yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: ITALIA CHE VERGOGNA..... Tra i tanti grattacapi del premier Paolo Gentiloni ce n'è uno sicuramente sottovalutato, settore delle adozioni internazionali è incredibile e agghiacciante. Non fare abbastanza di fronte a un reato così barbaro significa esserne eticamente coinvolti. ....

video

Loading...

venerdì 17 febbraio 2017

ITALIA CHE VERGOGNA..... Tra i tanti grattacapi del premier Paolo Gentiloni ce n'è uno sicuramente sottovalutato, settore delle adozioni internazionali è incredibile e agghiacciante. Non fare abbastanza di fronte a un reato così barbaro significa esserne eticamente coinvolti. ....

Tra i tanti grattacapi del premier Paolo Gentiloni ce n'è uno sicuramente sottovalutato, settore delle adozioni internazionali è incredibile e agghiacciante. Non fare abbastanza di fronte a un reato così barbaro significa esserne eticamente coinvolti. Non ho scritto complici perché non si tratta di complicità: per un politico, un amministratore, un appartenente alle istituzioni è già sufficientemente grave non vedere un crimine, non serve che lo commetta. Siccome "l'Espresso" le critiche e le inchieste le pubblica con nomi e cognomi, ecco la questione: ciò che colpisce e sconvolge è il silenzio del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, su "Aibi-Amici dei bambini", l'ente autorizzato dal governo, di cui anche il sottosegretario Boschi è parte, a rappresentare lo Stato italiano nelle procedure delicatissime che verificano l'adottabilità di un bimbo straniero, orfano o abbandonato, e lo assegnano a una famiglia italiana.
che rischia di rovesciare sull'Italia e sugli italiani la vergogna di essere un popolo di trafficanti di bambini. Sappiamo bene che non è così. Ma il silenzio che il governo sta mantenendo su un manipolo di mele marce nel
Le indagini giudiziarie su Aibi giustamente non si commentano: se ne aspettano gli esiti. Ma un gesto Maria Elena Boschi lo avrebbe dovuto fare già otto mesi fa, quando il 21 giugno 2016 l'allora premier Matteo Renzi, consigliato da terzi, le affidò l'incarico di presidente della Commissione per le adozioni internazionali (Cai), l'autorità centrale di controllo. L'allora ministro Boschi avrebbe potuto dare immediato, diretto, incondizionato, totale sostegno all'inchiesta amministrativa che la vicepresidente della Cai, il magistrato antimafia Silvia Della Monica, stava e sta conducendo sulle gravissime irregolarità scoperte nelle adozioni di bambini in Congo. Irregolarità che chiamano in causa non tutti gli enti italiani, ma soltanto Aibi, il suo presidente Marco Griffini e alcuni suoi manager. Sarebbero bastate poche parole. Così poche da stare perfino dentro un tweet, strumento molto usato oggi dalla politica, forse perché è sufficiente a contenerne la visione: «Il governo dà il pieno sostegno a Silvia Della Monica». Sono appena 53 caratteri. Maria Elena Boschi non lo fece allora. Non l'ha fatto durante l'audizione alla commissione Giustizia della Camera il 20 luglio 2016. E non lo fa nemmeno oggi, dando così l'impressione che l'attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio e l'intero governo stiano dalla parte dei ladri di bambini e di chi, come Griffini e Aibi, hanno omesso di segnalare all'autorità quanto sapevano. Non è solo un'impressione nostra. È il dubbio che sconcerta decine di genitori e i loro figli adottivi che hanno avuto il coraggio di denunciare Griffini e che in questi giorni hanno più volte inviato il loro appello al premier Gentiloni, rivolgendogli sempre la stessa domanda: dove sono le istituzioni?
Da mesi Griffini e l'agenzia di stampa Aibinews insultano il magistrato antimafia Della Monica denigrandone le capacità, offendendone la reputazione, denunciando reati inesistenti inventati dai partner di Aibi in Congo, tra i quali alcuni magistrati di Goma. Insulti lanciati sui social media, pubblicati negli articoli di Aibinews e poi formalizzati nelle istituzioni grazie all'amicizia fraterna di parlamentari del Pd, di area cattolica Ncd-Udc e del Movimento 5 Stelle. Pochi finora hanno dimostrato l'indipendenza e la lucidità di non aderire al coro. Tra questi il senatore Idv, Maurizio Romani.
LEGGI: ITALIANI LADRI DI BAMBINI
Griffini e i suoi emissari continuano incredibilmente a trovare sostegnoperfino in molte redazioni e nella Conferenza episcopale italiana. Noi, cioè "l'Espresso", che non facciamo parte di nessuna fratellanza, siamo stati invece citati in giudizio da Aibi con una richiesta danni di 20 milioni e il nome di chi scrive è stato in questi mesi associato pubblicamente da Griffini a testicoli di animale, coprofilia, menzogne, cani da salotto, complicità con i trafficanti di bambini (!). Da giornalisti ci si fa la pelle dura. Ma lei, sottosegretario Boschi, trova davvero onorevole non dire nulla a favore di chi difende la legalità e contro chi sta rovesciando letame sulle istituzioni al solo scopo di depistare l'attenzione e fermare le verifiche in corso?
LEGGI: NON LIBERATE QUEI PICCOLI
La vicenda ricorda molto da vicino quella del fondatore di Forza Italia, Marcello Dell'Utri. I giornalisti de "l'Espresso" scrivevano dei suoi contatti con mafiosi e prestanome di Cosa nostra e i governi Berlusconi sostenevano il senatore. Poi però, proprio per quei contatti, Dell'Utri è stato condannato a sette anni di reclusione e giustamente rinchiuso in carcere. Aibi non è ovviamente un'associazione mafiosa. Ma Griffini si difende proprio come Dell'Utri: offende i magistrati e conta su un ampio appoggio parlamentare. Ecco, non vorremmo scoprire in futuro che anche il silenzio del governo Gentiloni è frutto di questo osceno appoggio.
LEGGI: TUTTE LE BUGIE DEI LADRI DI BAMBINI
Giusto per rinfrescare la memoria, questi sono i fatti che il magistrato Silvia Della Monica, nella solitudine in cui la politica l'ha abbandonata, ha riferito alla commissione Giustizia della Camera e, pochi giorni fa, in un convegno in Senato: tra i bambini del Congo adottati da famiglie italiane (allora ignare delle irregolarità), alcuni non sarebbero stati adottabili perché avevano una famiglia naturale alla quale sarebbero stati sottratti con l'inganno e, presumibilmente, dietro il pagamento di somme di denaro; la Commissione per le adozioni internazionali non può emanare provvedimenti collegiali (tra i quali l'inevitabile sospensione dell'autorizzazione a Griffini) poiché tra i commissari siedono, illegalmente, uno o più esponenti di associazioni che rappresentano proprio Aibi, tanto da rendere illecita e priva di valore qualsiasi delibera decisa dalla Cai; servono strumenti normativi affinché le autorizzazioni degli enti non siano permanenti, come accade ora, ma rinnovabili.
LEGGI: CONFESSA LA DIRETTRICE DELL'ORFANOTROFIO DI GOMA
Con le dimissioni del governo Renzi e la nomina del nuovo esecutivo,Gentiloni ha assunto anche la carica di presidente della Cai e finora non l'ha delegata a nessuno. Mentre dal 13 febbraio scorso la vicepresidente Silvia Della Monica svolge a pieno titolo le sue funzioni in regime di prorogatio. Per questo i genitori, vittime con i loro figli del traffico di bambini, chiedono da settimane al premier di commissariare la Cai e confermare al vertice il magistrato Della Monica, affinché continui a proteggere le verifiche in corso dai molti tentativi di inquinamento. Perché nel frattempo, signor presidente del Consiglio, approfittando anche del silenzio Suo e del sottosegretario Boschi, Marco Griffini ha addirittura annunciato conseguenze legali contro le famiglie che hanno revocato il mandato ad Aibi: cioè contro i cittadini che hanno avuto fiducia nelle istituzioni e hanno denunciato quanto hanno subito, visto e saputo. Ci sono tanti modi di influenzare la parte offesa o un testimone. Non fare nulla, a questo punto, ci rende tutti complici.

di Fabrizio Gatti per "l'espresso.it"

Nessun commento: