yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: AMEDEO LABOCCETTA EX DEPUTATO DEL "PDL" DICE LA SUA SU GIANFRANCO FINI...... «Fini non è un allocco, né il coglione che vuol far credere. Sapeva tutto della casa di Montecarlo pagata da Corallo. Ora deve confessare». L’ex deputato del Pdl Amedeo Laboccetta ha deciso di raccontare quello che sa sulla vicenda che ha segnato la fine politica dello storico leader di An.........

video

Loading...

lunedì 2 gennaio 2017

AMEDEO LABOCCETTA EX DEPUTATO DEL "PDL" DICE LA SUA SU GIANFRANCO FINI...... «Fini non è un allocco, né il coglione che vuol far credere. Sapeva tutto della casa di Montecarlo pagata da Corallo. Ora deve confessare». L’ex deputato del Pdl Amedeo Laboccetta ha deciso di raccontare quello che sa sulla vicenda che ha segnato la fine politica dello storico leader di An.........



«Fini non è un allocco, né il coglione che vuol far credere. Sapeva tutto della casa di Montecarlo pagata da Corallo. Ora deve confessare». L’ex deputato del Pdl Amedeo Laboccetta ha deciso di raccontare quello che sa sulla vicenda che ha segnato la fine politica dello storico leader di An. Da venerdì è tornato in libertà, dopo che il 13 dicembre scorso era stato arrestato dal gip di Roma con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al peculato e alla sottrazione fraudolenta del pagamento delle imposte, insieme ad altre 4 persone, tra cui il magnate Francesco Corallo, concessionario da parte dello Stato del 40% del gioco d’azzardo lecito in Italia. «C’entro come il cavolo a merenda in questa vicenda. Non so nulla delle attività e dei rapporti di Corallo».
Il suo arresto ha creato molto rumore, più che per le cose che le si addebitano, per il rapporto dei Tulliani con il suo amico Corallo e la storia della casa di Montecarlo. Leggendo l’ordinanza emergono cose incredibili: giri di soldi milionari al cognato e al suocero di Gianfranco Fini, i 739 mila euro della vendita della casa sul conto di Elisabetta. È sorpreso?
«Assolutamente no. Conosco da una vita Gianfranco Fini. Vuol far credere di essere un allocco o un coglione, come lui stesso si è definito. Ma ritengo che non lo sia affatto, almeno in certi tipi di rapporti. Sul piano politico è stato un grande sprovveduto, un ingenuo, che si è fatto illudere da Giorgio Napolitano. Ma su altri piani non è quello che è riuscito per tanto tempo a camuffare con gli italiani. È un’altra persona Fini, tutto da scoprire. Diamo tempo al tempo, vediamo dove arriveranno gli inquirenti che stanno attivando una serie di meccanismi investigativi, anche in questa direzione».
Come mai Corallo ha fatto quel bonifico da 2,4 milioni a Sergio Tulliani con la causale «decreto legge 78 del 2009»?
«Questo bisogna chiederlo al signor Francesco Corallo. Non disconosco l’amicizia con lui, ma evidentemente se ha fatto questi bonifici non è che me ne ha reso partecipe. Nel senso che non so per quale motivo Corallo si è mosso in questa direzione: a me non l’ha mai detto».

di Valeria Di Corrado per "iltempo.it"

Nessun commento: