yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: JEFFRY GORDON 'EX PORTAVOCE DEL PENTAGONO ED EX UFFICIALE DELLA MARINA STATUNITENSE ATTACCA LA FIGURA DI MILO DJUKANOVIC E LA SU CRICCA E DICE LA SUA SULLA RICHIESTA DI ADESIONE DEL GOVERNO DJUKANOVIC NELLA NATO.... DOMENICA LE VOTAZIONI POLITICHE IN MONTENEGRO, FARANNO CAPIRE SE IL POPOLO MONTENEGRINO FINALMENTE SI POTRA' LIBERARE DI UN VERO TIRANNO PADRE PADRONE CHE PER ANNI HA DOMINATO E SACCHEGGIATO IL SUO TERRITORIO DI CACCIA PRIVATO E FINALMENTE POTRA' IL MONTENEGRO INZIARE UN VERO PROCESSO DEMOCRATICO CHE PORTERA' SOLO ED UNICAMENTE BENEFICI A TUTTO IL POPOLO MONTENEGRINO. SE PER SFORTUNA DOVESSE RIVINCERE MILO DJUKANOVIC, BEH ALLORA IL POPOLO MONTENEGRINO AVRA' PERSO L'ULTIMA POSSIBILITA' PER DIVENTARE UN VERO PAESE DEMOCRATICO........

video

Loading...

giovedì 13 ottobre 2016

JEFFRY GORDON 'EX PORTAVOCE DEL PENTAGONO ED EX UFFICIALE DELLA MARINA STATUNITENSE ATTACCA LA FIGURA DI MILO DJUKANOVIC E LA SU CRICCA E DICE LA SUA SULLA RICHIESTA DI ADESIONE DEL GOVERNO DJUKANOVIC NELLA NATO.... DOMENICA LE VOTAZIONI POLITICHE IN MONTENEGRO, FARANNO CAPIRE SE IL POPOLO MONTENEGRINO FINALMENTE SI POTRA' LIBERARE DI UN VERO TIRANNO PADRE PADRONE CHE PER ANNI HA DOMINATO E SACCHEGGIATO IL SUO TERRITORIO DI CACCIA PRIVATO E FINALMENTE POTRA' IL MONTENEGRO INZIARE UN VERO PROCESSO DEMOCRATICO CHE PORTERA' SOLO ED UNICAMENTE BENEFICI A TUTTO IL POPOLO MONTENEGRINO. SE PER SFORTUNA DOVESSE RIVINCERE MILO DJUKANOVIC, BEH ALLORA IL POPOLO MONTENEGRINO AVRA' PERSO L'ULTIMA POSSIBILITA' PER DIVENTARE UN VERO PAESE DEMOCRATICO........

L'ammissione del Montenegro alla NATO non può essere licenza di rubare le elezioni, perché la
NATO è un'alleanza di democrazie, dice l'ex portavoce del Pentagono ed ex ufficiale della marina statunitense Jeffrey Gordon.

In un articolo per la rivista "interesse Nešenal", ha detto Gordon, riferendosi alla questione della possibile adesione del Montenegro nella NATO, ha detto che, oltre a insistere su standard militari e di sicurezza, Washington e Bruxelles devono insistere sul fatto che i paesi che aspirano all'adesione devono aderire ai valori democratici dell'Occidente.

Questo include obblighi verso elezioni trasparenti, la libertà di parola, Stato di diritto, nonché misure per combattere la corruzione - ha detto Gordon.
Gordon ha ricordato che il primo ministro Milo Djukanovic insieme a suoi stretti collaboratori è stato coinvolto nella vicenda contrabbando di sigarette, di cui è stato indagato dalla procura italiana, la corruzione nella privatizzazione di Telekom, azioni per aiutare la famiglia della banca di famiglia First Bank, e la soppressione della libertà di stampa, in primo luogo, l'assassinio del direttore di "Dan" Dusko Jovanovic.

Gordon ha detto che Djukanovic dovrebbe inviare segnali chiari cosa che fino ad oggi non ha mai fatto.
In primo luogo, la NATO non è un biglietto fuori di prigione. In secondo luogo, non si deve permettere di rubare le elezioni riferendosi sempre a Milo Djukanovic. Terzo, si deve capire che non è al di sopra della legge Milo Djukanovic, e che il mondo presta attenzione.

Ricordiamo che l'ex primo ministro croato Ivo Sanader, poco dopo il ricevimento del suo paese, è stato condannato a dieci anni di carcere per corruzione - ha rilevato Gordon.
Egli ritiene che Djukanovic dovrebbe accettare che il Montenegro ha diciassette entità politiche, non solo una.
- Il suo Partito Democratico dei Socialisti (DPS) deve assumersi la responsabilità di garantire un processo elettorale libero, equo e trasparente.

Gli Stati Uniti e Unione europea dovrebbero mantenere stretti contatti con tutte le forze politiche di questo piccolo paese - non solo con la struttura pregiudiziale ha considerato Gordon.
Come egli sostiene, dal momento che l'adesione del Montenegro alla NATO, più o meno un affare fatto, sappiamo quello che otteniamo da Djukanovic, come la lista della sua relazione lunga e profonda.
- Secondo i documenti del tribunale scoperti nelle corti italiane e svizzere nel 2009, in Italia la mafia, che è parte del sistema costituito Djukanovic con il contrabbando di sigarette, che è presumibilmente riciclato oltre un miliardo di dollari di profitti.

Inoltre, non è solo per sentito dire, prova in tribunale includono centinaia di pagine di trascrizioni di conversazioni intercettate, i rapporti di forze dell'ordine e rinvii a giudizio in altri paesi. Tuttavia, Djukanovic è stato accusato direttamente a causa di immunità diplomatica, in quanto il funzionario dello Stato - ha detto Gordon.
Egli spiega che la sorella di Djukanovic, avvocato Ana Đukanović in Kolarevic, è coinvolta nel sistema di corruzione in cui Magyar Telekom, la società ungherese, riesce ad acquisire quote di società di telecomunicazioni di proprietà dello Stato in Montenegro.

Per legge negli Stati Uniti, dice Gordon, dal momento che Magyar Telekom sono quotate al New York Stock Exchange, sul insieme con la controllante Deutsche Telekom cade sotto la giurisdizione della Commissione statunitense per i titoli.


soldi Popolare per interessi personali

Jeffrey Gordon ha detto che ci sono state notizie di stampa agenzia BBC che la famiglia Djukanovic ed i loro associati trattati la prima Banca del Montenegro come un bancomat personale. Si afferma che il piano di privatizzazione incluso sorella e il fratello del primo ministro nel 2006 e che la banca si trasforma ben presto nella seconda più grande istituzione finanziaria in Montenegro.
- La Banca ha fatto enormi prestiti sostenuti dai fondi statali per la famiglia e gli amici di Djukanovic. Il che, naturalmente, non sono pagato, che è il motivo per cui la banca è fallita nel 2008, e viene salvato mantenuto i soldi - ha detto Gordon.


Traduzione dall'articolo pubblicato dal quotidiano montenegrino "DAN"

Nessun commento: