yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: WASHINGTON - La Clinton Foundation ha confermato di aver accettato un "regalo" di 1 milione di dollari dal Governo del Qatar mentre Hillary Clinton era Segratario di Stato, senza informare il Dipartimento di Stato statunitense. La notizia è riferita dall'agenzia Reuters.......

video

Loading...

sabato 5 novembre 2016

WASHINGTON - La Clinton Foundation ha confermato di aver accettato un "regalo" di 1 milione di dollari dal Governo del Qatar mentre Hillary Clinton era Segratario di Stato, senza informare il Dipartimento di Stato statunitense. La notizia è riferita dall'agenzia Reuters.......

WASHINGTON - La Clinton Foundation ha confermato di aver accettato un "regalo" di 1 milione di dollari dal Governo del Qatar mentre Hillary Clinton era Segratario di Stato, senza informare il Dipartimento di Stato statunitense. La notizia è riferita dall'agenzia Reuters.
Le prime informazioni riguardo la vicenda sono emerse dalle e-mail di John Potesta (direttore della campagna elettorale di Hillary) pubblicate negli scorsi giorni da Wikileaks, nelle quali si evince che il Governo del Qatar avrebbe donato 1 milione di dollari alla fondazione di Bill Clinton per il suo 65.esimo compleanno (2011), chiedendo di incontrare l'allora presidente. 
La donazione sarebbe però avvenuta "di nascosto" durante il mandato di Segratario di Stato ricoperto da Hillary. Tra la fondazione di famiglia e il Governo americano vi era infatti un'accordo di notifica per la massima trasparenza e per evitare conflitti di interesse con Governi stranieri. Il dipartimento di Stato Usa ha però confermato di non aver ricevuto nessuna notifica di ricezione dal fondo riguardo la donazione dal Qatar. 
Il portavoce del Fondo Brian Cookstra ha confermato che la fondazione ha accettato il "regalo" di un milione di dollari, tuttavia ha rifiutato di dire se l'incontro con l'ex presidente sia avventuo o meno. 
da "corrieredelticino.ch"

Nessun commento: