yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: 1. Attentati jihadisti con droni esplosivi: il nuovo rapporto sul terrorismo di Europol mette in guardia sul rischio che la tecnica, in uso nelle "crisi in Irak e Siria, possa ispirare altri" arrivando anche in Europa..... - 2. Sono 7.670 i nomi di 'foreign fighter' di Paesi Ue sulla lista nera della Turchia. Emerge dalla relazione annuale di Europol sul terrorismo, presentata dal direttore Rob Wainwright, alla riunione informale dei ministri dell'Interno a Malta......

video

Loading...

giovedì 15 giugno 2017

1. Attentati jihadisti con droni esplosivi: il nuovo rapporto sul terrorismo di Europol mette in guardia sul rischio che la tecnica, in uso nelle "crisi in Irak e Siria, possa ispirare altri" arrivando anche in Europa..... - 2. Sono 7.670 i nomi di 'foreign fighter' di Paesi Ue sulla lista nera della Turchia. Emerge dalla relazione annuale di Europol sul terrorismo, presentata dal direttore Rob Wainwright, alla riunione informale dei ministri dell'Interno a Malta......


drone esplosivoDRONE ESPLOSIVO
1 - ISIS: EUROPOL, RISCHIO ATTACCHI CON DRONI ESPLOSIVI
(ANSA) - Attentati jihadisti con droni esplosivi: il nuovo rapporto sul terrorismo di Europol mette in guardia sul rischio che la tecnica, in uso nelle "crisi in Irak e Siria, possa ispirare altri" arrivando anche in Europa. C'è inoltre preoccupazione per possibili attacchi con armi chimiche, biologiche, radiologiche e nucleari. Nella sua propaganda on-line l'Isis, nel 2016, ha sollecitato a queste azioni, condividendo tattiche (era stata diffusa anche una guida sull'estrazione della tossina della ricina) e obiettivi.

2 - EUROPOL 7.670 I FIGHTER UE SU LISTA NERA TURCHIA 
drone esplosivoDRONE ESPLOSIVO
(ANSA) - Sono 7.670 i nomi di 'foreign fighter' di Paesi Ue sulla lista nera della Turchia. Emerge dalla relazione annuale di Europol sul terrorismo, presentata dal direttore Rob Wainwright, alla riunione informale dei ministri dell'Interno a Malta, che avverte sulla crescente minaccia terrorismo, col rientro massiccio dei combattenti da Irak e Siria, "se come sembra, l'Isis sarà sconfitto". D'altra parte, uno dei nuovi elementi di cui si è arricchita la propaganda del Califfato nel 2016, si rileva, è che "in caso di sconfitta in Siria e Irak, l'Isis chiede ai propri affiliati, in altre aree geografiche, di portare avanti la lotta".

Nessun commento: