yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: È un vero e proprio tesoro, quello sequestrato nelle prime ore di stamattina, dal personale della D.I.A. e del Comando Provinciale Carabinieri di Roma, con l'ausilio della Guardia di Finanza, a cinque famiglie nomadi di etnia Sinti. Adesso sono tutti accusati di aver costituito "una associazione a delinquere" attiva non solo nella provincia di Roma, ma anche in località turistiche in Italia e all’estero

video

Loading...

giovedì 9 febbraio 2017

È un vero e proprio tesoro, quello sequestrato nelle prime ore di stamattina, dal personale della D.I.A. e del Comando Provinciale Carabinieri di Roma, con l'ausilio della Guardia di Finanza, a cinque famiglie nomadi di etnia Sinti. Adesso sono tutti accusati di aver costituito "una associazione a delinquere" attiva non solo nella provincia di Roma, ma anche in località turistiche in Italia e all’estero





Alessandra Benignetti per il Giornale

MAXISEQUESTRO NOMADIMAXISEQUESTRO NOMADI
È un vero e proprio tesoro, quello sequestrato nelle prime ore di stamattina, dal personale della D.I.A. e del Comando Provinciale Carabinieri di Roma, con l'ausilio della Guardia di Finanza, a cinque famiglie nomadi di etnia Sinti. Adesso sono tutti accusati di aver costituito "una associazione a delinquere" attiva non solo nella provincia di Roma, ma anche in località turistiche in Italia e all’estero

Ventitré immobili, tra cui nove ville di lusso, con parco, piscina e campi da calcetto. E ancora, terreni agricoli, ditte individuali, società, veicoli e conti correnti. Beni per un valore complessivo di oltre 30 milioni di euro. Un piccolo impero, che i cinque capi famiglia oggetto del provvedimento, come si legge nel comunicato diffuso da Dia e Carabinieri, avevano accumulato tra Cerveteri e Ladispoli, in provincia di Roma.

MAXISEQUESTRO NOMADIMAXISEQUESTRO NOMADI
I cinque uomini nei confronti dei quali è stata emessa la misura del Tribunale di Roma, appartengono a tre ceppi familiari che, successivamente, si sono fusi in un unico gruppo, stanziatosi, a partire dagli anni ’80, proprio a Cerveteri. “Accomunate da stretti vincoli familiari e gravate da numerosi precedenti penali”, le famiglie di etnia Sinti oggetto del provvedimento, secondo quanto riferiscono le forze dell’ordine, avevano “dato vita ad un’associazione per delinquere attiva sia nel Lazio che in note località turistiche del territorio nazionale e estero”.

MAXISEQUESTRO NOMADIMAXISEQUESTRO NOMADI
Le indagini nei confronti dei cinque capi famiglia sono partite nel 2016 dal Centro Operativo della Dia di Roma, per individuare possibili infiltrazioni della criminalità organizzata nell'hinterland capitolino. La Dia e i Carabinieri, nel corso delle indagini, hanno, quindi, accertato la “pericolosità sociale” dei soggetti interessati dalle indagini, come pure gli “evidenti profili di sperequazione tra il patrimonio posseduto e i redditi dichiarati dagli stessi”.

MAXISEQUESTRO A 5 FAMIGLIE NOMADIMAXISEQUESTRO A 5 FAMIGLIE NOMADI

Nessun commento: