yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: I guerriglieri curdi appoggiati dagli Stati Uniti hanno conquistato la strategica diga di Tabqa, 40 chilometri a Ovest di Raqqa. La diga, la più grande della Siria, controlla le acque del Lago Assad e poteva essere usata dall’Isis per causare un’inondazione catastrofica. Con la sua presa si avvicina l’assalto finale alla capitale del Califfato. .......

video

Loading...

mercoledì 10 maggio 2017

I guerriglieri curdi appoggiati dagli Stati Uniti hanno conquistato la strategica diga di Tabqa, 40 chilometri a Ovest di Raqqa. La diga, la più grande della Siria, controlla le acque del Lago Assad e poteva essere usata dall’Isis per causare un’inondazione catastrofica. Con la sua presa si avvicina l’assalto finale alla capitale del Califfato. .......

AP
LA città di Tabqa


I guerriglieri curdi appoggiati dagli Stati Uniti hanno conquistato la strategica diga di Tabqa, 40 chilometri a Ovest di Raqqa. La diga, la più grande della Siria, controlla le acque del Lago Assad e poteva essere usata dall’Isis per causare un’inondazione catastrofica. Con la sua presa si avvicina l’assalto finale alla capitale del Califfato. 

Armi pesanti  
I curdi dello Ypg formano il grosso, circa tre quarti, della Syrian democratic forces addestrate dagli Usa per sconfiggere lo Stato islamico nel Nord della Siria. Ieri il presidente Donald Trump ha dato l’ok alla fornitura di armi pesanti. Arriveranno mortati, missili anti-carro, mezzi blindati. 

Le proteste di Erdogan  
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha protestato per la decisione che potrebbe portare “guai” agli Stati Uniti e ha chiesto a Washington di rivederla. Ma il Pentagono ha confermato che dopo la conquista di Tabqa comincerà la fase finale dell’assalto a Raqqa. Ankara considera lo Ypg il braccio siriano del Pkk, un’organizzazione terroristica. 

Intesa Usa-Russia  
Ma per Washington i curdi sono l’unica forza “in grado di prendere Raqqa in un futuro prossimo” e non vogliono rimettere in discussione la decisione strategica. La Russia sembra appoggiare per il momento questa scelta che si inquadra nella divisione della Siria in sfere di influenza. 

Taglia sul capo di Al-Qaeda  
La visita del ministro degli Esteri Sergei Lavrov alla Casa Bianca sembra aver cementato l’intesa. Gli Usa hanno messo un taglia di dieci milioni di dollari sul più pericoloso capo ribelle, Mohammed al-Joulani, che guida il gruppo jihadista Hayat al-Tahrir al-Sham, legato ad Al-Qaeda. Un convergenza con Mosca nella lotta ai gruppi islamisti, priorità della Russia e del regime di Damasco. 


di Giordano Stabile per "lastampa.it"

Nessun commento: