yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: 1. Il Montenegro è diventato ufficialmente il 29 ° membro dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) in occasione di una cerimonia a Washington il 5 giugno. - 2. Il Montenegro era in precedenza un stretto alleato della Russia, ma la sua decisione di aderire alla NATO ha oltraggiato Mosca. - 3. Immerso nel Mar Adriatico tra la Croazia e l'Albania, il paese minuscolo e il suo bilancio di difesa annuale di 69 milioni di dollari potrebbero sembrare poco valorizzabili. Il suo esercito di circa 2.000 soldati farà appena un'increspatura nelle forze della NATO, ma la sua costa di 293 chilometri costituisce un insieme strategico di immobili - il penultimo pezzo del puzzle adriatico. - 4. La Russia ha anche un notevole potere economico, in quanto è il più grande investitore nel paese balcanico e circa 7.000 cittadini russi abitano in modo permanente nella nazione di circa 620.000. I russi possiedono circa il 40 per cento della costa desiderata del mare Adriatico e turisti russi rappresentano un terzo delle visite notturne in Montenegro......

video

Loading...

lunedì 5 giugno 2017

1. Il Montenegro è diventato ufficialmente il 29 ° membro dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) in occasione di una cerimonia a Washington il 5 giugno. - 2. Il Montenegro era in precedenza un stretto alleato della Russia, ma la sua decisione di aderire alla NATO ha oltraggiato Mosca. - 3. Immerso nel Mar Adriatico tra la Croazia e l'Albania, il paese minuscolo e il suo bilancio di difesa annuale di 69 milioni di dollari potrebbero sembrare poco valorizzabili. Il suo esercito di circa 2.000 soldati farà appena un'increspatura nelle forze della NATO, ma la sua costa di 293 chilometri costituisce un insieme strategico di immobili - il penultimo pezzo del puzzle adriatico. - 4. La Russia ha anche un notevole potere economico, in quanto è il più grande investitore nel paese balcanico e circa 7.000 cittadini russi abitano in modo permanente nella nazione di circa 620.000. I russi possiedono circa il 40 per cento della costa desiderata del mare Adriatico e turisti russi rappresentano un terzo delle visite notturne in Montenegro......

Montenegrin Prime Minister Dusko Markovic (second from right) and NATO Secretary-General Jens Stoltenberg (center) participate in the ceremony to welcome Montenegro as the alliance’s newest member in Washington on June 5.


WASHINGTON - Il Montenegro è diventato ufficialmente il 29 ° membro dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) in occasione di una cerimonia a Washington il 5 giugno.

Il premier Dusko Markovic ha ufficialmente trasmesso lo strumento di adesione del Montenegro alla cerimonia nella Camera dei trattati del Dipartimento di Stato nella capitale degli Stati Uniti.

Markovic ha dichiarato che l'appartenenza del suo paese era un'indicazione che "mai più qualcuno potrebbe decidere il nostro destino dietro la schiena come in passato".

Il Sottosegretario di Stato per gli affari politici Usa, Tom Shannon, che ha partecipato alla cerimonia, ha affermato che il Montenegro ha affermato "il suo diritto di scegliere le sue alleanze apertamente anche di fronte alla pressione concertata estera".

Il piccolo paese balcanico si unisce in un momento in cui l'alleanza creata per contrastare l'aggressione sovietica cerca di frenare i tentativi russi di aumentare la sua influenza nell'Europa orientale.

Il Montenegro era in precedenza un stretto alleato della Russia, ma la sua decisione di aderire alla NATO ha oltraggiato Mosca.

Immerso nel Mar Adriatico tra la Croazia e l'Albania, il paese minuscolo e il suo bilancio di difesa annuale di 69 milioni di dollari potrebbero sembrare poco valorizzabili.

Il suo esercito di circa 2.000 soldati farà appena un'increspatura nelle forze della NATO, ma la sua costa di 293 chilometri costituisce un insieme strategico di immobili - il penultimo pezzo del puzzle adriatico.

Con l'ex repubblica jugoslava in modo sicuro, la NATO controllerà l'intera costa dell'Adriatico, dal tallone dell'Italia alla costa robusta della Grecia, ad eccezione di un tratto di 20 chilometri in possesso della Bosnia-Erzegovina.

L'adesione del Montenegro "ribadisce ad altri aspiranti che la porta della NATO resta aperta a quei paesi disposti e in grado di fare le riforme necessarie per rispettare gli alti standard della NATO e di accettare i rischi, le responsabilità ei vantaggi dell'adesione", ha affermato il Dipartimento di Stato USA in una dichiarazione.

L'adesione del Montenegro segna anche la fine di una lunga e spesso ardua strada verso l'adesione che il Cremlino ha ripetutamente tentato di deragliare.

Mosca ha affermato in vari contesti che il percorso della NATO di Podgorica è contrario a centinaia di anni di "relazioni fraterne" tra le due nazioni cristiane ortodosse, soprattutto slave.

La Russia ha anche un notevole potere economico, in quanto è il più grande investitore nel paese balcanico e circa 7.000 cittadini russi abitano in modo permanente nella nazione di circa 620.000.

I russi possiedono circa il 40 per cento della costa desiderata del mare Adriatico e turisti russi rappresentano un terzo delle visite notturne in Montenegro.

Malgrado tutto il suo colpo di sciabola, gli analisti hanno dichiarato che è improbabile che Mosca prenderà qualsiasi azione reale sull'adesione del Montenegro.

"Il Cremlino non è pronto a impegnare risorse significative per mantenere il Montenegro fuori dall'orbita degli Stati Uniti", ha dichiarato Maksim Samorukov, analista presso il Moscow Carnegie Center.

La bandiera del Montenegro deve volare per la prima volta alla sede NATO in Bruxelles il 7 giugno.

Nessun commento: