yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei

giovedì 22 settembre 2022

The wife of murdered Saudi journalist Jamal Khashoggi is preparing a lawsuit in the US against the spyware maker NSO Group, claiming she was targeted with the Israeli company’s Pegasus software.........

 

Jamal Khashoggi, pictured here in 2014, ‘was a peaceful man’, said his wife, Hanan Elatr.
Jamal Khashoggi, pictured here in 2014, ‘was a peaceful man’, said his wife, Hanan Elatr. Photograph: Hasan Jamali/AP

The wife of murdered Saudi journalist Jamal Khashoggi is preparing a lawsuit in the US against the spyware maker NSO Group, claiming she was targeted with the Israeli company’s Pegasus software.

Hanan Elatr, 52, is also planning to sue the governments of Saudi Arabia and the United Arab Emirates (UAE) for their involvement in the alleged attempts to install the software on her mobile phone.

She is receiving support for her attempts to gather evidence for the cases from Agnès Callamard, the former UN official who investigated the murder in her role as special rapporteur for extrajudicial killings.

Elatr, who is in the US where she has applied for political asylum, is seeking to retrieve two mobile phones, an iPad and a laptop belonging to her husband that are believed to be in the possession of the Turkish authorities to help with her case.

She said: “It is important to make everyone involved in this horrible crime accountable. My husband was a peaceful man. I believe in American justice.”

Khashoggi, a columnist for the Washington Post, was killed and dismembered at the Saudi consulate in Istanbul in October 2018.

US intelligence agencies concluded that the killing was approved by the Saudi crown prince, Mohammed bin Salman, which he denied, describing it as a “heinous crime” and a “mistake … committed by officials working for the Saudi government”. The Saudi government has prosecuted 11 men for carrying out the killing and sentenced five of them to death, though the death sentences were later overturned.

Last year evidence emerged that suggested that a client of NSO had targeted Elatr several months before her husband’s death, between November 2017 and April 2018.

The Pegasus software can transform a phone into a surveillance device, with microphones and cameras activated without a user knowing.

A forensic examination of Elatr’s Android phone in 2021 found that she had been sent four text messages containing malicious links connected to Pegasus, although successful installation was not proven by the analysis.

Activity on Elatr’s confiscated phone during a period when she was in the custody of UAE intelligence services after being arrested in Dubai airport in April 2018 further suggests that an attempt was made to install the software at that time.

A spokesman for NSO rejected the allegations made by Elatr. He said: “NSO has repeatedly stated that our technology was not associated in any way with the murder of Jamal Khashoggi or any of his family members, including Hanan Elatr.”

Elatr said she was determined to use the US courts to get full disclosure about who was potentially spying on her husband and those closest to him in the period before his murder.

As she builds her legal case, Elatr is seeking the mobile phones and other devices belonging to her husband and in Istanbul at the time of his death, which she believes are held by the Turkish authorities.

An attempt by Randa Fahmy, legal counsel to Elatr, to secure the devices from the Turkish embassy in Washington failed last year, with officials insisting that she would need to make a legal application in Turkey.

Pressure is, however, being put on the White House to intervene following the decision by a Turkish court to suspend a trial in absentia of 26 Saudis accused of the killing, ahead of it being transferred to Saudi Arabia.

Callamard said in a statement that she had been blocked in the past from retrieving the phones.

She said: “As UN special rapporteur investigating the Saudi state murder of Jamal Khashoggi, I was aware from the very first days that the Turkish authorities were holding Jamal’s phones and his computer as part of their investigation.

“From the very beginning of my investigation, in my meetings with the prosecutor, I asked whether they had investigated whether the phones or computers had been hacked but never got any reply except that it was ‘ongoing’.

“On my last meeting with the prosecutor, I suggested that maybe other experts, such as within the FBI, should be brought in given how difficult it is to trace and identify spywares such as Pegasus. But they refused or resisted the proposal.

“I was hoping that during the trial in Turkey, the prosecutor will reveal information they had collected on Jamal’s phones or computer. But as we know this sadly did not happen and the trial in Turkey has now been brought to an abrupt end. Without justice delivered.”

Callamard, who is now the secretary general of Amnesty International, added: “I have been informed of the efforts of Hanan Elatr Khashoggi to secure these items from the Turkish authorities. I certainly support such efforts.

“The Turkish government has been clear that it does not intend to proceed with the investigation and the trial. It should therefore hand over any evidence still in its hands to those which are truly and authentically determined to reveal the truth about Jamal’s killing.

“Determining whether his phones had been hacked, whether he was under digital surveillance, identifying the spywares – these are all crucial elements both for the purpose of truth telling and for understanding and preventing targeting of dissidents.”


di  per "theguardian.com"

Unicredit raggiungerà i risultati previsti dal piano industriale anche in una congiuntura economica avversa e forse recessiva, come quella che si sta delineando in Europa. Con queste parole il ceo della banca italiana, Andrea Orcel, ha riacceso gli acquisti sul titolo che nella mattinata di giovedì 22 settembre ha segnato un rialzo del 6,4%, anche grazie all'avvio del nuovo programma di buy back........

 


Unicredit raggiungerà i risultati previsti dal piano industriale anche in una congiuntura economica avversa e forse recessiva, come quella che si sta delineando in Europa. Con queste parole il ceo della banca italiana, Andrea Orcel, ha riacceso gli acquisti sul titolo che nella mattinata di giovedì 22 settembre ha segnato un rialzo del 6,4%, anche grazie all'avvio del nuovo programma di buy back.

Obiettivi più ambiziosi

"Se ci sarà una grave recessione siamo pronti ad affrontare ogni shock e ad avere performance migliori della media dei nostri competitor", ha spiegato Orcel nel corso della Conference organizzato da Bank of America Merrill Lynch, indicando che tutti i target "verranno raggiunti anche in caso di recessione. Siamo a buon punto sulla guidance per il 2022, indipendentemente dal contesto. La guidance sul 2023 - ha aggiunto il banchiere - sarà sostanzialmente migliorata con la presentazione dei conti del terzo trimestre".

La promessa sul dividendo

Per Orcel il rialzo dei tassi della Bce può rivelarsi un’importante boccata di ossigeno per il margine di interesse. “Ogni 100 punti di tassi in più si traducono in un miliardo in più di ricavi. Con un Cet1 di partenza al 15,7% – destinato a scendere di 32 punti base per il buyback appena varato su 200 milioni di azioni, pari a circa il 9,89% del capital – e una capacità di generare capitale per 1,5 miliardi, Unicredit ha il lusso di entrare in questa crisi “da una posizione di forza” e ha anche “riserve nello zaino per distribuzione del dividendo”. 

Il caso Russia

Il banchiere ha dato un aggiornamento anche sulla Russia, dove Unicredit è la prima banca estera. "Un'uscita affrettata dalla Russia sarebbe stata 'una reazione emotiva e anche immorale perché sarebbe stato un regalo alle persone a cui stai cercando di opporti", ha dichiarato il banchiere, ricordando le iniziative realizzate dall'istituto per limitare l'esposizione a Mosca e azzerare l'impatto di ogni scenario futuro sul capitale. "Stiamo cercando di contenere in modo ordinato quello che abbiamo in Russia ed eventualmente un'uscita, ma non deve essere un regalo", ha ribadito, sottolineando inoltre di doversi prendere cura dei 4mila dipendenti "che sono stati con noi per oltre 15 anni".


di Luca Gualtieri per "milanofinanza.it"

Seduta negativa per le borse europee, che digeriscono le decisioni di ieri sera della FED e quelle odierni di alcune importanti banche centrali in tutto il mondo. Il FOMC della banca centrale statunitense ha aumentato i tassi di 75 punti base, mettendo a segno il quinto rialzo consecutivo e il terzo di fila da tre quarti di punto percentuale.........


 

(Teleborsa) - Seduta negativa per le borse europee, che digeriscono le decisioni di ieri sera della FED e quelle odierni di alcune importanti banche centrali in tutto il mondo. Il FOMC della banca centrale statunitense ha aumentato i tassi di 75 punti base, mettendo a segno il quinto rialzo consecutivo e il terzo di fila da tre quarti di punto percentuale.

La banca centrale norvegese ha alzato il tasso di interesse di riferimento di 50 punti base al 2,25%, la banca nazionale svizzera ha aumentato il tasso di interesse di 0,75 punti percentuali allo 0,5%, mentre la Banca d'Inghilterra (BoEha alzato il proprio tasso di interesse di riferimento di 50 punti base al 2,25%.

Tutto fermo in Giappone, che conferma la politica espansiva, anche se le autorità sono intervenute per la prima volta dal 1998 sul mercato dei cambi per arrestare la caduta libera dello yen. Taglio dei tassi per la banca centrale turca, nonostante un’inflazione che ha superato l’80% e la perplessità degli osservatori internazionali.

Ad aiutare Milano sono le banche, che pesano molto all'interno del FTSE MIB, le quali beneficiano del rialzo dei tassi di interesse. Spicca UniCredit, dopo che l'amministratore delegato Andrea Orcel ha detto che la banca migliorerà significativamente la guidance 2022 nel terzo trimestre. Inoltre, ha affermato che UniCredit ha intrapreso una trasformazione industriale che le ha dato slancio commerciale, riuscirà ad assorbire nuovi prestiti deteriorati e potrebbe compensare la debolezza nelle commissioni grazie al margine di interesse.

Nessuna variazione significativa per l'Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 0,9823. L'Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,17%. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,69%.

Migliora lo spread (differenziale tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco), scendendo a +219 punti base, con il rendimento del BTP decennaleche si posiziona al 4,17%.

Tra le principali Borse europee seduta negativa per Francoforte, che scende dell'1,84%, si concentrano le vendite su Londra, che soffre un calo dell'1,08%, e sensibili perdite per Parigi, in calo dell'1,87%.

Segno meno in chiusura per il listino milanese, in una sessione caratterizzata da ampie vendite, con il FTSE MIB che accusa una discesa dell'1,07%, mentre, al contrario, giornata di guadagni per il FTSE Italia All-Share, che termina la giornata a 23.911 punti. In forte calo il FTSE Italia Mid Cap (-2,25%); come pure, pesante il FTSE Italia Star (-2,18%).

Nella Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,56 miliardi di euro, in calo di 297,9 milioni di euro, rispetto ai 1,85 miliardi della vigilia; i volumi si sono attestati a 0,51 miliardi di azioni, rispetto ai 0,62 miliardi precedenti.

Tra i best performers di Milano, in evidenza Unicredit (+5,32%), Fineco(+4,78%), BPER (+3,34%) e Saipem (+3,21%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su DiaSorin, che ha archiviato la seduta a -6,55%.

In apnea Moncler, che arretra del 5,91%.

Tonfo di Recordati, che mostra una caduta del 4,75%.

Vendite su Nexi, che registra un ribasso del 3,59%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Banca Popolare di Sondrio (+2,21%), Mfe B(+1,97%), Fincantieri (+1,33%) e Danieli (+1,08%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Caltagirone SpA, che ha archiviato la seduta a -6,70%.

Lettera su Alerion Clean Power, che registra un importante calo del 6,61%.

Scende GVS, con un ribasso del 6,03%.

Crolla Brunello Cucinelli, con una flessione del 5,85%.


da "finanza.repubblica.it"

mercoledì 21 settembre 2022

The United States military has said it killed 27 al-Shabab fighters in Somalia’s central Hiran region, where the country’s army and allied forces have launched an offensive against the group in the last month........

 


Shabab fighters - Somalia
In this 2011 file photo, hundreds of newly trained al-Shabab fighters perform military exercises in the Lafofe area, about 18km south of Mogadishu [File: Farah Abdi Warsameh/AP Photo]


The United States military has said it killed 27 al-Shabab fighters in Somalia’s central Hiran region, where the country’s army and allied forces have launched an offensive against the group in the last month.

In a statement on Wednesday, the US Africa Command (AFRICOM) said it carried out an air strike against al-Shabab fighters who were attacking Somali military forces near the town of Buulobarde on September 18.

AFRICOM said no civilians were injured in what was “the largest combined Somali and [African Union Transition Mission in Somalia, ATMIS] offensive operation in five years”.

The US has been carrying out air strikes in Somalia against al-Shabab, an armed group linked to al-Qaeda, for years.

Sunday’s strike in Buulobarde, about 200km (125 miles) north of the capital, Mogadishu, was the sixth recorded so far this year, according to the AFRICOM website.

Residents of the Hiran region say al-Shabab’s torching of houses, destruction of wells and killing of civilians, combined with demands for taxes amidst the worst drought in 40 years, has pushed locals to form paramilitary groups to fight alongside the government.

Earlier this month, al-Shabab fighters killed at least 19 civilians and destroyed trucks delivering food aid in an attack in the area.

Ali Abdulle, a community leader in the town of Beledweyne, told The Associated Press news agency by phone that al-Shabab had made life for residents so miserable they had to fight back.

“Al-Shabab has burned our villages, blown up our wells and boreholes, destroyed telecommunication towers, planted IEDs [improvised explosive devices] and murdered civilians indiscriminately,” he said. “So there is no option left except to face them.”

Al-Shabab has battled Somalia’s central government for more than a decade in its push to establish its own rule based on a strict interpretation of Islamic law.

An ATMIS spokesperson and Somalia government officials did not respond to requests for comment from the Reuters news agency about Sunday’s air strike.

ATMIS has not publicly acknowledged any role in the operation, which one local elder said had captured 10 villages from al-Shabab in recent weeks.

Rights activists have previously accused Washington of shrouding its Somalia operations in secrecy, potentially undermining accountability for incidents involving civilian deaths.

In April, US lawmakers put forward legislation to prevent civilian harm during US military operations and increase transparency around such incidents.

The bills would require the Pentagon to improve investigations into civilian deaths, establish a database for such probes and create a centre to advise the US government on “best practices for preventing, mitigating, responding to civilian harm”.

The legislation also calls for an unclassified report on how the US Department of Defense “distinguished between combatants and civilians in United States military operations in Afghanistan, Iraq, Syria, Somalia, Libya, and Yemen since 2001”.


da "aljazeera.com"

Discorso di Putin sulla mobilitazione parziale: cosa ha detto esattamente?. Il presidente Vladimir Putin ha ordinato la mobilitazione delle truppe, intensificando la cosiddetta operazione militare di Mosca in Ucraina.




Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato mercoledì una " mobilitazione parziale ", una mossa che vedrà 300.000 cittadini russi nelle riserve militari chiamati a prestare servizio in Ucraina.

Lo sviluppo ha segnato una significativa escalation della guerra della Russia contro l'Ucraina ed è arrivato appena un giorno dopo una serie di mosse coordinate verso referendum di annessione nelle aree ucraine occupate dalla Russia.

Putin ha parlato in russo nel discorso televisivo. Le citazioni seguenti sono state tradotte in inglese.

Mobilitazione parziale

“In una situazione del genere, ritengo necessario prendere la seguente decisione, che è del tutto adeguata alle minacce che dobbiamo affrontare. Vale a dire, al fine di proteggere la nostra madrepatria, la sua sovranità e integrità territoriale, e per garantire la sicurezza del nostro popolo e del popolo nei territori liberati, ritengo necessario sostenere la proposta del Ministero della Difesa e dello Stato Maggiore Generale di condurre una parziale mobilitazione nella Federazione Russa”.

“Stiamo parlando di mobilitazione parziale. Cioè, solo i cittadini che sono attualmente nelle riserve e, soprattutto, coloro che hanno prestato servizio nelle forze armate, hanno capacità militari e relativa esperienza. Solo loro saranno soggetti a coscrizione.

Combattere l'Occidente

"Oggi le nostre forze armate stanno operando su una linea del fronte che supera i 1.000 km, opponendosi non solo alle formazioni neonaziste ma all'intera macchina militare dell'Occidente collettivo".

“La NATO sta conducendo ricognizioni nel sud della Russia. Washington, Londra e Bruxelles stanno spingendo direttamente Kiev a spostare l'azione militare nel nostro Paese. Dicono apertamente che la Russia dovrebbe essere sconfitta sul campo di battaglia con ogni mezzo".

Armi nucleari

“È stato utilizzato anche il ricatto nucleare. Non si tratta solo del bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhzhia – incoraggiato dall'Occidente – che minaccia di provocare una catastrofe nucleare, ma anche delle dichiarazioni di alti rappresentanti dei paesi della NATO sulla possibilità e l'ammissibilità dell'uso di armi di distruzione di massa contro la Russia: armi nucleari.

“Vorrei ricordare a coloro che fanno tali affermazioni sulla Russia che il nostro paese possiede anche vari mezzi di distruzione e, in alcuni casi, sono più moderni di quelli dei paesi della NATO. Quando l'integrità territoriale del nostro paese sarà minacciata, ovviamente useremo tutti i mezzi a nostra disposizione per proteggere la Russia e il nostro popolo.

“Questo non è un bluff. E coloro che cercano di ricattarci con armi nucleari dovrebbero sapere che la banderuola può girarsi e puntare verso di loro".

"I cittadini della Russia possono essere convinti che la nostra indipendenza e libertà territoriale saranno garantite, e lo sottolineo ancora una volta, con tutti i mezzi che abbiamo a nostra disposizione".

Referendum

“I parlamenti delle Repubbliche popolari del Donbas e le amministrazioni civili-militari nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhia hanno deciso di indire referendum sul futuro dei territori e si sono appellati alla Russia affinché sostenga tale passo. Faremo di tutto per garantire condizioni sicure per lo svolgimento dei referendum in modo che le persone possano esprimere la propria volontà.

"Sosterremo la decisione sul loro futuro, che sarà presa dalla maggior parte dei residenti nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, Zaporizhzhia e Kherson".

Occidente che cerca di "distruggere" la Russia

“Nella sua politica antirussa aggressiva, l'Occidente ha superato ogni limite. Sentiamo costantemente minacce contro il nostro Paese e la nostra gente”.

“Lo scopo di questo Occidente è indebolire, dividere e infine distruggere il nostro Paese. Stanno già dicendo che nel 1991 sono stati in grado di smantellare l'Unione Sovietica, e ora è giunto il momento per la Russia stessa di disintegrarsi. E lo stanno pianificando da molto tempo”.

“L'Occidente non è interessato a una soluzione pacifica e a compromessi; vogliono solo interrompere tutte le trattative".


traduzione articolo da "aljazeera.com"