yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: luglio 2016

video

Loading...

domenica 31 luglio 2016

Armenian security forces have shot and wounded three more gunmen in a continuing standoff with an armed opposition group barricaded inside a police compound in Yerevan. Armenian police spokesman Ashot Aharonian said they "returned fire" after the gunmen again started firing gunshots in defiance of warnings issued by law-enforcement authorities. "One of the shooters, Arayik Khandoyan, was wounded," he said........

Armenian security forces have shot and wounded three more gunmen in a continuing standoff with an armed opposition group barricaded inside a police compound in Yerevan. 
Armenian police spokesman Ashot Aharonian said they "returned fire" after the gunmen again started firing gunshots in defiance of warnings issued by law-enforcement authorities. "One of the shooters, Arayik Khandoyan, was wounded," he said.
Aharonian said the gunfire continued after Khandoyan was struck by a bullet. "Two more shooters were wounded by retaliatory fire from law-enforcers," he wrote on Facebook on July 29.
Riot police later used stun grenades and batons to prevent demonstrators who back the armed opposition group from reaching the besieged police compound.
Police detained a number of protesters late on July 29. 
RFE/RL’s Armenian Service says three of its correspondents reporting from the protest were beaten with batons, apparently by plainclothes policemen.
LIVE STREAM: Standoff In Yerevan (natural sound)
The gunmen -- supporters of jailed opposition leader Zhirayr Sefilian -- stormed the Erebuni district police headquarters on July 17, killing one officer and taking several more hostage.
All of the original hostages were released by July 23 but the gunmen remained holed up inside the building surrounded by security forces. Earlier this week, they took hostage three medics sent in to treat wounded attackers.
In addition to the three gunmen wounded on July 29, five others were wounded in previous exchanges of fire with police.
The gunmen have demanded the resignation of President Serzh Sarkisian and the release of Sefilian, who was arrested along with six of his supporters on June 20 on illegal weapons charges.
da "Radio Free Liberty"

ARMENIA...... Armenian officials say 75 were injured and more than 20 detained in clashes between riot police and protesters in the capital. The unrest erupted late on July 29 in Yerevan when demonstrators tried to approach a police station where gunmen from an opposition group have barricaded themselves.......


Riot police disperse protesters in Yerevan's Sari Tagh neighborhood late on July 29.
Riot police disperse protesters in Yerevan's Sari Tagh neighborhood late on July 29.

Armenian officials say 75 were injured and more than 20 detained in clashes between riot police and protesters in the capital. 
The unrest erupted late on July 29 in Yerevan when demonstrators tried to approach a police station where gunmen from an opposition group have barricaded themselves.
The violence, which left three RFE/RL journalists injured, unfolded amid the sound of gunshots and explosions coming from the compound located in the city’s southern Erebuni district. It was not immediately clear whether security forces were conducting a large-scale operation there.
The protesters sympathetic to the gunmen unexpectedly tried to approach the building from the nearby Sari Tagh neighborhood overlooking it. Some of them threw stones when they were confronted by rows of riot police, who briefly fired stun grenades in response.
WATCH: What's Behind The Violence In Armenia's Capital?
 
The chief of Yerevan’s police department, Ashot Karapetian, and other senior law-enforcement officers warned two protest leaders -- Amen Martirosian and Levon Barseghian -- that they must lead the crowd back to the city center.
“Armen, you can’t control them,” said Karapetian. “They threw stones. Some policemen were injured. Tell the people to go back to where you held rallies [until now.]”
Martirosian said the stones were thrown by “provocateurs” and assured the officers that the crowd did not intend to break through the police cordon and enter the police compound.
The officers dismissed the assurances. They said that the rally was illegal and that gunshots fired around the compound were too dangerous for its participants.
About 10 minutes later, the police charged at the protesters, firing tear gas and throwing stun and flash grenades.
Some protesters as well as three RFE/RL journalists -- Karlen Aslanian, Hovannes Movsisian, and Garik Harutiunian -- were attacked and beaten up by a large group of plainclothes men armed with sticks and metal bars as they retreated towards downtown Yerevan. The men, who appeared to be police officers, were clearly aware that they were assaulting reporters.
“Are you filming?” one of them said before punching Movsisian, smashing his camera and tearing off his ID badge.
“I told them that I stopped filming but they kept hitting me,” Movsisian said by phone as he ran for safety and took cover in a local shop shortly before midnight.
“They are chasing us and trying to arrest everyone in sight,” he said, adding that he witnessed dozens of protesters injured and detained at the scene.
WATCH: Fresh Clashes In Yerevan (natural sound)
0:00:00
The two other RFE/RL reporters were also injured before fleeing to safety through another Sari Tagh street.
At about the same time, the police also dispersed a smaller crowd that gathered on a section of Khorenatsi Street leading to the seized police building. The street section has been the scene of rallies held nearly every day in support of the gunmen.
The police used force moments after a senior officer told 200 or so people standing there that their gathering was illegal. Dozens of protesters were subsequently detained.
One young man had blood all over his face as he was dragged away by several officers. The officers claimed that he fell to the ground and injured himself before being caught.
The police did not attack journalists or obstruct their work in that area.
Another RFE/RL correspondent saw seven people rushed to the Erebuni Medical Center, the nearest hospital, more than an hour after the outbreak of the violence. Four of them were injured policemen. It was not immediately clear who the three others were.
“A police serviceman suffered a gunshot wound outside the [Erebuni] police compound and was transferred to hospital,” Armenian police spokesman Ashot Aharonian wrote on Facebook at midnight. He did not say who shot the officer.
At least 20 injured protesters were taken to another Yerevan hospital, Surb Grigor Lusavorich. A senior doctor there told RFE/RL’s Armenian service that most of them suffered burns apparently caused by police stun grenades. Two of them are in serious condition, he said.
Meanwhile, Aharonian defended the use of force at Sari Tagh. He claimed that the protesters tried to join the besieged gunmen from that neighborhood.
In a Facebook post, Aharonian insisted that security forces were “not conducting any operation” against the armed oppositionists.
Aharonian promised that the police would “immediately” investigate violent attacks on journalists from RFE/RL and other media outlets that covered the dramatic events.
The Armenian Human Rights Ombudsman’s office said they were investigating reports that those who attacked the journalists were policemen dressed in plain clothes.
"Radio Free Europe/Radio Liberty is outraged by this attack on journalists carrying out their professional duty," said RFE/RL President Thomas Kent. "We expect the Armenian authorities to bring the attackers to justice and protect journalists carrying out their legitimate work."
da "Radio Free Liberty"

The remaining opposition gunmen holed up in a police station in Yerevan have laid down their arms, ending a two-week standoff with the Armenian authorities, which has left two police officers dead. "With their consistent and coordinated actions, special units of Armenian law enforcement bodies have forced members of the armed group to surrender to the authorities,” Armenia's National Security Service said in a statement on July 31. "Twenty terrorists have been arrested."..........

Armed police officers guard the entrance to a hospital in Yerevan where opposition gunmen wounded by security forces are receiving medical aid on July 29.
Armed police officers guard the entrance to a hospital in Yerevan where opposition gunmen wounded by security forces are receiving medical aid on July 29.

The remaining opposition gunmen holed up in a police station in Yerevan have laid down their arms, ending a two-week standoff with the Armenian authorities, which has left two police officers dead.

"With their consistent and coordinated actions, special units of Armenian law enforcement bodies have forced members of the armed group to surrender to the authorities,” Armenia's National Security Service said in a statement on July 31. "Twenty terrorists have been arrested."

The  National Security Service announced the "complete liberation" of the police compound more than an hour after the leader of the gunmen, Varuzhan Avetisian, said they had decided to give themselves up.

He said continued armed resistance would be meaningless as security forces had been methodically shooting and wounding members of his group linked to a radical opposition movement, Founding Parliament.
Avetisian said his comrades chose to avoid further bloodshed and become "prisoners of war" instead. He sought to put a brave face on the surrender, saying that he and his comrades had succeeded in dramatically increasing antigovernment sentiment in Armenia.

The group reportedly had 30 or so members when it stormed and seized the police compound on July 17, demanding that President Serzh Sarkisian free Founding Parliament’s jailed leader, Zhirayr Sefilian, and step down.

Commentators said the standoff had dragged on in part because the government wanted to avoid stoking further social unrest. Several thousand people have joined nightly rallies to support the gunmen, occasionally clashing with police.

In the evening on July 30, demonstrators marched down Baghramian Avenue toward the main government buildings and presidential residence, but were stopped by riot police, who strung coils of barbed wire across the road.
The demonstrators blocked traffic for about two hours, but dispersed peacefully early on July 31 and no violence was reported.

And despite news of the gunmen's surrender, several hundred supporters gathered in a central square in Yerevan on the evening of July 31.
Policeman Killed
Earlier, the gunmen denied killing a police officer who was shot dead by sniper fire on July 30.
Avetisian said on July 31 that police were wrong in accusing them of shooting the officer.
An ultimatum deadline from the authorities, who threatened to launch a full-scale assault against the gunmen, expired on July 30.
Police spokesman Ashot Aharonian said the 30-year-old policeman, Yuri Tepanosian, was killed by sniper fire as he sat in a police car parked "350-400 meters" from the compound.
The incident occurred just a few hours before the deadline was set to expire for the gunmen to leave the premises or face a full-scale assault. 
Slain policeman Yuri TepanosianSlain policeman Yuri Tepanosian
An RFE/RL correspondent heard several gunshots on a blocked street leading to the seized compound at around 6 p.m. local time on July 30, about an hour after the ultimatum issued by authorities had expired. 
Late on July 30, thousands of supporters of the gunmen gathered in central Yerevan in a protest calling on authorities not to use force to end the occupation.

Protester Albert Bagdassian told RFE/RL that their goal was "to support the group against which the security services have decided to launch an assault, to march on the street, to paralyze traffic and to show that we are not afraid."
The police station was seized on July 17 by about 30 gunmen, who killed one officer and wounded several others in the attack.
WATCH: What Was Behind The Violence In Armenia's Capital?
 
Late on July 29, hundreds of supporters tried to march to the police compound, but were blocked by riot police.
Authorities said earlier on July 30 that 75 were injured in the clashes and more than 20 detained. 
WATCH: Dozens Injured, Several Hospitalized After Yerevan Clashes
0:00:00
Three RFE/RL correspondents were among members of the media beaten with sticks and metal bars by men who appeared to be plainclothes police officers.
RFE/RL President Thomas Kent expressed "outrage" over the attack on journalists doing their job.
Authorities on July 30 promised to investigate. 
Police said 165 people were rounded up during the July 29 demonstration and all but 26 were released.
With reporting by RFE/RL's Suren Musayelyan, AFP, and dpa

Islamic State (IS) militants have stormed a gas facility and an nearby oil field in northern Iraq, killing at least five people in rare attacks inside the Kurdish-controlled areas of Kirkuk Province, officials say. The first attack took place on the AB2 gas-compressor station, about 15 kilometers northwest of Kirkuk, when four gunmen with hand grenades broke through.......

Islamic State (IS) militants have stormed a gas facility and an nearby oil field in northern Iraq, killing at least five people in rare attacks inside the Kurdish-controlled areas of Kirkuk Province, officials say. 
The first attack took place on the AB2 gas-compressor station, about 15 kilometers northwest of Kirkuk, when four gunmen with hand grenades broke through.
They shot dead four employees, and injured two guards, after which they planted multiple bombs.
Security forces believe the attackers then escaped to the Bai Hassan oil station, 25 kilometers further northwest, where they launched a similar attack, destroying an oil-storage tank, the largest in the oil-rich province.
An engineer was killed in the attack and seven others were injured.
According to the police, three of the bombers were killed while the fourth is still at large.
IS's Amaq news agency reported that their fighters had stormed the Bai Hassan facility but did not mention the previous attack.
Forces from Iraq's autonomous Kurdistan region control part of Kirkuk, while part of the province is under IS control.
Based on reporting by Reuters and AFP

The head of the International Olympic Committee (IOC) has defended the organization’s decision to adopt partial sanctions against Russian athletes over the country's state-run doping system. IOC President Thomas Bach said on July 31 that a total ban on Russia "would not be justifiable" on either moral or legal grounds.......

The head of the International Olympic Committee (IOC) has defended the organization’s decision to adopt partial sanctions against Russian athletes over the country's state-run doping system.

IOC President Thomas Bach said on July 31 that a total ban on Russia "would not be justifiable" on either moral or legal grounds.

"Every human being is entitled to certain rights of natural justice," he said.

The IOC opted not to ban all Russian athletes from the Rio de Janeiro Olympics after revelations of a wide state-backed doping program across many sports.

Instead it chose a set of criteria for athletes to meet, including a clean doping past and sufficient testing at international events.

So far, more than 250 out of the original 387 Russian athletes have been cleared for Rio.

Many anti-doping agencies and athletes criticized the decision, saying the IOC lacked the leadership and courage to ban Russia outright.

Some have even called for Bach's resignation.
Based on Reuters and AP

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton says Russian intelligence services hacked into Democratic National Committee (DNC) computers and has accused Republican contender Donald Trump of backing Russian President Vladimir Putin. .....

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton gestures as she speaks at the Veterans of Foreign Wars Convention in Charlotte, North Carolina, on July 25.
U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton gestures as she speaks at the Veterans of Foreign Wars Convention in Charlotte, North Carolina, on July 25.


U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton says Russian intelligence services hacked into Democratic National Committee (DNC) computers and has accused Republican contender Donald Trump of backing Russian President Vladimir Putin. 
"We know that Russian intelligence services hacked into the DNC and we know that they arranged for a lot of those e-mails to be released and we know that Donald Trump has shown a very troubling willingness to back up Putin, to support Putin," Clinton said in an interview on July 31 with Fox News Sunday.
The United States has not publicly accused Russia of being behind the hack of Democratic Party computers.
Cybersecurity experts and U.S. officials, however, said they believed Russia engineered the release of the e-mails to influence the November 8 U.S. presidential election.
Clinton declined to say whether the Kremlin wanted Trump to win the election, but said that "laying out the facts raises serious issues about Russian interference in our elections, in our democracy."
Based on reporting by Reuters and AP

1. «Poggia la mano sul tavolo». Foto. «Ora la sinistra». Foto. Le immagini sono atti di inchiesta: lividi e tagli sulle dita, nocche arrossate. Perché la storia balorda di Nicolas Orlando Lecumberri sta scritta lì: sulle sue mani. Martoriate dalle tracce di un' incomprensibile ossessione. Con le mani ha colpito. Pugni. Almeno 10 aggressioni in 19 giorni (altri casi sono sotto esame); vittime incontrate per caso, tutti ragazzi, approcciati con educazione (la richiesta di indicazioni stradali) e poi assaliti senza motivo..... - 2. Nicolas, 23 anni, si mantiene lavorando come cameriere, facendo il dj nei locali e componendo musica elettronica che, quando gli riesce, esegue in serate organizzate grazie a persone con cui stabilisce contatti amichevoli. Apparentemente un ragazzo intraprendente e cordiale. Nel corso della giornata, però, Nicolas avvicina un passante suo coetaneo, chiede delle informazioni, poi diventa aggressivo e colpisce il suo interlocutore con pugni e calci.......

1.IL DJ CHE PRENDEVA A PUGNI I PASSANTI «MI DAVANO LE RISPOSTE SBAGLIATE»
Gianni Santucci per il “Corriere della Sera

NICOLAS LECUMBERRINICOLAS LECUMBERRI
«Poggia la mano sul tavolo». Foto. «Ora la sinistra». Foto. Le immagini sono atti di inchiesta: lividi e tagli sulle dita, nocche arrossate. Perché la storia balorda di Nicolas Orlando Lecumberri sta scritta lì: sulle sue mani. Martoriate dalle tracce di un' incomprensibile ossessione. Con le mani ha colpito. Pugni. Almeno 10 aggressioni in 19 giorni (altri casi sono sotto esame); vittime incontrate per caso, tutti ragazzi, approcciati con educazione (la richiesta di indicazioni stradali) e poi assaliti senza motivo.

NICOLAS LECUMBERRI 4NICOLAS LECUMBERRI 4
A metà pomeriggio di mercoledì Nicolas Lecumberri, 23 anni, spagnolo, entra in una stanza dell' Ufficio prevenzione generale della questura. Si chiude così, di fronte ai poliziotti, il fight club solitario e feroce che il dj di San Sebastian ha scatenato tra il 6 e il 27 luglio nelle strade di Milano. Finisce senza una spiegazione di quella violenza.

NICOLAS LECUMBERRI 3NICOLAS LECUMBERRI 3
Perché in questura la scena è stata questa: il ragazzo si siede, sbadiglia con gesti esagerati, ostenta disinteresse. Parla bene l' italiano, ma finge di non capire, i poliziotti gli fotografano le mani e lui li lascia fare. Quando lo portano in carcere, a San Vittore, della sua furia ha detto solo questo: «Chiedevo informazioni in strada e me le davano sbagliate. Mi prendevano in giro».

Spiegazione che sa di derisione. Poco importa. Come spiega la dirigente delle Volanti di Milano, Maria Josè Falcicchia: «Abbiamo messo termine a un pericolo, a una sequenza allarmante di aggressioni. Era entrato in una piena serialità, in una sorta di sfida, sapevamo che avrebbe continuato la catena di aggressioni. L' intero corpo della polizia e delle forze dell' ordine era in allerta».

Il profilo Facebook di Lecumberri racconta la quotidianità di un ragazzo europeo: cameriere in bar sulla spiaggia, produttore di musica elettronica, allievo di una scuola di Los Angeles, interviste su un paio di giornali in cui racconta i suoi tour, discoteche e festival (Barcellona, Berlino); le vacanze invernali in snowboard e quelle estive al mare a Otranto (nel 2015).

NICOLAS LECUMBERRI 2NICOLAS LECUMBERRI 2
Quando arriva a Milano, da solo, a inizio luglio, Nicolas frequenta i locali di Corso Como e stringe amicizie, riesce pure a farsi ingaggiare per un paio di serate al «Loolapaloosa» (i titolari lo descrivono come «un tipo tranquillo e socievole»). In Italia, però, il dj si porta dietro un pezzo della sua storia nera.

La «Guardia Municipal» di San Sebastian (Paesi baschi) ha aperto un' inchiesta dopo aver ricevuto una serie di denunce per aggressioni immotivate in strada. Gli investigatori spagnoli convocano un po' di vittime e mostrano loro album di foto: tre ragazzi lo riconoscono, è stato lui ad aggredirli (il 25 e il 26 maggio di quest' anno). Il 3 giugno i poliziotti chiamano Lecumberri e gli comunicano che è sotto inchiesta. A Milano ricomincia, con un canovaccio identico: chiede un informazione stradale in perfetto in inglese, alla risposta contesta, «mi stai prendendo in giro», poi si scatena.

Di sera è un turista, di giorno un picchiatore in delirio. Si sospetta che stesse facendo il «knockout game», il gioco infame dei pugni improvvisi ai passanti (è però anomalo che in quella pratica balorda non abbia qualche amico spettatore intorno, che magari riprende con un cellulare). In largo Cairoli, pieno centro, il 26 luglio colpisce un ragazzo e lo insegue per 200 metri. Più tardi, una pattuglia delle «bike», poliziotti in bicicletta, lo identifica (anche se in quel momento non si può collegare con l' attacco).
Knockout GameKNOCKOUT GAME 

A quel punto l' inchiesta della Settima sezione delle Volanti prende un ritmo frenetico: ricerca delle denunce, scandaglio di telecamere, confronto tra le testimonianze, studio dei dettagli e dei collegamenti. I poliziotti iniziano a girare negli ostelli. Trovano la traccia buona sui Navigli. Il giorno dopo, Nicolas si accanisce ancora su due ragazzi, in corso Lodi. I poliziotti si appostano davanti all' ostello e quanto rientra lo ammanettano. Il fight club è finito. Lui dice: «Non avvertite i miei genitori». Ne ha facoltà.


2.IL PARADOSSO DI DOTTOR JEKYLL E MISTER HYDE
Anna Oliverio Ferraris per il “Corriere della Sera

Knockout GameKNOCKOUT GAME 
Nicolas, 23 anni, si mantiene lavorando come cameriere, facendo il dj nei locali e componendo musica elettronica che, quando gli riesce, esegue in serate organizzate grazie a persone con cui stabilisce contatti amichevoli. Apparentemente un ragazzo intraprendente e cordiale. Nel corso della giornata, però, Nicolas avvicina un passante suo coetaneo, chiede delle informazioni, poi diventa aggressivo e colpisce il suo interlocutore con pugni e calci.

Come si spiega questo comportamento, che ha avuto una qualche diffusione negli Usa, che va sotto il nome di knockout game , che viene praticato per lo più in gruppo e anche filmato per essere messo in rete?
Knockout GameKNOCKOUT GAME 

Può darsi che il ragazzo abbia dei problemi legati a dinamiche infantili e familiari che noi ignoriamo o che sia propenso per un qualche motivo neurologico a forme improvvise di violenza, il paradosso però risiede nel fatto che, da un lato, coltiva forme di socialità e dinamiche di gruppo positive - tant' è che riesce a legare anche con persone che ha appena conosciuto ed è quindi in grado di controllare il lato aggressivo della sua mente per lavorare e collaborare - dall' altro attacca passanti o provoca la polizia.
Knockout GameKNOCKOUT GAME 

In realtà le sue azioni, anche se in maniera esacerbata, rispecchiano le dinamiche di un mondo virtuale in cui è possibile compiere atti aggressivi nell' ambito di un contesto ludico e al tempo stesso mantenere una personalità rispettabile. Il giocatore osserva se stesso mentre recita e così facendo si sdoppia. In sostanza, una sorta di rivisitazione mediatica di dottor Jekyll e mister Hyde in cui si può passare da una personalità all' altra soprattutto quando mancano radici che contestualizzino il proprio comportamento in una cerchia sociale conosciuta.

La pratica del knockout game , in gruppo o in solitario, è un segno dell' intreccio che può crearsi tra reale e virtuale, ma anche della separatezza tra le diverse dimensioni di personalità che hanno perso la propria unitarietà.
NICOLAS ORLANDO LECUMBERRI

ALTRE DIECI VITTIME DEL DJ PICCHIATORE «MI SONO VENDICATO»
Gianni Santucci, Andrea Galli per il “Corriere della Sera - Edizione Roma”

Nicolas Orlando LecumberriL' elenco è già lungo ma probabilmente ancora parziale. Il 23enne di buona famiglia Nicolas Orlando Lecumberri, giramondo, dj anche in locali famosi (il «LoolaPaloosa» di corso Como), allievo di una scuola a Los Angeles e soprattutto picchiatore prima a San Sebastián (nei Paesi Baschi) dove ha casa e poi qui a Milano dov' è arrivato a inizio mese, ha aggredito almeno venti persone. Calci e pugni ai passanti perché «chiedevo informazioni, me le davano sempre sbagliate e mi prendevano in giro». Nelle ultime ore sono state formalizzate le denunce di ulteriori dieci vittime, dopo le altrettante scoperte dalle Volanti dirette da Maria Josè Falcicchia.

«NON È UNO PERICOLOSO» 
Nicolas Orlando LecumberriNICOLAS ORLANDO LECUMBERRI
La scia di violenza forse non può trovare una spiegazione «soltanto» nelle parole dell' avvocato d' ufficio. Il legale Alessia Generoso ha escluso la degenerazione di uno sbandato con insormontabili problemi psichici e ha descritto un ragazzo con un «disagio personale» che, se «seguito a dovere», solitamente non è «pericoloso». Chi ha subìto gli attacchi di Lecumberri - attacchi improvvisi, letali - ha l' immagine, cristallizzata dallo choc e dalle ferite, di un ragazzo «freddo e razionale» nell' esecuzione del piano. E per Maria Josè Falcicchia, il 23enne «era entrato in una piena serialità, in una sorta di sfida».

Ce l' aveva con il prossimo o con il mondo, Lecumberri. Il motivo è ignoto. Nell' interrogatorio di garanzia ha detto poco o niente, e ha evocato una «vendetta» contro presunti tentativi di stupro ai danni della sorella, che al momento non risulterebbero e che sfuggono per primi agli investigatori dei Paesi Baschi. Non ha «debuttato» a Milano, il 23enne: aveva già lasciato significativa traccia a San Sebastián. La Guardia municipal aveva aperto un' inchiesta a giugno per una raffica di denunce legate ad aggressioni in strada. Con la medesima modalità d' esecuzione.
Nicolas Orlando LecumberriNICOLAS ORLANDO LECUMBERRI

L' avvocato sostiene che sia errato evocare il «knockout game», quel «gioco» sanguinario che prevede il pestaggio di ignari sconosciuti incontrati su un marciapiede e una piazza. La pratica, peraltro, ha un disperato bisogno di un pubblico che possa ammirare e spesso filmare con il cellulare; se svolta in «solitudine», senza la ricerca di un consenso e di un «tributo» immediatamente riversati in Internet, propagati e propagandati, perde molto della sua «natura». E allora rimane una domanda: che cos' è scattato nella testa di Nicolas Orlando Lecumberri?

POCO COLLABORATIVO
Un aiuto, in questo senso, potrebbe darlo la famiglia. I genitori erano in vacanza in Puglia e ieri si sono mossi verso Milano, dov' è attesa anche la sorella. Le indagini sono appena all' inizio. Andrà setacciato il passato del 23enne, bisognerà capire se per caso utilizzava o abbia abusato di droghe, e ancora andrà accertato se, nel pellegrinare tra Europa e America, siano avvenuti episodi che l' abbiano alterato, cambiandolo profondamente e innescando la spirale di violenze.

Nicolas Orlando LecumberriNICOLAS ORLANDO LECUMBERRI
Le sue mani erano come quelle di un pugile, gonfie per i lividi, graffiate, consumate a causa della frequenza e della furia dei pestaggi. Con i poliziotti, al momento dell' arresto Lecumberri ha mantenuto un atteggiamento poco collaborativo, ha finto di non capire pur capendo l' italiano, è parso quasi (volutamente) assente, addirittura disinteressato.

LA CARTELLA CLINICA
La sua ossessione l' ha portato a far male ovunque, da largo Cairoli a via Oldofredi, da viale Lombardia a via Sardegna. Vagava di giorno senza apparente meta, prendeva mezzi pubblici, camminava, sceglieva gli obiettivi (solitamente coetanei), formulava le domande e immediatamente scattava. La ricerca della polizia è stata frenetica e intensa.

Una volta «agganciato» da una pattuglia degli agenti in bicicletta, la Settima sezione ha investito personale e nottate nell' analisi delle immagini delle telecamere, nell' ascolto delle testimonianze, nell' incrocio dei dati. Fino all' atto finale. Sono stati setacciati gli ostelli e uno di questi, sui Navigli, era quello giusto. Gli investigatori hanno atteso il 23enne davanti al palazzo. Lui tornava dall' ennesima violenza, in corso Lodi. Stando al legale, i genitori consegneranno alla polizia la cartella clinica del figlio. Sempre che possa bastare.

BERNARD HENRY LEVY: “I LEGAMI DI TRUMP CON LA RUSSIA SONO STRETTI E RISALGONO AGLI ANNI 2000, QUANDO IL TYCOON, FINITO NELLA BLACKLIST DELLE BANCHE USA, SI RIVOLSE A INVESTITORI RUSSI PER FINANZIARE I SUOI PROGETTI A TORONTO, SOHO O PANAMA”

Articolo di Bernard Henry Levy pubblicato dal “Corriere della Sera” - (traduzione di Enrico Del Sero)

Bernard Henry LevyBERNARD HENRY LEVY
Il problema, se Donald Trump venisse eletto, sarebbe certamente la sua immensa volgarità (l'America ne ha viste tante, ma non ancora un presidente che allude alle dimensioni del suo pene nel corso di un dibattito televisivo). Sarebbe il suo odio patologico nei confronti delle donne (non raccomandò forse, a suo tempo, in una conversazione con l'architetto Philip Johnson riportata dal New York Magazine , di «trattarle come la merda»? E non ha appena detto di considerarle, quando hanno il volto di una giornalista che lo urta, come creature ripugnanti che «perdono sangue da tutte le parti»?).

HILLARY TRUMP PUTINHILLARY TRUMP PUTIN
Sarebbe il razzismo sfrenato, senza pudore, che ispira a quest'uomo - il quale, secondo la prima moglie, citata da Vanity Fair, era solito tenere una raccolta di discorsi di Hitler sul comodino - le sue uscite contro i Neri (inevitabilmente «pigri»), gli ispanici (generalmente «stupratori») o i musulmani (necessariamente «informati», dunque colpevoli, delle stragi di Orlando e di San Bernardino).

TRUMPTRUMP
Sarebbe l'antisemitismo, appena più misurato, che affiora da quella battuta conviviale (The Washington Post , 20 luglio 2015) sul fatto che gli unici a poter gestire il suo denaro sono gli «uomini con la kippah»; da quel tweet insistente (24 aprile 2013) sulle origini ebraiche del giornalista Jon Stewart; o da quell'invettiva lanciata, nel dicembre 2015, alla Republican Jewish Coalition : «Non mi sosterrete perché non voglio i vostri soldi!».
arkadij rotenberg putin 1ARKADIJ ROTENBERG PUTIN 1

E non parlo neppure della crassa ignoranza politica di chi dimostra di non conoscere, in un dibattito interno al suo partito, il numero di articoli della Costituzione americana o il significato, a pochi giorni dal voto, della parola Brexit...Perché il peggio del peggio, il problema più grave e l'handicap più preoccupante per un uomo che aspira a diventare il capo della prima potenza mondiale, è ancora il repertorio di idee semplici, se non semplicistiche, su cui sembra basarsi la sua visione geopolitica.

trump 11TRUMP 11
Così l'idea, lanciata a inizio marzo e probabilmente ispirata alla gestione dei suoi fallimenti privati, di una rinegoziazione del debito pubblico del Paese: idea non solo idiota (il governo americano, avendo il monopolio dell' emissione della valuta mondiale, non ha nulla da rinegoziare!), ma che si sarebbe rivelata, se il suo artefice fosse stato al potere, assolutamente devastante.

PUTIN RUSSIA SPORTPUTIN RUSSIA SPORT
Così la sua proposta, formulata in occasione del discorso d'investitura alla Convention di Cleveland, di rivedere, nel caso in cui fosse eletto, le regole di ingaggio della Nato che prevedono l'intervento automatico a sostegno di uno Stato membro della coalizione sotto attacco: nel mondo secondo Trump, la Russia potrebbe mettere in atto la minaccia, più volte ventilata, di riesaminare la legalità del processo che ha portato all' indipendenza dei Paesi Baltici; potrebbe ritoccare i confini con un vicino o lanciarsi al soccorso di una minoranza russofona «presa in ostaggio» da un altro; potrebbe invadere la Polonia e, naturalmente, l'Ucraina; potrebbe attaccar lite con il Giappone o qualunque altro alleato francese nella regione Asia-Pacifico; la risposta americana non sarebbe più né automatica né sicura.
TRUMP ACCETTA LA CANDIDATURATRUMP ACCETTA LA CANDIDATURA

putin e liudmilaPUTIN E LIUDMILA 
E poi, naturalmente, Putin, di cui il Nostro non perde occasione di lodare le qualità: è stato forse conveniente, da parte di un futuro candidato alla Casa Bianca, aver detto a Larry King che il numero uno della potenza avversaria è un «grande leader» che ha fatto un «gran lavoro» per «ricostruire» la Russia?

Era opportuno, nel settembre 2013, parlare di «capolavoro» a proposito dell'intervento di Putin sulla stampa americana con un articolo che ha demolito la politica statunitense in Siria? Ed era proprio necessario, nel settembre 2015, dopo due anni di quasi guerra fredda, dichiarare a Fox News che il presidente russo merita, in materia di leadership, «una tripla A»?

TRUMP ACCETTA LA CANDIDATURA 4TRUMP ACCETTA LA CANDIDATURA 4
La verità è che i legami personali di Donald Trump con la Russia sono molto stretti e molto antichi. Risalgono all' epoca - inizio anni 2000 - in cui Trump, finito nella blacklist delle banche americane, si rivolse a una serie di investitori russi per finanziare i suoi progetti a Toronto, Soho o Panama.

PUTIN YURI CHAIKAPUTIN YURI CHAIKA
E cominciano a venir fuori inchieste che descrivono tutta una galassia di influenze e interessi formatasi in quel periodo, che vede gravitare intorno all' ormai candidato, e a suo vantaggio, amministratori di Gazprom, ex lobbisti del dittatore ucraino Ianukovich o figure di spicco della criminalità organizzata. Alcuni, come Franklin Foer su Slate , arrivano a vedere in Trump il «fantoccio di Putin».

TRUMP ACCETTA LA CANDIDATURA 2TRUMP ACCETTA LA CANDIDATURA 2
Altri, come l'ex consigliere di Bill Clinton George Stephanopoulos, s'interrogano su possibili legami organici tra la sua campagna e il regime russo. E il New York Times dello scorso weekend è arrivato persino a domandarsi se possa esserci la mano dei servizi segreti russi dietro alla fuga di notizie che ha portato alla pubblicazione, a due giorni dalla Convention di Filadelfia che avrebbe consacrato la nomination di Hillary Clinton, di 19.252 email scambiate da alti dirigenti del Partito democratico. Sono domande inquietanti.

putin e figliePUTIN E FIGLIE
Non è più questione di semplicismo, ma di infedeltà a quel vincolo che lega, in profondità, tutti gli americani. E a quanto pare non è più da escludere che il partito di Eisenhower e di Reagan si sia lasciato ingannare da un losco demagogo il cui stile, la cui vita e le cui convinzioni equivalgono a un tradimento non solo degli ideali, ma anche degli interessi del Paese. American vertigo.
trump conmvention 3TRUMP CONMVENTION 3

Nove euro un bicchiere di birra, otto un calice di vino bianco. Una bottiglietta di acqua minerale da 75 cl? Sei euro. Un cappuccino? Cinque euro Sono i prezzi che hanno fatto arrabbiare – tanto da scriverlo su Tripadvisor – i clienti del Caffè Accademia di via del Tritone a Roma, luogo storico e frequentatissimo dai turisti ma che risulta inevitabilmente indigesto a molti al momento del conquibus.......




LO SCONTRINO DEL CAFFE' ACCADEMIALO SCONTRINO DEL CAFFE' ACCADEMIA
Nove euro un bicchiere di birra, otto un calice di vino bianco. Una bottiglietta di acqua minerale da 75 cl? Sei euro. Un cappuccino? Cinque euro Sono i prezzi che hanno fatto arrabbiare – tanto da scriverlo su Tripadvisor – i clienti del Caffè Accademia di via del Tritone a Roma, luogo storico e frequentatissimo dai turisti ma che risulta inevitabilmente indigesto a molti al momento del conquibus. Sono numerose le lamentele circa il tariffario esoso del bar-ristorante-rosticceria.

"Trappola per turisti" scrive un utente. Non è l'unico. "Probabilmente è un prezzo normale per la città di Roma o per altre città turistiche – scrive un utente raccontando la sua esperienza – 10 euro per una birra bionda da 0,4 centilitri alla spina e 5 euro per una bottiglietta di acqua da 0,375. Per il resto il locale è carino ed il personale era educato".