yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: Si è svegliato dal coma e ha indicato ai carabinieri chi gli avrebbe sparato, un artigiano con cui aveva un debito che è stato arrestato giovedì con l’accusa di tentato omicidio. Il ferito, ricoverato in ospedale a Genova dal giorno dell’Epifania, è Giancarlo Bondanza, 56 anni, colpito al volto da un colpo di pistola. A sparare, a Crocefieschi (Genova) sarebbe stato Enrico Noli, 54 anni, che la sera prima ha inviato a Bondanza un sms con scritto «non arrivi a domani»........

video

Loading...

venerdì 17 marzo 2017

Si è svegliato dal coma e ha indicato ai carabinieri chi gli avrebbe sparato, un artigiano con cui aveva un debito che è stato arrestato giovedì con l’accusa di tentato omicidio. Il ferito, ricoverato in ospedale a Genova dal giorno dell’Epifania, è Giancarlo Bondanza, 56 anni, colpito al volto da un colpo di pistola. A sparare, a Crocefieschi (Genova) sarebbe stato Enrico Noli, 54 anni, che la sera prima ha inviato a Bondanza un sms con scritto «non arrivi a domani»........


Si è svegliato dal coma e ha indicato ai carabinieri chi gli avrebbe sparato, un artigiano con cui aveva un debito che è stato arrestato giovedì con l’accusa di tentato omicidio. Il ferito, ricoverato in ospedale a Genova dal giorno dell’Epifania, è Giancarlo Bondanza, 56 anni, colpito al volto da un colpo di pistola. A sparare, a Crocefieschi (Genova) sarebbe stato Enrico Noli, 54 anni, che la sera prima ha inviato a Bondanza un sms con scritto «non arrivi a domani».
Giancarlo BondanzaGIANCARLO BONDANZA 

All’origine ci sarebbe un intervento su una caldaia non pagata. Il presunto feritore, abitante nella stessa Valle Scrivia, dove abita il ferito, ma a Savignone, in località Montemaggio, è stato indicato dalla vittima appena è uscito dallo stato di coma in cui era finito dopo essere stato colpito da un proiettile alla testa. Bondanza, che è ora fuori pericolo, si trova ricoverato in terapia intensiva all’Ospedale S.Martino di Genova.

L’arrestato era stato subito il primo sospettato del ferimento perché alcune ore prima del fatto aveva fatto inviare da un’amica, perché il suo cellulare era privo di credito, un messaggio di minacce, Appunto: «Non arrivi a domani». L’arresto è stato eseguito giovedì mattina dai carabinieri. Noli ha negato ogni addebito. Il padre del ferito, novantenne, che era in casa al momento dell’aggressione non ha saputo dare indicazioni particolari agli investigatori, è morto alcune settimane fa in una casa di riposo.

I RESPONSI DELLO STUB
Giancarlo BondanzaGIANCARLO BONDANZA
Contro Noli ci sono anche i primi responsi dello stub. L’esame è risultato compatibile. Durante il sopralluogo nella casa della vittima i carabinieri trovarono tre bossoli calibro 6.35 Browning ed i resti metallici riconducibili all’incamiciatura di un proiettile. Solo un proiettile colpì Bondanza: l’uomo ha perso l’occhio destro. Il ferimento era avvenuto la scorsa Epifania fra le 17.15 e le 17.30. Noli, a detta dei carabinieri, si era presentato nella casa di Bondanza per riscuotere una somma di modesta entità, dovuta per la riparazione di una caldaia. Di fronte al tentativo di procrastinare ancora il pagamento, Noli avrebbe sparato.

TRE MESI DI COMA
Bondanza venne operato all’ospedale San Martino dove è rimasto a lungo in rianimazione, con il dubbio che potesse riprendere piene facoltà cognitive e motorie. Nei giorni scorsi la svolta: Bondanza si è ripreso e ha indicato la persona che gli ha sparato. Il magistrato ha disposto una perizia che stabilisca se l’uomo sia in grado di sostenere con esattezza quello che afferma, ma gli investigatori che negli ultimi giorni lo hanno sentito spesso, formulando sempre le stesse domande e ottenendo risposte convincenti sono convinti della sua attendibilità.

Nessun commento: