yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: ANDREA AGNELLI...... È durata poco più di mezz'ora la testimonianza de presidente della Juventus, Andrea Agnelli, convocato all’udienza preliminare del procedimento «Alto Piemonte», nata dall’indagine dell'antimafia di Torino sull’infiltrazione ’ndrangheta nella gestione commerciale dei biglietti della società. ......

video

Loading...

lunedì 15 maggio 2017

ANDREA AGNELLI...... È durata poco più di mezz'ora la testimonianza de presidente della Juventus, Andrea Agnelli, convocato all’udienza preliminare del procedimento «Alto Piemonte», nata dall’indagine dell'antimafia di Torino sull’infiltrazione ’ndrangheta nella gestione commerciale dei biglietti della società. ......

LAPRESSE
Andrea Agnelli


È durata poco più di mezz'ora la testimonianza de presidente della Juventus, Andrea Agnelli, convocato all’udienza preliminare del procedimento «Alto Piemonte», nata dall’indagine dell'antimafia di Torino sull’infiltrazione ’ndrangheta nella gestione commerciale dei biglietti della società
Agnelli ha risposto sui rapporti con gli ultrà e degli incontri con uno dei principali imputati, Rocco Dominello, accusato di associazione mafiosa e interessato al business dei biglietti. Il presidente della Juventus ha detto di averlo visto quattro o cinque volte con tanti altri ultrà in occasioni pubbliche e di aver ricevuto in occasione di un Natale un presente alla presenza di altri, ma non si è mai rapportato direttamente con lui. «Mai avuto rapporti privati». Non solo: ha aggiunto che nessuno gli ha mai prospettato che potesse essere un mafioso, visto che aveva contatti con la Digos con il suo apparato di sicurezza e aveva buonissimi rapporti con Conte, all'epoca allenatore della squadra.  

L'udienza si è svolta a porte chiuse, di fronte al Gup Giacomo Marson. L'audizione di Agnelli è stata richiesta dagli avvocati Domenico Putrino e Ivano Chiesa, legali di Rocco Dominello, come condizione al rito abbreviato per il suo assistito.  
Prima di Agnelli è stato sentito in aula, sempre su richiesta dei legale di Dominello, Loris Grancini, uno dei leader del gruppo ultrà dei Viking. Parla della distribuzione dei biglietti e delle riunioni con dirigenza e digos e dice che Dominelllo per lui era responsabile ultras e non mafioso. E soprattutto di non aver mai ricevuto pressioni su biglietti da ambienti riconducibili a gruppi criminali: «Sempre rapporti leciti con esponenti ultrà». 
I pm titolari dell’indagine, Monica Abbatecola e Paolo Toso, hanno ribadito in aula che Agnelli ha risposto in modo aderente a quello che già era emerso nel corso dell'indagine.  


di Massimiliano Peggio per "lastampa.it"

Nessun commento: