yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: gennaio 2014

video

Loading...

venerdì 31 gennaio 2014

HOBI ILI KRIMINAL - Bošnjak: "Lovci" uzimaju državne pare


Poslanica DF-a, povodom masakra srna na Goliji, ukazuje da u okviru lovačkih organizacija postoji šema za bogaćenje privilegovanih grupa
Pokolj srna na Goliji, osim bespoštednog uništavanja plemenite i zaštićene divljači, pokrenuo je pitanje gdje završava novac koji treba da prihoduje država od lovstva. Poslanica Branka Bošnjak (DF) ukazala je da druge države zarađuju ogroman novac od lova i lovnog turizma i saopštila “Vijestima” da je to kod nas dato privilegovanima.
“Oni će sve uništiti jer ih ne zanima zaštita divljači već isključivo lični profit. Obesmislili su i lovni turizam koji se kod nas odvija po sistemu ugradnje. Prijavite dva lovca iz Italije, a u stvari ih ima mnogo više, kažete da su ostali dva dana, a ostali su mnogo više, naplatite im prevodioca, vodiča i lovočuvara, oslobodite ih takse za unos oružja na granici, država ispašta, a oni koji gazduju ugrade se dobro. Inspekcija ili uplašena, pa se ne miješa u svoj posao, ili korumpirana, i tako sve propada a kriminal cvjeta. Ministarstvo poljoprivrede mnogo ne haje iako je stanje u ovoj oblasti alarmantno”, kazala je Bošnjak
Ona kaže da je NVO Lovačka organizacija “Dr Zoran Kesler” iz Nikšića, koja gazduje i Golijom, u privilegovanom položaju.
“Ministarstvo poljoprivrede i Lovački savez učinili sve kako im se niko ne bi miješao u 'biznis' pa su doprinijeli da se ukine istoimeno javno preduzeće za uzgoj i zašititu i lov divljači “dr Zoran Kesler” koje je formirala SO Nikšić. Forsirati jednu NVO, a uništiti javno preduzeće čiji je osnivač opština ukazuje da tu nisu čista posla. Vrlo je simptomatično i to što su manje više svi predsjednici lovačkih društava koji gazduju lovištima bivši ili sadašni policajci i udbovci. Čak su i neki osvjedočeni kriminalci postavljani za lovočuvare. Očigledno sve ovo nekome, ko se smatra nedodirljivim, odgovara”, kaže Bošnjak.(Foto: Boris Pejović)
Nakon masakra na Goliji, ona tvrdi da bi, da nije riječ o pokolju plemenitih životinja, bilo komično slušati predsjednika Lovačkog saveza Nikolu Markovića, koji neubjedljivo pokušava da se opravda i izuzme od odgovornosti.
“Krive mu NVO koje se bave zaštitom životne sredine, hoće kaže da se dodvore donatorima pa 'kleveću', pa onda sve je to uvezeno i podmetnuto, odakle bi, no iz Srbije. Šojić bi mu pozavidio na inspiraciji. Uporno ponavlja kako su članovi neke evropske asocijacije, a ne kaže da je evropski standard da na 10.000 hektara dolazi jedan lovočuvar, a da cijelu teritoriju nikšićkog lovišta površine skoro 150.000 hektara 'čuvaju' tri lovočuvara. Ne bi bilo loše pitati Markovića zašto mu je baš toliko stalo do te, sad malo uzdrmane fotelje, pa je kad mu je isticao drugi mandat promijenio statut kako bi mogao doživotno biti predsjednik Lovačkog saveza. Taj poznati kolekcionar lovačkih trofeja ne kaže kako to da mu je plata veća nego plata resornog ministra. Treba ga pitati i za sve nadoknade koje prima za polaganje lovačkog ispita i dobijanja raznih dozvola za lov, za članstvo u Streljačkom savezu Crne Gore i kako sve troje djece školuje u inostranstvu”, kazala je Bošnjaka.
Marković: To što tvrdi dokazivaće na sudu
Predsjednik Lovačkog saveza Nikola Marković kazao je da će tužiti poslanicu Bošnjak zbog neistina izrečenih na njegov račun.
“Nemam platu u Lovačkom savezu, to je volonterska funkcija. Nije tačno ni da mi se drma fotelja jer za mene glasa i pozicija i opozicija i sve nacije u lovačkoj organizaciji”, kazao je Marković “Vijestima”.(Foto: Arhiva
On kaže da to što je Lovački savez prijavio tužiocu i policiji ubijanje srna na Goliji govori koliko su neutemeljene optužbe na račun te organizacije. “Pravo je čudo što se taj neki novinar, koji je istraživao slučaj, ne sjeća ko ga je zvao ili kojim kolima je došao do mjesta navodnoga lova. Takva im je svaka istina, kao što je to rekla ona za mene”, kazao je Marković.
On je negirao informaciju da mu se djeca školuju u inostranstvu.
“Jedan sin mi radi u CKB, ćerka je državljanin SAD i ne školujem je ja nego je kao jedan od vrhunskih učenika otišla tokom srednje škole. Drugi sin tu završava fakultet. Nju je neko loše pripremio ili ružno naučio pa će sve tvrdnje dokazati pred sudom”.
Marković je kazao da je “neistina i notorna laž” da u lovačkoj organizaciji većinu čine ljudi iz policije i državne bezbjednosti:
“Imate jednoga jedinoga predstavnika policije”.
Na pitanje misli li na Zorana Lazovića, Marković je odgovorio: “Ne mislim ja ni na koga, sve imate na sajtu”.
Skorojevići papreno plaćaju meso bez holesterola
O tome kakvo je stanje u lovstvu, Bošnjak tvrdi da govori činjenica da su mnoge zaštićene divljači na ivici istrebljenja, poput velikog tetrijeba, dok divokoze, kao auhtotone vrste sa ovog područja, više i nema.
“Srne se nemilosrdno ubijaju u Petrovom dolu, na šta su uzalud ukazivali mještani tog kraja, a zna se čak i taktika kako na desetine njih ubiti odjednom onda kada onako naivne iz Pive i Latična dođu u ovaj kraj. Ovi koji protutnje džipovima pored lovočuvara 'udome' ih našoj kvazi eliti koja vodi računa da se zdravo hrani, pa je spremna da ovo meso bez holesterola, plati pepreno i to vjerovatno o trošku države”, kaže Bošnjak.
Ko je bio u tri džipa koja nijesu stala lovočuvaru?
Bošnjak smatra da je lako otkriti ko je napravio pokolj srna u Goliji, ali da se to ne čini jer neko želi da zaštiti kriminalce koji tamane divljač. Ona ističe da je DNK sa njihove kože samo trebalo uporediti sa DNK lovaca koji su taj dan bili u lovištu.
“Lovočuvar je ubrzo promijenio iskaz pa su oni izuzeti od istrage. Očigledno je da je pod pritiskom došlo do promjene iskaza, a naša država je poznata po tome da štiti kriminalce koji su jedina zaštićena vrsta kod nas. Ostalo je nezapaženo da je lovočuvar sa područja Golije nakon događaja dao izjavu da je toga dana u lovištu bilo registovao 35 lovaca, da ima njihova imena, da su u povratku iz lova tri džipa protutnjali pored njega i nijesu htjeli da stanu da se napravi pretres auta“, kazala je Bošnjak. (Miodrag Babovic per "Vijesti")

DESET GODINA - Ubistvo Jovanovića: Ostavka nadležnih ako do 27. maja ne bude rezultata



Istrage su loše vođene i bez rezultata su uglavnom, policija i tužilaštvo prebacuju odgovornost jedni na druge
Predsjednik Komisije za praćenje istraga neriješenih napada na novinare i zamjenik glavnog urednika lista “Dan” Nikola Marković očekuje ostavku nadležnih u državnom vrhu ukoliko do 27.maja ne bude rezultata ponovne istrage ubistva Duška Jovanovića.
“Deset godina je razuman rok da se otkriju nalogodavci ubistva. Ako ne bude rezultata neko od odgovornih utreba na dan ubistva da podnese ostavku. To je najmanje što treba da urade,ali uvjeren sam da tako neće biti”, rekao je Marković na pres konferenciji Akcije za ljudska prava (HRA) na kojoj je predstavljen novi izvještaj o procesuiranju napada na novinare u Crnoj Gori.
Dokument koji je izradila HRA obuhvata period od ubistva Jovanovića do kraja januara ove godine, kada je objavljena odluka o formiranju Komisije. Njime je obuhvaćeno 30 slučajeva, od ubistva do prijetnji, kamenovanja prostorija, prebijanja.
Direktorica HRA Tea Gorjanc-Prelević rekla je da je analizom slučajeva utvrđeno da postoje "određeni obrasci".(Foto: Savo Prelević)
"Žrtve su mediji ili pojedinci spremni da kritikuju vlast ili organizovani kriminal, najviše napada je usmjereno protiv nezavisnog dnevnika "Vijesti", istrage su loše vođene i bez rezultata su uglavnom, policija i tužilaštvo prebacuju odgovornost jedni na druge dok ne zastari krivično gonjenje", kazala je Gorjanc-Prelević.
Ona je rekla da postoje ozbiljne sumnje da su u predmetima procesuirani pravi izvršioci napada, kao i da nalogodavci napada nisu otkriveni.
“Kod optuženja se teži lakšim kvalifikacijama, sudovi teže ublažavanju kazni a česta je tendencija da se po svaku cijenu okrive i novinari,” dodala je.
Atmosfera nekažnjivosti posebno ugrožava novinare, podsjetila je direktorica HRA, navodeći da je ugroženo i cijelo društvo “kome su novinari neophodni da podupri demokratske tokove, unapređuju rad institucija i podstiču vladavinu prava”.
Detaljna analiza biće korisna za Komisiju za praćenje istraga nerješenih napada, rekla je ona, izražavajući nadu da će to tijelo ili pojedinačno njeni članovi “uliti povjerenje građana da im dostavljaju informacije koje mogu da pomognu istrage”.
U izvještaju se navodi da je formiranje Komisije motivisalo vrhovnog tužioca Veselina Vučkovića koji je zatražio da mu se dostavi kompletan predmet istrage ubistva Duška Jovanovića, kao i da će od MUP-a tražiti analize koje bi pokazale zbog čijih propusta su nerješeni brojni napadi na novinare. Takođe je najavio da će saslušati i sve najviše funkcionere službi bezbjednosti u vrijeme Jovanovićevog ubistva, podsjeća se u izvještaju.
Nikola Marković je rekao da će se u narednom peridu vidjeti da li postoji politička i društvena volja da se zaista postigne napredak.
“Mi ćemo obratiti pažnju da neki postupci ne zastare, ali ne politička i moralna odgovornost pojedinaca", dodao je on.
Pored napada na medije izvještaj se bavi i istragama ubistva Srđana Vojičića i napada na književnika Jevrema Brkovića, te prijetnji koje su dobijali NVO aktivisti Aleksandar Zeković i Zdravko Cimbaljević jer su oni ugroženi zbog slobode izražavanja.
Lakić traži preispitivanje bezbjednosti, ministar ćuti
U izvještaju se podsjeća da je Marković podnio krivičnu prijavu protiv ministra pravde zbog sumnje da je izvršio krivično djelo pomoć učiniocu poslije izvršenog krivičnog djela u slučaju Duška Jovanovića.
Navodi se da su rješeni slučajevi napada na ekipu Televizije Vijesti u Nikšiću i prijetnji novinarki Monitora Mileni Perović Korać, što je direktorica HRA okarakterisala tvrdnjom da je sve moguće kad se hoće. Slučajevi Tufika Softića ostali su nerješeni, bombaški napad na Vijesti i prethodni napadi na imovinu lista, te prebijanja novinarke “Dana” Lidije Nikčević.
Nije do kraja riješen ni napad na direktora "Vijesti" Željka Ivanovića jer su napadači osuđeni na osnovu priznanja, iako su svjedoci i Ivanović tvrdili da to nisu oni.
U slučajevima prijetnji i napada na novinarku Vijesti Oliveru Lakić, tri predmeta su pravosnažno sudski okončana, dok je četrvrti u toku. Svi optuženi u tim predmetima su kažnjeni zatvorskom kaznom. Lakićeva koja ima policijsku pratnju od marta 2012.godine u međuvremenu je više puta tražila da se njena bezbjednosna procjena preispita i ukine uz obrazloženja da je policijska zašita imala smisla dok su prijetnje trajale i do hapšenja napadača na nju. Do objavljivanja izvještaja, kako se navodi, ministar nije odgovorio na njene zahtjeve.
Poziv svima koji imaju informacije
Nikola Marković je pozvao sve koji nešto znaju o ubistvu Duška Jovanovića i ostalim napadima na novinare, da to prijave.
”Ko god smatra da može doprinijeti da se neki od slučajeva rasvetli, neka se obrati Komisiji ili onima iz civilnog sektora u koje ima povjerenje. Novinari i civilni sektor su spremni da nešto urade, neći da kažem da to držan organi nijesu volji, ali je požaravajuće da je motivacioni faktor za Tužilaštvo formiranje Komisije. Nadam se da to neće biti samo formalno ispunjenje obaveza koje imamo u pregovaračkom procesu“, rekao je on. (Mila Radulovic per "Vijesti")

CRITICATA DAGLI ATTIVISTI PRO-PALESTINA PER LO SPOT A UNA BIBITA ISRAELIANA, LA JOHANSSON SCEGLIE I COLONI EBREI E RINUNCIA AL RUOLO DI AMBASCIATRICE DELL’ONG OXFAM


Paladina di un nuovo simbolo di coesistenza fra israeliani e palestinesi o simbolo dell'apartheid in Cisgiordania? L'attrice Scarlett Johannsson precipita nel vortice del conflitto mediorientale per la scelta di essere la testimonial di «SodaStream», la bevanda gassata fai-da-te «made in Israel» realizzata anche in una fabbrica di Maalei Adumim, un insediamento ebraico a Est di Gerusalemme oltre la linea verde del 1967 e dunque nella Cisgiordania rivendicata dai palestinesi.
SCARLETT JOHANSSON NELLA PUBBLICITA SODASTREAMSCARLETT JOHANSSON NELLA PUBBLICITA SODASTREAM
Per i portavoce della campagna araba Bds - Boicotta, disinvesti e sanziona contro i prodotti che vengono dai Territori occupati - l'attrice di Hollywood che Woody Allen ha voluto per «Match Point», «Scoop» e «Barcelona», è diventata il «volto dell'apartheid contemporaneo» e la tv al-Jazeera da giorni mette in risalto le proteste contro di lei nel mondo arabo. In Israele la reazione è opposta: i circa 500 mila abitanti degli insediamenti ebraici in Cisgiordania considerano l'attrice una paladina e il quotidiano liberal «Haaretz» le riconosce il merito di «saper difendere Israele meglio del nostro ministero degli Esteri».
L'aspra battaglia di opinioni è arrivata fin dentro il team dell'attrice perché Oxfam, la campagna internazionale che riunisce 17 organizzazioni anti-povertà in 90 Paesi, le ha chiesto di fare marcia indietro o rinunciare alla carica di «ambasciatrice globale» da lei ricoperta.
SCARLETT JOHANSSON NELLA PUBBLICITA SODASTREAMSCARLETT JOHANSSON NELLA PUBBLICITA SODASTREAM
«La scelta di promuovere SodaStream è incompatibile con il suo ruolo per Oxfam - recita il comunicato di condanna - perché riteniamo che operando negli insediamenti questa azienda contribuisca ad accrescere povertà e negazione dei diritti umani nella comunità palestinesi che sosteniamo».
Da qui la richiesta a Johannson, che nel 2012 fu la Vedova Nera in «The Avengers», di troncare ogni accordo con l'azienda israeliana, a cominciare dallo spot che verrà trasmesso durante la finale del SuperBowl ovvero l'evento sportivo più seguito in tv dal pubblico negli Stati Uniti.
SCARLETT JOHANSSON NELLA PUBBLICITA SODASTREAMSCARLETT JOHANSSON NELLA PUBBLICITA SODASTREAM
La risposta dell'attrice è arrivata con poche righe del proprio ufficio stampa: «Johannson è molto fiera del lavoro fatto per Oxfam ma sono in disaccordo riguardo la campagna Bds» e il motivo è che «SodaStream è un'azienda non solo impegnata nella tutela dell'ambiente ma anche nella costruzione di un ponte di pace fra Israele e Palestina, sostenendo il lavoro fianco a fianco, paghe uguali per tutti, pari benefici e pari diritti».
FOTOMONTAGGI SU SCARLETT JOHANSSON TESTIMONIAL SODASTREAMFOTOMONTAGGI SU SCARLETT JOHANSSON TESTIMONIAL SODASTREAM
Ovvero, l'attrice del Bronx che diede il volto ad uno dei primi video «Yes we Can» della campagna di Barack Obama nel 2008 e che ha poi sostenuto le nozze gay in America, anziché indietreggiare rilancia: identificando in «SodaStream» un modello positivo per la Cisgiordania perché basato sull'integrazione fra palestinesi ed israeliani. È la tesi del ceo di «SodaStream», Daniel Bimbaum, che definisce l'impianto di Maalei Adumim «un modello di pace».
Scarlett Johansson moviesSCARLETT JOHANSSON MOVIES
A pensarla differentemente sono però alcuni dei suoi dipendenti arabi che, protetti dall'anonimato, descrivono a Reuters una realtà diversa: «In fabbrica c'è molto razzismo, gran parte dei manager sono israeliani e i dipendenti palestinesi non hanno coraggio di chiedere aumenti nel timore di essere licenziati e rimpiazzati».(Maurizio Molinari per ‘La Stampa')


I MIGLIORI NUOVI EDIFICI DEL 2014, OSPEDALI COMPRESI, STANNO IN PORTOGALLO - L’ITALIA VINCE NELLA CATEGORIA INDUSTRIALE CON LA CANTINA VINICOLA ANTINORI


Scuola a LisbonaSCUOLA A LISBONA
Alcune opere tolgono il fiato. Il sito ArchDaily ha stabilito quali sono i migliori edifici al mondo nel 2014 per bellezza, creatività e utilità. Ha fatto scegliere i lettori fra 3.500 progetti. Ecco i vincitori delle rispettive categorie:
MIGLIORE ARCHITETTURA INDUSTRIALE: la cantina vinicola Antinori di Firenze, creata da Archea
MIGLIORE ARCHITETTURA COMMERCIALE: il McDonald's di Batumi, in Georgia.
MIGLIORE STRUTTURA CULTURALE: il Danish National Maritime di Helsingor, Danimarca.
MIGLIORE STRUTTURA NEL SETTORE EDUCAZIONE: il liceo Braamcamp Freire di Lisbona, Portogallo.
La migliore casa a Ho Chi MinhLA MIGLIORE CASA A HO CHI MINH
MIGLIOR STRUTTURA RICETTIVA: l'hotel Tree Snake Houses, nel parco nazionale del Portogallo
MIGLIORE CASA: Binh Thanh House, a Ho Chi Minh City, in Vietnam.
MIGLIOR ALLOGGIO: Tete in L'air, appartamento in legno a Parigi, Francia
MIGLIOR ARCHITETTURA D'INTERNI: gli uffici di Walmart.com a São Paulo, Brasile.
Hotel a forma di serprente in PortogalloHOTEL A FORMA DI SERPRENTE IN PORTOGALLO
MIGLIORE ARCHITETTURA D'UFFICIO: si trova al 48 North Canal Road, Singapore.
MIGLIORE ARCHITETTURA PUBBLICA: Newbern Town Hall, a Newbern, in Alabama
MIGLIOR RESTAURO: Three Cusps Chalet, un palazzo rinnovato a Sé, in Portogallo.
MIGLIORE ARCHITETTURA RELIGIOSA: la Cappella di San Giovanni Battista alle Isole Canarie
LA MIGLIORE ARCHITETTURA SPORTIVA: Archery Hall & Boxing Club di Tokyo, in Giappone
LA MIGLIORE ARCHITETTURA SANITARIA : l'ospedale-residence Alcácer do Sal, in Portogallo.
(da www.businessinsider.com)

PERCHÉ SOLO UN FINANZIERE SU SEI SI OCCUPA DI CONTROLLI FISCALI? VISTO CHE LE FIAMME GIALLE CINCISCHIANO, TOCCA ASSUMERE 1100 PERSONE ALL’AGENZIA DELLE ENTRATE!


Il numero, come minimo sorprendente, è contenuto all'interno del decreto legge sul rientro dei capitali dall'estero, pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale. All'interno, tra le altre cose, il ministro dell'economia, Fabrizio Saccomanni, ha deciso di potenziare la lotta all'evasione fiscale. Obiettivo sacrosanto, in un paese dove i furbetti del Fisco mettono a segno ogni anno un'evasione da 180 miliardi di euro.
logo agenzia delle entrateLOGO AGENZIA DELLE ENTRATE
Per "aggredire" questa montagna, allora, il decreto si inventa l'assunzione di 1.100 nuovi funzionari per l'Agenzia delle entrate. La cifra agghiacciante, però, è contenuta nella relazione tecnica. Qui si spiega che l'operazione è necessaria perché in Italia c'è un rapporto di 960 contribuenti per addetto alla lotta contro l'evasione, a fronte dei 599 in Francia e dei 478 del Regno Unito. Insomma, nel Belpaese questo rapporto va abbassato. Ma come si è giunti al suo calcolo?
AGENZIA DELLE ENTRATEAGENZIA DELLE ENTRATE
Qui viene il bello, perché la relazione tecnica dice di aver preso in considerazione il numero di addetti ai controlli fiscali che dipendono dall'Agenzia delle entrate, guidata da Attilio Befera, e la quota parte del personale addetto agli stessi fini dipendente dalla Guardia di Finanza. Quota, quest'ultima, che la relazione stima in 10 mila unità. E qui qualcuno potrebbe a buon diritto sgranare gli occhi.
evasione-fiscaleEVASIONE-FISCALE
Già, perché si dà il caso che i dipendenti della Guardia di Finanza siano in tutto 60 mila. Da qui la domanda: come è possibile che solo un finanziare su 6 sia utilizzato per l'attività di controllo fiscale in un paese che ha un'evasione mostruosa?
Domanda tanto più urgente se si considerano le spese che lo Stato si appresta a sostenere per l'assunzione di questi 1.100 nuovi funzionari. E' lo stesso decreto, infatti, a spiegare che per coprire queste assunzioni (peraltro a tempo indeterminato) si potranno spendere 4,5 milioni di euro nel 2014, che diventeranno 24 milioni nel 2015, 41,5 milioni nel 2016 e 55 milioni a decorrere dal 2017.
EVASIONE FISCALEEVASIONE FISCALE
Insomma, oneri economici non indifferenti, soprattutto se si considera il periodo delle vacche magre per le casse statali e il trattamento più stringente a cui sono sottoposte altre amministrazioni.
GUARDIA DI FINANZAGUARDIA DI FINANZA
Per carità, rimane non del tutto chiaro il calcolo attraverso il quale la relazione tecnica del decreto ha stimato in 10 mila le unità di personale che le Fiamme Gialle, oggi guidate da Saverio Capolupo, destinano alla lotta all'evasione. Ma si tratta di un numero messo lì, nero su bianco, all'interno di un provvedimento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Chissà cosa ne pensa il commissario alla spending review, Carlo Cottarelli. (Stefano Sansonetti per La Notizia (www.lanotiziagiornale.it)

AGGUATI, PESTAGGI, PERSINO UN MORTO: NELLA RUSSIA CHE SI PREPARA AI GIOCHI DI SOCHI CI SONO 445 GRUPPI ANTI-OMOSESSUALI: ‘VOGLIAMO FAR CAPIRE ALLA GENTE COSA È GIUSTO E COME CI SI COMPORTA’


Andrey Ivanov ha 22 anni. A Kurgan, la città russa in cui è nato e cresciuto quasi al confine con il Kazakistan, tutti i suoi coetanei lo conoscono e gli tributano rispetto. Studia ingegneria e intanto fa il picchiatore nel tempo libero. Non gli piace parlare di sé: fa poche domande e risponde quasi sempre telegraficamente. Parla poco al telefono, le persone gli piace guardarle in faccia.
INCONTRO TRA PUTIN E OBAMA DURANTE IL GINCONTRO TRA PUTIN E OBAMA DURANTE IL G
Riconoscerlo per strada è facile: il suo abbigliamento ricorda quello dei personaggi del celebre film "Fight Club", di cui conosce a memoria gran parte delle battute e il cui messaggio è: sii cattivo se vuoi vincere sui ring underground. Andrey ha una feroce avversione verso i gay: «Li annienterei tutti. Quegli inetti e dementi senza coraggio non sono uomini. Quando coi miei amici li vediamo volano ceffoni, li prendiamo a calci e gli sputiamo addosso. Di tanto in tanto gli uriniamo anche in testa, per depurarli dalla loro malattia».
Andrey sostiene di difendere «i valori tradizionali della madre patria russa». Per lui gli omosessuali sono persone «antropologicamente deviate» che pretendono di avere gli stessi diritti degli altri. In perfetta sintonia con la Duma che l'estate scorsa ha varato una legge per la quale è persino vietato affrontare in pubblico il tema-gay. Il presidente russo Vladimir Putin, anche a ridosso delle Olimpiadi invernali che cominceranno a Sochi il 7 febbraio, continua nella sua strategia mediatica antigay.
putin obamaPUTIN OBAMA
Anche se questo rovinerà l'immagine dei "suoi" Giochi (su cui incombe anche il timore di attentati del fondamentalismo islamico). Le prese di posizione di Putin hanno già provocato la reazione di Barack Obama che si farà rappresentare dall'ex tennista Billie Jean King, lesbica. Non ci saranno nemmeno Angela Merkel e François Hollande e diversi altri capi di Stato e di governo.
Amnesty international ha lanciato un appello contro le discriminazioni, diverse organizzazioni internazionali hanno proposto il boicottaggio della manifestazione. Ma tanta esecrazione internazionale non sta raggiungendo lo scopo. All'opposto sta ancora di più radicalizzando i gruppi di estremisti che stanno combattendo la loro crociata contro gli omosessuali.
Recentemente Andrey, ad esempio, ha impiegato buona parte del suo tempo alla ricerca di qualcuno che dagli Stati Uniti gli spedisse una mini-pistola ricaricabile in grado di rilasciare scariche di tensione elettrica a 19 milioni di volt per scioccare o paralizzare parzialmente le sue vittime: «Non ho paura di fargli male, se lo meritano. L'importante è spaventarli, tenerli alla larga, umiliarli».
ANGELA MERKEL E FRANCOIS HOLLANDEANGELA MERKEL E FRANCOIS HOLLANDE
In Russia esistono 445 gruppi registrati on line per combattere attivamente la comunità LGBT (lesbiche, gay, bisessuali, transgender). Sono le gang anti-gay del terrore. Si spartiscono il territorio in diverse città, collaborano tra loro e sono composte in media da ragazzi tra i 14 e i 30 anni. Dicono di essere contro le droghe e l'alcol mentre adorano il body-building. Si dividono in due strutture principali: Occupy Pedofilyaj e Occupy Gerontilyaj.
torture gay russia xTORTURE GAY RUSSIA X
La prima si occupa di scovare sulla rete i pedofili (spesso ambiguamente equiparati ai gay, cosa che ha fatto di recente lo stesso Putin); mentre la seconda dà la caccia ai teenager che cercano prestazioni sessuali con i più anziani in cambio di denaro. Complessivamente i membri che in Russia hanno deciso di aderire sia pure solo virtualmente a questi movimenti violenti contro i gay sono oltre 200 mila.
Secondo Tanya Cooper di Human Rights Watch Russia, la comunità gay russa è pari a circa il 4 - 7 per cento della popolazione (142 milioni circa). Un recente sondaggio Pew Poll mostra come tre russi su quattro non accettino l'omosessualità. Il 5 per cento crede che i gay vadano «liquidati.». L'85 per cento è contro il matrimonio fra persone dello stesso sesso, mentre il 34 considera l'omosessualità una malattia.
russia gay rights protestRUSSIA GAY RIGHTS PROTEST
Sulla base di queste premesse, non è difficile credere quanto afferma Larry Poltavtsev, fondatore di Spectrum Human Rights Alliance, una Ngo con base a Washington e l'obiettivo di monitorare la condizione dei gay nei vari paesi del Pianeta: «Lo Stato russo sta perpetrando una campagna incentrata sull'odio e la violenza per tenere a bada le minoranze del Paese, gay in primis. Putin mette le minoranze una contro l'altra secondo il principio del "divide et impera".
Fa il gioco delle tre carte tra ebrei, gay e altre minoranze etniche, col solo obiettivo di consolidare il suo consenso. L'importante è fare in modo che la società civile sia sempre più divisa e spaccata (uno fra i più famosi attivisti gay russi si è di recente rivelato un antisemita per eccellenza), in modo tale che le minoranze del Paese non possano trovare punti di accordo per mettere in discussione il regime di Putin. Il tutto grazie anche a una complicità tra Stato e Chiesa Ortodossa, un'unione di forza che in molti considerano intoccabile».
Russian LGBT ProtestRUSSIAN LGBT PROTEST
I gruppi anti-gay sono diffusi nelle città di tutta l'estesa Russia (vedi mappa nella pagina precedente). Organizzano "spedizioni punitive" che vengono regolarmente filmate e poi postate su Internet. Senza che le autorità intervengano per quella connivenza che si è creata tra il potere centrale repressivo e le gang violente: con metodi diversi, tutti uniti per lo stesso scopo.
Capelli liscissimi e lunghi fino a oltre le spalle, Poltavtsev è un uomo sulla quarantina. Gay e per questo americano d'adozione, risiede a Washington e ha un accento russo ancora marcato. Commenta: «Quello che è più grave è che in Russia i gay vengono massacrati e umiliati con la complicità della polizia, che si rifiuta di prendere provvedimenti nonostante le prove siano evidenti. Lo scorso maggio un ragazzo è anche morto a Volgograd dopo le torture subite».
russian boyRUSSIAN BOY
Le gang anti-gay sono attive soprattutto on line e sul social network russo VK.com (l'equivalente del Facebook occidentale), molto popolare tra gli adolescenti perché permette la diffusione di contenuti illegali. In questo modo sono potute nascere pagine apposite per dare la caccia ai gay che principalmente servono a organizzare e ottenere fondi per le attività di pestaggio (il proprietario del social network si è rifiutato dal commentare pubblicamente, interferire o reprimere i video contro i gay presenti sul proprio sito).
I membri di queste comunità virtuali navigano sulla Rete sotto falso profilo a caccia di gay, anche minorenni, e si danno appuntamento fingendosi interessati a conoscerli davvero; oppure battono i quartieri più sensibili delle loro città armati di coltello e taglierini in cerca di vittime da spaventare. In entrambi i casi riprendono i loro incontri con la videocamera: prima li umiliano e li deridono in gruppo, costringendoli a dire il proprio nome e la scuola che frequentano. Poi passano alle mani. Talvolta chiedono anche che venga dato loro il numero di telefono dei genitori o dei datori di lavoro, i quali sono chiamati in diretta per essere informati delle tendenze dei figli o del dipendente di turno.
GayRussiaGAYRUSSIA
Il materiale viene successivamente postato su YouTube, e quindi reso pubblico col preciso obiettivo di annientare la vita dei gay presi di mira, molti dei quali sono obbligati a cambiare residenza o persino vita. «Quando esce un nuovo video on line di qualche pestaggio mi diverto a guardarlo davanti a una tazza di tè», ammette Andrey. Tanta è la volontà di ferire i gay che in una filiale di Occupy Pedofilyaj a San Pietroburgo è prevista una ricompensa di 50 mila rubli (1.130 euro) per chi ne scova uno.
nN
Così le vittime disposte a parlare sono sempre meno. Il pugno duro di Vladimir Putin verso la comunità LGBT dissuade i gay russi dal rivelare la loro identità sessuale. Molti (vedi box a fianco) sono così costretti a fuggire all'estero come rifugiati politici. Ma l'aspetto forse più importante delle gang anti-gay in Russia è la loro complicità con lo Stato. Si definiscono "un braccio armato e culturale" del governo. «Laddove lo Stato non riesce a tenere sotto controllo la popolazione, subentriamo noi per far capire alla gente cosa è giusto e come ci si deve comportare», racconta un membro di Occupy Pedofilyaj.
REU RUSSIAREU RUSSIA
Il loro intento, in sintonia con quello di Putin, è quello di «creare una unione di russi sani e genuini, in grado di ribaltare l'attuale degrado sociale». Parole che mettono i brividi. Concedere alla comunità LGBT i diritti vorrebbe dire, per chi sta al potere, «avvelenare la società russa con i valori dell'Occidente», spiega Robert Orttung, professore alla Georgetown University.
Russia gay activists protestRUSSIA GAY ACTIVISTS PROTEST
Putin sotto questo punto di vista ha trovato terreno fertile nelle gang auto-costituitesi contro i gay russi. Non a caso, il leader dell'attivismo omofobo in Russia, Maxim "Slasher" Martsinkevich (29 anni, una ossessione per la manicure, capelli da moicano, un passato da skinhead e tre anni in prigione, oltre che braccio e mente di Occupy Pedofilyaj e numero uno del movimento sociale ultra-nazionalista Restrukt) è tra i promotori più attivi dei valori tradizionali russi.
Tutto questo è bene sappiano gli atleti e le delegazioni del mondo intero che si sono messe in marcia verso Sochi: in nome di quello sport che dovrebbe essere il primo antidoto contro le discriminazioni e a favore della fratellanza universale.(Giulio Gambino per "l'Espresso")
russia gay rights jpeg xRUSSIA GAY RIGHTS JPEG X


russia gay rightsRUSSIA GAY RIGHTS

SUPER BOWL DI SESSO E COCA! 18 ARRESTI A NEW YORK PER UN GIRO DI ‘’PARTY-PACKS”, CIOÈ PACCHETTI COMBINATI DI PROSTITUTE DI LUSSO E COCAINA - I CLIENTI ERANO RICCHI TIFOSI DI FOOTBALL



PUTTANE F EPUTTANE F E
Le autorità di New York hanno arrestato 18 persone appartenenti a un giro criminale che offriva "party-packs" cioè pacchetti combinati di prostitute di lusso e cocaina. Tali servizi sarebbero aumentati questo weekend, quando molti uomini arriveranno in città per via del Super Bowl.
Dieci giorni prima dell'evento, gli abituali clienti hanno ricevuto un messaggio che diceva: «Nuove ragazze belle e sexy ti stanno aspettando». L'impresa ha fatto anche pubblicità su internet e in tv. Solo nello scorso anno ha incassato 3 milioni di dollari. I soldi poi venivano riciclati in modi diversi, con un servizio limousine, un ingrosso di abbigliamento e di parrucche .
prostitute minorenni parioliPROSTITUTE MINORENNI PARIOLI

L'indagine è iniziata un anno fa. Sono implicati migliaia di clienti, soprattutto benestanti, e centinaia di prostitute, soprattutto donne portate dalla Corea.
«Ogni due mesi importavano nuovi gruppi di ragazze. Aumentavano perché aumentava la domanda per il Super Bowl» dice il procuratore generale Schneiderman. Le autorità hanno identificato le ragazze per «tirarle fuori da questa spirale di povertà e abusi. Le ragazze vengono reclutate nei loro paesi, ricattate e tenute in schiavitù. Sono vittime»
Le intercettazioni dimostrano che esistevano vari nomi in codice per la cocaina: "party", "gioielli" e "Soojaebi," una zuppa vegetale,
L'organizzazione forniva ai clienti grandi quantità di droga per comprometterli. Nella stanza i clienti trovavano più prostitute di quelle richieste e dalle carte di credito venivano prelevati anche 10.0000 dollari a notte. Venivano addebitati anche servizi non forniti.(da www.businessinsider.com)
Prostituta attende i clienti a ShangaiPROSTITUTA ATTENDE I CLIENTI A SHANGAI