yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: VENEZUELA..... 1. Gli Stati Uniti dovrebbero "uscire dal Venezuela", ha detto il leader del paese, Nicolas Maduro, dopo che Washington ha schiantato i funzionari giudiziari venezuelani con sanzioni per "sostenere" il popolo venezuelano. - 2. "Vai a casa, Donald Trump. Esci dal Venezuela ", ha detto Maduro in un discorso trasmesso in diretta in TV, come citato da Reuters. "Porta via le tue mani sporche di qui". - 3. "Le posizioni estreme di un governo appena partendo hanno confermato solo la natura discriminatoria, razzista, xenofobica e genocida delle élite degli Stati Uniti contro l'umanità e il suo popolo, che è ora accentuata da questa nuova amministrazione che afferma la supremazia bianca anglosassone" La dichiarazione si legge, come citato da Reuters.....

video

Loading...

domenica 21 maggio 2017

VENEZUELA..... 1. Gli Stati Uniti dovrebbero "uscire dal Venezuela", ha detto il leader del paese, Nicolas Maduro, dopo che Washington ha schiantato i funzionari giudiziari venezuelani con sanzioni per "sostenere" il popolo venezuelano. - 2. "Vai a casa, Donald Trump. Esci dal Venezuela ", ha detto Maduro in un discorso trasmesso in diretta in TV, come citato da Reuters. "Porta via le tue mani sporche di qui". - 3. "Le posizioni estreme di un governo appena partendo hanno confermato solo la natura discriminatoria, razzista, xenofobica e genocida delle élite degli Stati Uniti contro l'umanità e il suo popolo, che è ora accentuata da questa nuova amministrazione che afferma la supremazia bianca anglosassone" La dichiarazione si legge, come citato da Reuters.....


‘Get your dirty hands out of Venezuela’ – Maduro to Trump


Gli Stati Uniti dovrebbero "uscire dal Venezuela", ha detto il leader del paese, Nicolas Maduro, dopo che Washington ha schiantato i funzionari giudiziari venezuelani con sanzioni per "sostenere" il popolo venezuelano.

Il nuovo pacchetto di sanzioni, destinato al primo giudice e ai sette altri membri della Corte suprema del Venezuela, è stato imposto dal Tesoro statunitense per "avanzare la governance democratica" nel paese.

"Vai a casa, Donald Trump. Esci dal Venezuela ", ha detto Maduro in un discorso trasmesso in diretta in TV, come citato da Reuters. "Porta via le tue mani sporche di qui".

Il tirado del presidente venezuelano ha risuonato una dichiarazione rilasciata dal governo, accusando gli Stati Uniti di intervenire negli affari interni del paese e cercando di destabilizzarlo ulteriormente.

"Le aggressioni del presidente Trump contro il popolo venezuelano, il suo governo e le sue istituzioni hanno superato tutti i limiti", ha dichiarato la dichiarazione.

Ha esortato gli Stati Uniti a concentrarsi sulla risoluzione dei propri problemi interni, invece di ingannare negli affari del Venezuela.

"Le posizioni estreme di un governo appena partendo hanno confermato solo la natura discriminatoria, razzista, xenofobica e genocida delle élite degli Stati Uniti contro l'umanità e il suo popolo, che è ora accentuata da questa nuova amministrazione che afferma la supremazia bianca anglosassone" La dichiarazione si legge, come citato da Reuters.

Le sanzioni imposte dal Tesoro statunitense includono il congelamento di qualsiasi patrimonio che gli otto giudici avrebbero potuto avere negli Stati Uniti, negano loro di entrare nel paese e vietano ai cittadini americani di fare affari con loro. La situazione in Venezuela "è una vergogna per l'umanità" e il paese "è stato incredibilmente mal gestito", ha detto Donald Trump Giovedi.

"Non abbiamo visto veramente un problema come quello, direi, in decenni", aggiunse Trump.

Migliaia di manifestanti anti-governo hanno colpito le strade sabato con grandi folle che scendono per le strade della capitale Caracas e la città di Christobal nello stato occidentale di Tachira, che è cresciuto in uno dei centri principali dei continui disordini.

Secondo le stime, 10.000 persone hanno cantato slogan e hanno riportato segni accusando Maduro di usurpare il potere nel paese mentre hanno marciato verso il quartier generale del ministero degli Interni, ha riferito AFP.

A Cristobal, circa 40.000 manifestanti hanno partecipato ai rally. Alcuni dei manifestanti hanno riferito di aver lanciato pietre alla polizia e alcuni sono stati macchiati con machete. Alla luce della situazione sempre più turbolenta della città, il governo ha inviato questa settimana altri 2.600 soldati per contenere la violenza.

Nel frattempo, il numero di detenuti e uccisi negli scontri è in aumento. I sostenitori locali dei diritti umani stimano che oltre 2.600 persone sono state arrestate durante quasi due mesi di manifestazioni e almeno 47 persone sono morte negli scontri.

La situazione in Venezuela si riscalda alla fine di marzo, dopo che la Corte Suprema ha deciso di assumere i doveri dell'Assemblea Nazionale. I disordini del paese continuano nonostante la corte ha abrogato il decreto poco dopo.

I funzionari venezuelani, però, tendono a dare la colpa ai poteri estranei per alimentare gli scontri, affermando che la scala delle proteste all'interno del paese è in gran parte esagerata dai media.

"La situazione in Venezuela e che ciò che è accaduto nelle ultime due settimane non pregiudica un solo per cento del territorio del paese, ma viene presentato a livello internazionale come se il paese fosse in guerra", ha dichiarato il ministro del Venezuela Delcy Rodriguez RT spagnola all'inizio di maggio.

L'obiettivo principale delle proteste in corso è stato quello di creare "creare un confusione nella nostra società" e violentemente sbarrare il presidente Maduro invece di cercare nuove elezioni, il capo della commissione per l'Assemblea Nazionale Costituente Elías José Jaua Milano ha dichiarato RT a maggio I leader delle proteste "non sono interessati a partecipare alle elezioni quando la situazione è politica, economica e socialmente stabile".


traduzione articolo da "rt.com"

Nessun commento: