yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: Ha ragione Richard Painter, consigliere legale per le questioni etiche del presidente Bush figlio, a dire che il "Russiagate" «è una situazione molto peggiore della fase iniziale del Watergate»? Dopo la decisione del ministro della Giustizia Sessions di ritirarsi dall'inchiesta, polemiche e rivelazioni continuano........

video

Loading...

sabato 4 marzo 2017

Ha ragione Richard Painter, consigliere legale per le questioni etiche del presidente Bush figlio, a dire che il "Russiagate" «è una situazione molto peggiore della fase iniziale del Watergate»? Dopo la decisione del ministro della Giustizia Sessions di ritirarsi dall'inchiesta, polemiche e rivelazioni continuano........


I FILONI DEL RUSSIAGATEI FILONI DEL RUSSIAGATE
Paolo Mastrolilli per “la Stampa”

Ha ragione Richard Painter, consigliere legale per le questioni etiche del presidente Bush figlio, a dire che il "Russiagate" «è una situazione molto peggiore della fase iniziale del Watergate»? Dopo la decisione del ministro della Giustizia Sessions di ritirarsi dall'inchiesta, polemiche e rivelazioni continuano.
piccolo trump putinPICCOLO TRUMP PUTIN

Giovedì sera si è saputo che lo stesso genero del presidente, Jared Kushner, aveva incontrato l'ambasciatore russo Kislyak in dicembre alla Trump Tower con Michael Flynn, il consigliere per la Sicurezza nazionale poi costretto alle dimissioni. Uno sviluppo importante per due motivi: primo, la Casa Bianca aveva negato che ci fossero stati contatti prima di quello del 29 dicembre; secondo, è difficile che Kushner incontrasse il rappresentante di Mosca nella casa del suocero, senza che lui lo sapesse.

jared kushner con il suo giornaleJARED KUSHNER CON IL SUO GIORNALE
Nel frattempo si è scoperto che Sessions era andato alla Convention di Cleveland con i soldi della campagna elettorale, e durante la conferenza in cui aveva visto Kislyak aveva discusso delle presidenziali. Questo è importante perché smentisce la versione del ministro della Giustizia secondo cui aveva partecipato all' incontro nella sua veste di senatore, non di surrogato di Trump. Poi si è saputo che negli stessi giorni altri due consiglieri del candidato repubblicano, Carter Page e J. Gordon, avevano visto l' ambasciatore russo sempre a Cleveland.

Se tutto questo non bastava, ieri l'«Indianapolis Star» ha rivelato che Mike Pence aveva usato un indirizzo di mail privato, quando era governatore, per inviare messaggi relativi alle sue funzioni pubbliche. Questo non ha niente a che vedere con il «Russiagate», ma siccome durante la campagna elettorale l' uso delle mail private era stato usato da Trump per sostenere che Hillary Clinton doveva essere in prigione, invece di correre per la Casa Bianca, la tendenza ai due pesi e due misure dei repubblicani diventa evidente.

Jeff SessionsJEFF SESSIONS
Dunque siamo davanti ad una situazione potenzialmente peggiore del Watergate? Il presidente risponde che dietro allo scandalo non c' è nulla, e twitta una foto del senatore democratico Schumer con Putin, accusandolo di ipocrisia. Il problema - risponde Schumer - è che quella foto era stata scattata nel 2003, cioè durante un' altra era politica, e l' incontro era pubblico e documentato.

Trump e i suoi surrogati, invece, fanno tutto il possibile per nascondere i loro contatti con i russi, avvenuti in un clima di forte tensione tra Washington e Mosca, che secondo l' intelligence americana ha poi incaricato i propri hacker di rubare documenti imbarazzanti ai democratici per deragliare la candidatura di Hillary. Donald aveva promesso più disponibilità a Vladimir, che in cambio lo aveva aiutato a vincere?

Sergey KislyakSERGEY KISLYAK
Secondo Painter la gravità dei fatti scoperti finora sta soprattutto qui. Il Watergate al principio era solo un piccolo furto condotto da funzionari di basso livello, e aveva distrutto Nixon perché aveva cercato di nasconderlo. Il Russiagate invece tocca già i leader della nuova amministrazione, da Flynn a Sessions, e anche Trump sta cercando di nasconderlo, invece di chiarire cosa è successo per distanziarsi da eventuali atti compromettenti e scagionarsi. I fatti, che continueranno a percolare anche attraverso funzionari legati ai democratici, dovranno chiarire la verità e le dimensioni dello scandalo.
FLYNNFLYNN


Nessun commento: