yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: 1. Il siparietto di benvenuto con le battute per sciogliere il ghiaccio era, appunto, solo un siparietto. Perché quando la discussione con Donald Trump si è fatta più seria, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk hanno capito che la distanza transatlantica è davvero molto, molto ampia. Commercio, clima, rapporti con la Russia: il faccia a faccia di ieri è servito a Bruxelles per fare un bagno di realtà e constatare che Ue e Usa restano su due piani diversi. - 2. Resta il fatto che le aspettative della vigilia - conferma una fonte Ue - erano decisamente più alte. «Dall’insediamento di Trump a oggi - spiega - ci sembrava che il clima fosse migliorato. Abbiamo capito che non è così». Per quanto riguarda i toni, chi ha avuto accesso alla discussione assicura che il «mood» nella sala era molto «cordiale e amichevole». Il problema sono i contenuti. Il presidente Usa ha confermato di non voler proseguire sulla linea dell’amministrazione Obama per quanto riguarda il commercio....

video

Loading...

venerdì 26 maggio 2017

1. Il siparietto di benvenuto con le battute per sciogliere il ghiaccio era, appunto, solo un siparietto. Perché quando la discussione con Donald Trump si è fatta più seria, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk hanno capito che la distanza transatlantica è davvero molto, molto ampia. Commercio, clima, rapporti con la Russia: il faccia a faccia di ieri è servito a Bruxelles per fare un bagno di realtà e constatare che Ue e Usa restano su due piani diversi. - 2. Resta il fatto che le aspettative della vigilia - conferma una fonte Ue - erano decisamente più alte. «Dall’insediamento di Trump a oggi - spiega - ci sembrava che il clima fosse migliorato. Abbiamo capito che non è così». Per quanto riguarda i toni, chi ha avuto accesso alla discussione assicura che il «mood» nella sala era molto «cordiale e amichevole». Il problema sono i contenuti. Il presidente Usa ha confermato di non voler proseguire sulla linea dell’amministrazione Obama per quanto riguarda il commercio....

AFP
Donald Trump con Tusk


Il siparietto di benvenuto con le battute per sciogliere il ghiaccio era, appunto, solo un siparietto. Perché quando la discussione con Donald Trump si è fatta più seria, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk hanno capito che la distanza transatlantica è davvero molto, molto ampia. Commercio, clima, rapporti con la Russia: il faccia a faccia di ieri è servito a Bruxelles per fare un bagno di realtà e constatare che Ue e Usa restano su due piani diversi. La riunione a tre è durata circa 45 minuti, mentre per i restanti 25 è stata allargata anche al presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani e all’Alto Rappresentante Federica Mogherini («Il nostro ministro degli Esteri» nella presentazione di Tusk). Al termine, Juncker ha scambiato poche battute con i suoi più stretti collaboratori e sul suo volto era visibile tutta la delusione. Poi si è attaccato al telefono e si è allontanato da tutti. Secondo i rumors avrebbe chiamato Angela Merkel per riferirle dell’incontro, ma non ci sono conferme ufficiali. 

Resta il fatto che le aspettative della vigilia - conferma una fonte Ue - erano decisamente più alte. «Dall’insediamento di Trump a oggi - spiega - ci sembrava che il clima fosse migliorato. Abbiamo capito che non è così». Per quanto riguarda i toni, chi ha avuto accesso alla discussione assicura che il «mood» nella sala era molto «cordiale e amichevole». Il problema sono i contenuti. Il presidente Usa ha confermato di non voler proseguire sulla linea dell’amministrazione Obama per quanto riguarda il commercio. Questo potrebbe voler dire che il Ttip - il Trattato transatlantico di libero scambio - è da considerare morto defunto. Juncker «ha insistito sulla necessità di intensificare nella cooperazione - ha spiegato il portavoce della Commissione -, perché è una situazione vantaggiosa per entrambi». Bruxelles è riuscita a strappare soltanto un accordo per «iniziare un lavoro per un piano d’azione congiunto sul commercio». Tradotto: bisogna ripartire da capo. 

Un altro problema che resta «aperto» è quello relativo al clima e all’attuazione degli accordi di Parigi. Se n’è parlato anche durante il pranzo all’ambasciata Usa tra Donald Trump ed Emmanuel Macron. «Non abbiamo la stessa lettura» ha detto il presidente francese, che però ha cercato di congelare le divergenze: «Ho detto a Trump di non prendere nessuna decisione precipitosa». Chissà se l’invito sarà accolto. 

C’è poi il capitolo più spinoso: i rapporti con la Russia di Putin. È stato lo stesso Tusk ad ammettere la differenza di vedute. «Oggi non sono sicuro al cento per cento che abbiamo una posizione e una opinione comune sulla Russia». Per usare un eufemismo. Dal punto di vista politico, Tusk individua in Putin un nemico dell’Ue. E in questa partita Washington non è al fianco di Bruxelles. Lo è invece, ed è già qualcosa, quando si parla di Ucraina: «Siamo sulla stessa linea» secondo l’ex premier polacco. È dunque probabile che a fine giugno le sanzioni a Mosca per la violazione degli accordi di Minsk vengano prorogate. Oltre alla Corea del Nord, resta un solo punto su cui pare esserci intesa: la lotta al terrorismo. In un passaggio, Trump avrebbe poi detto di temere ripercussioni sull’occupazione negli Usa in seguito alla Brexit. Soltanto quattro mesi fa sosteneva che l’uscita del Regno Unito dalla Ue è «una gran cosa», ma forse ha cambiato idea. 


di Marco Breslin per "lastampa.it"

Nessun commento: