yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: MONTE PASCHI DI SIENA...... In costante e progressivo aumento le richieste dei giovani under 30, soprattutto per prestiti finalizzati alla formazione L’Assemblea dei soci di Microcredito di Solidarietà SpA, di cui Banca Monte dei Paschi di Siena è cofondatore e maggiore azionista, ha approvato oggi a Siena il bilancio d’esercizio 2016, che si è chiuso con un ammontare complessivo di erogazioni per 644.106 euro. La Società prosegue il suo impegno per le persone in difficoltà e per le microimprese del territorio, con l’obiettivo di contrastare la povertà e il disagio sociale e favorire l’accesso al credito di soggetti che non sono in grado di presentare tutti i requisiti richiesti solitamente dai tradizionali canali bancari. <>. ......

video

Loading...

venerdì 7 aprile 2017

MONTE PASCHI DI SIENA...... In costante e progressivo aumento le richieste dei giovani under 30, soprattutto per prestiti finalizzati alla formazione L’Assemblea dei soci di Microcredito di Solidarietà SpA, di cui Banca Monte dei Paschi di Siena è cofondatore e maggiore azionista, ha approvato oggi a Siena il bilancio d’esercizio 2016, che si è chiuso con un ammontare complessivo di erogazioni per 644.106 euro. La Società prosegue il suo impegno per le persone in difficoltà e per le microimprese del territorio, con l’obiettivo di contrastare la povertà e il disagio sociale e favorire l’accesso al credito di soggetti che non sono in grado di presentare tutti i requisiti richiesti solitamente dai tradizionali canali bancari. <>. ......

In costante e progressivo aumento le richieste dei giovani under 30, soprattutto per prestiti finalizzati alla formazione L’Assemblea dei soci di Microcredito di Solidarietà SpA, di cui Banca Monte dei Paschi di Siena è cofondatore e maggiore azionista, ha approvato oggi a Siena il bilancio d’esercizio 2016, che si è chiuso con un ammontare complessivo di erogazioni per 644.106 euro. La Società prosegue il suo impegno per le persone in difficoltà e per le microimprese del territorio, con l’obiettivo di contrastare la povertà e il disagio sociale e favorire l’accesso al credito di soggetti che non sono in grado di presentare tutti i requisiti richiesti solitamente dai tradizionali canali bancari. <>. 

Il bilancio 2016 si è chiuso, come sempre dalla data di costituzione di Microcredito di Solidarietà, con un risultato positivo, non tanto e non solo dal punto di vista economico, ma soprattutto per l’importante ruolo sociale e per l’operatività sviluppata a supporto della comunità locale. Il numero delle richieste nell’esercizio appena concluso ha registrato un aumento del 2,3% rispetto al 2015. Il leggero aumento ha interessato soprattutto i prestiti produttivi (microimpresa e formazione), mentre quelli sociali sono rimasti sostanzialmente stabili. In totale sono stati erogati 204 prestiti, rispetto ai 199 del 2015. In linea con la naturale vocazione di Microcredito di Solidarietà, rimane comunque predominante il numero delle erogazioni sociali, 142 per complessivi 481.235 euro, rispetto a quelle produttive, 62 per complessivi 162.871 euro, di cui 8 a favore di microimprese, rappresentate da piccole aziende nel settore del commercio e dell’artigianato. 

In merito alla suddivisione delle domande di microcredito produttivo, si conferma come negli anni passati la predominanza del numero delle richieste per formazione scolastica e professionale, rispetto alle richieste per le attività delle microimprese. Dato avvalorato anche dalla distribuzione dei richiedenti per classi di età, che ha visto un costante e progressivo aumento dei giovani under 30 (14,6% nel 2011, 15,6% nel 2012, 17,7% nel 2013, 21,9% nel 2014, 22,4% nel 2015, 22,7% nel 2016), principali fruitori dei servizi di formazione. Relativamente al microcredito sociale, destinato a promuovere progetti di inclusione sociale e finanziaria, la tipologia più ricorrente di richieste ha riguardato il ripristino liquidità (riferita al 40% dei prestiti erogati), la ristrutturazione debiti e/o necessità urgenti (30% dei finanziamenti), molteplici esigenze relative in particolare a necessità abitative, come il pagamento del canone di affitto arretrato e utenze e l’acquisto mezzi di trasporto, in genere auto usate per esigenze di lavoro (22% dei prestiti erogati). 

La restante percentuale ha riguardato motivi di salute ed esigenze diverse, quali istruzione scolastica e ricongiungimento familiare. Con i finanziamenti concessi nel 2016, Microcredito di Solidarietà ha erogato,  dalla sua data di fondazione nel 2006, complessivamente 1.979 prestiti per un totale di 6.368.585 euro. Da evidenziare che l’esercizio chiuso al 31 dicembre scorso è stato il primo redatto dopo la trasformazione del contesto normativo esterno e l’iscrizione da parte di Banca d’Italia della Società al nuovo elenco degli operatori del microcredito ex art. 111 TUB, avvenuta il 2 agosto 2016. Anche nel 2016 è stato confermato il trend, presente ormai ininterrottamente dal 2009, della predominanza delle richieste degli italiani rispetto a quelle di stranieri, ulteriore dimostrazione della persistenza della crisi nelle zone di riferimento e della maggiore difficoltà da parte dei connazionali a reagire alle difficoltà. 

I piccoli prestiti costituiscono, quindi, una possibilità di finanziamento per piccole aziende in fase di start-up o per sostenere il costo dei corsi di qualificazione professionale per giovani alla ricerca di prima occupazione o per persone che hanno perso il lavoro. La distribuzione delle richieste per genere, dopo il progressivo avvicinamento della forbice fra domande degli uomini e quelle delle donne in atto nel triennio 2013-2015, ha mostrato per il trascorso esercizio una netta predominanza del genere maschile, 173 uomini contro 136 donne, e questo anche sul fronte delle iniziative imprenditoriali. Microcredito di Solidarietà è riuscito anche quest’anno a portare un aiuto concreto alla comunità locale, mantenendo comunque un tasso fisso particolarmente basso, la gratuità delle istruttorie e una spiccata sensibilità nella valutazione delle necessità di rientro delle situazioni di maggior disagio sociale, grazie al supporto dato dai volontari (quasi tutti ex dipendenti bancari in pensione), dai consiglieri di amministrazione e dai sindaci revisori (che operano tutti gratuitamente) e non ultimo dal principale azionista, Banca Mps, che mette a disposizione locali, supporti tecnici e personale distaccato. Le richieste e i finanziamenti di Microcredito di Solidarietà sono stati favoriti anche dagli accordi e dalle convenzioni che sono state sottoscritte anche nel recente passato con istituzioni pubbliche e private per promuovere l’accesso al credito al di fuori dei tradizionali canali bancari. 


Fonte: Banca Monte dei Paschi di Siena SpA

Nessun commento: