yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: SIRIA..... Un raid americano ha provocato almeno 35 morti tra i civili in una città dell’est della Siria controllata dall’Isis. L’attacco è avvenuto a Mayadin, un centro di circa 50 mila abitanti lungo l’Eufrate, a Est di Raqqa e Deir ez-Zour. Nella zona si stanno concentrando le forze islamiste, compresi molti combattenti stranieri, in ritirata dall’Iraq e dal Nord della Siria. ...

video

Loading...

venerdì 26 maggio 2017

SIRIA..... Un raid americano ha provocato almeno 35 morti tra i civili in una città dell’est della Siria controllata dall’Isis. L’attacco è avvenuto a Mayadin, un centro di circa 50 mila abitanti lungo l’Eufrate, a Est di Raqqa e Deir ez-Zour. Nella zona si stanno concentrando le forze islamiste, compresi molti combattenti stranieri, in ritirata dall’Iraq e dal Nord della Siria. ...

AFP
Una nube di fumo si solleva sulla città di Daraa dopo un bombardamento


Un raid americano ha provocato almeno 35 morti tra i civili in una città dell’est della Siria controllata dall’Isis. L’attacco è avvenuto a Mayadin, un centro di circa 50 mila abitanti lungo l’Eufrate, a Est di Raqqa e Deir ez-Zour. Nella zona si stanno concentrando le forze islamiste, compresi molti combattenti stranieri, in ritirata dall’Iraq e dal Nord della Siria. 

Foreign fighters  
I raid però, secondo l’Osservatorio siriano dei diritti umani, vicino all’opposizione, sono costate la vita ad almeno 35 civili. Tra le persone uccise figurano almeno 26 parenti di jihadisti dell’Isis, siriani ma anche marocchini, ha spiegato il capo dell’osservatorio Rami Abdel Rahman: “I nove altri sono civili siriani, tra i quali cinque sono bambini”, ha precisato.  

Area critica  
Fra Deir ez-Zour, Mayadin, Abu Kamal e Al-Qim, tutte cittadine lungo l’Eufrate, dove il fiume passa dalla Siria all’Iraq, si sta formando un nuovo nucleo forte del Califfato, con migliaia di combattenti stranieri, le loro famiglie, ma anche civili, tecnici degli armamenti e specializzati nelle produzione di armi chimiche. I raid americani, siriani e iracheni si sono intensificati in questa zona negli ultimi mesi. 

La strage di Mosul  
Tra il 23 aprile e il 23 maggio, secondo l’osservatori, sono stati uccisi da attacchi della coalizione a guida Usa 225 civili. Ieri il Pentagono ha ammesso che almeno105 civili sono morti nell’attacchi di un deposito d’armi dell’Isis a Mosul, in Iraq, a marzo. Nel raid era andato completamente distrutto un palazzo residenziale. 


di Giordano Stabile per "lastampa.it"

Nessun commento: