yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: HILLARY CLINTON...... Andare sempre più in alto e poi essere precipitai giù come scrive Shakespeare nel Riccardo III. Capita. È il tornare alla normalità per chi è stato un numero primo. Così come è successo a Hillary Clinton, fotografata sola al cellulare . Ed il re Teodorico / Vecchio e triste al bagno sta. In un famoso poemetto, Giosue Carducci raccontò la leggenda del sovrano degli Ostrogoti, che divenne padrone d' Italia e che, dopo tante battaglie vittoriose, perì in solitudine terrorizzato dai fulmini come un bambino......

video

Loading...

venerdì 30 dicembre 2016

HILLARY CLINTON...... Andare sempre più in alto e poi essere precipitai giù come scrive Shakespeare nel Riccardo III. Capita. È il tornare alla normalità per chi è stato un numero primo. Così come è successo a Hillary Clinton, fotografata sola al cellulare . Ed il re Teodorico / Vecchio e triste al bagno sta. In un famoso poemetto, Giosue Carducci raccontò la leggenda del sovrano degli Ostrogoti, che divenne padrone d' Italia e che, dopo tante battaglie vittoriose, perì in solitudine terrorizzato dai fulmini come un bambino......


HILLARY CLINTONHILLARY CLINTON
Paolo Di Stefano per il “Corriere della Sera”

Andare sempre più in alto e poi essere precipitai giù come scrive Shakespeare nel Riccardo III. Capita. È il tornare alla normalità per chi è stato un numero primo. Così come è successo a Hillary Clinton, fotografata sola al cellulare . Ed il re Teodorico / Vecchio e triste al bagno sta. In un famoso poemetto, Giosue Carducci raccontò la leggenda del sovrano degli Ostrogoti, che divenne padrone d' Italia e che, dopo tante battaglie vittoriose, perì in solitudine terrorizzato dai fulmini come un bambino.

Pura invenzione, ma dice bene che cosa accade quando, per un accidente qualunque o per il semplice e naturale declinare della vita, il destino clicca sul tasto Delete. Vengono in mente i due aggettivi carducciani guardando le fotografie di certi personaggi che lo star system della politica o dello spettacolo ha visto passare improvvisamente, nel giro di pochi giorni, dalle prime alle seconde alle terze alle quarte pagine, sempre più scoloriti, privi della verve pubblica che avevano mostrato nella fase culminante del successo (ottenuto o sperato):
CAMERONCAMERON

dal ruggito di fronte alle immense platee (sempre piene e plaudenti) alla solitudine di un' osteria o di una mensa, bicchiere semivuoto, via il trucco, via il cerone, via i microfoni e le telecamere, via tutto, si rientra (se va bene) nei ranghi dell' anonimato o quasi, del guardarsi allo specchio non per cercare di rimanere con i piedi per terra nonostante i bagni di folla, ma al contrario per farsi coraggio e ricordarsi che la vera vita non era quella ma è questa.

Arriva per tutti, arriverà (dolcemente o no) anche per Putin e per Trump com' è arrivato per Hillary Clinton e chissà per quanti altri prima di lei (chi non ricorda le meste fotografie dei Bossi, dei Bersani, dei Cameron?), il momento della solitudine da ex più o meno malinconica. Che è l' inevitabile resa dei conti con se stessi e con il proprio desiderio di potenza.
I SALUTI DI RENZI DOPO LE DIMISSIONII SALUTI DI RENZI DOPO LE DIMISSIONI

Lo speculum principis è un filone della trattatistica, diffuso soprattutto nel Medioevo, in cui si raccomanda al sovrano di avere consapevolezza dei propri limiti terreni (la ricompensa per il buon governo, eventualmente, sarebbe arrivata nell' aldilà). Tanti filosofi e poeti si sono interrogati sulla fragilità della fama. Dante vi dedicò un canto del Purgatorio, l' XI, dove le anime dei superbi espiavano camminando inclinati da un masso che pesava loro sulle spalle. Con questa morale: la fama è di breve durata come il verde degli alberi.

RENZI SCRIVE I SALUTI DOPO LE DIMISSIONIRENZI SCRIVE I SALUTI DOPO LE DIMISSIONI
Ci sono però tante sfumature di colore tra la fama e l' infamia, che sui vocabolari è il suo esatto contrario. C' è, appunto, la coscienza lieve del ritorno nella realtà, l' ebbrezza di riconquistare la normalità. E chi lo dice che Shakespeare avesse ragione nel definire (nel Riccardo III) un lugubre spettacolo, essere sollevati in alto, per essere precipitati giù? Si può trovare una piacevole vertigine anche nel precipizio, specie se si precipita con il paracadute della tranquillità economica (anzi della ricchezza, come nel caso della Clinton e di altri sovrani spodestati o sconfitti democraticamente).

E chi potrà mai sapere che cosa stia pensando davvero l' ex candidata democratica mentre tutta sola, un po' scapigliata, con una stella di Natale alle spalle, su un tavolo da colazione in un albergo di montagna (e chissà che albergo!), guarda il suo smartphone come facciamo tutti al mattino, appena svegli, per sapere se il mondo ci pensa anche quando siamo in vacanza. Forse riflette con quieta soddisfazione sullo scampato pericolo, augurandosi un aldilà senza massi da portare sulle spalle.
AGNESE LANDINI E MATTEO RENZI DURANTE LE DIMISSIONIAGNESE LANDINI E MATTEO RENZI DURANTE LE DIMISSIONI

Nessun commento: