yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: MONTE PASCHI DI SIENA..... I guai (non solo giudiziari) del Monte dei Paschi non finiscono mai e anzi, si moltiplicano. La banca più antica al mondo, infatti, rischia di essere rinviata a giudizio in base alla legge 231 sulla responsabilità amministrativa di società per reati commessi dai propri dirigenti. E’ questo l’esito delle indagini della procura generale di Milano riguardanti presunte operazioni finanziarie irregolari.......

video

Loading...

mercoledì 10 maggio 2017

MONTE PASCHI DI SIENA..... I guai (non solo giudiziari) del Monte dei Paschi non finiscono mai e anzi, si moltiplicano. La banca più antica al mondo, infatti, rischia di essere rinviata a giudizio in base alla legge 231 sulla responsabilità amministrativa di società per reati commessi dai propri dirigenti. E’ questo l’esito delle indagini della procura generale di Milano riguardanti presunte operazioni finanziarie irregolari.......

                         

Derivati, Mps rischia il rinvio a giudizio (insieme agli ex vertici Viola e Profumo) a Milano e intanto continua ad aspettare il via libera dell’Europa alla ricapitalizzazione precauzionale 

I guai (non solo giudiziari) del Monte dei Paschi non finiscono mai e anzi, si moltiplicano. La banca più antica al mondo, infatti, rischia di essere rinviata a giudizio in base alla legge 231 sulla responsabilità amministrativa di società per reati commessi dai propri dirigenti. E’ questo l’esito delle indagini della procura generale di Milano riguardanti presunte operazioni finanziarie irregolari. La storia è quella relativa alla contabilizzazione a saldi aperti dei derivati Santorini e Alexandria sui bilanci (per gli inquirenti “falsati”) dell’istituto di credito senese compresi tra il 2012 e il 2015. Operazioni strutturate la prima con Deutsche Bank e la seconda con la giapponese Nomura.

Ebbene, dopo la decisione del giudice per le indagini preliminari di respingere l’iniziale richiesta d’archiviazione, sarebbe ormai imminente l’arrivo di una richiesta di rinvio a giudizio che, gup permettendo, potrebbe portare alla sbarra non solo Mps, ma anche l’ex presidente Alessandro Profumo. E ancora: l’amministratore delegato di allora Fabrizio Viola e il “vecchio” numero uno del consiglio sindacale Paolo Salvadori. L’avviso di chiusura delle indagini potrebbe essere notificato agli indagati già in queste ore, con i pm che sono a lavoro per stabilire i capi d’imputazione per i coinvolti che dovrebbero essere accusati di aggiotaggio e falso in bilancio. Da chiarire, allo stesso tempo, la posizione di Rocca Salimbeni, con gli inquirenti che vogliono evitare spezzatini processuali e trattare, eventualmente, tutti gli imputati in un’unica udienza.
Un’altra tegola per banca rossa, che si appresta sì a ricevere l’ennesimo aiutino (da quasi 1 miliardo di euro) dal governo, infilato nella manovra correttiva da 3,4 miliardi (che ancora deve essere convertita in legge e quindi ancora può essere modificata), che potrebbe tradursi in un regalo non solo all’Europa ma anche agli istituti di credito in crisi (per via di quella modifica ai parametri dell’Ace - Aiuto alla crescita economica - che potrebbe garantirgli un beneficio immediato). Ma intanto è ancora in attesa di quel disco verde, da parte di Francoforte e Bruxelles, alla ricapitalizzazione precauzionale con intervento pubblico (da 6,6 miliardi) che tarda ad arrivare. Il via libera appare scontato da mesi, tant’è il benestare continua a farsi attendere. Un temporeggiamento, continuo, che non lascia dormire sonni tranquilli al management senese, guidato ora dall’amministratore delegato Marco Morelli, che vorrebbe uscire al più presto da questa impasse.

Il Monte dei Paschi ha troppi problemi da risolvere: dal 22 dicembre scorso non è più sui listini di Borsa e ha bruciato una ricchezza che fino a pochi anni fa sembrava infinita. Da sciogliere poi anche il nodo legato alla cessione dei crediti deteriorati, un’altra gatta non facile da pelare.
Continuano quindi gli infiniti problemi di banca rossa, che con molte probabilità sarà costretta a difendersi presto in tribunale da nuove accuse, con la testa però impegnata al rilancio di un gruppo sprofondato verso una deriva che appare inarrestabile. 


di Marco Zappa per "ilgiornaleditalia.org"

Nessun commento: