yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: febbraio 2013

video

Loading...

mercoledì 27 febbraio 2013

CAMPIONARIO TRAVAGLIATO DI QUELLI CHE NON HANNO MAI CAPITO UNA MAZZA - “L'EFFETTO MONTI PUÒ VALERE FINO AL 20%”(LA STAMPA E REPUBBLICA) - “SIAMO AL 5%” (INGROIA) - “IL PD È AVANTI DI 12 PUNTI” (L’UNITÀ) - “SILVIO ANTI-CASTA RUBA VOTI A GRILLO” (LIBERO) - “ABBIAMO IMPARATO DAGLI ERRORI DEL PASSATO (PRODI) - “SONO CONVINTO CHE ANDREMO SOPRA IL 20%” (FINI)…



Marco Travaglio per "Il Fatto Quotidiano"
MORETTI BERSANIMORETTI BERSANI
Il risultato elettorale più previsto e prevedibile del mondo - il trionfo di Grillo e l'in-governabilità al Senato col primato risicato del centrosinistra che s'è mangiato quasi 10 punti in un mese nella campagna elettorale più demenziale della storia, al punto da rischiare il sorpasso in retromarcia del centrodestra fermo da settimane sotto il 30% - ha colto di sorpresa i migliori professionisti della politica e dell'informazione, che sarebbero pagati proprio per capire quel che succede nel Paese. Invece non hanno mai capito una mazza e ora assistono al naturale epilogo della Seconda Repubblica con occhi pallati, salivazione azzerata, lingua felpata e boccuccia a cul di gallina: "Chi l'avrebbe mai detto". Per dirlo, bastava uscire per strada negli ultimi anni. Ma lorsignori avevano altro da fare.
BERLUSCONI REGGE LE TESTE DI MONTI BERSANIBERLUSCONI REGGE LE TESTE DI MONTI BERSANI
Morto di sonno.
"Forse un'occhiata ai sondaggi potrebbe rendere Grillo più cauto. Secondo gli ultimi dati il M5S è sceso ancora, e oggi varrebbe meno del Pdl senza Berlusconi... Per riprendersi dal colpo di sonno Grillo ha subito apparecchiato il solito campionario di finezze sui politici. Ma evidentemente continuare a sventolare la frase più ripetuta nei bar italiani da 50 anni dopo "il gol della Juve era in fuorigioco", e cioè "i politici devono andarsene a casa", non basta più per riscuotere il successo di qualche mese fa" (Giuliano Ferrara, Il Foglio, 3-1).
Come Cicciolina.
"Ora Grillo vale quanto Cicciolina... Per mesi noi che lo dicevamo un fuoco fatuo, un'illusione per gonzi, una scemenza appena degna di curiosità, siamo stati derisi e considerati out. In prime time e in prima serata si dava retta al Giamburrasca di Genova, quando sosteneva disinvolto e bugiardo... che era in arrivo una grande rivoluzione totale... Bisognerebbe fare oggi un'antologia del Fatto Quotidiano e di certe testate tv... L'han data a bere a una nazione intera. Grillo ora vola al di sotto del 10 per cento.
DALEMA - OCCHETTO - BERSANI - LA GIOIOSA MACCHINA DA GUERRADALEMA - OCCHETTO - BERSANI - LA GIOIOSA MACCHINA DA GUERRA
È un fenomenuccio come cento altri nella nostra non immortale storia, un caso scandaloso e impertinente di invadente caciara con il suo spazietto politico residuale, alla Cicciolina, e molti cominciano a capire che non era vero che in Sicilia era arrivato primo, che non esiste la democrazia della rete, che non si può fare politica con il solo insulto e con il solo uso del disprezzo popolare verso le istituzioni sputtanate... Sono bastate l'entrata in lizza di Berlusconi, il ‘prima il Nord' della Lega, l'arrivo di Monti e i rilanci delle primarie di Bersani con contorno di Renzi: ecco qui, i partiti e le leadership riconquistano bene o male il palcoscenico, arriva il voto utile, che poi è il voto senza aggettivi, e l'attore torna ai suoi cabaret" (Giuliano Ferrara, il Giornale, 6-1-2013)
beppe grillo porteBEPPE GRILLO PORTE
Grillo chi?
"Considerando che i ‘grillini', secondo i sondaggi più benevoli, sono accreditati del 6-8 per cento dei voti, questo timor panico dei partiti è indecoroso... Si misurino faccia a faccia con quella che chiamano ‘antipolitica' e scopriranno di essere di parecchie spanne più alti" (Michele Serra, Repubblica, 27-4-2012).
Sali & Tabacci.
"Sarà una vittoria netta, Berlusconi e la Lega sono finiti. Da martedì ragioneremo come se avessimo il 49%, come dice Bersani" (Bruno Tabacci, l'Unità, 24-2-2013)
Soluzione 15%.
"È fuori dal mondo che non arriviamo al 10%: io credo che la coalizione intorno a Monti possa raggiungere il 15%, un risultato netto" (Pier Ferdinando Casini, 18-2) Hasta la victoria. "Tra una settimana Pier Luigi ci guiderà alla vittoria, ne sono convinto, e sarà una vittoria ampia, perché abbiamo imparato dagli errori del passato: stavolta c'è una squadra nuova, stavolta resteremo uniti. Ha fatto una campagna elettorale bella e normale, Ambrosoli guiderà un rinnovamento etico" (Romano Prodi, 17-2)
BEPPE GRILLO E ROMANO PRODIBEPPE GRILLO E ROMANO PRODI
Un nome una garanzia. "Sarò la garanzia di stabilità e governabilità per il futuro" (Nichi Vendola, 17-2)
Il trapassato. "Tutti i sondaggi dicono che non c'è nessun trapasso di voti tra noi e Grillo" (Enrico Letta, 16-2)
Arriva GrilloARRIVA GRILLO
Soluzione 20%. "Sono convinto che andremo sopra il 20% e la nostra coalizione sarà competitiva per governare il Paese. Non ci interessa fare l'ago della bilancia" (Gianfranco Fini, Corriere, 27-1)
Il sorpasso/1. "Silvio sorpassa Pier Luigi: gli italiani lo vogliono premier" (Il Giornale, 1-2)
Ezio MauroEZIO MAURO
Il sorpasso/2. "In autostrada la corsia di sorpasso sta a sinistra mentre quella di emergenza sta a destra" (Matteo Renzi, 16-2)
Il sorpasso/3. "Nel Veneto il sorpasso è possibile, per il Pd la partita è aperta" (Matteo Renzi, 15-2)
Mario CalabresiMARIO CALABRESI
Il sorpasso/4. "Monti e Bersani disperati, ora li sorpassiamo: abbiamo messo la freccia, siamo in corsia di sorpasso" (Silvio Berlusconi, 6-2)
Già. "Siamo già al 4%" (Ignazio La Russa, 20-2)
à la carte. "Abbiamo le carte per vincere" (Silvio Berlusconi, 25-1)
Solo noi. "Caro Ingroia, solo noi battiamo la destra" (Pier Luigi Bersani, 19-1)
Il vigile. "Tra Vendola e Monti il traffico lo dirigerò io" (Pier Luigi Bersani, 15-2)
L'arma segreta. "Con Berlusconi possiamo vincere le Politiche. I malumori sono rientrati, stiamo aumentando i voti" (Roberto Maroni, Libero, 20-1)
MAURIZIO BELPIETROMAURIZIO BELPIETRO
Gli inafferrabili. "Il Pd è avanti di 12 punti" (L'Unità, 14-1)
Mica sono matti. "Non credo che gli italiani possano essere così fuori di senno da dare il voto a Grillo" (Silvio Berlusconi, 15-2)
Gli imprendibili. "A Montecitorio il divario è incolmabile" (Pier Luigi Bersani, Repubblica, 13-2)
GIANFRANCO FINI E MARIO MONTIGIANFRANCO FINI E MARIO MONTI
Almeno una condanna. "Sono condannato a vincere" (Silvio Berlusconi, 8-1)
SuperSud. "Con Grande Sud il Pdl può vincere anche alla Camera" (Gianfranco Micciché, Il Giornale, 8-1)
La puntata. "Ora Berlusconi punta al 35%" (Il Giornale, 7-1)
Gli strateghi. "La mia e di Fini è una precisa strategia elettorale: noi ci occupiamo della buona politica, mentre Monti ha il compito di raccogliere consensi nella società civile" (Pier Ferdinando Casini, 12-2)
Vendola e ZingarettiVENDOLA E ZINGARETTI
All red. "Oggi il mondo torna a essere rosso. Intanto c'è Obama, poi c'è il Brasile, che è governato dalla sinistra. Nella vecchia Europa i conservatori sono ancora forti, ma noi cercheremo di renderli meno forti" (Massimo D'Alema, 9-2)
Senza paura. "Non ho paura dello sbarramento, siamo al 5%" (Antonio Ingroia, Repubblica, 4-1)
Prima UnitàPRIMA UNITÀ
Er Mejo. "Da Zingaretti mi separano 10 punti, li recupero e sostengo Alemanno in Comune" (Francesco Storace, Libero, 2-1)
Beppetrema. "Silvio anti-Casta ruba voti a Grillo" (Libero, 5-1)
Beppe crolla. "Torna il ‘voto utile', Grillo in picchiata: dopo aver sfiorato il 20 per cento, ora nei sondaggi oscilla tra l'11 e il 14" (Repubblica, 5-1)
Che Svendola. "Vinceremo anche al Senato e non ci sarà bisogno di Monti" (Nichi Vendola Repubblica, 3-1)
SuperMario/1. "L'effetto Monti può valere fino al 20%"(La Stampa, 30-12)
Famiglia numerosa. "Parte la sfida della destra Pdl: Fratelli d'Italia punta al 7%" (Il Giornale, 22-12)
RICCARDI CASINIRICCARDI CASINI
SuperMario/2. "Monti spinge sulla lista unica: in un sondaggio consensi al 20%" (Repubblica, 27-12)
Ragassi tutto ok. "Calmi, non è il 2006: andrà bene. Per come è messa, l'Italia non può sbagliare" (Pier Luigi Bersani, Repubblica, 24-2)
Siamo solo noi. "Solo il Pd può governare e cambiare. Il nostro successo potrà rendere più forte la battaglia in Europa per la crescite e l'equità" (Pierluigi Bersani, L'Unità, 24-2)
MARIO MONTI E LUCA DI MONTEZEMOLO jpegMARIO MONTI E LUCA DI MONTEZEMOLO JPEG
Il fulcro. "Il centrosinistra può diventare il fulcro del nuovo sistema politico" (Francesco Benigno, L'Unità, 24-2)
Si cambia. "Cambia l'Italia" (L'Unità, prima pagina, 24-2)
Il bacio della morte/1. "Noi comunque riteniamo che il Centrosinistra vincerà alla Camera... Per il Senato il discorso è diverso: lì non c'è solo Monti, c'è anche Casini... Probabilmente, se il Pd vincerà alla Camera ma il Senato fosse senza maggioranza, Casini l'alleanza con Bersani la farebbe e la governabilità sarebbe assicurata, gli impegni con l'Europa mantenuti, la politica economica europea e italiana orientate verso la crescita. Ecco perchè il centrosinistra deve vincere" (Eugenio Scalfari, Repubblica, 3-2).
BERSANI PRODI A MILANOBERSANI PRODI A MILANO
Il bacio della morte/2. "Noi crediamo e speriamo che la grande maggioranza degli italiani comprenda la sostanza di quanto sta avvenendo e confidiamo che da queste elezioni esca un Parlamento responsabile e un governo stabile se, come sembra, sarà il centrosinistra a vincere alla Camera e a stipulare un accordo con Monti che metta in sicurezza anche il Senato" (Eugenio Scalfari, Repubblica, 24-2)
Il ragazzo dello Zoo piddino. "Dopo il tacchino sul tetto, la mucca in corridoio e il giaguaro da smacchiare, in cinque anni completo lo zoo" (Pier Luigi Bersani, 18-2)
Peter Louis Jaguar. "Ancora pochi giorni e smacchieremo il giaguaro" (Pier Luigi Bersani, 16-2)

LA CATENA “STARBUCKS” E IL “NEW YORK TIMES” HANNO SIGLATO UN ACCORDO CHE APRE NUOVI SCENARI PER L’EDITORIA: PER I CLIENTI DELLA CATENA DI RISTORAZIONE SARÀ POSSIBILE, AL COSTO DI UN CAFFE', LEGGERE ONLINE 15 ARTICOLI DEL QUOTIDIANO - OGGI, AI NON ABBONATI, È PERMESSO CONSULTARE FREE SOLO 10 ARTICOLI AL MESE…


(ANSA) - Quindici articoli del New York Times al giorno in cambio di un caffè: il più influente quotidiano americano e il colosso di Seattle hanno concluso un'intesa che apre una breccia nel paywall per i frequentatori dei locali della catena. Abitualmente l'accesso al New York Times per i non abbonati é di dieci articoli al mese oltre il quale bisogna cominciare a pagare.
New York Times e StarbucksNEW YORK TIMES E STARBUCKS
StarbucksNon è più così per i clienti di Starbucks che ogni giorno potranno attingere a tre articoli per ciascuna delle sezioni News, Business, Technologia e Più Spediti per email. Il Times offre anche tre articoli da una lista di sezioni a rotazione come Sport, Cibo, Stile. L'offerta coincide con uno sforzo da parte del quotidiano di chiudere le scappatoie che permettono di aggirare il 'muro' dei dieci articoli per l'accesso gratis al giornale online.


NONOSTANTE LE MACUMBE DI SCHAEUBLE, LA BORSA DI MILANO RIMBALZA (+1,8%) E LO SPREAD CALA (336) - SALGONO PERÒ I RENDIMENTI DI BTP A 5 (4,8%) E 10 ANNI (3,6%) - IL “PIZZINO” PRO-GOVERNISSIMO ARRIVA ANCHE DA DRAGHI: “C’È UN LIMITE A QUELLO CHE PUÒ FARE LA BCE. OGNI PAESE SI DEVE ASSUMERE LE PROPRIE RESPONSABILITÀ” - PARTY E SCANDALI, ANCHE LA GERMANIA HA I SUOI MADOFF - L’UE BLOCCA L’ACQUISIZIONE DI AER LINGUS DA PARTE DI RYANAIR…



1 - BORSA: TENTA RIMBALZO CON ASTA BTP, MILANO CHIUDE A +1,77%
Radiocor - Borse europee in recupero all'indomani dello scivolone innescato dai risultati delle elezioni italiane. Gli investitori hanno tirato un sospiro di sollievo anche dopo avere appreso l'esito dell'asta italiana dei titoli di stato, risultato migliore delle attese: il tesoro ha infatti collocato l'importo massimo di 6,5 miliardi di Btp a 5 e dieci anni, anche se con rendimenti in rialzo.
GABRIELE BASILICO FOTOGRAFA CATTELAN IN PIAZZA AFFARIGABRIELE BASILICO FOTOGRAFA CATTELAN IN PIAZZA AFFARI
Nel pomeriggio, poi, il rialzo di Wall Street ha incoraggiato la caccia ai buoni acquisti. Milano ha terminato la seduta in progresso dell'1,77%, mentre lo spread e' rimasto in area a 336 punti. Hanno rialzato la testa le azioni delle banche, fatta eccezione di Mediobanca (-1,98%), all'indomani dei conti del primo semestre annunciati la vigilia. Sono andate giu' anche le Mps (-1,8%), mentre il mercato si interroga se l'esito elettorale avra' impatti sull'istituto senese che ancora deve ricevere i cosi' detti Monti bond. Sono invece state gettonate le St (+4,1%) e le Autogrill (+2,3%) .
Fuori dal paniere principale, sono ben impostate le Rcs (+5,1%), in attesa di novita' sulla ristrutturazione dell'azienda editoriale. Per contro sono crollate le Meridiana Fly (-19%), dopo la pubblicazione dei conti 2012 chiusi con una perdita di 190 milioni. Sul fronte dei cambi l'euro si e' portato a 1,3103 dollari (1,305 ieri) e a 120,04 yen, mentre il dollaro-yen e' pari a 91,6. Il petrolio e' scambiato a 92,79 dollari al barile, in progresso dello 0,17%.
SPREADSPREAD
2 - SPREAD BTP-BUND CHIUDE A 336 PUNTI 
(ANSA) - Lo spread Btp-Bund chiude a 336 punti base, dai 344 punti di ieri, con il rendimento del titolo decennale al 4,81%.
3 - BTP: TASSO DECENNALI SALE AL 4,83%, IL 5 ANNI BALZA AL 3,59%
Radiocor - Salgono i rendimenti dei BTp a 5 e 10 anni offerti oggi in asta dal Tesoro che ha collocato l'intero importo massimo in emissioni pari a 6,5 miliardi, superando la prova del mercato sul medio-lungo termine dopo il risultato elettorale. Il nuovo benchmark decennale, offerto per un importo compreso tra 3 e 4 miliardi, e' stato collocato con un rendimento lordo del 4,83%, in aumento di 0,66 punti rispetto all'asta precedente.
Balza anche il tasso del BTp a 5 anni: la nona tranche del titolo scadenza 01/11/2017 offerto per un ammontare compreso tra 1,75 e 2,5 miliardi e' stata collocata con un tasso lordo del 3,59%; in aumento di 0,65 punti rispetto alla'asta del mese scorso. I rendimenti tornano cosi' ai massimi dallo scorso ottobre. Buono il rapporto tra domanda e offerta che si e' attestato, rispettivamente, a 1,65 per il decennale e a 1,32 per il BTp a 5 anni.
MARIO DRAGHIMARIO DRAGHI
4 - CRISI: DRAGHI, C'E' UN LIMITE A QUELLO CHE POSSIAMO FARE
Radiocor - Il mandato della Bce 'arriva solo fino a un certo punto. Ci sono chiari limiti a quanto la politica monetaria puo' e deve fare'. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, in un intervento all'Accademia Cattolica di Monaco di Baviera. 'Non possiamo mettere a posto conti pubblici instabili. Non possiamo ristrutturare banche in difficolta'. Non possiamo risolvere i profondi problemi strutturali delel economie europee', ha sottolineato. L'unione monetaria, ha ricordato, 'e' stata deliberatamente disegnata in modo da lasciare la responsabilita' di queste politiche ai Governi eletti in ciascun Paese membro.
La condivisione di una valuta comune e' sostenibile soltanto se ogni Paese si assume le proprie responsabilita''. 'Non interveniamo per aiutare le banche. Non interveniamo per aiutare i Governi - ha aggiunto - Lo facciamo per mantenere il flusso di credito alle famiglie e alle imprese. Lo facciamo per tutelare la stabilita' dei prezzi'. Difenden do le decisioni della Bce per contrastare la crisi dell'Eurozona, Draghi ha detto che 'la Bce ha sempre agito e continuera' ad agire nel rispetto del suo mandato. Abbiamo il comito di tutelare l'integrita' della nostra valuta, nell'interesse di tutti i cittadini dell'Eurozona'. 'La nostra risposta - ha sottolineato Draghi - sia a chi dice che facciamo troppo poco sia a chi dice che facciamo troppo - e' la stessa: garantiremo la stabilita' dei prezzi. Questo e' il nostro mandato'.
Bersani, Berlusconi, Monti, Grillo e lo spreadBERSANI, BERLUSCONI, MONTI, GRILLO E LO SPREAD
5 - CRISI: DRAGHI, DISOCCUPAZIONE E' UNA TRAGEDIA
Radiocor - La disoccupazione 'e' una tragedia'. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, parlando, in un intervento pubblico, delle pesantissime ricadute della crisi nell'Eurozona. L'aggiustamento economico 'sta chiedendo un costo sociale elevato', ha detto ancora Draghi, sottolineando come gli economisti spesso parlino degli inevitabili costi dell'aggiustamento, e queste 'possono sembrare a molti parole fredde, senza cuore o compassione'.
'Ma noi - dice Draghi - siamo ben consapevoli della dimensione umana che nascondono'. Il pil dell'Eurozona 'e' al momento a un livello inferiore rispetto al 2008. Quasi 19 milioni di persone sono senza lavoro, piu' della popolazione della sola Olanda'. La disoccupazione 'e' una tragedia' e, per questo, ridurla 'e' una priorita' urgente'.
Jonas KoellerJONAS KOELLER
6 - PARTY E FESTE, UNO SCANDALO «MADOFF» ALLA TEDESCA
MDF per il "Corriere della Sera" - Gli investitori dei prodotti di assicurazioni e fondi immobiliari della S&K Holding tremano per il loro danaro, mentre le 1.200 perquisizioni della finanza seguite da alcuni arresti non sembrano presagire nulla di buono, in quello che sembra svilupparsi un affare «Madoff alla tedesca», con un sistema di scatole cinesi sulla falsariga di quella avvenuta negli Usa per la truffa del secolo. Anche se le cifre della truffa non superano per ora i 100 milioni di euro (e non si parla ancora di miliardi come negli Usa), il nuovo caso stupisce per lo stile di vita dei due fondatori della società S&K, Stephan Schäfer e Jonas Köller, arrestati dalla polizia nella nobile villa della Kennedyallee, a sud di Francoforte.
Stephan SchaeferSTEPHAN SCHAEFER
Travolti da un turbinio di party rimasti leggendari, con modelle, auto di lusso e personalità importanti, che ha insospettito alcuni investitori. Che cosa stanno facendo con il mio danaro? si sono chiesti alcuni investitori. Sono così scattati i primi controlli, che nel giro di poco tempo hanno portato all'arresto dei due soci, e alla scoperta del sistema di scatole cinesi. Iniziato con la vendita di assicurazioni e proseguito poi con lo sviluppo di una miriade di fondi immobiliari e prodotti finanziari nei quali affluiva il danaro di migliaia di piccoli risparmiatori, investito in immobili oggetto di aste giudiziarie che finanziavano a loro volta altri immobili, in una catena interconnessa e del tutto opaca.
Michael OLearyMICHAEL OLEARY
7 - RYANAIR: UE PROIBISCE ACQUISIZIONE DI AER LINGUS
Radiocor - La Commissione europea ha proibito l'acquisizione di Aer Lingus da parte di Ryanair perche' 'avrebbe fuso le due maggiori compagnie che operano dall 'Irlanda'. Cio' avrebbe creato 'un monopolio o una posizione dominante su 46 rotte sulle quali attualmente Aer Lingus e Ryanair si fanno una formidabile concorrenza'.