yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei: A LATINA C’E’ ANCORA IL FASCIO - DUE DONNE TRANS CACCIATE A SPINTONI DA UN RISTORANTE: NON SIETE VESTITE DECENTEMENTE E, "DATA LA LORO NATURA", DI ESSERE INADATTE PER IL LOCALE - LA TITOLARE HA CORRETTO LA CAMERIERA: ‘’VOI TRANS NON VI VOGLIAMO PERCHÉ POCO DI BUONO E FROCI”, CON CONTORNO DI OFFESE E PAROLACCE -

video

Loading...

domenica 13 agosto 2017

A LATINA C’E’ ANCORA IL FASCIO - DUE DONNE TRANS CACCIATE A SPINTONI DA UN RISTORANTE: NON SIETE VESTITE DECENTEMENTE E, "DATA LA LORO NATURA", DI ESSERE INADATTE PER IL LOCALE - LA TITOLARE HA CORRETTO LA CAMERIERA: ‘’VOI TRANS NON VI VOGLIAMO PERCHÉ POCO DI BUONO E FROCI”, CON CONTORNO DI OFFESE E PAROLACCE -



Ancora un atto discriminatorio all’interno d’un locale pubblico. È successo presso il ristorante Da Vittorio e Maria ubicato sul litorale di Latina in zona Foce Verde. A essere aggredite verbalmente e allontanate dalla trattoria due donne transgender Massimina Lizzeri e Sandra De Paola.
Massimina_Lizzerin -MASSIMINA_LIZZERIN -

Il 9 agosto, dopo una mattinata trascorsa al mare, Massimina e Sandra si sono recate verso le 13.00 al ristorante per pranzare. Indossavano pantaloncini e pareo. Nonostante ciò sono state accolte in malo modo da una cameriera che ha detto alle due donne di non essere vestite decentemente e, «data la loro natura», di essere inadatte per il locale.

Ma come se non bastasse è sopraggiunta la titolare del ristorante, la quale ha detto a Massimina e a Sandra di non essere gradite perché «poco di buono e froci». Ha poi aggiunto categoricamente: «Voi trans non vi vogliamo» con un seguito di offese e parolacce. Ha anche spintonato le due donne, cui ha procurato lividi e altri segni sul braccio e sul fianco destro
MASSIMINAMASSIMINA
Massimina, che era alla vigilia del suo 49° compleanno, è rimasta fortemente sconvolta dall’accaduto. Ma ha avuto il coraggio di sporgere denuncia ai carabinieri della stazione di Nettuno.




fonte "Dagospia"

Nessun commento: