yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: «Sono sorpreso dalle continue richieste di abitazioni». Le parole del capo del dipartimento nazionale della Protezione civile, Fabrizio Curcio, scatenano le proteste dei terremotati. Da Illica, frazione di Accumoli, parte la rivolta contra Curcio: «Da oltre sei mesi siamo in container freddi e malconci, venga lui a vivere al nostro posto qui».

video

Loading...

martedì 28 febbraio 2017

«Sono sorpreso dalle continue richieste di abitazioni». Le parole del capo del dipartimento nazionale della Protezione civile, Fabrizio Curcio, scatenano le proteste dei terremotati. Da Illica, frazione di Accumoli, parte la rivolta contra Curcio: «Da oltre sei mesi siamo in container freddi e malconci, venga lui a vivere al nostro posto qui».


Francesca Pizzolante per “il Tempo”

casette terremoto1CASETTE TERREMOTO1
«Sono sorpreso dalle continue richieste di abitazioni». Le parole del capo del dipartimento nazionale della Protezione civile, Fabrizio Curcio, scatenano le proteste dei terremotati. Da Illica, frazione di Accumoli, parte la rivolta contra Curcio: «Da oltre sei mesi siamo in container freddi e malconci, venga lui a vivere al nostro posto qui».

Molto probabilmente il numero uno della Protezione civile non immaginava che lo stupore espresso durante la sua audizione in commissione ambiente alla Camera avrebbe scatenato il putiferio con tanto di comitati, come quello di Illica Vive, che chiede di essere audito per «rappresentare lo stato reale delle cose nella frazione di Accumoli». Curcio, in commissione, si è detto «sorpreso» quando sente parlare delle casette per i terremotati come di case ambulanti e ha scaricato parte delle responsabilità sugli enti locali: «Sono i Comuni che devono valutare le esigenze e individuare le aree», ha affermato.
casette terremotoCASETTE TERREMOTO

Il capo della Protezione civile ha inoltre ha denunciato la carenza di casette sostenendo che delle 3.400 necessarie «sono partiti ordinativi per 1.600. Sulle casette se ne sono dette di tutti i colori», ha precisato Curcio «ma è la Regione che certifica l' idoneità ed emette la richiesta alla società che ha vinto la gara nel 2014. Poi comincia la produzione che riguarda prima di tutto le opere di urbanizzazione- per le quali serve una gara a parte - e dopo inizia il montaggio delle casette». In merito alle casette del sisma del 1997 dell' Umbria, Curcio ha detto che «non possono essere spostate e, in ogni caso, le persone non vogliono spostarsi a 30-50 chilometri di distanza. La disponibilità della Regione Umbria c' è ma manca la volontà di andarci».
FABRIZIO CURCIOFABRIZIO CURCIO

Dichiarazioni che hanno mandato su tutte le furie i terremotati, specialmente quelli di Accumoli. E la reazione non è mancata, anche a mezzo stampa. «Troviamo sconcertante le dichiarazioni del capo della Protezione Civile, Curcio, audito oggi in commissione Ambiente -scrivono in una nota la fondatrice del comitato Illica Vive, Sabrina Fantauzzi, il segretario generale Elvira Mazzarella e il consigliere Maurizio Orazietti - L' ingegnere ha espresso il suo stupore per le continue richieste della popolazione circa il mancato arrivo delle abitazioni.

TERREMOTOTERREMOTO
animali terremotoANIMALI TERREMOTO

Ermete RealacciERMETE REALACCI 

Nessun commento: