yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: 2017

video

Loading...

lunedì 26 giugno 2017

How would Western media have responded if it was reported that it was 'highly likely’ that US air strikes had killed the head of ISIS? We’d have been told, of course, how it proved that the US was the ’greatest nation on earth.' We'd also be reminded how grateful we should be that America - aka ‘The World’s Policeman’ - always went after - and got - ‘the bad guys.'.....

Just imagine… if the US (not Russia) had reportedly killed ISIS leader


How would Western media have responded if it was reported that it was 'highly likely’ that US air strikes had killed the head of ISIS?  We’d have been told, of course, how it proved that the US was the ’greatest nation on earth.' 
We'd also be reminded how grateful we should be that America - aka ‘The World’s Policeman’ - always went after - and got - ‘the bad guys.'
Then there would be those ‘We Came, We Saw, He Died'-style comments from leading US politicians. Donald Trump would be boasting about the killing for the rest of his life.

al-Baghdadi vs. Osama bin Laden - spot the difference

But Abu Bakr al-Baghdadi, the head of ISIS, was reportedly killed by Russian airstrikes, not US ones, so there hasn’t been much fuss made. In fact, many leading pundits and commentators didn’t even bother to tweet the news.
It’s revealing to compare the low-key coverage of the al-Baghadi story to the great fanfare which greeted the news that Osama bin Laden had reportedly been killed by US Navy SEALs in Pakistan in 2011. Then, large crowds - waving the stars-and-stripes - gathered in Times Square and other US cities to celebrate. Former President George W. Bush hailed a "momentous achievement." NATO Secretary Rasmussen lauded a "significant success." The media was equally euphoric. 'Got Him! Vengeance at last - US nails the bastard,' was the splash on the New York Post. ‘Justice has been done - US Forces kill Bin Laden,’ announced the Washington Post. ‘Rot in Hell’! Osama bin Laden killed in secret attack by US forces,’ exclaimed the Toronto Sun.
The headlines surrounding the killing of the head of ISIS, by contrast, have been rather more muted - and skeptical. ‘Russia claims to have killed ISIS leader,’ says Newsweek. ‘Little proof to back Russian claims they killed al-Baghdadi in air-strike,’ declared the Toronto Sun. ‘White House casts doubt on Russia’s claims it killed ISIS leader,’ reported Politico in an article that - surprise, surprise - made it straight to al-Baghdadi’s Wikipedia page.
Although it's true that we still don’t have physical evidence that the ISIS head honcho was killed in a Russian airstrike, it's worth pointing out that we never actually saw physical evidence of Osama bin Laden’s death either.
But it was the US government which claimed to have killed him, so skepticism did not feature in the newspaper headlines. In fact, any doubting of the official narrative in 2011 would have seen you dismissed as a crazy conspiracy theorist. If Uncle Sam says something is true, well, we are all expected to believe it. It’s all very different though if someone else claims to have killed the ‘bad guy’- particularly if the country in question is an ‘Official Enemy‘. Russia killing the head of ISIS doesn't fit the State Department-friendly narrative. So let’s either rubbish it or ignore it.

No need to hurry Theresa - we’re on your side!

Just imagine… if Labour had been the largest party in the House of Commons following the UK election on 8th June, but was nine seats short of a majority. And that Labour leader Jeremy Corbyn had then spent over two weeks trying to do a deal with the Irish Republican party Sinn Fein - who traditionally don’t take their seats in Westminster - to enable him to form a government. We can be sure that the pressure from the Establishment on Corbyn to step aside and let Tory leader Theresa May try and form a government would have been unrelenting. Elite pundits would be on TV 24/7 telling us that Corbyn attempts to form ‘a coalition of chaos’ was endangering our democracy.
But it’s Theresa May who has spent over two weeks desperately trying to get an agreement with a Northern Irish political party (the DUP), and there’s been no great pressure on her to ‘get a move on.’ It’s more a case of ’Take your time Theresa, whenever you’re ready.’  The Establishment is not always this indulgent of Prime Ministers trying to hang on to power following a loss of seats in a General Election. When Labour Prime Minister Gordon Brown lost his majority in the 2010 general election he was told in no uncertain terms that he had to step down with immediate effect ‘for the good of the country.'
"In the space of five tumultuous days, Britain has gone from democracy as we know it to the brink of dictatorship," declared an editorial in the Sun newspaper as the ‘squatter’ Gordon Brown hung on. Other commentators accused Brown of trying to carry out a ‘coup’.
While it’s true that Brown polled a significantly lower share of the vote to May (29 percent to 42.3 percent) they were both Prime Ministers who lost their majority, but who still, post-election, had the possibility of staying on if they were able to pull off deals with other parties. But their treatment was very different. As Corbyn’s would have been - and indeed will be - if he finds himself in the same position as May next time.

'Target states bring terrorism upon themselves'

Just imagine... if there had been deadly ISIS attacks on Capitol Hill and the Lincoln Memorial in Washington, killing 13, and the Iranian President had issued a statement in response that declared, "we underscore that states that sponsor terrorism risk falling victim to the evil they promote... "
Elite newspapers would, I’m sure, be full of 'outraged' opeds saying that the comments showed the 'moral depravity of the Iranian regime.' Yet President Trump published those comments following ISIS attacks on the Tehran parliament and the tomb of Ayatollah Khomeini and no one in the mainstream seemed particularly outraged - not even professional Trump-bashers.
What made his comments even more shocking is that Iran has been fighting ISIS terrorism in Syria. But of course we can’t really big that up, can we, as it goes against the neocon narrative of Iran being "the world’s number one sponsor of terrorism."
‘Target states’ like Iran can never be the innocent, undeserving victims of terrorist attacks, even when they clearly are. It’s also worth remembering that when the US was hit by the 9/11 attacks in 2001, the Iranian leadership strongly condemnedthe act of terrorism and candlelight vigils for the victims were held throughout the country. There was no talk of the US falling victim to an 'evil' which they had 'promoted.’ 

US shooting down YOUR planes inside YOUR own country is self-defense!

Just imagine… if the Syrian government and its allies had spent the past six years funding, backing and training anti-government radical Islamist 'rebels' in the US. Then the Syrian Air Force had started bombing the US and unilaterally declared its own 'De-Confliction Zones’ on American territory to protect its ‘assets’ on the ground. After this, a US fighter jet that was attacking what the US government called 'terrorists' in Texas was shot down by the Syrian forces. Would the action be called 'self-defense'?
 And if the US- and its allies- then said they would treat Syrian jets bombing the US as potential targets- would they be cast as the aggressors? I think not. But if we reverse the two countries around this is exactly what the US has been doing in Syria. They’re illegally bombing a sovereign state-but then say they’re acting in ’self-defense’ when that country’s military takes action  over its own territory.  The imperial arrogance is off the scale, but we’re meant not to notice.

Don’t mention who’s arming the war! (if the ‘good guys’ are responsible) 

Just imagine… if ‘the world’s worst cholera outbreak’ had broken out in a country which a close Russian ally had been bombing back to the Stone Age for over two years? And that the close Russian ally had been armed, trained and given logistical support by Russia. Don’t you think the Kremlin involvement would have been mentioned in this report here?

But Yemen has, since 2015, been under assault from a Saudi-led coalition, which has been been given every kind of assistance by the UK and US.
And because ‘we’ in the west are always ‘the good guys’ our responsibility for the human catastrophe in Yemen can’t be mentioned, in the same way as the UK/US role in transforming Libya into a terrorist-ridden failed state is also taboo. 

Strange silence of the anti-censorship brigade

Just imagine… if Russia, or Iran, gave the tiny country of Qatar a 10-day ultimatum to agree to 13 demands, which included taking the international broadcaster Al Jazeera off air and Qatar changing its foreign policy. That’s after Russia or Iran had imposed and got others to agree to a diplomatic and trading embargo on Qatar.
Popular Media pretty quiet as the west's best friend demands closure of @AlJazeera. Imagine the outrage if Russia pulled a similar stunt? https://twitter.com/ajplus/status/878221588549611520 
We can be sure that this obnoxious, bullying behavior would have made headlines around the world, and led to widespread condemnation as well as calls for military action against Moscow or Tehran.
But it's that very close Western ally Saudi Arabia giving the ultimatum to Qatar, so there's silence. Let's keep shtum about the ’threats to media freedom,’ and carry on tweeting our attacks on RT, shall we? 

da "rt.com"

Iran has called the Saudi-led economic siege of Qatar unacceptable and has called for dialogue to solve the diplomatic crisis. As long as the Gulf stalemate continues, Tehran has promised to provide air, sea and land support to its “brother” country....

‘Qatar siege, intimidation & sanctions’ unacceptable for Iran – Rouhani


Iran has called the Saudi-led economic siege of Qatar unacceptable and has called for dialogue to solve the diplomatic crisis. As long as the Gulf stalemate continues, Tehran has promised to provide air, sea and land support to its “brother” country.
“Pressure, intimidation, and sanctions cannot be suitable solutions to possible disagreements among regional countries,” Iranian President Hassan Rouhani told Qatari Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani on Sunday in a telephone conversation, Mehr news agency reports.
Accusing Qatar of supporting terrorism, Saudi Arabia, the United Arab Emirates, Egypt and Bahrain cut ties with Doha on June 5. On June 22, Kuwait delivered a list of 13 demands that it said Qatar must fulfil within 10 days for the blockade to be lifted. Among the key points of the ultimatum is the demand to cut ties with Iran.
While the Qatari Foreign Ministry has yet to issue an official reply, the director of the government’s communications office, Sheikh Saif Al-Thani, called the Gulf States’ demands “unrealistic” and said they were aimed at limiting Qatar’s sovereignty.
Tehran, which has been helping Qatar deal with the blockade, promised to continue its support of a “brother” state by servicing Doha’s air, sea and land needs.
Calling the siege “not acceptable for Iran,” Rouhani said it is ready to undertake “necessary measures for peace settling in the region,” hoping that de-escalation would be achieved through dialogue.
In wake of the economic and diplomatic blockade, Iran began delivering over 1,100 tons of food products to Qatar daily through its Dayyer and Bolkheir Ports in the Persian Gulf. Some food products have also been delivered on board air cargo. In addition, Qatar has been using Iranian airspace to conduct its commercial flights.
During Sunday’s conversation, Rouhani stressed that Iran is further interested in developing economic ties with Qatar.
Iran supplies 1,000+ tons of food to  every day – media https://on.rt.com/8fqk 
“A common goal for both sides can be to help Qatar’s economy and expand special relations between the private sectors of the two countries," the Iranian president said, according to Mehr News agency.

da "rt.com"

Londra - Le proteste violenti contro la brutalità della polizia sono scoppiate a Londra orientale per la morte di un uomo di 25 anni che è morto da ferite sostenute durante il suo arresto da parte della polizia. Due agenti di polizia sono stati feriti negli scontri con i rivoltosi.....

London anti-brutality protesters set street fires, clash with police over man’s death (VIDEOS)


Londra - Le proteste violenti contro la brutalità della polizia sono scoppiate a Londra orientale per la morte di un uomo di 25 anni che è morto da ferite sostenute durante il suo arresto da parte della polizia. Due agenti di polizia sono stati feriti negli scontri con i rivoltosi.

Dopo aver tenuto un minuto di silenzio domenica sera, una grande folla di attivisti che detengono i segni Nero Lives Matter è andata in agguato vicino alla stazione di polizia Forest Gate vicino al punto dove Edir Frederico Da Costa è stato arrestato dalla polizia giovedì 15 giugno. La famiglia afferma che l'uomo nero di 25 anni era morto dopo essere stato maltrattato dalla polizia metropolitana.



Alla fine mattoni sono stati lanciati alle linee di polizia. Gli incendi stradali sono stati illuminati anche al di fuori della stazione degli autobus Stratford e all'esterno della polizia.




Gridando: "Noi vogliamo giustizia" e "Nessuna giustizia, nessuna pace, nessuna polizia razzista", i manifestanti si sono presentati in faccia a faccia con le linee di polizia in piena attrezzatura di scontri fuori dalla stazione.

Nel frattempo, i vigili del fuoco si sono precipitati sulla scena per spegnere le fiamme.

"Sono stati avviati un piccolo numero di incendi stradali che coinvolgono il contenuto dei bidoni di rifiuti. Questi furono trattati dalla London Fire Brigade. Non siamo a conoscenza di danni agli edifici locali ", ha dichiarato la polizia metropolitana in una dichiarazione, secondo il Guardian.




La violenza è stata distrutta poco prima delle ore 11 del mattino. Mentre la polizia non ha fatto degli arresti, due ufficiali sono stati feriti nel confronto, ha riferito il Guardian. Gli ufficiali sono stati portati in un ospedale locale con lesioni alla faccia e alla testa, rispettivamente.

Da Costa, conosciuta come Edson, è scivolato nel coma dopo essere stato brutalmente picchiato dalla polizia, i suoi parenti affermano, affermando di aver subito lesioni spinali e lesioni alla testa il 15 giugno. Edson è morto sei giorni dopo.

La Commissione per le Reclami Indipendenti di Polizia (IPCC) ha avviato un'indagine sulla sua morte.

"Sig. Da Costa è stato arrestato dagli agenti di polizia. Durante questa interazione, si ritiene che gli agenti di polizia hanno usato la forza e lo spruzzo CS impiegato ", ha dichiarato un portavoce dell'IPCC dopo il lancio dell'inchiesta. "Sig. Da Costa è diventato malato, è stato somministrato primo soccorso, è stata chiamata un'ambulanza ed è stato portato in ospedale. Tragicamente il mercoledì 21 giugno, il sig. Da Costa è morto ".

Is this how you get . By burning up your own community! 

L'esame post-mortem del corpo di Da Costa, tuttavia, non ha trovato lesioni spinali che potrebbero essere state causate dalla brutalità della polizia.

Nonostante le conclusioni del coroner, il movimento britannico Black Lives Matter, usando il hashtag # Justice4Edson, ha organizzato la dimostrazione di domenica per chiedere risposte.


traduzione articolo da "rt.com"

1.Un benefattore che vuole restare anonimo ha letto la notizia di un disabile (con pensione da 257 euro al mese) che ha perso il lavoro per circostanze poco chiare che sono al vaglio dei magistrati. Poi l’hanno informato che quell’uomo, per l’impossibilità di pagare il mutuo, ha perso anche la casa e per il dispiacere è stato colpito da un ictus. - 2. Così il benefattore segreto si è commosso, ha chiamato il sindaco Filippo Nogarin che lo ha messo in contatto con il fratello del disabile e poi ha deciso che quella casa l’avrebbe comprata lui all’asta giudiziaria e avrebbe garantito a quell’uomo sfortunato di rimanervi per sempre senza pagare una lira di affitto. «Se un domani vorrà acquistarla di nuovo la riavrà al prezzo che l’ho pagata io — ha detto ai familiari —, altrimenti potrà restarci a vita»....

LIVORNO - Il benefattore non ama i riflettori. Non vuole che il suo nome
finisca sui giornali, che sia pronunciato come si fa con un mecenate o un santo protettore. «Perché quando si fa del bene lo si fa e basta, senza pubblicità, senza altri fini, come un imperativo categorico», spiega agli amici con un sorriso scherzoso pensando ai vecchi studi di filosofia delle superiori. Eppure Mister X è già diventato famoso nella sua città, Livorno, anche senza un’identità e un volto, proprio per quell’atto di bene assoluto.
257 euro al mese
Ha letto la notizia di un disabile (con pensione da 257 euro al mese) che ha perso il lavoro per circostanze poco chiare che sono al vaglio dei magistrati. Poi l’hanno informato che quell’uomo, per l’impossibilità di pagare il mutuo, ha perso anche la casa e per il dispiacere è stato colpito da un ictus. Così il benefattore segreto si è commosso, ha chiamato il sindaco Filippo Nogarin che lo ha messo in contatto con il fratello del disabile e poi ha deciso che quella casa l’avrebbe comprata lui all’asta giudiziaria e avrebbe garantito a quell’uomo sfortunato di rimanervi per sempre senza pagare una lira di affitto. «Se un domani vorrà acquistarla di nuovo la riavrà al prezzo che l’ho pagata io — ha detto ai familiari —, altrimenti potrà restarci a vita». La notizia, anticipata da Qui Livorno (www.quilivorno.it) in breve tempo ha fatto il giro della città. E soprattutto ha donato un po’ di felicità ad Alessandro D’Oriano, 46 anni, disabile al 75% prima di essere colpito da un ictus e ora ricoverato per una riabilitazione lunga, difficile ma possibile, all’ospedale di Volterra.
Non ha secondi scopi
«Ho conosciuto di persona il benefattore, è un uomo sensibile, ero presente quando ha acquistato all’asta la casa del mio cliente — racconta l’avvocato Francesco Tanzini — è rimasto colpito dalla storia di Alessandro D’Oriano, che oltretutto ha perso il lavoro ingiustamente e per questo abbiamo fatto causa, e ha voluto fare qualcosa di importante per lui. È completamente disinteressato, non ha secondi scopi se non quello di dare una mano ad Alessandro». Anche il sindaco di Livorno Filippo Nogarin ha confermato di aver ricevuto la telefonata del benefattore. A dare la notizia ad Alessandro è stato il fratello Francesco, professione chef. «L’ho visto sorridere ed era tanto che non accadeva — racconta —. È una cosa straordinaria. Ringrazio tutti coloro che ci hanno sostenuto». Adesso Alessandro combatte le ultime due battaglie: contro l’ictus e davanti alla giustizia per riottenere un lavoro perso secondo lui ingiustamente.


da "corrieredellasera.it"

domenica 25 giugno 2017

Le gang sudamericane e i cinesi a Nord, i nigeriani e i russi nel Centro-Sud, gli albanesi lungo tutto lo Stivale. Gestiscono il narcotraffico, la tratta degli esseri umani, la prostituzione, infettano l’economia con il riciclaggio di denaro sporco. E nel frattempo si associano ai calabresi e ai campani, siglano patti di non belligeranza con i siciliani, lavorano insieme ai pugliesi. Non ci sono solo i tentacoli delle mafie made in Italy a fare il bello e il cattivo tempo da Torino a Palermo. Non ci sono solo gli affari della ‘ndrangheta, della camorra, di Cosa nostra ad imperversare dalla Lombardia alla Sicilia. Al contrario, invece, nel 2017 l’Italia si è trasformata in un’importatrice di associazioni criminali straniere: non solo Mafie Export ma per la prima volta anche Mafie Import. A raccontare lo sbarco delle economie criminali forestiere è l’ultima relazione della Direzione nazionale Antimafia, presentata dal procuratore Franco Roberti......

Mafie, ora l’Italia importa quelle straniere: la droga degli albanesi, il riciclaggio di cinesi e russi, la tratta dei nigeriani


Le gang sudamericane e i cinesi a Nord, i nigeriani e i russi nel Centro-Sud, gli albanesi lungo tutto lo Stivale. Gestiscono il narcotraffico, la tratta degli esseri umani, la prostituzione, infettano l’economia con il riciclaggio di denaro sporco. E nel frattempo si associano ai calabresi e ai campani, siglano patti di non belligeranza con i siciliani, lavorano insieme ai pugliesi. Non ci sono solo i tentacoli delle mafie made in Italy a fare il bello e il cattivo tempo da Torino a Palermo. Non ci sono solo gli affari della ‘ndrangheta, della camorra, di Cosa nostra ad imperversare dalla Lombardia alla Sicilia. Al contrario, invece, nel 2017 l’Italia si è trasformata in un’importatrice di associazioni criminali straniere: non solo Mafie Export ma per la prima volta anche Mafie Import. A raccontare lo sbarco delle economie criminali forestiere è l’ultima relazione della Direzione nazionale Antimafia, presentata dal procuratore Franco Roberti.
Quasi mille pagine di rapporto per ricostruire gli affari delle “mafie classiche“. È in questo modo che si è documentato come la ‘ndrangheta sia ormai stabilmente presente in tutti i settori nevralgici del nostro Paese. Nella relazione della Dna, però, c’è anche altro: per la prima volta, infatti, gli investigatori analizzano nel dettaglio gli affari sul suolo italiano delle mafie straniere. Già negli anni precedenti, per la verità, gli analisti della Dna avevano dedicato alcuni paragrafi delle relazioni alle piovre extra-italiane. Questa volta, però, le pagine utilizzate per raccontare gli affari delle mafie estere sono molto più numerose. Il motivo? Sono i numeri a rivelarlo: tra l’1 luglio del 2015 e il 30 giugno del 2016 sono stati 1.555 gli italiani accusati di associazione mafiosa, 570 gli stranieri ai quali è stato contestato lo stesso reato. Praticamente ogni quattro persone che le procure antimafia della Penisola hanno indagato per 416 bis, ce n’é almeno una non italiana. Una proporzione che cresce se si passano in rassegna le inchieste per traffico di stupefacenti: 16.170 gli italiani indagati contro 10.184 stranieri. Dati che confermano come le associazioni criminali straniere siano ormai la quarta mafia d’Italia.
In cima alla lista delle mafie emergenti – come anticipato in esclusiva dal primo numero Fq MillenniuM, il mensile del Fatto Quotidiano – c’è la piovra albanese. “I sodalizi albanesi sono particolarmente attivi nel traffico internazionale di sostanze stupefacenti e nello sfruttamento della prostituzione. Tali evidenze giudiziarie mostrano una ben radicata, e quindi allarmante, cointeressenza con elementi riconducibili ad importanti cosche, soprattutto ‘ndranghetiste, nella gestione del traffico di sostanze stupefacenti, delle armi e nella tratta di esseri umani”, scrivono i magistrati della Dna nella loro relazione. Un passaggio che conferma come quella di Tirana sia diventata ormai la piovra più pericolosa del Vecchio Continente, grazie al filo diretto con i calabresi. D’altra parte la struttura interna della mafia albanese è molto simile alle ‘ndrine: ad ogni clan corrisponde di solito una famiglia di sangue. In questo modo l’organizzazione è protetta da un’omertà difficilmente violabile: la stessa caratteristica che è storicamente il punto di forza della ‘ndrangheta.
La criminalità albanese ha acquisito il controllo della rotta balcanica”
“La sinergia criminale tra calabresi e albanesi – spiega quindi la relazione –  mostra tutta la sua potenzialità se si considera che la criminalità albanese ha ormai acquisito il controllo della rotta balcanica, via privilegiata di transito verso l’Europa occidentale e di ingresso di ogni sorta di merce illecita, tra cui armi ed esplosivi”. Ma non solo. Perché da qualche tempo gli investigatori di via Giulia si sono accorti di una novità: gli albanesi hanno conquistato i due estremi dell’Atlantico, dal Sudamerica, da dove partono i carichi da centinaia di chili di cocaina colombiana, ai porti del Vecchio Continente, dove il prodotto viene distribuito ai compratori. “In particolare – continuano gli analisti della Dna – nel traffico internazionale di sostanze stupefacenti, tali gruppi criminali sono riusciti a stabilire propri referenti di fiducia in Spagna, nei Paesi del nord Europa (Olanda, Belgio, Germania) e del Sud America, riuscendo ad assicurarsi un ruolo da protagonisti nella gestione di tali traffici delittuosi, secondo una specifica strategia che gli consente di gestire agevolmente l’acquisto, il trasferimento, la custodia e la vendita di notevoli quantitativi di cocaina proveniente direttamente dai predetti Paesi”. Un’attività – quella della gestione logistica della traffico di cocaina su scala mondiale – in cui Tirana ha ormai sostituito i calabresi. “Non sappiamo se gli albanesi gestiscano l’invio della cocaina di comune accordo con la ‘ndrangheta o se stiano cercando di sostituirla: in questo senso, potremmo trovarci presto di fronte ad una possibile guerra”, raccontava un investigatore italiano a Fq MillenniuM
L’allargamento dei confini dell’Ue ha accresciuto gli appetiti delle mafie”
“Tale scenario – annota la Dna  – ha rappresentato per le organizzazioni criminali russe un’occasione perespandere le proprie attività criminali lungo due direttrici interconnesse fra di loro: da una parte le attività illegali, quali il traffico di stupefacenti e di armi, il contrabbando di tabacchi, la tratta di esseri umani, i reati predatori; dall’altra le infiltrazioni nelle attività imprenditoriali legali, attraverso ilriciclaggio degli ingenti profitti delittuosi anche in Italia, attraverso investimenti immobiliari, strutture commerciali e nei più famosi centri cittadini, a cominciare dalle località balneari”. I ladri nella legge, in pratica, stanno infiltrando l’economia italiana riciclando il proprio denaro.
Ancora dai contorni misteriosi è invece l’attività della mafia cinese. Da Milano a Palermo, passando per Roma e Torino, negli ultimi vent’anni sono centinaia di migliaia i cittadini arrivati dalla Repubblica popolare cinese per lavorare nel nostro Paese. Solo che parallelamente alle attività legali si sono impegnati anche in quelle illegali.  “I sodalizi criminali cinesi, oltre alla spiccata attitudine per l’attività di riciclaggio, per reati di natura economico-finanziaria e la frode fiscale, riescono a gestire i traffici transnazionali di merci contraffatte e di contrabbando nonché i rilevanti flussi migratori illegali anche attraverso il consolidato legame con la madrepatria”, scrive la Dna che evidenzia per la prima volta i vari ambiti in cui si muovono i clan made in Pechino.  Gli analisti hanno documentato “l’operatività delle cosiddette bande giovanili, presenti soprattutto in Milano, Brescia, Torino e Prato e dei gruppi criminali organizzati, cui sono riconducibili le più eclatanti e cruente manifestazioni criminose, perlopiù consumate in ambito intraetnico. Tali formazioni criminali, utilizzando metodi violenti, intimidatori ed omertosi, estrinsecano le loro condotte criminali nel controllo e nella gestione di locali pubblici, utilizzati soprattutto per la gestione del gioco d’azzardo e per lo spaccio di stupefacenti, nello sfruttamento della prostituzione, nell’usura in danno di connazionali, nelle rapine ed estorsioni ai danni di imprenditori e commercianti connazionali”. Sono i clan che hanno cominciato a spacciare in Italia nuovi tipi di droghe sintetiche: le chiamano iceshaboo, ochristalmeth, e sono derivazioni della metanfetamina.
La comunità cinese reimpiega capitali illeciti in speculazioni lecite”
Il vero settore in cui si muovono i cinesi, però, è ovviamente quello finanziario: un ambito al quale si dedicano i colletti bianchi dei clan dagli occhi a mandorla, ormai completamente inseriti nel tessuto italiano. “Recenti acquisizioni info investigative – si legge sempre nella relazione – sembrano confermare l’operatività, in tale ambito, della cosiddetta terza generazione, cui appartengono liberi professionisti ed imprenditori di origine cinese, nati in Italia, dediti a reati di natura economico-finanziaria. Attraverso tali figure professionali, la comunità cinese si conferma capace di operare anche nel reimpiego dei capitali illeciti per finanziare attività illegali e speculazioni lecite, quali l’acquisto di immobili, di esercizi commerciali e di imprese in stato di dissesto, risanate con l’utilizzo di forza lavoro clandestina a bassissimo costo”. Un’infiltrazione continua dell’economia italiana, un enorme giro di denaro che alla fine torna in madre patria. Gli investigatori,  però, hanno documentato come i cinesi utilizzino sempre meno icircuiti tracciabili per movimentare i propri capitali.  Anche questo passaggio è raccontato dai numeri: dai 2.674 milioni di euro trasferiti nel 2012 (dato più alto registrato dal 2005), nell’ultimo anno  si è passati ad “appena” 500 milioni euro: ovviamente si tratta soltanto dei capitali tracciabili. “Attraverso il regolamento in denaro contante – annota la Dna – è possibile ipotizzare che alcuni cittadini cinesi, poco inclini ad utilizzare i canali ufficiali, ivi compreso il sistema money transfer, abbiano effettuato trasferimenti di liquidità in modo non ufficiale, talvolta ricorrendo al trasporto fisico del denaro contante”. In pratica centinaia di “spalloni” portano in Cina ogni giorno milioni di euro.
E se il Centro – Nord è appannaggio delle criminalità economiche, il Meridione – culla delle mafie di casa nostra – è diventata meta preferita dei clan africani, che hanno spesso stretto legami con la camorra, con la ‘ndrangheta, con Cosa nostra. “Nell’Italia meridionale- prosegue la relazione –  dove le attività illecite più qualificate sono controllate dalle tradizionali organizzazioni mafiose, lo spazio d’azione autonomo si riduce ai settori dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione e lavorativo. Le indagini del Raggruppamento operativo speciale dell’Arma dei Carabinieri hanno documentato qualificate forme di cooperazione tra sodalizi mafiosi“. Già nel 2015 un’inchiesta del fattoquotidiano.it aveva svelato un “patto di non belligeranza” siglato tra il clan di Porta Nuova a Palermo e i nigeriani della Black Axeche invece imperano nel quartiere di Ballarò. Adesso la Dna fa il punto sugli affari delle cosche africane, attivissime sul fronte del traffico di esseri umani. “In modo particolare in SiciliaCalabria e Puglia, emerge, oramai da diverso tempo, la presenza di nuclei di strutturati sodalizi transnazionali di matrice africana, dediti alla gestione dell’immigrazione irregolare di imponenti flussi migratori che raggiungono l’Italia via mare, anche attraverso l’ausilio di trafficanti di esseri umani operanti in Libia. Il dato più allarmante registrato con riferimento all’immigrazione clandestina è rappresentato, sicuramente, dal fenomeno dello sfruttamento della prostituzione, in quanto le ragazze nigeriane, reclutate nella loro nazione di origine con la promessa di un posto di lavoro in Italia sono, di fatto, ridotte in schiavitù, approfittando anche della situazione di vulnerabilità psicologica determinata dalla celebrazione di un rito Voodoo come garanzia”.
Le indagini documentano la cooperazione tra sodalizi mafiosi”
A dettare legge tra i clan africani ci sono proprio i nigeriani di Black Axe,  l’ascia nera, nata negli anni ’70 all’università di Benin City come una confraternita di studenti. All’inizio era una gang a metà tra un’associazione religiosa (li chiamano culti) e una banda criminale, che stabiliva riti d’iniziazione e imponeva ai suoi affiliati di portare un copricapo, un basco con un teschio e due ossa incrociate, come il simbolo dei corsari. Adesso si è trasformata in una vera e propria piovra, con i suoi capi, i suoi affari e i suoi traffici protetti dalla più invulnerabili delle leggi: l’omertà. “Quanto ai sodalizi nigeriani- confermano gli analisti di via Giulia –  si tratta di gruppi fortemente caratterizzati dalla comune provenienza etnico-tribale dei suoi membri. Tali elementi garantiscono a ciascun sodalizio un’elevata compattezza internache ne consente un’efficace operatività nonostante la ricorrente suddivisione in cellule, attive in diverse aree territoriali nonché il riconoscimento dei caratteri dell’associazione mafiosa in diversi procedimenti penali. Tali prerogative hanno consentito alla consorteria criminale di affrancarsi dall’assoggettamento ad altri gruppi criminali e di raggiungere una certa autonomia nei traffici perpetrati, nonché di intrattenere proficui rapporti anche con la criminalità organizzata autoctona, come dimostrano alcuni recenti sequestri di hashish proveniente dal Marocco e destinato alla cosche ‘ndranghetiste e ai clan camorristici”. Siciliani, campani, calabresi e nigeriani: un’organizzazione criminale attiva in tutta Italia che nel novembre scorso è finita al centro dell’operazione della procura di Palermo. Per gli investigatori si trattava di una “mafia persino più violenta di Cosa nostra”. 
Chiudono il cerchio le gang sudamericane, piccoli clan composti quasi sempre da giovanissimi. Nate per emulare le gesta delle bande ispano-americane create nelle periferie delle città statunitensi a partire dagli anni ‘40, adesso le mini gang trapiantate in Italia stanno diventando sempre più pericolose. Proliferano nelle periferie delle grosse città del Nord, dettano legge in intere zone dei quartieri in cui vivono,  finiscono sempre più spesso sulle pagine dei giornali per episodi cruenti. È il giugno del 2015 quando a Milano tre appartenenti alla gang di latinos Mara Salvatrucha aggrediscono a colpi di machete un capotreno delle Ferrovie. La sua colpa? Avere chiesto il biglietto ai tre giovani. È l’apice della violenza dei latinos: per quell’aggressione i tre giovani banditi saranno condannati a pene fino ai 16 anni di carcere. E gli investigatori di via Giulia inizieranno ad analizzare il problema.
Un’ Internazionale del crimine che parla più lingue
“Si continua a registrare, prevalentemente nei capoluoghi di regione del centronord Italia, la perdurante operatività e l’accresciuta pericolosità delle pandillas sudamericane che, nonostante la giovane età degli appartenenti, si sono mostrate particolarmente inclini all’uso sconsiderato della violenza”, scrivono gli analisti. Che poi sottolineano come la nazionalità d’origine di molti giovani criminali non sia affatto un dettaglio casuale .”La presenza di soggetti provenienti dal Sudamerica – si spiega nella relazione – è finalizzata principalmente all’approvvigionamento del narcotico, in particolare cocaina, a prezzi maggiormente competitivi, grazie ai contatti diretti con i fornitori nei Paesi d’origine”. Le gang di periferia, insomma, hanno già iniziato a smerciare droga e dai quartieri più lontani puntano al centro delle città. I baby criminali, in pratica, sono pronti a trasformarsi nei narcos del futuro. Solo che non siamo a Medellin e nemmeno in Colombia, e questa non è una serie di Netflix: sono le periferie italiane dove alle mafie autoctone si sono ormai affiancate quelle di mezzo mondo. Il risultato è un cocktail esplosivo: un’Internazionale del crimine che parla mille lingue e non sembra conoscere argini.

di Giuseppe Pipitone per "ilfattoquotidiano.it"

An AirAsia X flight was forced to turn back shortly after take off following a loud bang and violent shaking caused by a technical fault. The bizarre, “washing machine”-like vibrations were caught on camera by terrified passengers......

Engine failure shakes AirAsia flight like a ‘washing machine’ (VIDEOS)


An AirAsia X flight was forced to turn back shortly after take off following a loud bang and violent shaking caused by a technical fault. The bizarre, “washing machine”-like vibrations were caught on camera by terrified passengers.
The Airbus A330 flying from Perth to Kuala Lumpur took off shortly before 7am local time Sunday but just over an hour into the flight one of the engines on the left wing of the plane experienced a violent malfunction.
"He [the flight captain] said 'I hope you all say a prayer; I will be saying a prayer too and let's hope we all get back home safely,'" passenger Sophie Nicolas said, as cited by WA Today.
“It was essentially the engine seized up I think, that’s what they told us anyway,” passenger Brent Atkinson told ABC News.
“It was literally like you were sitting on top of a washing machine. The whole thing was going. We could see the engine out the window which was really shaking on the wing,” he added.
"No-one was freaking out too much. It was a bit nervy. [The crew] handled it really well… After the explosion it started to shake, it started to bounce, but overall the captain did a very good job,” Atkinson concluded.
The plane, carrying a total of 359 passengers, landed safely at Perth International Airport at 10am local time, just over three hours after takeoff. There were no immediate reports of injuries.
Emergency services were put on standby for a possible water landing but the measures were only precautionary.
"I was crying a lot, a lot of people were crying, trying to call their mums and stuff but we couldn't really do anything just wait and trust the captain," passenger Sophie Nicolas told ABC.
"He delivered us home safely which is amazing, everybody burst into applause when we landed," she said.
"Of course we were a bit worried but at the end of the day ... we safely landed. I think that is the most important thing,"Passenger Tzeyau Chung said.
Dave Parry told ABC that passengers were told to brace for impact on landing.
"Passengers are being attended to by our ground staff upon landing and all necessary assistance are being provided," an AirAsia spokeswoman said, as cited by WA Today.
"Flight crew are taking precautionary measures to check the aircraft and some guests on board the flight will be transferred to the next available flight today.”

da "rt.com"