yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: agosto 2016

video

Loading...

mercoledì 31 agosto 2016

PRIMO PIANO COMMENTA CONDIVIDI 857 D’Alema: “Poco spazio in Rai per il no al referendum, nemmeno Berlusconi arrivò a tanto” Prosegue lo scontro sulla riforma costituzionale tra D'Alema e la maggioranza del Partito Democratico, Pierluigi Bersani punta a chiedere delle modifiche all'Italicum e utilizza toni più concilianti rispetto al compagno di partito.

Durante il proprio intervento alla Festa dell'Unità di Catania, l'ex presidente del Consiglio Massimo
D'Alema ha a lungo parlato della questione relativa al referendum costituzionale, che verso la fine novembre richiamerà alle urne gli elettori italiani che dovranno decidere se confermare o rigettare la riforma costituzionale targata Boschi. Da settimane, per non dire mesi, si rincorrono le polemiche politiche, con stilettate e accuse in certi casi anche piuttosto dure, che contrappongono gli esponenti di minoranza e maggioranza del Partito Democratico, letteralmente spaccati in due: da una parte la minoranza, capitanata proprio da D'Alema e Pierluigi Bersani, propende per il "no" al referendum costituzionale, sostenendo che quella del ministro Boschi sia una riforma "scritta male" e che contenga numerosi punti piuttosto controversi.


Dall'altra parte, invece, la maggioranza è compatta a favore del "sì" e non vede affatto di buon occhio che all'interno dello stesso partito possano esserci degli esponenti così in vista che pretendono di poter fare propaganda per convincere gli elettori a votare no al referendum pur essendo una riforma scritta da un'esponente dello stesso partito. Nelle ultime settimane, quindi, a causa di questa contrapposizione, il clima si è arroventato e sembra non si sia ancora arrivati a una distensione, nonostante i cosiddetti "dissidenti" siano stati invitati alla varie feste dell'Unità sparse per il Paese dando loro modo di esprimere il proprio pensiero anche sulla questione referendum.

"Non provo un'emozione particolare a stare qui. Io non faccio parte di nessuna minoranza, faccio parte di me stesso", ha commentato laconico ieri Massimo D'Alema, ospite della Festa dell'Unità nazionale di Catania insieme al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. "Renzi a me non interessa, a me interessa il testo della riforma costituzionale. Non esiste un partito del no né un partito del sì. Esiste il sì e il no. Trovo sbagliato avere spaccato in due il Paese sulla Costituzione che dovrebbe essere condivisa. Il mio modello è la Costituente, in cui comunisti e democristiani scrissero insieme la Costituzione anche se si combattevano", ha spiegato D'Alema durante il proprio intervento.

"In Europa la spinta innovatrice di Renzi si è affievolita. Anche nel nostro paese è così e il dato dei ballottaggi è incontrovertibile. Sta diventando un politico come gli altri, con tutti i peggiori difetti di un politico normale", ha sottolineato D'Alema, al quale Paolo Gentiloni ha provato a replicare sostenendo che "sarebbe un errore lavorare in un'ottica di divisione, di divisioni non abbiamo minimamente bisogno". L'ex presidente del Consiglio, però, non condivide l'osservazione di Gentiloni e risponde, tirando nuovamente in ballo l'accusa lanciata dal presidente del Pd Matteo Orfini, che l'ha definito un "girotondino": "Mi sembra difficile l'idea di fare un girotondo con il professor De Siervo, con il professor Casavola, con il professor Onida, con il professor Cheli. Forse Orfini dovrebbe essere più rispettoso verso queste personalità che rappresentano tanta parte della cultura italiana", replica piccato D'Alema, che sottolinea inoltre come la questione Rai sia altrettanto esplicativa del metodo di propaganda utilizzato dall'Esecutivo Renzi: "C'è un grande spazio per il ‘no' tra i cittadini. Ce n'è di meno nell'informazione, che è veramente controllata dopo l'occupazione brutale della Rai da parte del governo e la cacciata dei dissidenti, cosa che mi ha francamente colpito. Solo Berlusconi era arrivato a tanto". Insomma, tra D'Alema e la maggioranza del Partito Democratico continuano a essere piuttosto tesi i rapporti e chissà a ridosso della consultazione elettorale quali accuse si lanceranno le parti avverse.

Non ha lo stesso spirito combattivo di D'Alema, invece, l'ex ministro dello sviluppo economico Pierlugi Bersani, che nonostante non condivida la riforma costituzionale, appare più conciliante rispetto al collega di partito e dalla Festa dell'Unità di Firenze dichiara:  "L'Italia non mangia pane e referendum. Se noi politici e voi della stampa continuiamo a parlare solo di questo, vi segnalo che lo scollamento dalla gente aumenta. Il tema della riforma costituzionale non è il terzo problema, è il quarto, il quinto o il sesto", sottolineando come il vero problema della questione costituzionale rigardi invece la legge elettorale varata dal Governo Renzi: "Bisogna che in questi due mesi sia corretta la legge per l'elezione dei senatori e corretto l'Italicum, se no si prende un abbrivio che io ritengo un salto nel buio. Se c'è un errorino, un limite in una riforma costituzionale, lo puoi sempre correggere", conclude Bersani.


di Charlotte Matteini per "fanpage.it"

Policija na konferenciji za medije nije mogla da odgovori da li je Nemanja Medin živ. "Pretraga terena je rađena i biće nastavljena, jer mi nemamo tačan podatak da li je živ ili mrtav. Za sada imamo dovoljno podataka da je Medin otet, a kada budemo imali druge dokaze, možemo govoriti i o drugom krivičnom djelu", kazao je načelnik barske kriminalističke policije Ekan Jasavić odgovarajući na pitanja "Vijesti".......

Policija ne zna da li je Medin živUlama, Muhadinović, Vujačić i Mijović

FOTO: FACEBOOK



Policija na konferenciji za medije nije mogla da odgovori da li je Nemanja Medin živ.
"Pretraga terena je rađena i biće nastavljena, jer mi nemamo tačan podatak da li je živ ili mrtav. Za sada imamo dovoljno podataka da je Medin otet, a kada budemo imali druge dokaze, možemo govoriti i o drugom krivičnom djelu", kazao je načelnik barske kriminalističke policije Ekan Jasavić odgovarajući na pitanja "Vijesti".
Jasavić je objasnio da upravo iz tog razloga i pretražuju dno jezera sonarom. On je dodao da je utvrđen motiv otmice.
Tužiteljka Lepa Medenica kazala je da je krivična prijava podnijeta nakon vještačenja tragova pronađenih u automobilu nestalog Medina. Ona nije mogla da odgovori "Vijestima" da li su u kolima pronađeni DNK tragovi Ulame i Mijovića koji su osumnjičeni za otmicu.
Medenica je rekla da ne može kazati kako su se osumnjičeli branili u tužilaštvu, jer su njihova saslušanja u toku.
Barska policija, u saradnji sa podgoričkom policijom, je uhapsila Darka Mijovića (26) iz Podgorice koji se sumnjiči da je oteo Nemanju Medina. Policija za otmicu Medina sumnjiči i ranije uhapšenog Baranina Vladimira Ulamu.
Osim Mijovića, uhapšeni su i Cetinjanini Zoran Muhadinović (44) i Marko Vujačić zvani Kubanac (45) koji se sumnjiče za pomoć izvršiocima nakon izvršenog krivičnog djela, a za isto djelo se sumnjiči i ranije uhapšeni Bogdan Milić.
Muhadinović i Vujačić su uhapšeni u svojim kućama na Cetinju, a Mijović u svojoj kući u Podgorici. 
Nemanja Medin
Baranin Vladimir Ulama, koji je posljednji razgovarao sa Medinom, nedavno je uhapšen i određen mu je pritvor. Ulama se krio u kući Milića.
Medin je nestao 8. jula oko 17 sati i 30 minuta, nakon što je krenuo u pravcu Virpazara.  Vozio je bijeli "megan" koji je 12. jula pronađen zapaljen pored lokalnog puta Virpazar-Rijeka Crnojevića, u mjestu Jabukov do.
Podnijete krivične prijave zbog otmice Medina
Barska policija podnijela je krivičnu prijavu protiv pet osoba zbog sumnje da su oteli Nemanju Medina (24) iz Petrovca.
Načelnik Stanice kriminalističke policije Centra bezbjednosti (CB) Bar, Ekan Jasavić, saopštio je, na konferenciji za medije, da je barska policija, u koordinaciji sa Sektorom kriminalističke policije i po nalogu državnog tužioca u Višem državnom tužilaštvu u Podgorici, prikupila dokaze i činjenice koji ukazuju na sumnju da je na štetu nestalog Medina izvršeno krivično djelo (KD) otmica i podnijela nadležnom tužiocu podnijeli krivičnu prijavu protiv pet osoba.
Kako je kazao, dvije osobe osumnjičene su da su počinile KD otmica, a tri za KD pomoć učiniocu poslije izvršenog krivičnog djela. 
„Službenici CB Bar su dakle danas lišili slobode D.M. (25) iz Podgorice, zbog sumnje da je, na štetu Medina, počinio KD otmica, Z.M. (43) iz Cetinja i M.V. (44) iz Cetinja zbog sumnje da su počinili krivično djelo pomoć učiniocu nakon izvršenog KD“, saopštio je Jasavić.
Kako je kazao, krivičnom prijavom obuhvaćene su još dvije osobe koje se već nalaze u Zavodu za izvršenje krivičnih sankcija zbog drugog krivičnog djela (nedozvoljeno držanje oružja i eksplozivnih materija).
„Prijavom su obuhvaćeni V.U. (22) iz Bara, koji se sumnjiči da je, na štetu Medina počinio KD otmica, i B.M. (34) iz Cetinja, koji se sumnjiči da je počinio KD pomoć učiniocu nakon izvršenog krivičnog djela“, dodao je Jasavić.
Prema njegovim riječima, dokazi koje su policijski inspektori, u koordinaciji i po nalogu nadležnog tužioca, do sada prikupili ukazuju na osnov sumnje da su V.U. i D.M. izvršili otmicu Medina, čiji je nestanak prijavljen 9. jula ove godine i za kojim se traga, i da su njima dvojici, nakon otmice, pomoć pružili B.M, Z.M. i M.V.
Jasavić je podsjetio da je otac Medina 9. jula CB Budva prijavio nestanak svog sina za kojeg je naveo da se dan ranije, 8. jula, oko 16 sati udaljio iz porodične kuće u Petrovcu vozilom marke „Renault Megan“, bijele boje, budvanskih registarskih oznaka, i da se nakon toga nije vratio kući. 
Osumnjičeni D.M, Z.M. i M.V. su, uz krivičnu prijavu, privedeni državnom tužiocu Višeg državnog tužilaštva u Poddgorici.
Potraga za Medinom se nastavlja.




A2A-EPCG FOLLIA INVESTIMENTO FONDI PUBBLICI GETTATI AL VENTO........ Ministarstvo ekonomije ni u svojoj poslednjoj reakciji ne spori da ugovor sa A2A dozvoljava italijanskom partneru da proda 41,75% Elektroprivrede bilo kome, saopšteno je iz GP URA. "To ozbiljne države ne rade sa svojim najvrednijim privrednim resursom, već samo one koje su prepoznate po korupciji i organizovanom kriminalu. Prema tome, naša tvrdnja da EPCG mogu preuzeti i premijerovi najbliži rođaci, kumovi ili prijatelji ima čvrsto iskustveno, ali i formalno-pravno utemeljenje. Da li će se to stvarno desiti ako DPS-u i ovog puta prođe izborna krađa, ostavimo stručnoj i laičkoj javnosti da sama procijeni na osnovu iskustva sa ortačkom privatizacijom velikih preduzeća u Crnoj Gori. Nepotrebna su dodatna objašnjenja", navodi se u saopštenju.

URA odgovorila Ministarstvu: EPCG, naš najvrjedniji resurs, spremate za kumove

FOTO: IVAN PETRUŠIĆ



Ministarstvo ekonomije ni u svojoj poslednjoj reakciji ne spori da ugovor sa A2A dozvoljava italijanskom partneru da proda 41,75% Elektroprivrede bilo kome, saopšteno je iz GP URA.

"To ozbiljne države ne rade sa svojim najvrednijim privrednim resursom, već samo one koje su prepoznate po korupciji i organizovanom kriminalu. Prema tome, naša tvrdnja da EPCG mogu preuzeti i premijerovi najbliži rođaci, kumovi ili prijatelji ima čvrsto iskustveno, ali i formalno-pravno utemeljenje. Da li će se to stvarno desiti ako DPS-u i ovog puta prođe izborna krađa, ostavimo stručnoj i laičkoj javnosti da sama procijeni na osnovu iskustva sa ortačkom privatizacijom velikih preduzeća u Crnoj Gori. Nepotrebna su dodatna objašnjenja", navodi se u saopštenju.

Iz Ministarstva ekonomije juče je saopšteno da izjava bivšeg člana borda direktora EPCG po osnovu Sporazuma o fer izborima, koji je nedavno podnio ostavku na tu funkciju, Dejana Mijovića  nema utemeljenja ni u Ugovoru, ni u stvarnosti.

Mijović je kazao da će, ukoliko DPS pobijedi na predstojećim izborima, EPCG preuzeti premijerovi “najbliži rođaci, kumovi ili prijatelji.”

"Vlada nas ubjeđuje da treba da slavimo što ste do poslije izbora, do kraja decembra, potpisali ugovor sa A2A i izbjegli arbitražu. Nijeste odgovorili ni Građanskom pokretu URA, a ni javnosti, što ste ovim ugovorom poništili sve prethodne, po Crnu Goru bolje, ugovore. Oni su ostavljali mogućnost za siguran povrat 41,75% Elektroprivrede u naše ruke kroz kol opciju prodavca. Gotovo svi rezultati i indikatori upravljanja Elektrprivredom od strane A2A od 2009 godine su neosporno zasluživali negativno mišljenje i pravo na kol opciju prodavca", navodi se u saopštenju.

Iz GP URA je saopšteno da Vlada Crne Gore, njen premijer i ministri još uvijek nisu objasnili zašto su uopšte sklopili novi ugovor sa A2A kojim su mu dali mnogo veća prava i olakšice u odnosu na privatizacioni ugovor iz 2009 godine. "Da li su time željeli da nagrade partnera što nije ispunio nijedan uslov iz privatizacionog ugovora?"

"Recite javnosti koji je rezultat preporučio A2A za veličanje i hvalospjeve? Da li to što su umjesto ugovorom o upravljanju predviđenih 300 miliona eura profita ostvarili manje od 5 miliona? Da li to što su gubici na distributivnoj mreži 2014. godine bili 17,4%, umjesto ugovorenih maksimalnih 11% gubitaka? Da li to što A2A u svojstvu upravljača EPCG nije pozvao na odgovornost nijednog menadžera ili radnika zbog 200 miliona eura potrošene, a nenaplaćene struje? Da li je to broj i trajanje neplaniranih prekida u 35kV mreži ili su to investicije u ispunjavanje ugovorom predviđenih ekoloških standarda? Da li su to konsultantski ugovori od 20 miliona eura menadžera A2A koji su zavrijedili pažnju državnog tužioca i zbog kojih su hapšeni menadžeri A2A?  Da li su to podaci sa crne liste poreskih obveznika po kojima Rudnik uglja Pljevlja duguje državi 15,2 miliona eura neplaćenih poreza i doprinosa, a A2A je vlasnik 40% Rudnika? Zbog onemogućavanja pristupa navedenim podacima ovlašćenom kontroloru opozicije Dejanu Mijoviću, koji je ipak uradio odličan posao, zbog iskustva iz Afere Snimak, kao i indicija da se iza neopravdano visokih gubitaka kriju nečasne radnje i moguće izborne zloupotrebe, pozvali smo Specijalnog državnog tužioca da se zainteresuje za poslovanje EPCG. Raduje nas ako ministarstvo ekonomije podržava taj poziv i nadamo se da će to dodatno ohrabriti tužioca da što prije krene u akciju", zaključeno je u saopštenju GP URA.



Indian authorities lifted a 52-day-long curfew in Kashmir on August 29, but reimposed it hours later in most of Srinagar, the region's main city, after anti-India protests and clashes erupted in several neighborhoods. Residents threw stones at government forces and chanted slogans like "We want freedom" and "Go India, go back," and the police fired back with tear gas to stop them from marching in the streets, witnesses and police officers said.


India - A Kashmiri protestor throws a stone towards Indian government forces during clashes in Srinagar on August 29, 2016
India - A Kashmiri protestor throws a stone towards Indian government forces during clashes in Srinagar on August 29, 2016


Indian authorities lifted a 52-day-long curfew in Kashmir on August 29, but reimposed it hours later in most of Srinagar, the region's main city, after anti-India protests and clashes erupted in several neighborhoods. 
Residents threw stones at government forces and chanted slogans like "We want freedom" and "Go India, go back," and the police fired back with tear gas to stop them from marching in the streets, witnesses and police officers said.
Clashes between pro-Pakistan protesters and police were also reported in other areas, with at least eight civilians reported injured.
Authorities said they had decided to lift the curfew over much of the region in an attempt to de-escalate what has become the worst violence in the region since 2010.
At least 68 civilians have been killed and thousands injured since protests broke out in July, mostly by government forces firing bullets and shotguns at rock-throwing protesters. Two policemen have been killed while hundreds of government forces have been injured in the clashes. 
The curfew and other crackdown measures had failed to halt the protests, triggered by the killing of a popular rebel commander on July 8.
Tens of thousands of people have defied security restrictions and clashed with government forces on a daily basis seeking an end of Indian rule.
Kashmir is divided between India and Pakistan and claimed by both. Most Kashmiris want an end to Indian rule and favor independence or a merger with Pakistan.
Several armed separatist groups have for decades fought the 500,000 Indian soldiers deployed in the territory.
The latest protests began after the killing of one rebel group's leader, Burhan Wani of the Hizbul Mujahideen, in a gunbattle with soldiers.
Since the armed rebellion against Indian rule began in 1989, tens of thousands of civilians have died in the fighting.
With reporting by AP, AFP, and dpa

Iranian state media reports say a retired Islamic Revolutionary Guards Corps (IRGC) general has been killed while battling against Islamic militants in northern Syria. The Fars news agency, which is closely affiliated with the IRGC, reported on August 31 that General Ahmad Gholami was killed on August 30 while fighting against Sunni militants in Aleppo.

Iranian state media reports say a retired Islamic Revolutionary Guards Corps (IRGC) general has been killed while battling against Islamic militants in northern Syria. 
The Fars news agency, which is closely affiliated with the IRGC, reported on August 31 that General Ahmad Gholami was killed on August 30 while fighting against Sunni militants in Aleppo.
The report did not specify whether Gholami was killed by Islamic State militants or U.S.-backed Sunni rebels who are fighting against forces of Iranian-backed Syrian President Bashar al-Assad’s regime.
The report described Gholami as a "volunteer" who was serving in Syria as a "military adviser" to Syrian government forces.
Tehran denies that any of its professional soldiers are active in Syria, insisting its commanders and generals there act purely as volunteer military advisers.
Iranian media has previously reported that "hundreds" of “military advisers” and “volunteers” from Iran have been killed in Syria in recent years.
Based on reporting by AFP and Fars

Acourt in Russia's Tatarstan region has jailed a member of an Islamist group on charges of robbery and stealing a gun. Russia's Federal Security Service (FSB) office in Tatarstan said on August 31 that a court in the city of Alabuga found Albert Ilyin guilty on the charges and sentenced him 8 1/2 years in prison.

Acourt in Russia's Tatarstan region has jailed a member of an Islamist group on charges of robbery and stealing a gun. 
Russia's Federal Security Service (FSB) office in Tatarstan said on August 31 that a court in the city of Alabuga found Albert Ilyin guilty on the charges and sentenced him 8 1/2 years in prison.
Ilyin was a member of so-called Rybno-Sloboda Jamaat, a militant Islamist group in Tatarstan that previously had links with the self-proclaimed Caucasus Emirate (Imarat Kavkaz) in Russia's North Caucasus.
Russian authorities say that Rybno-Sloboda Jamaat members were responsible for seven attacks and attempted five failed attacks that used explosives on critical infrastructure.
The attacks targeted electricity lines, power stations, and natural gas pipelines in Tatarstan and in neighboring regions of Russia.
The group's leader Albert Galiyev was sentenced to 22 years in prison earlier in 2016.
Based on reporting by tatar-inform.ru and Interfax

Princess Anne has paid tribute to the United Kingdom's "shared history" with Russia 75 years after the arrival of the first Arctic convoys from Britain at the northern port city of Arkhangelsk during World War II. Wearing naval uniform, Princess Anne, daughter of Queen Elizabeth II, told veterans at an August 31 ceremony held in Arkhangelsk that they "played a crucial role in the victory over Nazism."


The United Kingdom's Princess Anne (center) attends a wreath-laying ceremony commemorating the 75th anniversary of the arrival of the first allied Arctic convoy, codenamed Operation Dervish, at the Russian port of Arkhangelsk during World War II.
The United Kingdom's Princess Anne (center) attends a wreath-laying ceremony commemorating the 75th anniversary of the arrival of the first allied Arctic convoy, codenamed Operation Dervish, at the Russian port of Arkhangelsk during World War II.


Princess Anne has paid tribute to the United Kingdom's "shared history" with Russia 75 years after the arrival of the first Arctic convoys from Britain at the northern port city of Arkhangelsk during World War II. 
Wearing naval uniform, Princess Anne, daughter of Queen Elizabeth II, told veterans at an August 31 ceremony held in Arkhangelsk that they "played a crucial role in the victory over Nazism."
During the ceremony, veterans holding red carnations sat in front of Arkhangelsk's Eternal Flame war memorial as Russian officials and senior diplomats from the Allied countries gave speeches.
Between 1941 and 1945, nearly 80 allied Arctic convoys brought more than 4 million tons of provisions and munitions to the U.S.S.R.
More than 1,400 merchant ships and naval vessels participated in the convoys to the Russian Arctic ports of Arkhangelsk and Murmansk, braving harsh weather conditions and German attacks.
More than 3,000 lives were lost by the time the war ended.
Based on reporting by AFP and Interfax

Russia is planning to hold a two-day competition next week for its Paralympic squad banned from Rio, the country's Paralympic Committee head has said. R-Sport news agency quoted Vladimir Lukin as saying a series of tournaments for the country's Paralympic athletes are to be held on September 7-8 at training bases in the Moscow region.

Russian Paralympic Committee President Vladimir Lukin (file photo)
Russia is planning to hold a two-day competition next week for its Paralympic squad banned from Rio, the country's Paralympic Committee head has said. 
R-Sport news agency quoted Vladimir Lukin as saying a series of tournaments for the country's Paralympic athletes are to be held on September 7-8 at training bases in the Moscow region.
The International Paralympic Committee (IPC) has barred the entire Russian Paralympic team from competing in Rio, after an investigation found that Moscow ran a state-sponsored sports doping program.
The Court of Arbitration for Sport last week dismissed an appeal against the ban, and Russia has appealed to a Swiss court against the ruling.
And Switzerland's highest court rejected on August 31 the Russian Paralympic Committee's request for an interim ruling overturning the ban, saying the body did not demonstrate it had fulfilled all its obligations to anti-doping rules.
The Rio Paralympics runs from September 7-18.
Russia's Olympic squad narrowly escaped a total ban from the Rio Olympics, which ended on August 21, but nearly 120 Russian athletes were barred from competing over doping allegations.
Based on reporting by R-Sport and AFP

GIUSTIZIA INFAMANTE....... “Mentre sono fumanti le macerie di Amatrice e delle aree massacrate dal terremoto, a L’Aquila i Signori delle Catastrofi stappano lo champagne. È fissata per il 6 ottobre, infatti, la fatidica data per la prescrizione salvatutti. La ormai consueta – e super praticata – prassi della giustizia di casa nostra, che uccide per una seconda volta le vittime, calpesta la memoria, fa a brandelli quel po’ che resta di senso delle Stato. E allo stesso tempo fa brindare, appunto, chi specula e costruisce le sue fortune su morti e disgrazie altrui. Cin cin.”

Foto scuola Amatrice crollata
La scuola di Amatrice, restaurata nel 2012, è crollata nel 2016.


Cosa resta della scuola di Amatrice, restaurata nel 2012 secondo le norme antisismiche? Basta guardare la foto in apertura per capire che più di qualcosa non va. Che solo la chiusura estiva ha evitato un’altra tragedia come quella di San Giuliano di Puglia, dove persero la vita 27 bambini.
La scuola di San Giuliano di Puglia, crollata il 31 ottobre 2002
La scuola di San Giuliano di Puglia, crollata il 31 ottobre 2002
Come scrive Chiara Ronzani per Radio Popolare, nel cortile della scuola, esattamente davanti alle macerie, un cartello illustra i lavori fatti quattro anni fa:
“Una massiccia opera di ristrutturazione consistente soprattutto nell’adeguamento della vulnerabilità sismica…. La sontuosa opera realizzata in poco più di tre mesi dall’impresa Consorzio Stabile Valori di Roma…Euro 511.297,68 più IVA”.
Chi ha costruito la scuola di Amatrice
Ecco chi ha ristrutturato la scuola di Amatrice…
Stendiamo un velo pietoso sull’impresa costruttrice – chi vuole maggiori info può leggere l’inchiesta di Sudpress – e concentriamoci su un altro aspetto. Legato all’efficienza (o meno) di uno Stato che non solo non protegge i suoi cittadini, lasciando che gli appalti finiscano in mano ad aziende sospette, ma li umilia negando loro giustizia.
Chi vive ad Amatrice, oggi, spera che la giustizia faccia il suo corso. Chi ha visto crollare quella scuola spera che i colpevoli, se ce ne sono, di lavori effettuati male vengano perseguiti.

IL PRECEDENTE DELL’AQUILA: TUTTI PRESCRITTI

Palazzo del Governo crollato a L'Aquila
Palazzo del Governo crollato a L’Aquila
Purtroppo, però, c’è un precedente inquietante che non lascia ben sperare. E lo rivela Andrea Cinquegrani per La Voce delle Voci.
“Mentre sono fumanti le macerie di Amatrice e delle aree massacrate dal terremoto, a L’Aquila i Signori delle Catastrofi stappano lo champagne. È fissata per il 6 ottobre, infatti, la fatidica data per la prescrizione salvatutti. La ormai consueta – e super praticata – prassi della giustizia di casa nostra, che uccide per una seconda volta le vittime, calpesta la memoria, fa a brandelli quel po’ che resta di senso delle Stato. E allo stesso tempo fa brindare, appunto, chi specula e costruisce le sue fortune su morti e disgrazie altrui. Cin cin.”
Il tribunale lumaca dell’Aquila, infatti, registra in dibattimento 19 processi, relativi a 19 crolli di quel tragico 6 aprile 2009 che causò 309 vittime e distrusse intere comunità.
Come fa notare un avvocato abruzzese, che ha scelto l’anonimato per ovvie ragioni:
“In dibattimento significa che ben pochi, praticamente nessuno, per ottobre raggiungeranno una sentenza che è poi di primo grado. Quindi totale colpo di spugna per i ‘presunti’ colpevoli. Se poi qualcuno non dovesse farcela, già con l’appello finisce tutto in gloria e la Cassazione diventa un passatempo. Sembra davvero un meccanismo scientifico. Costruito apposta per negare giustizia e dare un passaporto di totale impunità per chi commette reati. E anche, visto l’andazzo, per chi ha intenzione di commetterne nel presente e in futuro. Può tranquillamente rischiare quel pochissimo perché ha dalla sua i tempi di questa giustizia ormai non più tale. A questo punto, le pochissime sentenze andate in porto, come ad esempio quella per i 4 tecnici coinvolti nella tragedia della Casa dello studente crollata, non fanno certo primavera…”.

L’ALLARME INASCOLTATO

Cinquegrani ricorda che a suonare un timido campanello d’allarme, il 31 gennaio 2016, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, ci aveva pensato Romolo Como, Avvocato Generale presso la Corte d’Appello dell’Aquila e Procuratore Generale facente funzione:
Romolo Como
Romolo Como
Non sono ad oggi definitive le sentenze che hanno trattato profili di colpa professionale per la costruzione, manutenzione e controllo degli edifici crollati. Mi auguro che non vi siano ritardi per non dover arrivare alla prescrizione”.
Immaginate che la procura aquilana abbia mai iniziato una vera e propria inchiesta sui reali motivi dei crolli prima, e sugli affari del post sismapoi, ben conditi da faccendieri e camorra, come il clan dei Casalesi? Nessuna notizia. Solo buchi nell’acqua. Flop. O finte indagini.
Un altro legale molisano commenta:
“Sono stati aperti almeno 200 fascicoli giudiziari all’epoca del procuratore capo Alfredo Rossini. Ma tutti relativi a singoli episodi, senza una contestualizzazione. Singoli episodi che nella gran parte ora finiscono in beata prescrizione, perché sono dovuti a imputazioni di carattere tecnico. E che certamente non superano i 7 anni e mezzo, il limite massimo oltre il quale poi arriva la manina della Provvidenza…”.
da "infiltrato.it"

CI SIAMO VENDUTI PER UN PIATTO DI LENTICCHIE - L’ITALIA CONCESSE ALLA APPLE LA SANATORIA FISCALE IN CAMBIO DI UN CENTRO DI SVILUPPO PER APP IN CAMPANIA - MA IL GRUPPO DI CUPERTINO NON CREERA’ QUEI 600 NUOVI POSTI DI LAVORO ANNUNCIATI DA RENZI – SI TRATTA DI CORSI SPECIALIZZATI PER STUDENTI IN COLLABORAZIONE CON LE UNIVERSITA’ LOCALI


DAGOREPORT
tim cook matteo renzi palazzo chigiTIM COOK MATTEO RENZI PALAZZO CHIGI 

Sapete quale sarà l’unico paese europeo che non vedrà alcun ritorno (monetario) dalla maximulta (13 miliardi) che l’antitrust di Bruxelles ha inflitto alla Apple? L’Italia del cazzaro Renzi che qualche mese fa ha chiuso generosamente il contenzioso fiscale con la società di Cupertino con la miseria di 318 milioni di euro su 880 evasi. “appena il 2,3% del totale da ieri dovuto dall’azienda sui suoi fatturati in Europa”, osserva Federico Fubini sul Corriere della Sera. Per poi chiedersi:”Ma on era più saggio aspettare la mossa di Bruxelles?”. Ah saperlo!
tim cook matteo renzi palazzo chigiTIM COOK MATTEO RENZI PALAZZO CHIGI

Di sicuro c’è che nel suo recente viaggio a Roma, il ceo Tim Cook ha barattato il supersconto fiscale ottenuto dall’Italia renziana con l’annuncio dell’apertura di un centro di sviluppo per App in Campania che - secondo la bufala diffusa poi da palazzo Chigi – avrebbe creato 600 nuovi posti di lavoro”. Mentre, come ha precisato l’Apple, si tratta soltanto di un corso per studenti in collaborazione con l’università locale.

Il regista Paul Blake è riuscito a gettare luce su alcune delle 225 bande che operano nella capitale inglese, dando la telecamera agli “interni”. Non si sono mai incontrati di persona. Lui ha lasciato l’attrezzatura a determinati appuntamenti, in zone senza circuito di sicurezza, in modo che nessuno vedesse chi andava e veniva. Poi è tornato a recuperare i filmati, senza sapere quali immagini contenessero. Si vedono armi e stupefacenti di serie A, ragazzini che si infilano capsule di droga negli orifizi per sfuggire alla polizia.



documentario ganglandDOCUMENTARIO GANGLAND
Il nuovo documentario “Gangland: Turf Wars” (in onda su “Channel 5” in due episodi, 1 e  8 settembre) racconta la vita delle gang più brutali di Londra, attraverso filmati girati dagli stessi giovani membri, talvolta dodicenni.

Il regista Paul Blake è riuscito a gettare luce su alcune delle 225 bande che operano nella capitale inglese, dando la telecamera agli “interni”. Non si sono mai incontrati di persona. Lui ha lasciato l’attrezzatura a determinati appuntamenti, in zone senza circuito di sicurezza, in modo che nessuno vedesse chi andava e veniva. Poi è tornato a recuperare i filmati, senza sapere quali immagini contenessero. Si vedono armi e stupefacenti di serie A, ragazzini che si infilano capsule di droga negli orifizi per sfuggire alla polizia.
ai funerali dei ragazzini delle gang inglesiAI FUNERALI DEI RAGAZZINI DELLE GANG INGLESI

Ha lavorato alle relazioni con le gang di strada per una decina di anni: «Sono nero e nato in questo paese, stufo del fatto che nessuno si occupi di questi ragazzini senza volto che muoiono e delle loro famiglie. Potrebbero essere i nostri figli». Nel 2015 ha avviato il progetto. Mentre riprendeva, due giovani sono finiti in prigione e ad un altro gli hanno sparato, così, per continuare, ha pensato di dare la telecamera direttamente a loro.
maschere ispirate a the purgeMASCHERE ISPIRATE A THE PURGE

Si nascondono dietro passamontagna o maschere ispirate al film horror “The Purge- La notte del giudizio”, parlano delle loro motivazioni e aspirazioni, e forse è più scioccante di quando agitano le pistole. Nel video ci sono anche quelli che non appartengono alla gang ma ci gravitano attorno, e sono quelli che in genere muoiono prima, vedi i rapper Showkey e Myron Yarde, entrambi sedicenni e protagonisti del documentario. La violenza delle gang a Londra l’anno scorso è aumentata del 23%. Finché non si ammette che esiste un problema, la spirale di violenza continuerà.


Hannah Ellis-Petersen per The Guardian
ragazzini armati in ganglandRAGAZZINI ARMATI IN GANGLANDpartite di droga in ganglandPARTITE DI DROGA IN GANGLAND

Negli ultimi cinque anni la Polizia Stradale ha registrato un incremento di auto con targa estera in giro per le strade italiane. Soprattutto targhe bulgare. Non è un nuovo fenomeno migratorio ma l'escamotage organizzato nella penisola balcanica per essere immuni da multe, autovelox, tutor, limiti di velocità, zona a traffico limitato e quant'altro disciplina il codice della strada. Una sostanziale impunità. Ma anche un metodo per risparmiare su polizza assicurativa e bollo di circolazione (con risparmi che possono arrivare anche all'85%)..........






Auto italiane con targa bulgareAUTO ITALIANE CON TARGA BULGARE

Negli ultimi cinque anni la Polizia Stradale ha registrato un incremento di auto con targa estera in giro per le strade italiane. Soprattutto targhe bulgare. Non è un nuovo fenomeno migratorio ma l'escamotage organizzato nella penisola balcanica per essere immuni da multe, autovelox, tutor, limiti di velocità, zona a traffico limitato e quant'altro disciplina il codice della strada. Una sostanziale impunità. Ma anche un metodo per risparmiare su polizza assicurativa e bollo di circolazione (con risparmi che possono arrivare anche all'85%).

Nella quasi totalità dei casi a guidare queste vetture non sono cittadini bulgari ma italiani. Il fenomeno si innesta in un trand in crescita negli ultimi dieci anni. La società Nivi credit srl che si occupa del recupero del credito per conto di circa quattrocento comandi di Polizia Municipale ha calcolato che negli ultimi nove anni quasi quattro milioni di verbali hanno riguardato le targhe straniere. Più della metà sono auto provenienti da autonoleggi.
Auto italiane con targa bulgareAUTO ITALIANE CON TARGA BULGARE

Nell'ultimo anno disponibile, il 2015, dei 740mila verbali non pagati ben 21994 si riferivano a vetture targate Bulgaria. Accanto alla compravendita di auto provenienti effettivamente dalla Bulgaria, negli anni si è strutturata una rete di intermediari che propongono il cambio della targa di una vettura italiana.

Pagando la somma una tantum di 1500 euro l'automobilista italiano si garantisce che la propria auto sia esportata in Bulgaria, reimmatricolata all'estero e portata nuovamente in Italia.  Dopodiché pagherà le tasse in Bulgaria e sarà praticamente inesistente al fisco nostrano. L'inconveniente è che il proprietario del veicolo diventa quasi sempre una società di Sofia o dintorni.
Auto italiane con targa bulgareAUTO ITALIANE CON TARGA BULGARE

Al momento della vendita gli intermediari parlano di «passaggio di proprietà» ma non è così. Si tratta solo di una «…delega a guidare e utilizzare sul territorio nazionale» la vettura reimmatricolata. Nel caso si tratti di una nostra auto a cui abbiamo «convertito» la targa è come se prendessimo a noleggio la nostra stessa automobile. Che deve avere necessariamente un intestatario bulgaro che firma la delega. Quasi sempre è socio unico di una società a responsabilità limitata. Infatti, tra le varie cose che gli intermediari si preoccupano di procacciare, c'è anche la testa di legno a cui verranno recapitati verbali e multe. O sarebbe meglio dire «non verranno recapitati» viste le difficoltà di notifica riscontrate dalle autorità italiane.

Auto italiane con targa bulgareAUTO ITALIANE CON TARGA BULGARE
«Pur essendo corretta la procedura italiana di inviare i verbali tramite Interpol o consolati questi vengono puntualmente disattesi - conferma il dirigente della Polizia Stradale per la Campania e il Molise Giuseppe Salomone -. Iniziare un'attività con Equitalia in un paese straniero è praticamente impossibile». Il risultato è che l'auto bulgara potrà circolare ignorando il codice della strada senza mai rischiare il fermo amministrativo soprattutto se l'infrazione non verrà contestata immediatamente.

sofia bulgariaSOFIA BULGARIA
Del resto lo dice chiaro uno degli intermediari che contattiamo a Napoli fingendoci interessati al sistema: «Faglielo fare il verbale, non ti preoccupare. Quando il vigile se ne va tu prendi il verbale e lo stracci senza problemi». Si chiama Dimitri, è bulgaro, lavora come garzone in un negozio di frutta e verdura. Ma su internet pubblicizza la convenienza del cambio targa: «Ero stanco di pagare contravvenzioni ogni settimana, ho trovato la soluzione».

Ci mostra la mazzetta di multe da pagare, almeno due a settimana, la maggior parte per divieto di sosta ed eccesso di velocità. Mentre ci spiega come funziona ci indica tutte le auto che ha provveduto a reimmatricolare. «La vedi quella Renault che sta passando? L'ho venduta la settimana scorsa a un avvocato italiano… Anche quell'altra parcheggiata davanti al supermercato… tutti clienti italiani».
aeroporto di sofia bulgariaAEROPORTO DI SOFIA BULGARIA

La situazione si complica in caso di incidenti. Ci garantisce che l'assicurazione (bulgara anch'essa) garantisce il sinistro ma «meglio pagare di tasca propria ed evitare accertamenti. Tu non contestare e paga subito, in questo modo eviti anche che possano fare controlli sull'intestazione del veicolo». Tra l'altro la delega è nominale, cioè se sul documento non c'è il vostro nome non vi sarà possibile mettervi alla guida né potrete prestarla ad amici o familiari. La rete è diffusa in tutta Italia. A Pisa, ad esempio, incontriamo un ragazzo rumeno che offre gli stessi servizi. Il suo contatto è un bulgaro che periodicamente gli fornisce le auto da piazzare. Che vanno letteralmente a ruba.

sofia bulgariaSOFIA BULGARIA
Durante il nostro incontro riceve una telefonata da Foggia. «E' un ragazzo italiano interessato, mi ha chiesto di mettergliela da parte. Sarebbe disposto a venire a prendersela fino a Pisa». Ma se nel Sud Italia questa pratica è diffusa soprattutto a causa degli elevati costi assicurativi, al Nord ricorrono alla targa straniera soprattutto le società. «Si tratta in particolar modo di aziende che hanno già una sede all'estero e intestano i loro veicoli a queste società per evitare i costi delle infrazioni» sottolinea Salomone.

Per ogni nuova immatricolazione un intermediario guadagna circa cento euro, il resto (1400 euro circa) va all'organizzazione. Diventano trecento se si accetta di fare documenti falsi. In questo caso l'auto non viene portata in Bulgaria. La targa viene distrutta e se ne fabbrica un'altra bulgara. Falsi sono anche assicurazione e bollo auto. E c'è una organizzazione specializzata persino nella falsificazione delle revisioni, che per i veicoli immatricolati all'estero devono essere eseguite nello stato di appartenenza.


Antonio Crispino per “www.corriere.it

Circa metà degli uomini e della donne britanniche fa sesso mediocre, secondo un nuovo studio condotto su oltre 2000 persone tra i 16 e i 21 anni. Il 44% delle donne e il 34% degli uomini ha avuto un problema sessuale durato almeno tre mesi, nell’ultimo anno. Il problema più comune riscontrato nelle donne è che non riescono a raggiungere l’orgasmo (6%), seguito da una perdita di interesse per il sesso (5%).....





orgasmo femminile dura molto piu di quello maschileORGASMO FEMMINILE DURA MOLTO PIU DI QUELLO MASCHILE
Circa metà degli uomini e della donne britanniche fa sesso mediocre, secondo un nuovo studio condotto su oltre 2000 persone tra i 16 e i 21 anni.

Il 44% delle donne e il 34% degli uomini ha avuto un problema sessuale durato almeno tre mesi, nell’ultimo anno. Il problema più comune riscontrato nelle donne è che non riescono a raggiungere l’orgasmo (6%), seguito da una perdita di interesse per il sesso (5%).

EIACULAZIONE PRECOCEEIACULAZIONE PRECOCE 
Il problema più ricorrente negli uomini invece è che raggiungono l’orgasmo troppo in fretta (5%) e non riescono a mantenere l’erezione (3%). Le percentuali sembrano basse a prima vista, ma riguardano i giovani, il che è più preoccupante.
EIACULAZIONE PRECOCEEIACULAZIONE PRECOCE EIACULAZIONE PRECOCEEIACULAZIONE PRECOCE orgasmo femminileORGASMO FEMMINILE


martedì 30 agosto 2016

Nel “Porno Gif” una persona vede subito l’attraente bionda che guarda nell’obiettivo mentre tira giù i pantaloni dell’uomo, ma un computer vede solo il ritratto di una ventenne con la testa inclinata, seduta in una stanza, con un dipinto alle spalle.....




orgia secondo il computerORGIA SECONDO IL COMPUTER
Daniela Hernandez per “Fusion”

Nel “Porno Gif” una persona vede subito l’attraente bionda che guarda nell’obiettivo mentre tira giù i pantaloni dell’uomo, ma un computer vede solo il ritratto di una ventenne con la testa inclinata, seduta in una stanza, con un dipinto alle spalle.

tartarughe pornTARTARUGHE PORN
Qualche tempo fa Samim Winiger, CEO della “2Beats”, ha postato un migliaio di immagini porno per mostrare come funziona l’intelligenza artificiale. Gli uomini riconoscono gli oggetti facilmente, ma la visione del computer è totalmente diversa. Ogni volta che facciamo una ricerca di foto su “Google” o sullo smartphone, peschiamo nella gigantesca rete neurale, un software che simula il funzionamento del cervello umano dotato di una eccezionale capacità di apprendimento degli schemi. Viste dagli occhi del computer, le immagini porno sono per noi irriconoscibili, perché l’algoritmo non sa cosa diavolo stia guardando. E’ una specie di vergine.
falli e vagine viste dal computerFALLI E VAGINE VISTE DAL COMPUTER

La rete neurale può identificare correttamente le cose solo se prima le ha viste molte volte e se ha ricevuto spiegazioni di cosa siano. Sebbene il porno abbondi sul web, è ancora difficile trovare buone rilevazioni di clitoridi e falli. In futuro gli scienziati sperano che l’intelligenza artificiale sia in grado di generare i suoi contenuti creativi, su richiesta dell’utente. E forse potremo farci i nostri video porno, mettendoci dentro celebrità virtuali o la ragazza della porta accanto.
cosi il computer vede il pornoCOSI IL COMPUTER VEDE IL PORNO