yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei

lunedì 27 giugno 2022

Le munizioni dell'Ucraina diventano un problema determinante nella battaglia per il Donbas. Analisi: mentre i proiettili dell'era sovietica si stanno esaurendo, l'Ucraina fa appello per l'artiglieria che possa utilizzare i proiettili Nato, ma le consegne sono lente

 

I militari ucraini corrono ai ripari durante un duello di artiglieria tra le truppe ucraine e russe a Lysychansk, nel Donbas.
I militari ucraini corrono ai ripari durante un duello di artiglieria tra le truppe ucraine e russe a Lysychansk, nel Donbas. Fotografia: Aris Messinis/AFP/Getty Images

Per l'esercito ucraino la questione delle munizioni per la sua artiglieria è stata una specie di problema.

Nella battaglia per il Donbas a est - che è diventata in gran parte un duello di artiglieria tra le forze russe e ucraine - Kiev ha fatto molto affidamento fino a poco tempo sulle munizioni dell'era sovietica per l'artiglieria che costituisce gran parte del suo arsenale.

Ora che le munizioni stanno finendo disperatamente, l'Ucraina fa appello ai suoi alleati affinché sostituiscano la sua artiglieria con sistemi che utilizzino munizioni NATO , armi che stanno arrivando lentamente rispetto ai bisogni dell'Ucraina.

"Questa è una guerra di artiglieria ora", ha detto all'inizio di questo mese Vadym Skibitsky, vice capo dell'intelligence militare ucraina .

“Stiamo perdendo in termini di artiglieria. Tutto ora dipende da ciò che [l'Occidente] ci offre", ha aggiunto. “L'Ucraina ha un pezzo di artiglieria da 10 a 15 pezzi di artiglieria russa. I nostri partner occidentali ci hanno dato circa il 10% di quello che hanno".

Al centro della questione c'è il fatto che l'artiglieria americana e della NATO e dell'era sovietica usano diversi calibri di proiettili che non sono intercambiabili.

I gusci standard della NATO sono 105 mm e 155 mm. I cannoni ucraini, che risalgono ai tempi della guerra fredda, sparano proiettili da 122-152 mm.

Le scorte di proiettili da 152 mm tendono a essere detenute dalle ex repubbliche sovietiche, la cui capacità di vendere a Kiev è complicata dai continui rapporti con Mosca, mentre anche un certo numero di paesi africani e mediorientali detengono azioni. Mosca ha condotto una campagna clandestina per impedire all'ex Patto di Varsavia e ad altri paesi che hanno le munizioni di fornirlo all'Ucraina.

Nonostante gli intensi sforzi del Pentagono - e dei trafficanti d'armi privati ​​- per trovare proiettili aggiuntivi da 152 mm, sembra che ora ce ne siano pochi.

Il problema è stato determinante nel Donbas nelle ultime settimane, dove è stato stimato che le forze russe sparano fino a 60.000 proiettili al giorno rispetto ai 5-6.000 dell'Ucraina. Le truppe di Kiev sono state sempre più costrette a conservare le munizioni.

Secondo alcuni analisti, la stessa Russia sta affrontando problemi con la fornitura di munizioni, sebbene abbia uno stock molto più grande dell'Ucraina.

E mentre gli alleati dell'Ucraina in Occidente hanno lavorato per fornire sistemi compatibili con i proiettili della NATO, la trasformazione all'ingrosso dell'esercito ucraino nel mezzo di un conflitto è in ritardo rispetto ai requisiti del campo di battaglia di Kiev.

Un altro problema nella transizione ai sistemi Nato è la formazione. Mentre l'Ucraina sta ricevendo sistemi come l'obice M777 da 155 mm e sistemi di lancio multiplo a lungo raggio come l'Himars fornito dagli Stati Uniti , le truppe ucraine devono essere addestrate per usarli.

"Abbiamo munizioni del nuovo tipo, ma ci mancano ancora le armi [per spararle]", ha detto di recente al Washington Post Mariana Bezugla, vice capo del comitato per la sicurezza nazionale, la difesa e l'intelligence del parlamento ucraino, aggiungendo che l'Ucraina ha utilizzato di più dei proiettili dell'era sovietica di quelli prodotti a livello globale in un giorno.


traduzione articolo di  per "theguardian.com"

Nato’s secretary general has said this week’s Madrid summit will agree the alliance’s most significant transformation for a generation, putting 300,000 troops at high readiness in response to Russia’s invasion of Ukraine.....

 

Jens Stoltenberg speaks during the press conference to preview the Nato summit in Madrid on Monday
Jens Stoltenberg speaks during the press conference to preview the Nato summit in Madrid on Monday. Photograph: Kenzo Tribouillard/AFP/Getty Images

Nato’s secretary general has said this week’s Madrid summit will agree the alliance’s most significant transformation for a generation, putting 300,000 troops at high readiness in response to Russia’s invasion of Ukraine.

Jens Stoltenberg said the military alliance’s forces in the Baltic states and five other frontline countries would be increased “up to brigade levels” – doubled or trebled to between 3,000 and 5,000 troops.

That would amount to “the biggest overhaul of our collective defence and deterrence since the cold war,” Stoltenberg said before the meeting of the 30-country alliance, which runs from Tuesday to Thursday this week.

The rapid-reaction Nato Response Force currently numbers up to 40,000, and the proposed change amounts to a broad revision in response to Russian militarisation. Under the plans, Nato will also move stocks of munitions and other supplies farther east, a transition due to be completed in 2023.

The Norwegian secretary general conceded he could not make any promises about the progress of applications by Sweden and Finland to join Nato, because objections raised by Turkey to their membership remained unresolved.

Stoltenberg said Turkey’s president, Recep Tayyip Erdoğan, had agreed to meet the Swedish prime minister, Magdalena Andersson, and Finland’s president, Sauli Niinistö, on Tuesday in Madrid to try to resolve the issue.

But he played down hopes of a breakthrough at the meeting on the margins of the Nato event. “It’s too early to say what kind of progress you can make by the summit,” he told a press conference.

Turkey has said it will block the applications of Sweden and Finland unless it receives satisfactory assurances that the Nordic countries are willing to address what it regards as support for Kurdish groups it designates as terrorist organisations.

Later on Monday, Andersson said still she hoped a last-minute deal could be reached, after a day of contacts between officials of the three countries in Brussels.

“My strong hope is that this dialogue can be successfully concluded in the near future, ideally before the summit,” Andersson said, emphasising that Sweden “condemns terrorism in all its forms” and that the insurgent Kurdish Workers’ party (PKK) was recognised as a terror group in Sweden.

Ukraine’s president, Volodymyr Zelenskiy, will address the summit on Wednesday morning, where he is expected to follow on from a plea made on Monday at the G7 meeting in Germany for western countries to provide arms so the war does not “drag on over winter”.

Stoltenberg said Nato would agree “a strengthened, comprehensive assistance package” for Kyiv, including immediate help to “secure communications, anti-drone systems and fuel” and longer-term assistance in transitioning from Soviet standard arms and equipment to their western equivalents.

But while the state of the war is likely to dominate the summit, Nato itself will only offer non-lethal aid because its members do not want the alliance to enter into fully fledged war with Russia. Arms supplies are instead made by member states.

Nato maintains eight battle groups across eastern Europe, aimed at acting as an initial frontline defence in the event of a Russian invasion. Four are in the Baltic states and Poland, and these were supplemented by the creation of four more in Bulgaria, Hungary, Romania and Slovakia after the attack on Ukraine.

Germany said this month it would contribute a brigade of troops to defend Lithuania, where the country leads a 1,000-member battle group, although it emerged that the bulk of the extra 3,500 Berlin intends to contribute would be based on its own soil, ready to move farther east if needed.

Stoltenberg said he expected other Nato members to make similar announcements to defend the countries for which they are responsible. Extra troop numbers would be made up by “pre-assigned forces in their home country” who would regularly exercise in the countries to which they had been linked, he added.

Britain contributes about 1,700 troops to a multinational battle group it leads in Estonia. The defence secretary, Ben Wallace, said nearly a fortnight ago that it was highly likely the UK would assign hundreds more troops in support of Estonia.

But Stoltenberg said there would not be a one-size-fits-all model, suggesting that not every battle group would be increased to the size of a full brigade. Canada leads the battle group in Latvia, where it contributes 700 troops, while the US is responsible for Poland.

Nato released figures showing that defence spending among its 30 members was expected to increase by 1.2% in real terms in 2022, the slowest growth rate in eight successive years of growth.

Nine countries are projected to exceed the 2% of GDP target, led by Greece on 3.76% and the US on 3.47% with Britain sixth on 2.12%, down marginally on the two previous years. France spends 1.9% and Germany 1.44%.


di  per "theguardian.com"

Il gruppo bancario svizzero Credit Suisse è stato condannato oggi da un tribunale elvetico per non aver impedito il riciclaggio di denaro da parte di un trafficante di cocaina bulgaro............

 


Il gruppo bancario svizzero Credit Suisse è stato condannato oggi da un tribunale elvetico per non aver impedito il riciclaggio di denaro da parte di un trafficante di cocaina bulgaro. La banca, la più importante del paese insieme alla concorrente Ubs, rischia ora una multa di 2 milioni di franchi svizzeri (poco meno di 2 milioni di euro) e dovrà pagare 19 milioni di risarcimenti. Sono piccole cifre per un colosso del credito ma la condanna ha un alto valore simbolico, è la prima di questo genere emessa da un tribunale svizzero e fissa un precedente importante. L’istituto ha detto che presenterà ricorso contro la decisione. Credit Suisse si era difesa che i fatti contestati risalgono a 14 anni fa, ossia quando gli standard di vigilanza richiesti agli istituti bancari erano meno stringenti.

Tuttavia la legge legge svizzera prevede che i pubblici ministeri possano procedere penalmente contro le banche se ritengono che non abbiano fatto abbastanza per controllare i clienti ed eventuali collegamenti del denaro che depositano con attività illecite. Nel caso specifico Credit Suisse ha accettato versamenti cash da oltre 500mila euro per volta, secondo l’atto d’accusa di 515 pagine. Il principale imputato della vicenda è un uomo bulgaro condannato a 20 anni di reclusione per traffico di droga. L’uomo aveva mosso decine di tonnellate di cocaina in Europa tra il 2002 e il 2012 utilizzando aerei, navi e corrieri disposti a ingoiare palline di plastica contenenti cocaina.


da "ilfattoquotidiano.it"

domenica 26 giugno 2022

Nuovi aumenti in vista nel terzo trimestre dell’anno per le bollette di luce e gas.Secondo le stime di Nomisma energia, le prime dovrebbero aumentare dal primo luglio del 17% e le seconde di ben il 27%. .............

 


Nuovi aumenti in vista nel terzo trimestre dell’anno per le bollette di luce e gas.Secondo le stime di Nomisma energia, le prime dovrebbero aumentare dal primo luglio del 17% e le seconde di ben il 27%. “I prezzi di gas e elettricità sui mercati internazionali sono esplosi dopo la decisione della Russia del 16 giugno scorso di tagliare le forniture alla Germania e all’Italia. – spiega il presidente Davide Tabarelli – Inevitabilmente, ci si attende un forte rialzo sulle bollette, diversamente da quanto accaduto ad aprile quando avevano segnato un -10%. Ora si torna sul trend di crescita”.

“Si tratterà di un aumento importante”, prosegue Tabarelli, e le prime stime, in attesa delle decisioni dell’Arera (L’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente), indicano un balzo della bolletta elettrica del 17% a 48,5 centesimi a kWh che, per la famiglia tipo che consuma 2.700 kWh all’anno, implica una maggiore spesa, su base annuale, di 194,4 euro. Più amara è la bolletta del gas, la cui tariffa dovrebbe rimbalzare del 27% a 1,57 euro per metro cubo, con una maggiore spesa della famiglia tipo, che consuma 1.400 metri cubi l’anno, di 462 euro su base annua. Dinamiche tariffarie che stanno colpendo duramente molte famiglie italiane costrette a cambiare abitudini e risparmiare su altre spese, come emerge dalle tante testimonianze ricevute da Ilfattoquotidiano.it.

“La decisione finale spetta all’Arera che certamente – aggiunge Tabarelli – tenterà qualche intervento, con l’aiuto del governo, per limitare l’impatto della crisi sulla spesa dell’energia delle famiglie”. Il prezzo del gas è attualmente di 129 euro al Megawatt/ora, il quadruplo rispetto ad un anno fa. Il petrolio regista invece negli ultimi 12 mesi un rincaro del 50% nonostante i cali registrati nelle ultime settimane. Il valore del greggio rimane di circa il 10% al di sopra dei valori che si registravano prima dell’invasione dell’Ucraina.


da "ilfattoquotidiano.it"

Le nazioni del G7 annunceranno il divieto di importazione dell'oro russo, afferma Biden. Il presidente degli Stati Uniti ha anche affermato che Washington "ha imposto costi senza precedenti" alla Russia per il conflitto in Ucraina

 


© Yuri Mikhailenko/TASS


GARMISCH-PARTENKIRCHEN /Germania/, 26 giugno. /TASS/. Il Gruppo G7 delle nazioni sviluppate annuncerà un divieto alle importazioni di oro russo in sanzioni più ampie a Mosca per il conflitto in Ucraina, ha affermato domenica il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

"Insieme, il G7 annuncerà che vieteremo l'importazione di oro russo, un'importante esportazione che incassa decine di miliardi di dollari per la Russia", ha scritto Biden su Twitter.

Il presidente degli Stati Uniti ha anche affermato che Washington "ha imposto costi senza precedenti" alla Russia per il conflitto in Ucraina.

L'agenzia di stampa Reuters ha riferito in precedenza domenica, citando un anonimo funzionario dell'amministrazione statunitense, che il G7 avrebbe annunciato il divieto delle importazioni di oro russo il 28 giugno.

Il 24 febbraio il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che, in risposta a una richiesta di assistenza da parte dei capi delle repubbliche del Donbass, aveva deciso di effettuare un'operazione militare speciale in Ucraina. Il leader russo ha sottolineato che Mosca non aveva in programma di occupare i territori ucraini, rilevando che l'operazione era finalizzata alla denazificazione e smilitarizzazione dell'Ucraina.


traduzione articolo da "tass.com"

Ukrainian Foreign Minister Dmytro Kuleba said G7 countries must respond to new missile attacks against Ukraine by imposing further sanctions on Russia and providing it with more heavy weapons...........

 Ukrainian Foreign Minister Dmytro Kuleba said G7 countries must respond to new missile attacks against Ukraine by imposing further sanctions on Russia and providing it with more heavy weapons.

“This 7 y.o. Ukrainian kid was sleeping peacefully in Kyiv until a Russian cruise missile blasted her home. Many more around Ukraine are under strikes. G7 summit must respond with more sanctions on Russia and more heavy arms for Ukraine,” Kuleba said on Twitter.