuratore, mi sento preso in giro dalla mattina alla sera perché faccio 17 anni che sono in isolamento, sempre in isolamento, area riservata, telecamere nelle stanze, non lo so più che cosa debbo fare e sono poi sempre io il capomafia, io che conta, io che ho la posta controllata, i telecameri nella stanza, nella saletta, nel bagno, non mi pozzo fare il bidet, non mi pozzo fare la doccia.
spatuzzaspatuzza

E allora questo è il momento per dirci: ma volete vedere questi incartamenti, dove io ho fatto ste trattative ccu stu´ Statu? Chi è questo Stato che io fatto queste trattative? Ecco perché sono venuto alla scoperta e sono stato io al mio avvocato a dire: faccia una richiesta di essere sentiti. Quindi che cosa ho fatto di male, signor procuratore? Sti servizi segreti che cosa facevano? Che cosa hanno fatto? Io non conoscevo Borsellino, non ho mai avuto una contravvenzione fatta da Borsellino».

Il PAPELLO E MASSIMO CIANCIMINO
«Non, non è cosa mia, non ho scritto questo papello e non ne so parlare. Se c´è questo papello, ci deve essere anche la mia firma. Io non lo conosco Ciancimino, loro sono di Corleone ma non sono mai abitati a Corleone...Ciancimino se ne vuole andare sulla luna, vuole recuperare i soldi e vuole recuperare anche voi altri per recuperare i soldi perduti di suo padre. Io gli dò la risposta signor procuratore: lei dice che non la pozzo scrivere questa risposta ma io gliela dò lo stesso.

Come vede sacciu pure rispondere e rispondo. Questo...(Ciancimino ndr) e tanto lui e tanto Spatuzza, vi usano per i mezzi propri..». «Io di queste trattative sono caduto dalle nuvole..non deve prendere le mie parole per oro colato, però io di tutti questi fatti sono oscuro..loro facevano trattative con Lo Donno (il capitano del Ros Giuseppe De Donno, ndr) con Mori (il generale Mario Mori, ndr) con altri..io sono stato arrestato da Mori e sono qua. E da quel giorno che sono qua carcerato. Io la voglio aiutare, ma posso dire le cose che....non li conosco a questi, io sono stato oggetto della trattativa, hanno cercato di speculare tutti su di me».
Gian Carlo CaselliGian Carlo Caselli

«Io non ho mai parlato con Giovanni Brusca di trattative e del ministro Mancino..Bugiardo, bugiardo fino a sopra i capelli Brusca. Lui ha sempre cercato di farsi i fatti suoi, di non volersi fare galera, c´è riuscito...Ma diciamo vero?...Brusca ha detto che volevo qualcuno dell´opposizione per la trattativa e che poteva essere Luciano Violante. Violante era un giudice che per me, per me, Riina Salvatore, era un giudice tedesco, io non voglio descrivere lei che è pure magistrato ma deve sapere che (Violante ndr) è di una tiratura morale, Violante, da non ci credere. E mi fermo lì, mi fermo lì».

LA LATITANZA E LA CATTURA
«Per grazie a Dio e per la mia abitudine io potei fare 24 anni il latitante solo per..un latitante può durare un anno, due anni..non può fare ventiquattro anni il latitante..io fici ventiquattro anni di latitante, mi fici una famiglia, mi sposai così..perché facevo il solitario per i fatti miei..io ero un solitario, io sono un solitario».

«Glielo pozzo giurare davanti a Dio e davanti ai figli, Provenzano non lo sapeva dove abitavo io e non mi poteva fare arrestare perché non lo sapeva dove mi nascondevo... e non lo sapeva manco Ciancimino...ccu ci l´avia addiri (chi glielo doveva dire, ndr) possiamo scrivere tutti i libri che vogliamo ma ccu ci l´avia addiri a Ciancimino...C´è stato qualcuno che ha avuto interesse di vendermi e farmi arrestare..e quelle parole dette da Mancino (ministro degli Interni nel gennaio del 1993, ndr)...disse: "Fra 5-6 giorni l´arrestiamo Riina e lo mettiamo in carcere.." perciò, quindi, 6 giorni prima sapevano che mi dovevano arrestare e lo sapeva Mancino e qualcun altro che non so chi è.
giovanni falcone paolo borsellino lapgiovanni falcone paolo borsellino lap

Provenzano? Non lo so Provenzano io lo conosco come corleonese perché è corleonese, però io non ho niente da dire, mai. Io sono sempre stato per i fatti miei, stu´ Provenzano non lo so. Se vogliamo dire una bugia...se io facevo un passo Provenzano non lo sapeva. L´unica colpa che ha Provenzano è quella che è troppo scrittore».

«Io sono stato venduto, però non posso dire che è stato Vito Ciancimino, non lo so. Però non è stato quello... Di Maggio. Mi si dice Di Maggio (Balduccio Di Maggio, l´ex autista di Riina indicato dagli ufficiali del Ros come l´uomo che li ha portati alla villa di via Bernini dove il capo dei capi aveva il suo rifugio ndr) ma non è stato Di Maggio».

IL BACIO FRA LUI E ANDREOTTI
«Io non mi sono mai incontrato con stu´ Andreotti. La prego di capirmi, signor procuratore. Non mi ha chiamato mai manco Caselli, ma a lei ci sembra giusto signor procuratore..non mi chiama per dirmi: "Ma Riina, ma ti sei incontrato ccù Andreotti? L´hai visto Andreotti? L´hai baciato Andreotti?" Mai interrogato. Mai citato. Signor procuratore, questo se lo vuole scrivere? Che poi sarà sicuramente copiato e registrato. E quindi è storia.
AndreottiAndreotti

Mai interrogato. Io solo dovevo dire sì o no. Però non mi si è mai domandato. Si è fatto un processo, si è fatto un appello, si è fatto tutto...non esiste. Mi dicisse una cosa, nella magistratura, nella legge è giusto di non essere..non essere interrogato una volta..una volta...io glielo sto dicendo perché è importante. Una volta per dire: ma ti sei incontrato con questo? Mai. Vidisse, vidisse (veda) che un procuratore non può fare questo abuso di potere, questa è una cosa che non è giusto, lei signor procuratore l´ammiro, l´accetto, questa mattina è stato brillante, però non si fanno queste cose. Ma Andreotti si baciava con me? Ma che era, lo scemo d´Italia?».
Bernardo ProvenzanoBernardo Provenzano

I CONTATTI CON I SERVIZI SEGRETI
«Non ho mai sentito parlare dell´esistenza del signor Franco o del signor Carlo (è il misterioso personaggio che secondo Massimo Ciancimino avrebbe fatto da mediatore fra Cosa Nostra e i servizi segreti al tempo delle stragi, ndr) io gliel´ho detto: mi chiamo Riina...Riina...questo è Riina accetta Riina per quello che è..se poi altri che l´abbiamo fatto..ma io... Se poi spunta mio fratello e potrebbe aprire queste cose io non lo so..io parlo per me».

«Io sono al di fuori di queste riconoscenze, io nella mia vita non ho mai trattato con gente che potessero essere al di fuori di pensarla come me..se trattavo con una persona la doveva pensare come me dritta per dritta, perché sono una specie di acqua e sapone fatto: me patri e me madri quando mi ficiru mi ficiru accussì (mio padre e mia padre quando mi hanno fatto mi hanno fatto così).

Signor procuratore, la prego una volta per sempre, cercate la verità, fate luce perché voi potete, potete trovare tante strade, tanto lavoro. Smettiamola con Riina a parafulmine, Riina e Totò Riina. Riina non è niente. Riina è 20 anni che è sacrificato ccà, io signor procuratore la prego mi lascino stare in pace, io aio 80 anni, sono malato, io sono un vecchio finito».(Attilio Bolzoni per "la Repubblica")

Wikileaks : Viewing cable 10STATE13215, TFHA01: HAITI EARTHQUAKE TASK FORCE SITUATION REPORT


30 Settembre 2011


VZCZCXRO3868
OO RUEHIK
DE RUEHC #3215/01 0462321
ZNR UUUUU ZZH
O 152318Z FEB 10
FM SECSTATE WASHDC
TO ALL DIPLOMATIC AND CONSULAR POSTS COLLECTIVE IMMEDIATE
RUEHTRO/AMEMBASSY TRIPOLI IMMEDIATE 2696
RUEHRY/AMEMBASSY CONAKRY IMMEDIATE 3539
RUEHPU/AMEMBASSY PORT AU PRINCE IMMEDIATE 0794
RHEHAAA/WHITE HOUSE WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHEHAAA/NATIONAL SECURITY COUNCIL WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHMFISS/JOINT STAFF WASHINGTON DC IMMEDIATE
RUEKJCS/SECDEF WASHINGTON DC IMMEDIATE
RUEKJCS/SECDEF WASHINGTON DC//USD:SOLIC// IMMEDIATE
RHMFIUU/COMFIFTHFLT IMMEDIATE
RHMFIUU/COMSIXTHFLT IMMEDIATE
RHMFIUU/NGA HQ BETHESDA MD IMMEDIATE
RHMFISS/COMSOCEUR VAIHINGEN GE IMMEDIATE
RHHJJAA/JICPAC PEARL HONOLULU HI IMMEDIATE
RHHMUNA/HQ USPACOM HONOLULU HI IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USSOCOM MACDILL AFB FL IMMEDIATE
RHHFISS/CDR USAFRICOM STUTTGART GE IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USCENTCOM MACDILL AFB FL IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USJFCOM NORFOLK VA IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USEUCOM VAIHINGEN GE IMMEDIATE
RUEADWD/DA WASHINGTON DC//DAPE:PRO/DAPE-PRR-C/DAPE:MO// IMMEDIATE
RUEADWD/DA WASHINGTON DC//DAMO-AOC-CAT//PCC// IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USSTRATCOM OFFUTT AFB NE IMMEDIATE
RHEFDIA/DIA WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHEFDIA/DIA WASHINGTON DC//TWC// IMMEDIATE
RUEKJCS/JOINT STAFF WASHINGTON DC//J-3:JOD/J-1// IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USSOUTHCOM MIAMI FL IMMEDIATE
RUMIAAA/HQ USSOUTHCOM J2 MIAMI FL IMMEDIATE
RUEAIIA/CIA WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHMCSUU/FBI WASHINGTON DC IMMEDIATE 8102

UNCLAS SECTION 01 OF 02 STATE 013215

SENSITIVE
SIPDIS

E.O. 12958: N/A
TAGS: AEMR ASEC CASC KFLO MARR PREL PINR AMGT HA
SUBJECT: TFHA01: HAITI EARTHQUAKE TASK FORCE SITUATION REPORT
NO. 70

STATE 00013215 001.2 OF 002


VIP TRAVEL
----------

¶1. (U) Canadian PM Harper began a two-day visit February 15
and is scheduled to meet with President Preval and PM
Bellerive, according to press. Haiti is Canada's second-
largest aid recipient after Afghanistan. (AFP)

EVACUATIONS/AMERICAN CITIZEN ISSUES
-----------------------------------

¶2. (SBU) One flight departed Port-au-Prince for Miami the
evening of February 14 with 61 passengers. Sixteen American
citizens could not be accommodated on the flight and are
expected to return for the evening flight on February 15.
(TF1/Consular Affairs Conference Call)

¶3. (SBU) As of 1200 EST February 15, there are 113 reported
American citizen fatalities. (TF1/Consular Affairs Conference
Call)

¶4. (SBU) PM Bellerive approved 36 adoptees February 15.
(TF1/Embassy Port-au-Prince e-mail)

¶5. (SBU) Ambassador Merten conducted a town hall meeting in
McLean, VA, with evacuated mission personnel and their
families February 15. (TF1/Embassy Port-au-Prince e-mail)

HUMANITARIAN UPDATE
-------------------

¶6. (SBU) Food distribution occurred at five fixed sites on
February 14; relief agencies distributed food benefiting
approximately 98,000 people in Port-au-Prince. Agencies plan
to reach 121,800 additional people at seven sites February 15.
The World Food Program (WFP) opened new sub-offices in St.
Marc, Logne, and Les Cayes. WFP is meeting with Haitian
officials on February 15 to discuss potential second-phase
food assistance and will continue distribution within Port-au-
Prince through February 20. (TF1/USAID SitRep #57)

¶7. (SBU) UNICEF expects to receive three rented desludging
trucks from the Dominican Republic. To lower costs, agencies
are considering using smaller trucks to transport solid waste
to a central location where larger desludging trucks will take
the material to dumping sites. (TF1/USAID SitRep #57)

8.(SBU) Four USAID/DART teams are conducting multi-sectoral
assessments of public service capacities in Jacmel, Gonaives,
Jeremie, and Les Cayes. (TF1/USAID SitRep #57)

MEDICAL RESPONSE
----------------

9 (SBU) USNS Comfort conducted 12 major surgeries, medevaced
one person, and transferred 38 patients to Port-au-Prince
hospitals February 14. (TF1/SOUTHCOM SitRep)


STATE 00013215 002.2 OF 002


¶10. (SBU) The USAID/DART nutrition advisor visited three
feeding tents targeting orphaned infants and children and
reported that although the tents were fully operational,
overall infant feeding coverage remains low in settlement
sites. (TF1/USAID SitRep #57)

SECURITY/INFRASTRUCTURE
-----------------------

11.(SBU) Port-au-Prince's ports had their biggest throughput
day to date, processing 504 TEUs February 14. (TF1/SOUTHCOM
SitRep)

¶12. (SBU) One hundred of the more than 4000 prisoners who
escaped from the Central Prison have been rearrested,
according to the police commissioner. The HNP is concerned
with 500 of the most dangerous still on the run and is
actively searching for the fugitives. (DHS NOC CIR #3)

POLITICAL DEVELOPMENTS
----------------------

¶13. (SBU) Haiti's state of emergency is scheduled to expire
on February 16. Post reports an extension must be approved by
parliament. (Port-au-Prince 148)

OTHER MAJOR DEVELOPMENTS
------------------------

¶14. (SBU) Jorge Torres Puello, the Dominican man acting as
legal adviser to the 10 Americans detained for child
kidnapping charges, acknowledged he is wanted by Salvadoran
authorities for running an international sex trafficking ring,
media report. He has denied the charges against him.
(cnn.com)

¶15. (SBU) President Preval gave condolences at a religious
service at the University of Notre Dame d'Haiti during a
nationally-ordered day of prayer, claiming he was speaking as
a private citizen and not as head of state, according to
press. (bbc.co.uk)

¶16. (U) Additional updates are available through our
Intellipedia portal on the unclassified system at:
http://www.intelink.gov/wiki/Portal:Crisis_Ha iti_Earthquake.

¶17. (U) Minimize considered.
CLINTON

Wikileaks : Viewing cable 10STATE13150, TFHA01: HAITI EARTHQUAKE TASK FORCE SITUATION


30 Settembre 2011


VZCZCXRO3521
OO RUEHIK
DE RUEHC #3150/01 0452033
ZNR UUUUU ZZH
O 142030Z FEB 10
FM SECSTATE WASHDC
TO ALL DIPLOMATIC AND CONSULAR POSTS COLLECTIVE IMMEDIATE
RUEHTRO/AMEMBASSY TRIPOLI IMMEDIATE 2694
RUEHRY/AMEMBASSY CONAKRY IMMEDIATE 3537
RUEHPU/AMEMBASSY PORT AU PRINCE IMMEDIATE 0792
RHEHAAA/WHITE HOUSE WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHEHNSC/WHITE HOUSE NATIONAL SECURITY COUNCIL WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHMFISS/JOINT STAFF WASHINGTON DC IMMEDIATE
RUEKJCS/SECDEF WASHINGTON DC IMMEDIATE
RUEKJCS/SECDEF WASHINGTON DC//USD:SOLIC// IMMEDIATE
RHMFIUU/COMFIFTHFLT IMMEDIATE
RHMFIUU/COMSIXTHFLT IMMEDIATE
RHMFIUU/NGA HQ BETHESDA MD IMMEDIATE
RHMFISS/COMSOCEUR VAIHINGEN GE IMMEDIATE
RHHJJAA/JICPAC PEARL HONOLULU HI IMMEDIATE
RHHMUNA/HQ USPACOM HONOLULU HI IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USSOCOM MACDILL AFB FL IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USAFRICOM STUTTGART GE IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USCENTCOM MACDILL AFB FL IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USJFCOM NORFOLK VA IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USEUCOM VAIHINGEN GE IMMEDIATE
RUEADWD/DA WASHINGTON DC//DAPE:PRO/DAPE-PRR-/DAPE:MO// IMMEDIATE
RUEADWD/DA WASHINGTON DC//DAMO-AOC-CAT//PCC// IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USSTRATCOM OFFUTT AFB NE IMMEDIATE
RHEFDIA/DIA WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHEFDIA/DIA WASHINGTON DC//TWC// IMMEDIATE
RUEKJCS/JOINT STAFF WASHINGTON DC IMMEDIATE
RUEKJCS/JOINT STAFF WASHINGTON DC//J-3:JOD/J-1// IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USSOUTHCOM MIAMI FL IMMEDIATE
RUMIAAA/HQ USSOUTHCOM J2 MIAMI FL IMMEDIATE
RUEAIIA/CIA WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHMCSUU/FBI WASHINGTON DC IMMEDIATE 8091

UNCLAS SECTION 01 OF 02 STATE 013150

SENSITIVE
SIPDIS

E.O. 12958: N/A
TAGS: AEMR ASEC CASC KFLO MARR PREL PINR AMGT HA
SUBJECT: TFHA01: HAITI EARTHQUAKE TASK FORCE SITUATION
REPORT NO. 69

STATE 00013150 001.2 OF 002


EVACUATIONS/AMERICAN CITIZEN ISSUES
-----------------------------------

¶1. (SBU) No evacuation flights departed February 13; 26
American citizen evacuees manifested for the 2000 EST
February 13 flight were delayed until February 14. An
additional 15 to 20 people at the airport February 13 were
requested to return February 14 for processing. A total of
16,493 have been evacuated to date. No potential American
evacuees or family members are currently waiting at the
Embassy. (TF1/Embassy Port-au-Prince e-mail, TF1/Consular
Affairs Conference Call)

¶2. (SBU) Remains of the final missing Lynn University
student and seven other American citizens arrived at Dover at
0630 EST February 14. No additional American citizen remains
await transport from the Embassy's mortuary. (TF1/Consular
Affairs Conference Call)

¶3. (SBU) Embassy Port-au-Prince and the Consular Affairs
Bureau are working on a revised travel warning for release
when commercial air travel is scheduled to resume February
¶19. (TF1/Consular Affairs Conference Call)


HUMANITARIAN UPDATE
--------------------

¶4. (SBU) Food distribution occurred at 15 of the 16 fixed
sites on February 13; relief agencies distributed food
benefitting 208,000 people in Port-au-Prince. Agencies plan
distribution for nearly 100,000 people at five sites
February 14. Food distribution will begin at Kenscoff on
February 15 and Croix-des-Bouquets on February 16.
(TF1/USAID SitRep #56)

¶5. (U) Media report foreign and Haitian officials plan to
provide each of the 250,000 displaced families in Haiti a
plastic tarp by May 1 for temporary shelter. Following
this, officials hope to construct transitional shelters with
corrugated iron roofs and earthquake-resistant timber or
steel frames to last for up to three years. (AP)

MEDICAL RESPONSE
-----------------

¶6. (SBU) All HHS Disaster Medical Assistance Response Teams
(DMATs) funded by USAID/OFDA are scheduled to demobilize
February 14. DMATs treated approximately 7,000 patients.
(TF1/USAID SitRep #56)

¶7. (SBU) USNS Comfort has completed over 1,000 surgeries
since its arrival January 20. It closed the neo-natal ICU
February 13. The majority of admissions are now for routine
surgical procedures rather than earthquake-related traumas.
(TF1/USAID SitRep #56, TF1/SOUTHCOM SitRep)


STATE 00013150 002.2 OF 002


SECURITY/INFRASTRUCTURE
-----------------------

¶8. (SBU) No significant security incidents occurred
February 13. Fifty thousand people gathered without
incident at the National Palace for the second day of the
three-day national mourning period. (TF1/SOUTHCOM SitRep)

¶9. (SBU) USCGC Hamilton interdicted a sailboat 45 nautical
miles northeast of Haiti with 88 Haitian migrants aboard.
The Coast Guard will repatriate the migrants to Cap Haitien.
(TF1/USCG e-mail)
¶10. (U) Two Dominican soldiers on the Haiti-Dominican
Republic border shot and killed two undocumented Haitians
suspected of attempting to take a stolen motorbike back to
Haiti. (laht.com)

POLITICAL DEVELOPMENTS
----------------------

¶11. (SBU) The Haitian government has resumed control of the
Port-au-Prince airport during daylight hours. (TF1/SOUTHCOM
SitRep)

¶12. (SBU) Prime Minister Bellerive met with Embassy
officials February 13 and agreed the Government of Haiti
supports and authorizes USG efforts to excavate and recover
American citizen remains at appropriate sites. (TF1/Embassy
Port-au-Prince e-mail)

OTHER MAJOR DEVELOPMENTS
------------------------

¶13. (U) Media report U.S. troop levels have decreased from
20,000 immediately after the earthquake to 13,000 as
international aid and relief efforts improve. (AFP)

¶14. (SBU) Canada will end its military deployment March 13.
There are currently 1,979 Canadian troops in Haiti. (Ottawa
168)

¶15. Additional updates are available through our classified
Intellipedia portal at
http://www.intelink.sgov.gov/wiki/Portal:Cris is_HAITI.

¶16. (U) Minimize considered.
CLINTON

Wikileaks : Viewing cable 10STATE13121, TFHA01: HAITI EARTHQUAKE TASK FORCE SITUATION


30 Settembre 2011


VZCZCXRO3356
OO RUEHIK
DE RUEHC #3121/01 0442352
ZNR UUUUU ZZH
O 132350Z FEB 10
FM SECSTATE WASHDC
TO ALL DIPLOMATIC AND CONSULAR POSTS COLLECTIVE IMMEDIATE
RUEHTRO/AMEMBASSY TRIPOLI IMMEDIATE 2692
RUEHRY/AMEMBASSY CONAKRY IMMEDIATE 3535
RUEHPU/AMEMBASSY PORT AU PRINCE IMMEDIATE 0790
RHEHAAA/WHITE HOUSE WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHEHNSC/WHITE HOUSE NATIONAL SECURITY COUNCIL WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHMFISS/JOINT STAFF WASHINGTON DC IMMEDIATE
RUEKJCS/SECDEF WASHINGTON DC IMMEDIATE
RUEKJCS/SECDEF WASHINGTON DC//USD:SOLIC// IMMEDIATE
RHMFIUU/COMFIFTHFLT IMMEDIATE
RHMFIUU/COMSIXTHFLT IMMEDIATE
RHMFIUU/NGA HQ BETHESDA MD IMMEDIATE
RHMFISS/COMSOCEUR VAIHINGEN GE IMMEDIATE
RHHJJAA/JICPAC PEARL HONOLULU HI IMMEDIATE
RHHMUNA/HQ USPACOM HONOLULU HI IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USSOCOM MACDILL AFB FL IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USAFRICOM STUTTGART GE IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USCENTCOM MACDILL AFB FL IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USJFCOM NORFOLK VA IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USEUCOM VAIHINGEN GE IMMEDIATE
RUEADWD/DA WASHINGTON DC//DAPE:PRO/DAPE-PRR-/DAPE:MO// IMMEDIATE
RUEADWD/DA WASHINGTON DC//DAMO-AOC-CAT//PCC// IMMEDIATE
RHMFIUU/CDR USSTRATCOM OFFUTT AFB NE IMMEDIATE
RHEFDIA/DIA WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHEFDIA/DIA WASHINGTON DC//TWC// IMMEDIATE
RUEKJCS/JOINT STAFF WASHINGTON DC IMMEDIATE
RUEKJCS/JOINT STAFF WASHINGTON DC//J-3:JOD/J-1// IMMEDIATE
RHMFISS/CDR USSOUTHCOM MIAMI FL IMMEDIATE
RUMIAAA/HQ USSOUTHCOM J2 MIAMI FL IMMEDIATE
RUEAIIA/CIA WASHINGTON DC IMMEDIATE
RHMCSUU/FBI WASHINGTON DC IMMEDIATE 8085

UNCLAS SECTION 01 OF 02 STATE 013121

SENSITIVE
SIPDIS

E.O. 12958: N/A
TAGS: AEMR ASEC CASC KFLO MARR PREL PINR AMGT HA
SUBJECT: TFHA01: HAITI EARTHQUAKE TASK FORCE SITUATION
REPORT NO. 68

STATE 00013121 001.2 OF 002


VIP TRAVEL
-----------

¶1. (U) House Speaker Pelosi and eleven other Members of
Congress reviewed earthquake damage and humanitarian
response during a one-day visit to Port-au-Prince February
¶12. The delegation also held a meeting with President Preval
to discuss relief and reconstruction efforts. (AP)

¶2. (SBU) General Fraser, SOUTHCOM, and Administrator Shah,
USAID, traveled to Port-au-Prince February 13. (TF1/USAID
Sitrep #55)

EVACUATIONS/AMERICAN CITIZEN ISSUES
-----------------------------------

¶3. (SBU) Embassy Port-au-Prince has received verbal
confirmation of the identification of the remains of the last
Lynn University student. DMAT reports the remains of eight
individuals will be transported to Dover via milair at 0215,
February 14. (TF1/Consular Affairs conference call)

¶4. (SBU) Since February 12 at 2000, 85 American evacuees and
family members have departed Port-au-Prince on four flights
bound for Charleston and Miami. A total of 16,493 have been
evacuated to date. There are no potential American evacuees
or family members at the Embassy. (TF1/Interagency
Conference Call)

¶5. (SBU) Embassy Port-au-Prince estimates approximately 55
percent of those evacuated February 12 arrived in Haiti after
the earthquake. At least one person has been evacuated
twice. (TF1/Interagency Conference Call)

HUMANITARIAN UPDATE
-------------------

¶6. (SBU) Nearly $19 million has been reprogrammed to
support the earthquake response effort, bringing total USAID
Mission Haiti-provided funding to more than $30 million. The
total from all USAID sources for earthquake response to date
is nearly $323 million. (OFDA Fact Sheet No. 31)

¶7. (SBU) The World Food Program food surge will end
February 13. The next phase of emergency food assistance
will be needs-based and likely will include food vouchers for
vulnerable groups. (TF1/USAID Sitrep #55)

MEDICAL RESPONSE
-----------------

¶8. (SBU) SOUTHCOM and JTF-Haiti confirm that Amcits
awaiting evacuation at the Port-au-Prince airport may receive
emergency medical assistance at the airport field hospital
once the HHS medical unit has closed. (TF1/Interagency
Conference Call)


STATE 00013121 002.2 OF 002


¶9. (SBU) USNS Comfort conducted 11 major surgeries,
evacuated two patients to the United States, and transferred
44 patients ashore to three local hospitals February 12.
(TF1/SOUTHCOM Sitrep)

SECURITY/INFRASTRUCTURE
-----------------------

¶10. (SBU) Diving operations continue off of South Pier
despite heavy pollution. Pier repair operations are expected
to conclude April 10. (TF1/SOUTHCOM Sitrep)

¶11. (SBU) An Australian team of air traffic controllers
arrived February 12. They will augment U.S. and Haiti
assets. (TF1/SOUTHCOM Sitrep)

POLITICAL DEVELOPMENTS
----------------------

¶12. (SBU) President Preval delivered an address at the
outset of three official days of mourning commemorating those
killed in the earthquake. (TF1/SOUTHCOM Intel Summary)

OTHER MAJOR DEVELOPMENTS
------------------------

¶13. (SBU) DHS Customs and Border Protection (CBP) will
continue operations at the Port-au-Prince airport until
American Airlines resumes service February 19. State asked
CBP to ensure their operations include screening of all
passengers, in lieu of spot checks. (TF1/Interagency
Conference Call)

¶14. (SBU) FedEx has resumed deliveries to
Haiti. (TF1/SOUTHCOM Sitrep)

¶15. Additional updates are available through our unclassified
Intellipedia portal at
http://www.intelink.gov/wiki/Portal:Crisis_HA ITI_Earthquake.

¶16. (U) Minimize considered.
CLINTON

Wikileaks : Viewing cable 10STATE14917, OSCE DRAFT DECISION ON CONFLICT PREVENTION AND


30 Settembre 2011


VZCZCXRO7254
OO RUEHIK
DE RUEHC #4917/01 0492330
ZNR UUUUU ZZH
O R 182326Z FEB 10
FM SECSTATE WASHDC
TO RUEHVEN/USMISSION USOSCE IMMEDIATE 7642
INFO EUROPEAN POLITICAL COLLECTIVE

UNCLAS SECTION 01 OF 02 STATE 014917

SIPDIS
SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

E.O. 12958: N/A
TAGS: PGOV PREL OSCE
SUBJECT: OSCE DRAFT DECISION ON CONFLICT PREVENTION AND
CRISIS MANAGEMENT

STATE 00014917 001.2 OF 002


¶1. (U) Post is authorized to distribute the following draft
decision on conflict prevention and crisis management to
participating States in advance of the February 23, 2010
Corfu Process discussion on this topic in Vienna. In doing
so post should make clear that issues containing an "x" would
be subject to discussion and agreement among the
participating states.

Begin text:

The Ministerial Council,

(PP1) Concerned by the persistence of conflict in various
regions in the OSCE area, which represents a challenge to the
security of all participating States and threatens the
fulfillment of OSCE principles and commitments,

(PP2) Being aware that such conflicts, wherever they take
place, may also pose a risk to neighbouring areas and may
give rise to instability and a wide variety of threats to
security,

(PP3) Reiterating our commitment to prevent the outbreak of
violent conflicts whenever possible, and to intensify efforts
to seek the peaceful resolution of disputes,

(PP4) Understanding that non-compliance with international
law and with OSCE norms, principles and commitments can
foster instability, tension and even conflict,

(PP5) Recognizing that the cross-dimensional nature of the
many causes of conflict requires a multifaceted,
comprehensive response on the part of the OSCE,

(PP6) Acknowledging the primary responsibility of the United
Nations Security Council for the maintenance of international
peace and security and its crucial role in contributing to
security and stability in the OSCE area, and reaffirming the
OSCE as a regional arrangement under Chapter VIII of the
Charter of the United Nations,

(PP7) Reaffirming our adherence to the Charter of the United
Nations and core CSCE/OSCE documents and our respect for the
principles relevant to conflict prevention and resolution set
out in the Charter of the United Nations and the Helsinki
Final Act of the CSCE,

(PP8) Recalling OSCE commitments in the field of crisis
management, including those enshrined in the 1975 Helsinki
Final Act, the 1990 Charter of Paris for a New Europe, the
1992 Helsinki Document, and the 1999 Charter for European
Security,

(PP9) Recognizing that each crisis or conflict has its own
specific characteristics, and that the OSCE's approach to
conflict prevention and resolution, while based on common
principles and commitments, must be tailored to a particular
situation,

(PP10) Reaffirming consensus as the basis for OSCE
decision-making, including in the area of conflict prevention
and crisis management,

(PP11) Praising the significant contribution made to
preventing conflict by the OSCE's Secretariat, Institutions
and field operations, including through their focus on
assisting participating States to create the democratic
structures essential to security and stability,

(PP12) Recalling that the ability to respond promptly to
early warning signals, as well as to deploy rapidly civilian
and police expertise, is essential to effective conflict
prevention, crisis management and post-conflict
rehabilitation,

(PP13) Convinced of the necessity to enhance the OSCE's
activities in early warning, conflict prevention and
resolution, crisis management and post-conflict
rehabilitation, in line with its role as a regional
arrangement under Chapter VIII of the Charter of the United
Nations,

(OP1) Decides to authorize the OSCE Chairmanship-in-Office to
respond swiftly in the event of escalating tensions or
conflict in the OSCE area, through the deployment of small
teams, not to exceed X personnel, to areas of concern;

STATE 00014917 002.2 OF 002



(OP2) Authorizes these teams to assess, monitor and report to
participating States on the situation on the ground; provide
a liaison or advisory function; facilitate humanitarian
relief; and recommend measures for confidence and security
building mechanisms to support peace and stability. Such a
team would initially deploy for a maximum period of X days;

(OP3) Notes that OSCE Permanent Council may by consensus
decision extend the duration of deployment or modify the
tasks to be performed by the teams;

(OP4) Agrees that the resources related to the deployment of
the teams will be provided through extrabudgetary
contributions;

(OP5) Agrees that deployments of these teams are to be
accepted by all participating States without preconditions,
and that participating States will to the greatest possible
extent provide security to team personnel and facilitate the
team's freedom of movement and access to relevant authorities
and representatives of the population;

(OP6) Furthermore decides to strengthen their commitment to
resolving disputes by peaceful means by enhancing the
organization's 1991 Berlin Mechanism for Consultation and
Co-Operation With Regard To Emergency Situations through
addition of a provision for convening an extraordinary
conference of all participating States in the event of armed
conflict, to examine ways to deescalate tensions and/or halt
further hostilities, in accordance with annex 1,

(OP7) Tasks the Secretariat/CPC with further exploring how
the OSCE can increase the effectiveness of its conflict
prevention and resolution efforts, including through the
development, within existing resources, of enhanced training
and a rapid response capacity, a focus on confidence- and
security building measures, and how to establish and maintain
a political dialogue between the parties to a conflict, and
to report back to the next Ministerial Council.

(OP8) Requests the Secretariat/CPC to provide enhanced
support to the mediation and good offices efforts of the OSCE
Chairmanship and to develop ways to retain and use
institutional memory, within existing resources.

¶2. (U) Post is also authorized to distribute the following
nonpaper setting forth suggested modifications to the Berlin
Mechanism for Consultation and Co-Operation With Regard to
Emergency Situations.

Begin text:

Modification to the Berlin Mechanism for Consultation and
Co-Operation With Regard To Emergency Situations

The following articles will be added to the Berlin Mechanism
for Consultation and Co-Operation With Regard To Emergency
Situations:

x. In the event armed conflict breaks out on the territory of
one or more participating States, the Chairperson of the
Permanent Council will convene an extraordinary conference of
the participating States to examine ways to deescalate
tensions and/or halt further hostilities.

x.1 The Chairperson will immediately notify all participating
States of the date and time of the meeting, which will be
held at the earliest 48 hours and at the latest three days
after this notification. The notification will also include
the reason for, and the agenda of, the meeting.

x.2 The meeting will be held at the seat of the Secretariat
and last no more than two days, unless otherwise agreed.

x.3 Further modalities will be as stipulated in Articles 2.10
through 2.14, in accordance with the Rules of Procedure. In
cases of armed conflict involving participating States, those
involved states may exercise any rights they otherwise have
to participate in the conference, but they will not take part
in any decision adopting recommendations or conclusions.

END TEXT.
CLINTON

NAPOLITANO: SE SU SECESSIONE SI PASSA AI FATTI STATO INTERVERRÀ UN CONTO SONO CHIACCHIERE E GRIDA, UN ALTRO IL SEPARATISMO...




30 Settembre 2011


1. NAPOLITANO, ROTTO RAPPORTO FIDUCIA ELETTORE-ELETTO. ORA SERVE NUOVO MECCANISMO...
(ANSA) - Si è rotto il rapporto di fiducia elettore- eletto. Ora serve un nuovo meccanismo nella legge elettorale. Lo ha spiegato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano parlando questo pomeriggio a Napoli.


2. NAPOLITANO: SE SU SECESSIONE SI PASSA AI FATTI STATO INTERVERRÀ UN CONTO SONO CHIACCHIERE E GRIDA, UN ALTRO IL SEPARATISMO...
(TMNews) - "Discutere di federalismo fiscale o di un Parlamento che abbia una rappresentanza delle Regioni è del tutto lecito. Per il resto, ove dalle chiacchiere, dalle grida e dalla propaganda si passasse ad atti preparatori di qualcosa che viene chiamata secessione tutto cambierebbe".

Da Napoli, dove si trova in visita per i 150 anni dell'Unità d'Italia, Giorgio Napolitano avverte Umberto Bossi e tutta la Lega Nord sulle loro volontà separatiste. Il presidente della Repubblica ricorda quanto avvenne nell'Ottocento di fronte a simili tentazioni da parte della Sicilia: "Quando ci fu un tentativo di organizzazione armata e separatista, anche quell'accenno di Stato italiano appena nato non esitò a intervenire piuttosto pesantemente: si ricorderà l'arresto e la detenzione di un capo importante di quel movimento, come Finocchiaro Aprile".


3. MARCEGAGLIA: ORA RISPOSTE O LASCIAMO TAVOLI GOVERNO. MANDATO DA GIUNTA, VALUTEREMO SE NON SI VA AVANTI...
(ANSA) - La Giunta di Confindustria "mi ha dato il mandato di portare avanti proposte forti e coraggiose", dice Emma Marcegaglia che avverte "se non andranno avanti ho anche il mandato di valutare se restare ai tavoli con il governo".


4. BONANNI, TEMPO SCADUTO, CISL E' D'ACCORDO...
(ANSA) - "Hanno fatto bene le imprese a presentare un manifesto comune per la crescita che per molte parti condividiamo", dice il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni. Che commenta così l'iniziativa: "Anche per la Cisl il tempo è scaduto: occorrono riforme vere che affrontino dopo vent'anni di omissioni i nodi irrisolti dell'economia italiana".


5. MANIFESTO IMPRESE: SACCONI,PROPOSTE MERITANO ATTENZIONE, MA...
(ANSA) - Le proposte delle associazioni di impresa "meritano rispetto ed attenzione". Ma su patrimoniale e pensioni ci sono problemi di attuazione. E' la posizione espressa dal ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi.

Più in dettaglio, secondo Sacconi, una prima lettura delle proposte "consente di individuare nella patrimoniale da sei miliardi all'anno e in un intervento sulle pensioni gli assi portanti in quanto destinati a garantire le risorse per politiche di sostegno alla crescita". Ma "una patrimoniale strutturale di questa entità, considerando la composizione della ricchezza certificabile, arriverebbe inevitabilmente a colpire una larga platea di persone e famiglie, essendo l'Italia un Paese di proprietari, dalle prime case, ai titoli di Stato e a tutto quello che può essere amministrato direttamente e indirettamente dalle banche.


6. CAMUSSO, GIUSTO SFORZO,MA STOP SU PENSIONI...
(ANSA) - Per noi il tempo è già scaduto e il governo se ne deve andare, perché rappresenta gran parte del problema e la sua uscita di scena è condizione per recuperare credibilità sui mercati". Così Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, commenta l'ultimatum di Confindustria al governo, aggiungendo che l'esecutivo "ha prodotto manovra su manovra politiche recessive, e anche se adesso lancia annunci, bisogna constatare che piani decennali e decreti sono fuori tempo massimo e privi di risposte efficaci".

Quanto al Manifesto stilato dalle imprese con le cinque priorità per "salvare l'Italia" il numero uno della Cgil, pur "apprezzandone lo sforzo" ritiene che "su pensioni e privatizzazioni dei servizi non può esserci alcuna convergenza, perché si continuerebbe a scaricare sui lavoratori il prezzo della crisi e questo non è per noi condivisibile". Camusso ribadisce anche "la necessità di dare una prospettiva al Paese trovando le risorse per il risanamento e la crescita da una seria tassazione delle grandi ricchezze, dei grandi immobili e da un contributo di solidarietà sui redditi alti ed una rigorosa lotta all'evasione fiscale che non guardi in faccia a nessuno".


7. FERRERO, CONFINDUSTRA PEGGIO DI BERLUSCONI...
(ANSA) - "Le proposte avanzate da Confindustria sono peggio di quelle di Berlusconi e aggraverebbero la crisi. In particolare la proposta di abolire le pensioni di anzianità e di privatizzare tutto la dicono lunga sull'egoismo di classe delle proposte dei padroni". Lo afferma in una dichiarazione Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista.

"Di fronte a queste due destre che si scontrano su come sfruttare meglio lavoratori e pensionati, vi è una strada sola: le elezioni anticipate - conclude Ferrero - per battere Berlusconi e nel contempo sconfiggere i propositi di Marcegaglia. Sarebbe bene che Bersani, Di Pietro e Vendola dicessero parole chiare su questo".


8. BANKITALIA: LA RUSSA, NO VOTO CDM, DECISIONE E' DEL PREMIER...
(ANSA) - "La decisione sul futuro governatore di Bankitalia spetta al presidente del Consiglio, non al Consiglio dei ministri. Sbaglia chi pensa che Berlusconi voglia esercitare il suo potere d'imperio, ma sbaglia anche chi ritiene che non voglia esercitare il potere che gli è conferito dalla legge".

Lo afferma coordinatore del Pdl Ignazio La Russa parlando del nodo sulla scelta del successore di Mario Draghi. "Berlusconi - spiega - sta seguendo scrupolosamente quanto prevede la legge, e cioé anche la possibilità di una terna di nomi tenendo in considerazioni i diversi pareri". A chi gli chiede se si possa arrivare ad un voto del Consiglio dei ministri, La Russa risponde: "Non credo sia una materia su cui si possa votare in Cdm. Il premier però può ascoltare i pareri dei ministri durante la riunione".


9. VERSACE, DELUSO DA BERLUSCONI, TANTE PAROLE MA ZERO FATTI...
(ANSA) - "Sono rimasto deluso da Berlusconi. Dice tante belle parole, ma fatti zero". Santo Versace commenta in un'intervista al periodico online 'Patto Sociale', la sua uscita dal Pdl. "Non abbiamo rispettato - rileva il deputato calabrese - il programma con cui siamo stati eletti, non abbiamo eliminato le province, non abbiamo tagliato la spesa pubblica e abbiamo aumentato le tasse invece di abbassarle. Sessanta miliardi di euro sono persi grazie alla corruzione e non è solo colpa della crisi, c'é un problema di etica, anche interno al partito".

"Sono sceso in campo mettendoci la faccia - continua Versace - e il mio nome, che significa prestigio internazionale, per fare quello che ho sempre fatto: lavorare per i cittadini". Versace non parla di una sua prossima adesione ad un gruppo politico (oggi è iscritto al Misto). "Sono e resto un deputato della Repubblica - conclude - e il mio obiettivo non è cercare una collocazione ma riuscire a convincere gli altri colleghi a concentrarsi e lavorare sui fatti".


10. CASINI, VERSACE? HA FATTO GESTO DENUNCIA POLITICA...
(ANSA) - "Non ci sono stati contatti con lui e non mi interesso di dove vada ora. Lui ha fatto un gesto di denuncia civile e politica e credo che nel Pdl ci siano altri che condividano le sue posizioni. Lo ringrazio per la riconoscenza nei miei confronti". Così il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini nel corso di una conferenza stampa alla Camera risponde a chi gli chiede se ci siano stati contatti con Santo Versace che ieri ha ufficializzato l'addio dal Pdl.

Napolitano: 'Stato lombardo-veneto? E' un pensiero grottesco'. 'Necessaria una nuova legge elettorale'


30 Settembre 2011


'Stato lombardo-veneto? E' un pensiero grottesco'. A Giorgio Napolitano è stato chiesto cosa pensi delle dichiarazioni di Umberto Bossi a proposito di una via democratica alla secessione. "Sono grida che si levano dai prati con scarsa conoscenza della Costituzione". E della affermazione che la volontà del popolo sovrano è al di sopra del capo dello Stato? "Bisogna leggere bene la Costituzione che dice che quella sovranità si esercita attraverso le leggi". "Ove dalle chiacchiere, dalle grida, dalla propaganda, dallo sventolio di bandiere si passasse ad atti preparatori di qualcosa di simile alla secessione - ha aggiunto il presidente della Repubblica - tutto cambierebbe. Nel '43-44 di fronte ad un tentativo di organizzazione, magari armata, di un movimento separatista quell'accenno di Stato Italiano appena nato non esitò a intervenire e si arrivò alla detenzione di un capo importante di quel movimento, Finocchiaro Aprile. Per ciò ho detto che invocare la secessione è fuori dalla realtà e dal mondo d'oggi. Il livello grottesco della richiesta dovrebbe bastare a farlo intendere. Si può strillare in un prato, ma non si può cambiare il corso della storia".

'NECESSARIA NUOVA LEGGE ELETTORALE' - Si è rotto il rapporto di fiducia elettore-eletto. Ora serve un nuovo meccanismo nella legge elettorale. Lo ha spiegato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano parlando questo pomeriggio a Napoli alla facoltà di Giurisprudenza.

"Non tocca a me fare nuove leggi, ma mi pare che ci sia la necessità di una nuova legge elettorale", ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano all'Università di Napoli rispondendo alla domanda di uno studente. E' necessario, ha spiegato, ristabilire un rapporto più diretto fra elettore ed eletto, con la facoltà dell'elettore di scegliere il candidato da eleggere, "un diverso meccanismo elettorale è necessario anche per determinare un ritorno di fiducia". L'attuale sistema elettorale, ha aggiunto, "ha interrotto un rapporto che esisteva fra elettore ed eletto. Non voglio idoleggiare sistemi elettorali del passato, ma solo dire che prima c'era un collegamento più diretto". Napolitano ha ricordato di essere stato per 39 anni in Parlamento e di essere stato eletto sempre con il sistema proporzionale e solo l'ultima volta con l'uninominale maggioritario (Mattarellum). "Anche per me - ha detto - la differenza era molto forte. Prima ero candidato in una circoscrizione Napoli-Caserta e dovevo rispondere a 2,5 milioni di elettori dove, rispondi a tutti e non rispondi a nessuno. Poi invece nel mio collegio c'erano 100 mila e passa elettori, ed era necessario rispondere più puntualmente.(Ansa.it)

Napolitano: «Il popolo padano non esiste E in Italia niente spazi per la secessione»


30 Settembre 2011


Il capo dello Stato: nella Costituzione non c'è possibilità di una via democratica alla separazione


NAPOLI - «Nell'ambito della Costituzione e delle leggi non c'è spazio per una via democratica alla secessione». È quanto ha affermato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel discorso alla facoltà di Giurisprudenza di Napoli. Napolitano ha poi sottolineato che «non c'è un popolo padano». E ancora: «Si può strillare in un prato ma non si può cambiare il corso della storia». Un riferimento indiretto ai raduni della Lega Nord nel «pratone» di Pontida che ogni anno celebrano il movimento di Umberto Bossi nella «città del giuramento» (quello della Lega Lombarda che si unì contro il Barbarossa). Il capo dello Stato ha poi ricordato che «nel '43-'44 l'appena rinato Stato italiano, di fronte a un tentativo di organizzazione armata separatista, non esitò a intervenire in modo piuttosto pesante con la detenzione di Finocchiaro Aprile».

UNA NUOVA LEGGE ELETTORALE - Secondo Napolitano il sistema elettorale vigente «ha rotto il rapporto di responsabilità tra elettore ed eletto». Per questo ha parlato dell'opportunità di una nuova legge per la scelta dei rappresentanti del popolo in Parlamento. «Non voglio idealizzare o idoleggiare i modelli del passato - ha detto però il presidente della Repubblica -, perchè sappiamo quanto la pratica delle preferenze grondasse di negatività ma era una forma di collegamento più diretto» tra eletto ed elettore.

SQUILIBRI UOMINI-DONNE - Napolitano ha affrontato anche altri temi, tra cui quello delle pari opportunità. «Sono rimasti squilibri molto grandi tra gli uomini e le donne - ha detto - ma sono stati fatti anche grandi passi avanti». «Il campo in cui è più sottovalutata la presenza femminile - ha aggiunto - è la politica e le istituzioni e su questo non ci sono dubbi». Il presidente ha poi concluso sottolineando: «Verissimo che non c'è mai stato un presidente della Repubblica donna ma di questo non mi sento colpevole».(da "Corriere.it")

Thomas Di Benedetto : VI DARÒ UNO STADIO A STELLE E STRISCE




30 Settembre 2011


Parlare con Thomas Di Benedetto è come fare gol alla Juventus di Giovanni Trapattoni negli anni Settanta. Il primo presidente statunitense nella storia della serie A, nominato martedì 27 settembre, è tanto catenacciaro all'antica quanto la sua Roma si ispira al futbol bailado in stile Barcellona.

"Ho sempre cercato di non essere sui giornali. Non ho mai voluto usare la stampa per aiutarmi nei miei affari e sono cresciuto nell'investment banking, dove è meglio non apparire finché l'affare non è concluso". Lo stesso vale per l'altra attività del numero uno romanista, l'attività lobbistica internazionale con la Jefferson Waterman International di Washington, una "firm" a due passi dalla Casa Bianca imbottita di ex militari e agenti della Cia e presieduta da Di Benedetto.

Altri segni caratteristici: cattolico, repubblicano, malato di sport. In gioventù ha praticato baseball, basket e football americano. Suo padre, emigrato dalla Campania nel Massachusetts a 16 anni, ha giocato due anni a livello dilettantistico subito dopo la Seconda guerra mondiale nelle leghe del soccer locale.

I figli di Tom Di Benedetto hanno tutti praticato il calcio. Sua moglie, per il secondo anno consecutivo e per colpa della Roma, ha trascorso un anniversario di matrimonio solitario a Boston. "Il nostro primo appuntamento è stato al Fenway park per una partita dei Red Sox. Sapeva a che cosa andava incontro sposandomi", sorride Di Benedetto durante l'intervista in esclusiva con "l'Espresso" sulla terrazza del Grand Hotel di via Veneto.

Con buona pace della signora Di Benedetto, anche l'anello più visibile sulle mani del marito non è una fede nuziale ma una di quelle patacche di tre centimetri quadri che in America spettano ai vincitori di campionati sportivi. In quanto azionista dei Red Sox, Di Benedetto ha in cassaforte i due anelli vinti dai Sox nelle World series di baseball del 2004 e del 2007. Al dito, però, sfoggia quello vinto in terza divisione di baseball nel 2008 dalla sua università, il Trinity College di Hartford, Connecticut. "Me l'hanno dato perché li ho aiutati a reclutare sette giocatori del team".

C'è da aspettarsi che, anche con il pallone in giallorosso, il nuovo boss vorrà avere voce in capitolo sul piano tecnico e sportivo, come fanno tutti i suoi colleghi italiani. Con qualche comparsata tv in meno.

Si sarà reso conto che il mantenimento della privacy è una lotta disperata per un proprietario di club in serie A, in particolare in una piazza come Roma.
"Certo, ma credo che l'attenzione debba essere concentrata sulla squadra, sui giocatori, sull'allenatore e sul management. Io preferisco stare in secondo piano".

Si è mantenuto talmente in secondo piano che durante la trattativa per la Roma alcuni dubitavano della sua esistenza.
"Ho lavorato dieci anni per tre ditte di prestigio di Wall Street: Morgan Stanley, Salomon brothers e Allen & co. Poi mi sono messo in proprio con la Olympic partners e mi sono dedicato all'immobiliare. Ho lanciato altre attività (Junction investors e Boston international group) ma, oltre alla finanza e al real estate, ho sempre desiderato occuparmi di politica estera. Così, a metà degli anni Ottanta, ho passato molto tempo in Unione Sovietica e poi in Russia, aprendo agli investitori occidentali la strada dell'Europa dell'Est. Sedici anni fa ho incominciato a lavorare per la Jwi, formata da un gruppo di persone molto stimolanti sotto il profilo intellettuale".

Più dura in Russia o più dura in Italia?
"Più difficile in Russia. Ma lì come qui è importante avere buoni partner locali".
pagnozzi dibenedetto foto mezzelani gmtpagnozzi dibenedetto foto mezzelani gmt

Come le è venuto in mente di investire in un paese che alcuni danno sull'orlo del default?
"Le do una risposta che potrebbe non piacerle. I problemi dell'Italia stanno nell'eccesso di burocrazia e nella legislazione del lavoro troppo rigida. Sono stato molto impressionato dagli imprenditori che ho incontrato e dalla loro abilità di operare in un contesto simile".

Chi ha incontrato?
"Preferisco non dirlo. Di sicuro sono sempre più costretti a lavorare fuori dall'Italia. Ultimamente si è aggiunta la crisi del debito. In Europa non avete gli strumenti finanziari. Neanche la Bce li ha, a paragone con la Fed. Il vostro punto di forza sono le condizioni delle famiglie, migliori che in altri paesi. Grazie a questo siete capaci di sostenere la crisi meglio di altri".

Non le sembra paradossale che l'Italia sia a questo punto anche perché è governata da un imprenditore che, per inciso, è il suo collega proprietario del Milan?
"Silvio Berlusconi ha avuto una carriera imprenditoriale di enorme successo ed è stato il premier più longevo al governo. Per ottenere questi risultati ci vuole un individuo di grande talento. Sfortunatamente, adesso è alle prese con altri argomenti. E qui mi fermo".

Fatto sta che gli italiani vanno all'estero e lei è venuto in Italia. Perché?
"C'è un genere di affari qui che sembra capace di sopravvivere a dispetto di quello che accade nel resto del mondo. Mi riferisco al turismo, all'industria del vino, a tutto quello che produce gioia e diverte la gente, come il calcio. Roma è in una posizione unica. La Chiesa cattolica è stata costruita qui e questo è il centro dell'universo per 2 miliardi di persone che considerano un obbligo visitare la Città eterna prima o poi.

Le università attirano studenti da ogni nazione, molti dagli Usa, e molti college americani a cominciare dal mio Trinity hanno sede a Roma. La mia sfida imprenditoriale è trasformare i clienti affascinati dalla città in tifosi di calcio. Per arrivare a questo dobbiamo concentrarci sul marchio e svilupparlo, naturalmente a partire dalle vittorie in campo".

In che condizioni ha trovato la Roma?
"Non abbiamo niente da guadagnare a parlare male di Rosella Sensi. E qualunque cosa io possa dire suonerebbe negativa verso di lei" (in seguito definirà l'eredità "painful", cioè penosa, ndr.).

A parte la gestione Sensi e considerando la sua esperienza come azionista di minoranza del Liverpool in Premier League inglese, non le sembra che il calcio sia un'attività economica in perdita strutturale?
"Non credo che debba essere necessariamente così. Per ogni club ci può essere un modello di business che funziona, se il proprietario ha con il club lo stesso approccio che ha con la sua azienda".

E il modello della Roma è una squadra vincente, per esempio come il Manchester, con in più i turisti del Colosseo e di San Pietro, che a Manchester non ci sono?
"Di sicuro bisogna incominciare a vincere e il nostro staff, con Luis Enrique, Franco Baldini e Walter Sabatini, è in grado di farlo. Poi, come dicevo, è fondamentale sviluppare il marchio attraverso il Web. Dagli Stati Uniti abbiamo portato a Roma gente con profonde radici italiane per investire sui social media e nel marketing di Internet. Una cosa è avere un'idea, e io ne ho molte. Un'altra cosa è avere le persone per metterla in pratica".

È d'accordo con i suoi colleghi che la rovina economica del calcio sono gli ingaggi dei giocatori?
"Di sicuro sono una percentuale molto alta del bilancio, ma il problema vero è: troppo alti i salari o troppo bassi i ricavi? La priorità dei club italiani è aumentare le entrate perché il mercato dei giocatori è un mercato internazionale e i prezzi li fa il mercato".

A proposito di aumentare i ricavi, a che punto è la trattativa per lo stadio nuovo?
"Con Gianni Alemanno abbiamo avuto una discussione molto propositiva. Il sindaco è totalmente al nostro fianco e adesso stiamo valutando le opzioni sulle diverse aree. Ci sono vari "developers" locali che hanno espresso il loro interesse ad essere coinvolti con l'As Roma nell'operazione. Speriamo di incominciare presto e di essere i prossimi sulla strada che ha aperto la Juventus con grande successo".
petrucci dibenedetto foto mezzelani gmtpetrucci dibenedetto foto mezzelani gmt

Il 2012 sarà l'anno buono?
"Noi speriamo proprio di sì ma bisognerà che ci sia la collaborazione di tutte le forze politiche".


2 - IL GIRO DELLE SETTE CHIESE
Da "l'Espresso" - La priorità di Tom Di Benedetto è il giro delle sette chiese nella capitale in vista della costruzione del nuovo stadio e, più in generale, per presentare le credenziali della cordata anche a nome degli altri tre soci James Pallotta, Michael Ruane e Richard D'Amore.

Tra i proprietari di aree il neopresidente ha parlato con i Mezzaroma, quelli romanisti che si sono comprati il Siena e non quelli imparentati con Claudio Lotito della Lazio.

Ha visto Pierluigi Toti, che gli ha proposto di prendere anche la Virtus Roma Basket per realizzare un gruppo polisportivo sul modello del Real Madrid o del Barcellona, idea già tentata con insuccesso a cavallo fra gli anni Ottanta e Novanta da Raul Gardini e Silvio Berlusconi. Vedrà Luca Parnasi, il costruttore proprietario dell'area dell'ippodromo a Tor di Valle. Ha incontrato Giampietro Nattino di Banca Finnat, eminenza grigia della finanza e dell'economia romane che con Di Benedetto condivide la devozione religiosa e l'amore per la riservatezza, maturata in ambienti dove l'esuberanza mediatica non è gradita.(Gianfrancesco Turano per "l'Espresso")