yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: Giornata nera per Felix Kjellberg, in arte PewDiePie, quella di lunedì dopo che Disney e YouTube hanno troncato ogni rapporto commerciale con lo youtuber. Kjellberg è la webstar più seguita al mondo e anche quella che più riesce a guadagnare con la piattaforma di Google, ed è noto per il suo umorismo a volte infantile, altre schietto e spietato. Alcune sue recenti battute considerate antisemitiche non sono tuttavia andate troppo a genio alle due realtà commerciali.....

video

Loading...

mercoledì 15 febbraio 2017

Giornata nera per Felix Kjellberg, in arte PewDiePie, quella di lunedì dopo che Disney e YouTube hanno troncato ogni rapporto commerciale con lo youtuber. Kjellberg è la webstar più seguita al mondo e anche quella che più riesce a guadagnare con la piattaforma di Google, ed è noto per il suo umorismo a volte infantile, altre schietto e spietato. Alcune sue recenti battute considerate antisemitiche non sono tuttavia andate troppo a genio alle due realtà commerciali.....




Nino Grasso per http://www.hwupgrade.it/

pewdiepiePEWDIEPIE
Giornata nera per Felix Kjellberg, in arte PewDiePie, quella di lunedì dopo che Disney e YouTube hanno troncato ogni rapporto commerciale con lo youtuber. Kjellberg è la webstar più seguita al mondo e anche quella che più riesce a guadagnare con la piattaforma di Google, ed è noto per il suo umorismo a volte infantile, altre schietto e spietato. Alcune sue recenti battute considerate antisemitiche non sono tuttavia andate troppo a genio alle due realtà commerciali.
pewdiepie gag antisemitePEWDIEPIE GAG ANTISEMITE

PewDiePie, ventisette anni, arriva dalla Svezia e negli ultimi anni si è ritagliato una posizione dominante su YouTube grazie ai suoi video gameplay e ai suoi commenti senza peli sulla lingua. Ad oggi conta oltre 50 milioni di iscritti e nel 2016 ha generato un fatturato di 15 milioni di dollari, stando a Forbes. Il guadagno dell'ultimo anno è dovuto in parte ad una joint venture con Maker Studios, network multi-canale che Disney aveva acquisito nel 2014 per circa 675 milioni di dollari.

pewdiepiePEWDIEPIE 
La joint venture è però finita per via di alcuni video con piccoli estratti in cui erano presenti battute troppo spinte: "Sebbene Felix abbia creato un seguito grazie al suo essere provocatorio e irriverente, si è chiaramente spinto troppo oltre in questa circostanza e i video di cui parliamo sono inappropriati", ha fatto sapere Disney attraverso un commento rivolto alla stampa internazionale. "Maker Studios ha deciso di finire i nostri rapporti di affiliazione per il prossimo futuro".

pewdiepiePEWDIEPIE 
La notizia è stata riportata dal Wall Street Journal, che ha analizzato il canale dello youtuber trovando nove video dallo scorso agosto che "includono battute antisemitiche o immagini riconducibili al periodo nazista". Uno fra questi, pubblicato lo scorso 11 gennaio e poi rimosso, mostrava Kjellberg che ingaggiava due uomini via Fiverr per la realizzazione di un cartello con su scritto "Death to All Jews", "Morte a tutti gli ebrei". Anche Kjellberg ha ammesso in quel caso di aver osato troppo rimuovendo il video prima di ricevere avvisi da parte di Google.

pewdiepiePEWDIEPIE 
In seguito alle decisioni di Disney anche YouTube ha usato il pugno duro cancellando la seconda stagione della serie "Scare PewDiePie" rimuovendo Kjellberg dal programma pubblicitario del servizio che offre alle star di rilievo inserzioni più rilevanti ed efficaci: "Abbiamo deciso di cancellare il rilascio di Scare PewDiePie Season 2 e rimuoveremo il canale PewDiePie dai Google Preferred", ha fatto sapere la compagnia in una nota ufficiale. Kjellberg ad oggi mantiene il silenzio.


Nessun commento: