yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: Ci sperava e nel suo fortino di Arcore pregustava la vittoria. Poi quando attorno all’ora di pranzo la Cassazione ha respinto il ricorso e ha confermato l’assegno di separazione di due milioni di euro al mese per Veronica Lario, Silvio Berlusconi ha avuto un gesto di stizza e si è lasciato andare con i collaboratori: «Ecco, i giudici non sono cambiati». ......

video

Loading...

martedì 16 maggio 2017

Ci sperava e nel suo fortino di Arcore pregustava la vittoria. Poi quando attorno all’ora di pranzo la Cassazione ha respinto il ricorso e ha confermato l’assegno di separazione di due milioni di euro al mese per Veronica Lario, Silvio Berlusconi ha avuto un gesto di stizza e si è lasciato andare con i collaboratori: «Ecco, i giudici non sono cambiati». ......

ANSA


Ci sperava e nel suo fortino di Arcore pregustava la vittoria. Poi quando attorno all’ora di pranzo la Cassazione ha respinto il ricorso e ha confermato l’assegno di separazione di due milioni di euro al mese per Veronica Lario, Silvio Berlusconi ha avuto un gesto di stizza e si è lasciato andare con i collaboratori: «Ecco, i giudici non sono cambiati».  

Non ha avuto successo il tentativo dei legali dell’ex Cavaliere di sostenere che Veronica non è una «casalinga» ma una imprenditrice immobiliare. La prima sezione civile della Corte di Cassazione ha respinto il ricorso del leader di Fi sull’assegno di mantenimento relativo al periodo di separazione a favore dell’ex moglie, Veronica Lario. Per i giudici rimane rilevante la disparità tra patrimoni e redditi dei due coniugi.  

Viene così confermata dunque la sentenza con cui la Corte d’appello di Milano, nel 2014, aveva fissato a 2 milioni di euro (riducendolo di un milione) l’assegno stesso. Nelle motivazioni si spiega che «con la separazione il rapporto coniugale non viene meno» e dunque, si legge, «non vengono meno gli aspetti di natura patrimoniale». 

La Cassazione ricorda che i giudici d’appello, nella loro valutazione, hanno tenuto conto che «dalle dichiarazioni dei redditi presentate negli anni dal 2006 al 2010» emergeva il «reddito medio annuo» pari a «53 milioni di euro» di Silvio Berlusconi. Parole scolpite della Suprema Corte che lasciano il segno nella lunga giornata del Cavaliere.  

Chi lo ha sentito racconta di un Berlusconi «amareggiato» per l’ennesimo attacco da parte della magistratura, una sentenza che «a pochi mesi dalla campagna elettorale avrà dei riflessi sulla mia agibilità politica». A questo punto nelle segrete stanze di Arcore si aspetta di vedere cosa succedere sull’assegno di divorzio.  

A breve si dovrebbe pronunciare la Corte d’appello sul cui giudizio Berlusconi e i suoi legali sono convinti che peserà la sentenza della Cassazione della scorsa settimana in cui si sottolinea che «il parametro del mantenimento del tenore di vita goduto durante il matrimonio non è più in vigore e che l’assegno divorzile, in misura ”sobria”, spetta solo a chi non è in grado di lavorare, non per sua colpa, e non ha redditi».  

Altrimenti nel quartier generale di Berlusconi si studia un’altra mossa: trovare un accordo e non andare a giudizio. Una buonuscita congrua che però passa da un Si da parte di Veronica.  


di Giuseppe Alberto Falci per "lastampa.it"

Nessun commento: