yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: Quali sono i possibili scenari politici ed economici a livello internazionale dopo il referendum italiano previsto per il prossimo 4 dicembre? A dare una risposta, in toni per altro decisamente catastrofici, è stato quest'oggi Wolfgang Münchau, condirettore del Financial Times, che ha affrontato la questione delinenado conseguenze rischiose per l'euro e la stabilità dell'Ue.......

video

Loading...

martedì 22 novembre 2016

Quali sono i possibili scenari politici ed economici a livello internazionale dopo il referendum italiano previsto per il prossimo 4 dicembre? A dare una risposta, in toni per altro decisamente catastrofici, è stato quest'oggi Wolfgang Münchau, condirettore del Financial Times, che ha affrontato la questione delinenado conseguenze rischiose per l'euro e la stabilità dell'Ue.......

Keystone


ROMA - Quali sono i possibili scenari politici ed economici a livello internazionale dopo il referendum italiano previsto per il prossimo 4 dicembre? A dare una risposta, in toni per altro decisamente catastrofici, è stato quest'oggi Wolfgang Münchau, condirettore del Financial Times, che ha affrontato la questione delinenado conseguenze rischiose per l'euro e la stabilità dell'Ue. Secondo l'economista, in caso di vittoria del "No", da interpretare verosimilmente come un voto di sfiducia nei confronti del Governo Renzi, il rischio è quello di una "nuova crisi dell'Eurozona", dopo i segnali poco incoraggianti lanciati dai britannici con la Brexit, un "fallimento dell'Ue, che non ha saputo costruire una vera Unione economica e bancaria dopo la crisi del 2010-2012 e ha invece imposto l'austerità".
Questa mancanza, unita alla "debole performance economica dell'Italia, che ha perso il 5% di produttività dall'adozione dell'euro nel 1999, mentre in Germania e Francia è salita del 10%", ha dato forza alle correnti cosìddette populiste europee. Le quali sono inoltre galvanizzate dal trionfo oltreoceano di Donald Trump. In quest'ottica la vittoria del "No" potrebbe "accelerare il percorso verso l'uscita dall'euro" della Penisola, che vede favorevoli le opposizioni italiane, Movimento 5 Stelle e Lega in primis. Insomma, secondo Münchau dopo la Brexit potrebbero germogliare i semi per una possibile "Italiout".
In questo senso, cruciale a livello europeo sarà quello che viene definito da repubblica.it come "un grande elemento destabilizzante", cioè la possibile vittoria alle elezioni presidenziali francesi di Marine Le Pen, la quale ha promesso un referendum sul futuro della Francia nell'Ue. Secondo Münchau, in caso di "Frexit" e con l'Italia pronta ad abbandonare la nave, "l'Unione europea sarebbe finita il giorno dopo, e così anche l'euro". 
da "corrieredelticino.ch"

Nessun commento: